Società

di Mario Adinolfi

Una capitale uccisa

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Desiré aveva sedici anni, è stata drogata e violentata e uccisa a San Lorenzo, nel centro di Roma, in uno stabile fatiscente di via dei Lucani che è una nota piazza di spaccio dove i seminatori di morte agiscono ogni fine settimana indisturbati in una città il cui sindaco si è dichiarato favorevole alla liberalizzazione delle droghe, stringendo in campagna elettorale un patto in tal senso persino con l’odiato candidato del Pd. Il Popolo della Famiglia in quella stessa campagna elettorale dichiarava, irriso, che sarebbe andato con il sindaco in fascia tricolore a attaccare fisicamente con la polizia di Roma Capitale per chiudere le colonie del male che mettono a rischio ogni fine settimana la vita dei nostri figli, con la droga spacciata senza alcun controllo e l’alcool che scorre a fiumi. Tutto questo in una città uccisa, dove un acquazzone di dieci minuti nella sera tra domenica e lunedì ha scatenato una sorte di inondazione nelle periferie dove tombini e punti di scolo non vengono mai puliti, dove il trasporto pubblico è ridotto ai minimi termini, dove nelle stazioni della metropolitana si sfasciano all’improvviso le scale mobili e causano decine di feriti alcuni molto gravi, dove le buche per le strade, sì, le buche per le strade e in generale la loro pessima manutenzione hanno causato tra tamponamenti, scivolamenti, investimenti e incidenti vari nei primi nove mesi dell’anno ben 107 morti e migliaia di feriti (sono stati 140 i morti nel 2017). Tra gli ultimi arrestati per spaccio di droga e usura a Roma c’era anche una dipendente del Comune. Immagine tragica di una città non più decadente ma decaduta, a partire dalle sue istituzioni. E la Raggi pensa a togliere i manifesti di ProVita contro l’utero in affitto…

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

25/10/2018
0307/2022
San Tommaso apostolo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Rinascere dopo il carcere il più grande sogno

Tra pochi giorni nelle sale di tutta Italia il film di Michele Vannucci con Mirko Frezza: è la storia di un sogno fragile, quello di un uomo che cerca di lasciarsi alle spalle una vita di strada. Un docufilm di fantasia, perché viene fuori dall’elaborazione collettiva del vero vissuto dell’attore principale

Leggi tutto

Politica

Renzi perde, il PDF vince

I recenti riscontri elettorali hanno sancito la crisi del renzismo e la crescita del PDF. Ora è necessario andare avanti per conquistare i giusti traguardi ed esautorare chi dimostra di interessarsi soltanto a pochi a danno di molti

Leggi tutto

Politica

Un caso per riflettere sulla dignità

Neanche una domanda puntuta all’aspirante paladina dei diritti femminili fuori tempo massimo. Il caso Bianca Berlinguer, Asia Argento

Leggi tutto

Società

Le leggi fondamentali della stupidità

La scoperta è tra le più sconvolgenti: l’esistenza umana deve fronteggiare una minaccia ben più pericolosa della Mafia, del Complesso industriale-militare, della fu Internazionale comunista o, diremmo oggi, della Open Society di Soros. Tutti pericoli autentici, beninteso. Ma decisamente più sciagurata per la vita dell’uomo, questo vuol dirci Cipolla, è la presenza dello Stupido Collettivo, vale a dire di quel «gruppo non organizzato, non facente parte di alcun ordinamento, che non ha capo, né presidente, né statuto, ma che riesce tuttavia ad operare in perfetta sintonia come se fosse guidato da una mano invisibile, in modo tale che le attività di ciascun membro contribuiscono potentemente a rafforzare ed amplificare l’efficacia dell’attività di tutti gli altri membri».

Leggi tutto

Storie

Ripensando alla vicenda del senza tetto che non desiderava ospitalità

«Si vergognano di vergognarsi – diceva Agostino – e non si vergognano di non vergognarsi»: il cinismo del vicesindaco leghista di Trieste ha scatenato un’ondata d’indignazione sui social e nei
media tradizionali. Lo stesso politico è tornato a cercare di rabberciare lo strappo (allargandolo): la lezione intramontabile in materia la danno da sempre santi come fratel Ettore Boschini.

Leggi tutto

Società

L’insostituibile fisionomia del matrimonio

Il matrimonio monogamico realizza la più profonda comunione di amore tra i sessi in una integrazione mutua dei medesimi così perfetta da risultare naturalmente feconda e assicurare perciò la sopravvivenza della famiglia umana, ultimo scopo inteso dalla natura. Attraverso il matrimonio si realizza la perfezione dei coniugi e la procreazione della prole. Ovviamente, il secondo, anche se posteriore nel tempo, interessando la specie, prevale sul primo che riguarda due individui; perciò il primo, immediato, è subordinato al secondo.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano