Società

di Alessandra Trigila

Punti di forza e di debolezza della scuola italiana oggi

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Desidero avviare questo mio contributo, centrato sulla scuola, trascrivendo alcune frasi tratte dal Codice di Camaldoli, nel quale leggiamo che “Non avendo la famiglia i mezzi per realizzare integralmente l’istruzione e l’educazione dei figli essa fa ricorso alla scuola, la quale, da chiunque sia istituita, resta sempre un’ausiliare della famiglia e non ha un potere originario, ma delegato dalla famiglia stessa, che aiuta, integra e supplisce. E ancora che “Essendo la famiglia direttamente responsabile dell’educazione dei figli, essa può e deve sorvegliare e controllare la scuola, sia quella privata sia quella pubblica”. In queste parole c’è tutto quanto serve per promuovere una profonda riflessione sulla libertà educativa e sulla libertà d’insegnamento, riflessione che spero venga accolta, meditata e arricchita.

Il programma del Popolo Della Famiglia prevede già una serie di punti, che riguardano la scuola: il primo è il contrasto all’ideologia gender in qualsiasi forma venga introdotta nei programmi scolastici; di seguito c’è la reale parificazione delle scuole non statali con applicazione del costo standard e dei buoni scuola; poi troviamo la rivalutazione economica e professionale degli insegnanti, in particolare quelli di sostegno e infine la reintroduzione dell’educazione civica negli istituti medi superiori. Propongo di articolare maggiormente la proposta, con ulteriori punti tra i tanti che meritano un approfondimento.

Uno di essi riguarda la gestione dei sistemi di chiamata e di trasferimento del personale scolastico e le modalità di formazione delle graduatorie. Con la legge 15 luglio 2015 n. 107, denominata “La buona scuola”, la mobilità del personale scolastico docente e non docente è soggetta a meccanismi, per i quali i dipendenti spesso devono trasferirsi in città lontane dal luogo di residenza, determinando così la separazione di nuclei familiari e il conseguente aumento delle spese logistiche. Questi provvedimenti non contribuiscono a stabilizzare la continuità di insegnamento nelle classi né a creare intesa e condivisione di intenti tra chi a diverso titolo lavora in ciascuna istituzione scolastica. Ora torniamo per un momento al 1974 quando, l’allora ministro dell’istruzione Franco Maria Malfatti firmò i decreti delegati, figli della legge delega 30 luglio 1973 n.477. Fu così che la scuola si aprì come si diceva in quegli anni “al sociale”. Non desidero in questa sede avviare una critica a quanto quarantacinque anni fa venne considerato come un cambiamento ineludibile, tuttavia penso che all’interno della scuola alcuni organi collegiali abbiano perduto significato e sostanza, mentre il cosiddetto territorio con la sua pletora di esperti sia diventata una presenza che spesso frammenta e disperde l’attività didattica in troppi e diversi progetti. Negli ultimi anni l’educazione di genere, il cosiddetto gender, ha fatto irruzione nella scuola proprio attraverso progetti pensati e proposti da associazioni presenti sul territorio e direttamente o indirettamente legate al mondo LGBT. Riterrei utile quindi una rilettura dei decreti delegati e quindi dei rapporti che intercorrono tra famiglia, scuola e territorio. In tempi più recenti, con la legge 28 marzo 2003 n.53, firmata dal ministro Letizia Moratti è stata introdotta nell’ordinamento scolastico l’alternanza scuola-lavoro, poi ripresa e valorizzata in successive norme, compresa La buona scuola. Il fine ideale di questo percorso formativo, che consiste nel calare l’esperienza scolastica nella concretezza dell’attività lavorativa, può anche essere condiviso, se strettamente legato alla specificità della scuola frequentata. Spesso ciò non accade e di fatto è possibile che tutto si riduca ad una sostanziale perdita di tempo, per lo studente e per l’azienda che lo accoglie. Inoltre, lo stage può svolgersi anche all’interno del variegato mondo associazionistico del terzo settore, eventualità che evidentemente aumenta il rischio di rendere l’esperienza dispersiva, mancando gli obiettivi prefissati.

