Politica

di Emiliano Fumaneri

Verona, Roma, Vaticano: le tre giornate sull’aborto

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Tre fatti, in questi ultimi giorni, hanno agitato l’opinione pubblica. Il primo è accaduto a Verona, con la mozione presentata giovedì scorso in consiglio comunale che impegna la giunta sul piano della prevenzione degli aborti. Il secondo è avvenuto all’Università La Sapienza di Roma dove i collettivi studenteschi di sinistra, al grido di “fuori i pro-life dall’Università”, hanno aggredito i loro colleghi colpevoli di volantinare a favore della vita. Il terzo fatto, infine, ha avuto come protagonista papa Francesco, tornato a parlare di aborto nella tradizionale udienza del mercoledì: alla sua maniera, senza troppi giri di parole, con un parallelismo scioccante (almeno per i pro-choice) tra l’aborto e l’affitto di un sicario «per risolvere un problema».

Come da prassi, chiunque si permette di mettere in discussione “conquiste” consolidate come l’aborto legale si espone a un linciaggio morale (come la capogruppo piddina di Verona che ha appoggiato la mozione pro-vita) o materiale, come è accaduto agli universitari per la vita di Roma.

Queste reazioni intolleranti mostrano il vero volto dell’ideologia abortista, un viso segnato dalla violenza e dalla prevaricazione. Del resto le radici dell’abortismo, l’ideologia che legittima l’aborto sul piano teorico e pratico, risalgono al francese Donatien-Alphonse-François de Sade (1740-1814), il primo scrittore dei tempi moderni a predicare l’aborto, l’infanticidio, l’omicidio e il suicidio come manifestazioni della volontà di piacere (i «piaceri della crudeltà») e di una assoluta, “repubblicana” libertà. I passi più violenti si trovano nel pamphlet “La filosofia nel boudoir” (1795), un feroce attacco alla religione, alla moralità, ai legami famigliari e alle strutture sociali. Qui Sade esalta la sodomia, l’incesto, la lussuria, la crudeltà con toni osceni anche per il permissivismo della società di oggi.

Il passo più sistematico è forse quello in cui Sade fa iniziare la novizia Eugénie a una sessualità perversa da due “precettori immorali”, i grandi libertini Madame de Sainte-Ange e Dolmancé. È una lettura sgradevole ma alquanto istruttiva, per certi versi anche necessaria:

— Sainte-Ange: «Non pensare mai, povera pazza, che possa essere un male cercare, in ogni modo, di deviare dal suo cammino abituale il seme dell’uomo, perché la procreazione non è affatto il fine della natura, che si limita a tollerarla, e quando non ne approfittiamo le sue intenzioni sono ancora meglio assolte. Eugénie, dovrai essere la nemica giurata di questa fastidiosa riproduzione, e dovrai sempre deviare, anche da sposata, questo liquido perfido la cui vegetazione serve soltanto a deformare i nostri corpi, a smorzare in noi le sensazioni voluttuose, a farci appassire, a invecchiarci e a rovina la nostra salute; obbliga tuo marito ad abituarsi a queste deviazioni; offrigli tutte le strade che possono allontanare il suo omaggio al tuo tempio, digli che detesti i bambini, che lo implori di non farne. Rispetta questo precetto, mia cara, perché, ti avviso, odio talmente la procreazione che smetterei di esserti amica non appena tu rimanessi incinta. Se però ti accadesse questa disgrazia, senza tua colpa, informami nelle prime sette od otto settimane, e te ne libererò senza alcuna difficoltà. Non aver timore di un infanticidio: è un crimine immaginario; siamo sempre noi le padrone di ciò che portiamo in seno, e non commettiamo un male maggiore a distruggere questa specie di materia di quanto ne possiamo commettere purgando l’altra con dei medicinali, quando ne abbiamo bisogno».

— Eugénie: «Ma se il bambino fosse già al termine?».

— Sainte-Ange: «Anche se fosse già nato, saremmo sempre padrone di distruggerlo. Non esiste diritto più certo di quello delle madri sui figli… ».

— Dolmancé: «Questo diritto è scritto nella natura… è incontestabile. La stravaganza del sistema deifico è stata l’origine di tutti questi errori grossolani. Gli imbecilli credevano in Dio, convinti che solo da lui ricevessimo l’esistenza e che non appena un embrione giungesse a maturazione, subito un’animuccia emanata da Dio venisse ad animarlo, questi sciocchi, ripeto, considerarono ovviamente un crimine capitale la distruzione di questa piccola creatura perché, secondo loro, essa non apparteneva più agli uomini; era opera di Dio, apparteneva a Dio: come disporne senza commettere un delitto? Ma da quando la filosofia ha dissolto tutte queste imposture, da quando la chimera divina è finita nella polvere, da quando, grazie a una migliore conoscenza delle leggi e dei segreti della fisica, abbiamo chiarito la questione della riproduzione e questo meccanismo materiale non ci stupisce più della vegetazione di un chicco di grano, abbiamo fatto appello alla natura contro l’ignoranza degli uomini. Ampliando la portata dei nostri diritti, abbiamo finalmente riconosciuto di essere perfettamente liberi di riprenderci quello che avevamo concesso solo controvoglia o per caso e che era impossibile esigere da un individuo qualunque che divenisse padre o madre contro la sua volontà, e abbiamo anche capito che una creatura in più o in meno sulla terra non costituisce un fatto di grande importanza e che, in poche parole, eravamo noi i padroni di questo pezzo di carne, anche se provvisto di anima, così come lo siamo delle unghie che tagliamo dalle nostre dita, delle escrescenze che estirpiamo dal nostro corpo o delle digestioni che eliminiamo dall’intestino, perché tutto ciò deriva da noi, ci appartiene e siamo gli unici padroni di ciò che da noi emana. Illustrandovi, Eugénie, l’irrilevanza dell’omicidio su questa terra, avrete capito quanto conti poco ciò che attiene all’infanticidio, anche se commesso contro una creatura già in età di ragione; è quindi inutile tornare sulla questione: la vostra grande intelligenza completerà le mie argomentazioni. E la lettura della storia dei costumi di tutti i popoli della terra, mostrandovi come quest’usanza sia universale, finirà per convincervi che soltanto la stupidità può considerare un male questo modo di agire assolutamente normale».

Vi prego di notare la logica ferrea, implacabile, disumana, dal sapore di una sentenza inappellabile. È lo stesso parlare di alcuni dei personaggi più inquietanti di Dostojevskij. Come Smerdjakov, il parricida capace di argomentare con terrificante lucidità la necessità del delitto e di passare all’azione con brutale violenza.

In questo testo impressionante Sade presenta già tutti i temi classici dell’abortismo contemporaneo: l’edonismo (il piacere come criterio universale), l’utilitarismo, il materialismo, l’empietà, l’individualismo proprietario, l’imperialismo contraccettivo. È da questo terreno inquinato che germoglia, come una pianta velenosa, il diritto assoluto di disporre del proprio e dell’altrui corpo – quindi anche del concepito – in maniera dispotica («siamo sempre noi le padrone di ciò che portiamo in seno»). Il concepito è disumanizzato al punto di essere paragonato a un’unghia, a un pezzo di carne, a una cisti, persino alle feci. L’assurda teoria dell’embrione come “grumo di cellule” non è altro che una variazione su un tema sadiano: l’estrema disumanizzazione del concepito. Il rifiuto di concepire e generare non potrebbe essere più radicale.

L’utopia sessuale immaginata da Sade realizza alla perfezione la società competitiva che piace molto a un certo capitalismo: una società senza solidarietà, dominata dalla legge del più forte, nella quale la categoria dell’incontro è stata integralmente evacuata. Come in uno specchio deformante, Sade capovolge l’imperativo kantiano: l’altro è sempre un mezzo, mai un fine. Non c’è limite alla ricerca del proprio interesse, ogni mezzo è lecito, per quanto perverso possa essere.

Sade è dunque il filosofo del radicalismo pannelliano, il santo laico della società radicale, quella società dove gli argomenti abortisti risuonano sulla bocca dell’uomo della strada: la brava ragazza della porta accanto che parla come Sainte-Ange, il vecchio impiegato che sentenzia come Dolmancé, il parrocchiano devoto che conciona come la Bonino…

Gianni Baget Bozzo nel suo “Il partito cristiano, il comunismo e la società radicale” osserva acutamente che la società radicale nega ogni trascendenza e, con essa, il principio di sacralità della vita. Ciò ha delle precise conseguenze. Che il diritto del debole possa prevalere su quello del forte, ad esempio, è cosa possibile solo a patto che il forte riconosca un valore superiore a lui, un principio che lo impegna a rispettare il debole, il non nato, il deforme, il vecchio. È esattamente il principio di sacralità della vita negato in radice dalla società radicale.

L’aborto legale non è altro che la logica conseguenza della riduzione del diritto a fatto, ossia alla legge del più forte. Baget Bozzo scrive che «concepire l’aborto come un diritto civile significa stabilire che il diritto è la forza, e che colui che non è in grado di imporsi come soggetto di un rapporto è un puro oggetto di fronte al soggetto che ha il potere fisico di disporre di lui».

Pertanto «la società radicale può [...] esistere, come la società pagana, solo mediante il totale esercizio del potere dei forti, e quindi con la emarginazione di tutte le condizioni deboli». In una simile società, l’unica speranza di assistenza per i deboli «può valere solo e soltanto fino a quando la fatica di assisterli può essere economicamente vantaggiosa ai forti». Ma sui corpicini dei bimbi di poche settimane nessuna industria della solidarietà può fiorire, nessun business dell’accoglienza è possibile. I fanciullini tornano utili solo da morti, come insegna Planned Parenthood col suo immondo commercio di “materiale fetale”.

Più correttamente dovremmo parlare di antisocietà (o di anticiviltà) radicale. In altre parole il radicalismo è una fuoriuscita dallo stato di civiltà. Come ha fatto notare Josè Ortega y Gasset, il primeggiare della forza nel campo delle relazioni umane segna il ritorno alla barbarie, la quale non è altro che la volontà di annullare ogni norma e proclamare la violenza come prima ratio. Giusto al contrario, «la civiltà» — scrive Ortega — «non è altro che il tentativo di ridurre la forza a ultima ratio». La civiltà nasce dalla volontà di convivere, anche con quel radicale altro da sé che è il nemico. Ancor di più, di vivere assieme al nemico debole.

In democrazia — vertice della civiltà per Ortega — il rispetto delle minoranze è la forma suprema di questa volontà di convivere con l’opposizione. Lasciar vivere il debole richiede una estrema generosità. Solo la magnanimità può spingere il forte a limitare la propria volontà di potenza, sacrificando l’impulso che lo sprona a spingere al massimo la propria forza per schiacciare il debole.

Per questo la democrazia ha un vero e proprio culto per la legge, privilegia l’“azione indiretta” , le mediazioni istituzionali. Le figure del rispetto — il fair play, una certa formalità, la cortesia — sono sostanza della vita democratica. Sono, nell’ordine politico, l’equivalente del pudore, la virtù che definisce i limiti e, nel fare questo, assegna gli spazi vitali di ciascuno, proteggendo dalle intrusioni esterne. Il rispetto della minoranza è la condizione della convivenza civile.

Viceversa, le forze antidemocratiche si adoperano per solleticare il Masaniello che cova nelle masse. Inneggiano all’azione diretta, incitano le folle a “passare ai fatti”, a “finirla con le discussioni”, praticano la violenza verbale, gettano discredito sulle istituzioni, invitano a sospettare delle leggi. Tutti gli apologeti della forza riconoscono come unica norma la “forza dei fatti”. Ancora una volta, la legge del più forte.

Una società indifferente alle sorti dei più deboli è già in cammino verso la barbarie. Opporsi all’aborto legale perciò non significa cadere nel confessionalismo. È ben più che questo. È voler difendere la civiltà dalla ferocia di Sade.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

11/10/2018
0412/2019
S.Giovanni Damasceno

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Non sarà una Quaresima facile

Francesco invoca le lacrime: dalle coste libiche all’Ucraina fino al carcere italiano dove si suicida un detenuto nell’indifferenza, il male non ci lasci a ciglio asciutto

Leggi tutto

Società

Planned Parenthood, così il cerchio si stringe

Pare che quel David Daleiden sia veramente riuscito a scagliare un sasso fatale per il gigantesco Golia degli aborti: i sondaggi mostrano una popolazione americana inorridita davanti ai video e questo fa sì che sempre più ingenti si facciano le forze politiche interessate a recidere le risorse vitali dell’industria abortista. Giovedì pomeriggio hanno testimoniato in udienza, per più di quattro ore, un medico ex abortista, una ex dipendente di Planned Parenthood, una sostenitrice “pro choice” e una donna con tre aborti alle spalle

Leggi tutto

Politica

Un giudizio sulla legislatura

UN GIUDIZIO SULLA LEGISLATURA

Leggi tutto

Società

Ospedali, quale destino nell’era postcristiana

La mutazione degli ospedali da luoghi di cura e di sostegno al malato in spazi fisici in cui si uccide la speranza è solo l’ultimo atto di una cultura che ha totalmente dimenticato le proprie radici cristiane. L’impressione è che l’operato dei medici britannici sia, in fondo, considerato legittimo da molti altri loro colleghi nel mondo. Al loro posto, in tanti avrebbero fatto lo stesso. Ci fa piacere che si siano mossi il Bambin Gesù di Roma e il Presbyterian Hospital di New York, ma è davvero triste costatare che non c’è stata una gara tra gli altri ospedali ad accogliere Charlie. Il caso è certo difficile, ma una risposta compatta delle strutture ospedaliere mondiali avrebbe forse fatto traballare ulteriormente i convincimenti dei medici del Gosh. Eppure, gli ospedali sono nati per alleviare le sofferenze. San Camillo de Lellis, di cui oggi facciamo memoria liturgica, fondò un Ordine religioso appositamente per aiutare gli ammalati. Volle che i suoi confratelli – come fece egli stesso – servissero i sofferenti «con quella carità e amorevolezza che sono solite avere le madri verso i propri figli infermi». Il fondatore dei Camilliani ha indicato dunque una precisa figura, la madre, come esempio per aiutare chi soffre: Connie che, senza alzare la voce, “grida” il suo amore e la sua speranza per il figlio, che gli resta accanto osservando ogni piccolo mutamento, è quel modello che chiunque sia avvicina ad un ammalato per curarlo dovrebbe coltivare dentro di sé, sperando di esserne sempre più degno. Ancora, Camillo de Lellis sentiva il cuore spezzarsi ogni volta che non poteva portare il soccorso che avrebbe voluto. È questo il sentire che ci rimandano oggi molte figure di medici? Camillo de Lellis – come l’altro grande sostegno degli ammalati, Giovanni di Dio, che voleva per gli infermi che assisteva condizioni igieniche migliori e cure specifiche – ci ha testimoniato che curare chi è sofferente è un compito altissimo da assolvere senza cercare la via più semplice. Grazie a lui, a Giovanni di Dio e ad altri cristiani, gli ospedali sono diventati nei secoli quei luoghi di speranza e di cura a cui fino all’altro ieri guardavano con fiducia.

Leggi tutto

Storie

Manuel Agnelli, Jax Fedez e le parole false

Fedez, compagno di merenda lautamente pagata da Sky Italia nei “live” di XFactor, seduto allo stesso banco di Agnelli si è illuminato e ha esultato quando ha sentito il cantante leader degli Afterhours insultare il mio nome. Già, perché lo stesso Fedez insieme a JAx, sempre leggendo in maniera imbarazzante un testo scritto da altri, nel corso della trasmissione le Iene qualche mese fa si era reso protagonista di un altro vergognoso insulto, con tanto di gestualità, rivolto a me come personificazione di tutte le famiglie che avevano partecipato ai Family Day.

Leggi tutto

Storie

The shout of Ireland: “Let Them Live!”. Interview with Emily Faulkner

A group of American pro-lifers travelled from the US to lend their support to the anti-abortion referendum on the Eight Amendment

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano