Politica

di Nicola Di Matteo

«Una #giornata per noi storica»

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Una data da ricordare, il 17 ottobre. Una data che segnerà la storia per il Popolo della Famiglia: l’udienza generale del Santo Padre. Una pietra miliare. Noi siamo un popolo in cammino. Un popolo che “non è morto ma vivo”. Un popolo che crede in un grande progetto valoriale. Sicuramente dobbiamo continuare a costruire, sicuramente dobbiamo continuare a seminare per la vera e buona battaglia. Ci siamo ritrovati, nel pomeriggio, al Palazzetto delle carte geografiche ove l’11 Marzo del 2016, insieme ad Adinolfi, abbiamo “fondato” e dato vita a questo movimento. Siamo nati l’11Marzo e ieri 17 Ottobre siamo ritornati per ribadire una presenza forte e attiva. Un momento di confronto e di discussione sulla prospettiva e sulle questioni fondamentali per decidere come proseguire il nostro percorso politico. Un momento di grande responsabilità, di senso civico. Un momento per rafforzare la buona politica, intesa come servizio al bene comune.

Un grande dono. Un grande regalo. Siamo stati sfidati da papa Francesco a trasmettere la bellezza della speranza che ci è stata data, che ci è stata donata, raccontando il senso e la pienezza della nostra speranza.

Continuiamo a lottare per riprenderci il nostro presente in modo da trasformare il nostro futuro. Da questa assemblea si riparte. Da questa assemblea un grande richiamo al senso di responsabilità nelle parole e nei fatti, Da questo incontro un nuovo inizio. Siamo un’alternativa concreta valoriale

Inoltre, oggi abbiamo dato una struttura al Movimento, abbiamo nominato per regione i vari dirigenti che da oggi entrano a far parte del Coordinamento Nazionale, nominativi che ci sono stati segnalati a seguito dei vari coordinamenti regionali, Dirigenti votati all’unanimità nel corso dell’assemblea Nazionale da più di 400 attivisti. Dirigenti che sono e saranno fondamentali per gli obiettivi presenti e futuri del Popolo del Famiglia.

“ho sentito la vita politica come un dovere e il dovere dice speranza” (Don Luigi Sturzo)

Liguria

Angelo Pintus

Fabrizio Dalle Piane

Gianluca Valpondi

Maria Cardello

Maurizio Melchiorre

Nino Iraci

Paolo Tolli

Patrizia Selvaggi

Pino La Gamba

Emilia-Romagna

Alberto Pinamonti

Alessandra Trigila

Emanuela Biagi

Francesco Farolfi

Gianpaolo Babini

Jorick Bernardi

Marco Dall’olio

Massimo Pistoia

Maurizio Baldacci

Mauro Turrini

Mirko De Carli

Mpia Pettolino

Paolo Rodella

Sergio De Vita

Sergio Galli

Stefano Gardini

Molise

Antonio Antenucci

Antonio Miraldi

Erica Palmisciano

Marco Di Salvo

Maria Piserchia

Sicilia

Andrea Di Pietra

Carmelo Catalano

Daniela Baldanza

Elena Di Pietra

Eleonora Pagano

Emanuele Zappulla

Emiliano Velasco

Ficarra Sandro

Gabriele Savoca

Giuseppe Garraffo

Gerardo Astore

Gianni Montemaggiore

Giuseppe Rizzo

Giuseppe Azzarito

Ilaria Sorrentino

Laura Guerrieri

Laura Terrana

Liliana Bartolin

Nicola Di Matteo

Nuccio Sorrentino

Paolo Antoci

Pia Manzella

Renato Messina

Salvatore Anello

Salvatore Asero

Sergio Coniglio

Piemonte

Mario Campanella Saluzzo

Antonio Panero

Stefania Transunto

Antonia Bassignana

Fabrizio Clari

Alessandro Sportiello

Rossano Giorello

Luca Barra

Cristina Zaccanti

Lucianella Presta

Alessandra Mondelli

Guglielmo Giordano

Etta Giacosa

Antonella Bagno

Marcello Protto

Marilena Fornelli

Marko Rus

Marina Rossi Fancelli

Achille Re

Rita Ruffino

Luca Rolfini

Primo Bozzato

Girolamo Mazzola

Toscana

Claudio Ademollo

Carla Stefanini

Corrado Fantini

Enrico Finetti

Luciano Collotto

Claudio Vitullil

Mauro Barbieri

Mauro Domenici

Pierluigi Tossani

Stefano Claudi

Stefano Sigali

Friuli Venezia Giulia

Andrea Sponza

Daria Gherlani

Guido Pigani

Luciano Motz

Paolo Valiera

Patrizia Bortolotti

Renzo Erman

Valentina Baldacci

Vladimiro Campello

Trentino-Alto Adige

Emiliano Fumaneri

Gloria Callarelli

Paolo Manzana

Romana Cordova

Campania

Alfonso Gambardella

Antonio Voria

Basilio De Martino

Emanuela Monaco

Giancarlo Marcocci

Giuseppe De Mino

Guglielmo Marchetta

Marianna Puzo

Marina Donatiello

Paolo Buonaiuto

Pasquale Olivieri

Raffaele Adinolfi

Calabria

Angela Ciconte

Antonella Perissinotti

Eraldo Rizzuti

Achille Cilea

Leopoldo Marino

Vincenzo Chiaramonte

Rocco Ventrici

Domestico Pasquale

Francesco La Gamba

Salvatore Leone

Demetrio Barrecca

Sandro Cortese

Giovanni Tursi

Rita Spina

Sardegna

Paglietti Daniela

Porcu Giomaria

Porcu Luigi

Deiana Antonello

Soru Giovanna

Figus Barbara

Lombardia

Andrea Brenna

Andrea Cavenaghi

Angelo Mandelli

Anselmi Fiorenza

Archetti Giancarlo

Baback Falamaki

Emanuela Pongiluppi

Gabriele Marconi

Gabriella D’amato

Gisella Aderenti

Luca Grossi

Massimiliano Esposito

Massimo Dal Passo

Marino Saldarini

Piero Chiappano

Roberto Frecentese

Roberto Vitali

Sara Prandini

Silvio Restelli

Simone Mondiali

Stefania Parma

Sandra Bonanni

Umbria

Bruno Sinibaldi

Caterina Agrò

Daniela Tascini

Diego Esposito Terni

Francesco Pacifici

Giovanni Mazzotta

Marco Sciamanna

Paola Caldarelli

Saimir Zmaili

Simone Antonelli

Veneto

Carla Condurso

Andrea Pederiva

Andrea Pucci

Bruno Roma

Danilo Bassan

Lorenzo Damiano

Lucia Vecchi

Luigin Rancan

Mara Barazza

Maria Verità Boddi

Massimiliano Zannini

Silvana Oberto

Paola Ganz

Patrizia Stile

Roberto Azzalin

Rorodolfo Zennaro

Abruzzo

Claudio Percossi

Diego Ciancetta

Federica Lupi

Francesca Marzoli

Giovanni Marcotullio

Romano Febbo

Simona Lupi

Stefania Tucci

Basilicata

Angelo Genovese

Enzo De Lorenzo

Massimo De Rosa

Michela Napolitano

Rocco Lopatriello

Rosa Grazia Pellegrino

Valeria Giorgio

Marche

Alessandro Lippo

Andrea Quaglietti

Clara Ferranti

Cristiana Di Stefano

Donatella Ruzzi

Enrico Panfili

Fabio Sebastianelli

Gabriele Cinti

Luigino Bellucini

Mimmo Gallo

Paolo Carletti

Renato Giovanelli

Puglia

Americo Mancini

Angelo D’ingeo

Anna Melchionne

Annunziata Mastrolia

Carlo Barbano

Caterina Andriola

Cristina De Pascalis

Maria Luisa De Carlo

Massimiliano Luperto

Mirco Fanizzi

Michael Sardella

Natassya Ancona

Vito Loporcaro

Lazio

Mario Adinolfi

Danilo Leonardi

Fabio Torriero

Furio Pesci

Sergio Della Lena

Guido Pianeselli

Giuseppe Brienza

Claudio Parisini

Bernarda Raucci

Mauro Rotunno

Sabrina Bosu

Giovanni Fiori

Guido Mastrobuono

Angelo De Santis

Germana Biagioni

Francesco Garroni

Giulio Saraceni

Silvio Rossi

Anna Ciappa

Mauro Chialastri

Paolo Baldasarre

Emilio Sasso

Alberto Leo

Anna Cavallo

Silvia Lodà

Sara Deodati

Paola Procaccini

Andrea Greffi

Gilda Lombardi

Livia Cianni

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

18/10/2018
1511/2018
San Alberto Magno

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Ha parlato il Papa, la causa è finita: la “letizia dell’amore” spinge ad aprirsi alla Grazia