Un altro punto dolente della scuola riguarda gli istituti professionali. Ritengo che andrebbero intesi non più e non solo come ripiego per gli studenti scadenti, ma come luogo di specializzazione professionale che valorizzi i molteplici aspetti attraverso i quali l’intelligenza si manifesta. Sono molte le persone che danno il meglio di sé attraverso il movimento e l’attività manuale: pensiamo ai danzatori, ai chirurghi, a tutti gli artigiani. Pensando al costante assottigliarsi di quest’ultima categoria di lavoratori, ritengo indispensabile la necessità di ricollegare le giovani generazioni alle filiere dei diversi cicli produttivi. Infine, vorrei rimarcare l’importanza del liceo classico come luogo di selezione e alta formazione inteso, oggi più che mai, come luogo di resistenza all’imbarbarimento culturale che avanza. Concludo, per il momento, affermando che la scuola, essendo un’istituzione destinata all’istruzione e all’educazione dei giovani, non può rispondere a logiche aziendali, dalle quali negli ultimi anni ha mutuato il linguaggio. Pensiamo a parole quali: debito, credito, competenze, produttività, indicatori; sono termini questi adatti ad un consiglio di amministrazione, ma non alla scuola, che non può e non deve individuare in argomentazioni e concetti ispirati dall’utile e dal profitto la sua ragione di essere.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

28/09/2018
2307/2019
Santa Brigida

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Esiste il gender? A Bologna sì

Istituto comprensivo Salvo d’Acquisto, Gaggio Montano, provincia di Bologna: ecco cosa succede da giugno a proposito di un “progetto didattico” che sembra voler erotizzare fortemente i ragazzi in età prepuberale. In un clima surreale in cui da un lato si nega che esista un nugolo di “gender studies” assimilabili sotto l’etichetta di “pensiero gender” e dall’altra si cerca ossessivamente di farli entrare in ogni interstizio della società, partiamo dai fatti per capire come stanno le cose

Leggi tutto

Storie

Un trans non può fare la tata

Non si può affidare la crescita di un bambino di pochi mesi a un trans. Dalla email si capisce che la transizione da un sesso all’altro non si è compiuta, l’Inps ha ancora tutti i documenti al maschile, quindi Alessandro è a tutti gli effetti Alessandro anche se “si sente” Alessandra. Siamo davanti dunque ad una persona che non si accetta per come è, che in questo percorso di transizione deve affrontare prove psicologiche e fisiche molto pesanti con l’assunzione continua di farmaci, che dal punto di vista fisico sostiene un iter di trasformazione molto doloroso e che fa tendere all’instabilità emotiva. Un bambino di pochi mesi può essere affidato a chiunque tranne che a persone con queste caratteristiche di instabilità. L’approdo alla diversa sessualità riconosciuta, quello che porterebbe il soggetto in questione ad avere i documenti in regola con il nome Alessandra, passa poi attraverso fasi di demolizione dei genitali maschili e di costruzione di forme genitali all’apparenza femminili che sono mediamente faticosissime da molti punti di vista, sia fisici che psicologici. Il ricorso al consumo di forti quantità di alcool e di droghe per ovviare all’inevitabile disturbo di personalità che accompagna ogni evoluzione dalla disforia di genere accertata all’approdo ad una diversa conformazione dei propri genitali, è comprovato in tutti i testi scientifici, così come la più alta propensione al suicidio dei transessuali rispetto alle altre persone.

Leggi tutto

Storie

La storia di Francesca testimone del bello e del bene del mondo

Oggi, sono un’insegnante da 26 anni e mai neanche un giorno ho pensato che avrei potuto scegliere un’altra strada. Perché insegnare è la mia vita, non è il mio lavoro. Lo dico a tutte le persone che, in assenza d’altro o come ripiego, cercano di entrare nel mondo della scuola, magari attratti scioccamente dalle vacanze estive. Insegnare non è un lavoro, è una vocazione, è una missione. Lo devi desiderare fin dal profondo delle tue viscere. Devi sentire che ti scorre nel sangue. Devi imparare ad attingere forza ed energie da un sorriso, da un abbraccio o da un disegno di te che occupa tutto il foglio per dirti quanto sei importante. Da un 《ti voglio bene maestra… 》. Devi imparare a ricaricarti nelle piccole cose perché per il resto del tempo è un darti, darti, darti e ancora darti. E allora quei mesi di vacanza sono come la prescrizione medica dei giorni che necessiti per ritornare a darti.

Leggi tutto

Società

VEGETALI TERMINABILI, ADESSO NEL REGNO UNITO I MEDICI SARANNO ANCHE GIUDICI

Lady Black, della Corte Suprema dell’UK, ha decretato che non sarà più necessario rivolgersi alla Corte di Protezione per togliere cibo e acqua ai malati

Leggi tutto

Storie

Ritrovarsi dopo aver perso un bambino

Uno dei più grossi problemi che le coppie si trovano a gestire in caso di morte di un figlio è l’afflusso di parole inutili.

Leggi tutto

Storie

Vita e conversione, figli ed educazione: intervista a tuttotondo con Francesca Centofanti

Moglie, madre, educatrice per vocazione e per mestiere (è insegnante di scuola primaria), l’attivista romana intesse un denso dialogo con l’omologa viareggina: i segni dei tempi e quelli del tempo, la scuola e lo stato sono al centro di questa conversazione che è al contempo intima e aperta.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano