Politica

di Mario Adinolfi

Il quadriennio di Donald Trump

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Le elezioni di midterm del 6 novembre 2018 segnano un ulteriore tassello del mosaico di vittorie inattese targate Donald Trump. Non date retta a chi vi racconta le storielle su come i democratici siano in ripresa perché hanno ora la maggioranza alla Camera o hanno eletto la giovane socialista Ocasio Cortez o due deputate islamiche o il governatore gay del Colorado. Quelle sono, appunto, storielle. La Storia l’ha fatta Trump non solo mantenendo la maggioranza al Senato (perché la partita politica era tutta e solo sul Senato), ma ampliandola significativamente: ora non basterà più il McCain (pace all’anima sua) di turno che cambia bandiera per mettere a rischio la Casa Bianca. Ora al Senato non si muoverà foglia che Donald Trump non voglia, il tutto nonostante una campagna davvero ossessiva di tutti i media contro il presidente in carica, campagna che dura da un quadriennio, da quando cioè Trump decise di concorrere alle primarie repubblicane nel 2015 ottenendo l’ostilità immediata di tutti i giornali che lo chiamavano “the fool” (in sostanza “il buffone”) e lo accreditavano di una percentuale di consensi tra l’1% e il 2% della base repubblicana, che secondo loro sarebbe andata a votare in massa per Jeb Bush o per il giovane Rubio o per Romney. Trump li ha letteralmente fatti a pezzi, ha costretto l’establishment repubblicano a riconoscergli la nomination nell’estate 2016, poi ha sbaragliato la Clinton (e Obama) nel voto di due anni fa. Anche lì, nonostante tutti i sondaggi lo dessero per perdente e non ci fosse testata di lignaggio o rete televisiva (Fox esclusa) che non tifasse esplicitamente per i democratici.

Ma perché Trump vince sempre? Semplice. Perché gli americani gli credono. Agli americani non interessa proprio nulla delle ricette da avvocato intersex della Ocasio Cortez, dei nativi americani eletti, delle prime due donne islamiche diventate deputate, delle ricette economiche da soviet di Bernie Sanders e del governatore gay del Colorado. Questa è roba che funziona a New York, nella ricca Boston, a Los Angeles e nella liberal California. Ma l’America non è Washington, dove risiedono la maggior parte degli inviati dei giornali italiani, alcuni con l’attico a Manhattan e il loft a Beverly Hills, abituati a raccontare gli Usa come fa Giovanna Botteri per la Rai, senza mai muoversi dallo studio e sempre con un cromakey a far da finto sfondo. Se l’America la ami e la attraversi e parli con la cameriera che ti inonda di sciroppo d’acero i tuoi pancakes mattutini in un freddissimo cafè di Denver o con chi rivoltola alla griglia i tuoi hamburger in uno strano fast food di Philadelphia, se insomma ti metterai in sintonia con il proletariato quello vero, con i rednecks dell’Ohio e con le ispaniche che rifanno un milione di letti al giorno a Las Vegas parlando tra loro senza mai usare una parola d’inglese, ti accorgerai che Trump non solo ha vinto le elezioni di midterm, ma continuerà a vincere e otterrà facilmente il secondo mandato nel 2020.

Questa è la vera notizia che emerge dalle elezioni americane. Nonostante tutte le chiacchiere dei giornali sul “gradimento del presidente” e sulla presunta vittoria democratica nel midterm, la sola limpida verità è che se oggi si rivotasse per la presidenza, Trump sarebbe rieletto. Ha ottenuto il seggio senatoriale in tre Stati dove l’uscente era democratico e l’ha ottenuto lui, Trump in persona, andando a far campagna lì perché nel 2016 erano Stati che avevano votato per lui. E hanno continuato a farlo. Se questo trend si manterrà fino al 2020, visto anche che i democratici non hanno la più pallida idea su chi contrapporgli se non l’ipotesi del miliardario Bloomberg, per Trump sarà una rielezione comoda fino al 2024. Questa è la sola, unica, vera notizia che emerge dalle elezioni midterm del 6 aprile 2018.