Sull’esortazione apostolica postsinodale “Amoris lætitia”, pubblicata ieri, i giornali si sono spartiti la preda dei clic, dei like e degli share, al grido di “Il Papa apre a…”. Salvo poi dover ribadire già in catenaccio (e ancora di più nei testi degli articoli) che l’auspicata agendina radical chic non è stata copiata nell’agenda della Chiesa. Francesco ha però rinnovato lo slancio a giocare appieno il potere che il Vangelo ha di incendiare i cuori e disporli alle sue esigenze

Leggi tutto

Chiesa

I diritti si fondano su una natura umana oggettiva

La Santa Sede ribadisce la ferma «persuasione che le eventuali controversie tra i popoli non debbono essere risolte con il ricorso alle armi; ma invece attraverso il negoziato». D’altra parte, proprio la continua produzione di armi sempre più avanzate e “perfezionate” e il protrarsi di numerosi focolai di conflitto – di quella che più volte ho chiamato “terza guerra mondiale a pezzi” – non può che farci ripetere con forza le parole del mio santo Predecessore: «Riesce quasi impossibile pensare che nell’era atomica la guerra possa essere utilizzata come strumento di giustizia. È lecito tuttavia sperare che gli uomini, incontrandosi e negoziando, abbiano a scoprire meglio i vincoli che li legano, provenienti dalla loro comune umanità e abbiano pure a scoprire che una fra le più profonde esigenze della loro comune umanità è che tra essi e tra i rispettivi popoli regni non il timore, ma l’amore: il quale tende ad esprimersi nella collaborazione leale, multiforme, apportatrice di molti beni».

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco ed il populismo

Non mi sento un uomo eccezionale sono un peccatore, un uomo che fa quello che può, “comune”. Sento che “non mi fanno giustizia con le aspettative”, “esagerano. “Non si dimentichi - precisa - che l’idealizzazione di una persona è una forma sottile di aggressione” e “quando mi idealizzano mi sento aggredito”.
Dal momento che sono stato eletto Papa non ho perso la pace. Capisco che a qualcuno non piaccia il mio modo di agire, ma lo giustifico, ci sono tanti modi di pensare, è legittimo ed è anche umano, è una ricchezza.

Leggi tutto

Chiesa

Arborelius primo cardinale svedese

Il vescovo carmelitano di Stoccolma è stato indicato tra i nomi di quanti verranno creati cardinali nel prossimo concistoro del 28 giugno. Se già nell’attuale collegio cardinalizio stupiscono le nomine
dei prelati europei, quella di Anders Arborelius colpisce anche perché si tratta del primo svedese che si fregia della porpora romana; e si tratta di un convertito dal luteranesimo; ed è il giubileo luterano

Leggi tutto

Chiesa

Chi è che gode delle liti tra cattolici e luterani

Avvicinandosi il momento della visita di Papa Francesco a Lund, in Svezia, per l’apertura del “giubileo luterano”, si acuisce nel mondo cattolico la sensibilità sugli storici “temi del dissenso”. E l’occasione è buona per fare il punto del cammino percorso insieme – e delle grandi sfide del presente

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco ci insegna il “vero” digiuno quaresimale

«Digiuno davanti a Dio, digiuno che è adorazione, digiuno sul serio – perché digiunare è uno dei compiti da fare nella quaresima». Con queste parole il Pontefice ha stigmatizzato tanto le ipocrisie di quanti pensano di “aggiornare” la Chiesa bypassando le pratiche devote quanto quelle di chi pensa che si digiuni adottando “il menu della Quaresima”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2018 La Croce Quotidiano