Politica

di Mario Adinolfi

DEF: provare a leggere i numeri

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Dopo tante chiacchiere abbiamo finalmente i numeri della nota aggiuntiva al Def e allora posso scrivere qualcosa di approfondito, che non sia propagandistico. In una intervista mi è stato chiesto che voto assegno a questo governo rispetto a quelli precedenti. Ho spiegato che devo affibbiare insufficienze secche. Per quelli di centrosinistra non c’è bisogno che ripeta niente, la spiegazione l’hanno data gli elettori schiantando il Partito democratico: sono stati governi che hanno rappresentato interessi antipopolari. Il governo gialloverde ha un dato di merito: Di Maio e Salvini hanno mantenuto alcune promesse della campagna elettorale, quelle più evidenti. Il problema è che in campagna elettorale si sono presentati come forze radicalmente alternative, una di destra e l’altra di sinistra. Adesso, davanti ai soldi, hanno sommato le loro demagogie in una pericolosa azione sincronizzata anziché competitiva. Risultato? Il doppio dei soldi da spendere, ovviamente in deficit. Ecco perché l’impegno dello 0.8 nel rapporto deficit-Pil è diventato uno sforamento al 2.4%. In una campagna elettorale normale la sinistra propone qualcosa ai ceti meno abbienti, la destra punta a premiare i ceti produttivi. Nel governo gialloverde ora tocca pagare le cambiali elettorali assunte sia dalla destra che dalla sinistra, perché governano insieme.

Salvini, che si è preso la scena e i voti nei sondaggi cavalcando la questione immigrazione, ha consentito all’avversario di prevalere nella tabella dei costi, quasi a voler risarcire Di Maio. Se per la flat tax ci sono due miliardi e per assumere agenti delle forze dell’ordine un miliardo, sul reddito di cittadinanza il M5S ha fatto la parte del leone, ottenendo 10 miliardi di euro, 9 se si toglie il miliardo destinato a riformare i centri per l’impiego. La mia mania per i conti mi fa dire che con 9 miliardi di euro si possono dare 780 euro al mese (9.360 euro l’anno) nel 2019 solo a 961.000 italiani. Secondo Di Maio la platea da coprire è di sei milioni di persone, vedremo come farà. Di certo il M5S ha preso undici milioni di voti, la maggioranza al Sud, inventandosi questa promessa elettorale che ora mantiene nel Def. Con la minima dei pensionati portata a 780 euro anch’essa e l’abbattimento della Fornero che mi consentirà di andare in pensione a 59 anni con 41 anni di contributi, in vista delle elezioni del 26 maggio i voti necessari sono stati tutti comprati con un trasferimento secco di ricchezza dai lavoratori che pagano le tasse a una vasta area di lavoratori a nero soprattutto meridionali. Il tutto pagato cercando risorse attraverso un condono fiscale (parola finalmente usata con sincerità dal ministro Savona) che è un premio agli evasori.

Se mi faccio due conti dovrei gioire e manco poco. Posso andare in pensione tra appena undici anni e mia figlia ventiduenne prenderà 780 euro al mese dallo Stato, in più sulla sua partita Iva grazie alla flat tax Silvia risparmierà migliaia di euro di tasse. Di che ti lamenti, Adinolfi? Mi lamento perché di figlie ne ho tre, una sta per nascere. Conosco bene i meccanismi della politica economica e so che la cicala canta una sola estate e mai c’è stato un tempo più da formiche di questo.

Il 10 ottobre verrà presentato a Palazzo Chigi un rapporto che abbiamo anticipato in prima pagina su La Croce, come sempre isolati anche nel mondo dell’informazione. Questo rapporto sostiene che nel 2050, quando dunque compirò 79 anni, l’Italia avrà perduto il 17% della sua popolazione. In un trentennio accadrà quello che non accadde nel trentennio che va dal 1915 al 1945, quando l’Italia attraversata da due guerre mondiali violentissime e catastrofiche durate un decennio perse meno del 10% della sua popolazione. Quello che non fecero i due peggiori eventi bellici della storia, è riuscito invece ai latori di politiche antifamiliste, abortiste, contro la famiglia e la natalità. Non si comprende che questa tragedia è letale: sarò ben felice di andare in pensione a 59 anni grazie a questo allegro governo, ma se perdiamo il 17% della popolazione nel prossimo trentennio è materialmente impossibile che ci siano le risorse per pagare la pensione a me e altri venti milioni di vecchi nel 2050. Impossibile perché non ci saranno i giovani lavoratori che fino ad oggi hanno retto il sistema.

C’è chi dice che il nostro occuparci di natalità e famiglia sia occuparci di temi marginali che non hanno a che fare con la vita della gente, con le urgenze di chi ha di meno. Tutto il contrario. Se i 22 mlliardi di euro fossero stati spesi sul reddito di maternità e dunque sulla nascita di famiglie e bambini, l’onere sarebbe stato coperto per dieci anni, comodamente. La proposta del Popolo della Famiglia innescherebbe un volano di crescita positiva che avrebbe creato ricchezza e prodotto effetti anche ben oltre il 26 maggio 2019. Ma poiché per M5S e Lega l’unico elemento di interesse sono le elezioni europee, su vita e famiglia non c’è assolutamente nulla. Avete notato che tutti rivendicano qualcosa tranne il povero ministro della Famiglia, Lorenzo Fontana? A lui non hanno lasciato nulla, forse si ritroverà a dover sbandierare le cose che gli hanno lasciato in eredità i precedenti governi, qualche bonus e qualche mancia. Di politiche strutturali a favore della famiglia, neanche l’ombra. Solo le chiacchiere in campagna elettorale e qualche riga sterile nel contratto di governo. Il bello è che alcuni pro-family sono andati da Salvini pure a congratularsi, abituati ad inginocchiarsi davanti al ministro dell’Interno chiunque sia, Angelino o Matteo è lo stesso, a loro basta essere gratificati da una pacca sulla spalla.

Noi del Popolo della Famiglia a Salvini lo abbiamo detto direttamente: servono reddito di maternità e quoziente familiare, serve investimento nell’impresa familiare e politiche che scoraggino l’aborto. L’Italia riparte se riparte la famiglia e se tornano a nascere i figli. Altrimenti siamo morti. Non vorrei che il baratto fosse tra la possibilità di andare in pensione a 59 anni e la “nuova libertà” dell’eutanasia o del suicidio assistito quando il sistema sarà incapace di pagare pensioni così generosamente elargite. Sempre meno nati, tanti morti ed eccoci nell’Italia terra desolata che non voglio lasciare alle mie figlie.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

06/10/2018
0406/2020
San Francesco Caracciolo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Silvana De Mari entra nel vivo del processo

Nella scorsa udienza al processo intentato alla nota scrittrice (nonché medico) si è entrati nel vivo della fase dibattimentale: il giudice per le indagini preliminari non aveva infatti accolto la richiesta della Procura di archiviare il caso. La sezione regionale del Popolo della Famiglia ha manifestato supporto alla dottoressa sia manifestando all’esterno sia presenziando all’interno

Leggi tutto

Società

Il dramma dell’aborto

li aborti nel terzo trimestre negli Stati Uniti sono una percentuale irrisoria rispetto alla totalità di quelli rilevati. La più recente indagine federale del Centers for Diseases Control and Prevention, (Abortion Surveillance 2015) ha registrato 640mila aborti nell’anno dagli stati che li hanno comunicati. Tuttavia, diversi stati non comunicano i dati relativi agli aborti procurati: secondo l’Istituto Guttmacher (precedente, istituto di ricerca per Planned Parenthood), la stima in tutta la nazione si aggirerebbe attorno al milione. Di quelli riportati nell’indagine del CDC per i 2/3 (430mila) è nota la settimana di gestazione, di questi solo 1,3% praticato dopo le 21 settimane. Applicando la stessa percentuale sul totale si ottengono circa 8400 aborti dopo le 21 settimane, un numero che prevedibilmente scende di molto se si contabilizzassero quelli dalle 25 o dalle 27 settimane, cioè propriamente gli aborti late-term, nell’ultimo trimestre effettivo.

Leggi tutto

Società

La povera famiglia italiana

I dati Istat certificano che le famiglie sono sempre più lasciate sole, in Italia e in Europa: una su quattro vive un forte disagio economico

Leggi tutto

Storie

La pantomima di Severino Antinori

Il ginecologo sospeso dall’esercizio della professione medica, Severino Antinori, arrestato per aver espiantato con violenza ovuli da una ventiquattrenne spagnola dopo averla immobilizzata e sedata contro la sua volontà oltre che per essersi fregato ventottomila euro da una coppia a cui aveva promesso un figlio tramite le sue discusse procedure, sta tentando di trasformare in un bizzarro show il suo processo in corso davanti al tribunale di Milano.

Leggi tutto

Chiesa

Perchè la Chiesa tace ?

Serve che si capisca la straordinarietà di questo tempo, la rapidità dei tempi con cui tutto questo sta accadendo. Serve chi sappia organizzare una risposta netta e su ampia scala. Serve erigere una diga altrimenti saremo travolti senza neanche accorgercene e i deboli resteranno senza difesa alcuna e noi che sappiamo senza giustificazione alcuna. Ora serve fare, rispondere, combattere, spiegare. Serve non temere di poter essere irritanti. Ora l’essere accomodanti proprio non basta più.
Ora serve essere, e fino in fondo, cristiani.

Leggi tutto

Società

Ospedali, quale destino nell’era postcristiana

La mutazione degli ospedali da luoghi di cura e di sostegno al malato in spazi fisici in cui si uccide la speranza è solo l’ultimo atto di una cultura che ha totalmente dimenticato le proprie radici cristiane. L’impressione è che l’operato dei medici britannici sia, in fondo, considerato legittimo da molti altri loro colleghi nel mondo. Al loro posto, in tanti avrebbero fatto lo stesso. Ci fa piacere che si siano mossi il Bambin Gesù di Roma e il Presbyterian Hospital di New York, ma è davvero triste costatare che non c’è stata una gara tra gli altri ospedali ad accogliere Charlie. Il caso è certo difficile, ma una risposta compatta delle strutture ospedaliere mondiali avrebbe forse fatto traballare ulteriormente i convincimenti dei medici del Gosh. Eppure, gli ospedali sono nati per alleviare le sofferenze. San Camillo de Lellis, di cui oggi facciamo memoria liturgica, fondò un Ordine religioso appositamente per aiutare gli ammalati. Volle che i suoi confratelli – come fece egli stesso – servissero i sofferenti «con quella carità e amorevolezza che sono solite avere le madri verso i propri figli infermi». Il fondatore dei Camilliani ha indicato dunque una precisa figura, la madre, come esempio per aiutare chi soffre: Connie che, senza alzare la voce, “grida” il suo amore e la sua speranza per il figlio, che gli resta accanto osservando ogni piccolo mutamento, è quel modello che chiunque sia avvicina ad un ammalato per curarlo dovrebbe coltivare dentro di sé, sperando di esserne sempre più degno. Ancora, Camillo de Lellis sentiva il cuore spezzarsi ogni volta che non poteva portare il soccorso che avrebbe voluto. È questo il sentire che ci rimandano oggi molte figure di medici? Camillo de Lellis – come l’altro grande sostegno degli ammalati, Giovanni di Dio, che voleva per gli infermi che assisteva condizioni igieniche migliori e cure specifiche – ci ha testimoniato che curare chi è sofferente è un compito altissimo da assolvere senza cercare la via più semplice. Grazie a lui, a Giovanni di Dio e ad altri cristiani, gli ospedali sono diventati nei secoli quei luoghi di speranza e di cura a cui fino all’altro ieri guardavano con fiducia.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2020 La Croce Quotidiano