Perché Trump vince? Semplice: la gente con lui al governo sta meglio. I provvedimenti incisivi sono stati pochi, ma con effetti monstre. Il Tax Cuts and Jobs Act del 2017 ha prodotto un colossale taglio di tasse per famiglie e imprese. Le famiglie si sono ritrovate improvvisamente più ricche, il salario minimo orario è salito a 15 dollari e moltissime grandi aziende hanno riconosciuto bonus da migliaia di dollari ai propri dipendenti. Il governo prevedeva una crescita del 3% e ora questa crescita è oltre il 4%, Wall Street ha macinato un record dopo l’altro, la disoccupazione è scesa a livelli statisticamente non rilevabili. Il 3% che viene assegnato è una quota non rilevante, negli Stati Uniti chiunque abbia seriamente voglia di lavorare, trova lavoro. I tecnici parlano unanimemente di condizione di “piena occupazione”. La politica dei dazi, l’uscita da accordi commerciali come quelli del Nafta, l’applicazione della dottrina “America First” ha prodotto un surplus del 9% della bilancia commerciale, con un’impennata delle esportazioni: ancora una volta gli esperti che dicevano che con la politica dei dazi gli Stati Uniti avrebbero subito ritorsioni che avrebbero pesato sulla bilancia commerciale, non avevano capito niente. Trump ha solo difeso i prodotti americani applicando condizioni di reciprocità dove subiva danni pesanti. In sostanza due anni di dottrina Trump hanno prodotto meno tasse, famiglie e imprese più ricche, crescita quadrupla rispetto a quella italiana, piena occupazione, impennata della produzione industriale e dell’export. E vi chiedete il perché Trump da quattro anni non perde mai?

In Italia il governo gialloverde ha fatto una finanziaria enorme da 36 miliardi, meramente elettorale e non strutturale, che mantiene i livelli di crescita attorno all’uno per cento e non incide sulla disoccupazione, che nel segmento giovanile è di molto superiore al 30%, con punte del 50% al Sud. Invece di rispondere con politiche miranti alla crescita, si è scelto di battere la strada dell’assistenza varando il reddito di cittadinanza. Il carico fiscale su famiglie e imprese resta invariato, mentre Trump ha operato tagli della pressione fiscale per 1.500 miliardi di dollari. Avete capito bene: 1.500 miliardi di dollari. L’operazione ha prodotto una impennata del deficit, come accade pure con la manovra economica gialloverde. La differenza è che le politiche trumpiane hanno generato anche un picco di crescita da economia cinese e dunque il rapporto debito/pil resta trenta punti inferiore rispetto a quello italiano.

Due anni di governo di Donald Trump hanno innescato un ciclo economico virtuoso (e tralascio l’operato sul piano dei temi etici, dal defund per le attività internazionali delle cliniche abortiste di Planned Parenthood, alle nomine di due giudici della Corte Suprema pro-life che modificheranno la giurisprudenza americana in materia per i prossimi decenni) che fa star meglio i cittadini americani. Che lo vogliono presidente nonostante ciò che dicono di lui tv e giornali di New York, di Washington e di Los Angeles. Perché l’America non è a New York, a Washington e a Los Angeles. Questo presidente che sarà ricordato per anomalia e grandezza alla stregua di Ronald Reagan, con i suoi enormi personali difetti e le sue bizzarrie, è in realtà uno dei più grandi statisti di cui gli Stati Uniti d’America abbiano potuto mai beneficiare. I litigiosi e imbarazzanti governanti italiani, sempre alla ricerca di un consenso da rincorrere con politiche viziose e non virtuose, prendano esempio e imparino qualcosa. Altrimenti con le sole chiacchiere a caro prezzo che hanno messo sul piatto non andranno lontani e saranno travolti, esattamente come è accaduto a coloro che li hanno preceduti. Le chiacchiere da selfie su instagram e da diretta Facebook non valgono nulla. Servono fatti e in Italia se ne sono visti pochi e quei pochi pure sbagliati. In America, tra i frizzi e i lazzi di chi crede di capire e invece capisce davvero poco, “the fool” da quattro anni partendo da uno striminzito 1% continua a vincere. Perché le elezioni del midterm americano hanno avuto un uomo solo al comando, la sua zazzera è di biondo tinta, il suo nome è Donald Trump.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

08/11/2018
2105/2019
Santa Caterina da Genova

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

44ma edizione della March for life

È evidente nell’elezione di maggioranze pro-life al Congresso degli Stati Uniti d’America. Ma non c’è segno più evidente, in alcun modo, della storica elezione di un presidente che si batte per un’America più forte, per un’America più prospera, e un presidente che – e lo dico con orgoglio – si batte per il diritto alla vita: il presidente Donald Trump. È stato infatti proprio il presidente Trump a chiedermi di essere qui con voi oggi. Mi ha chiesto di ringraziarvi per il vostro sostegno, per la vostra difesa della vita e per la vostra compassione per le donne e i bambini d’America. Proprio una settimana fa da oggi, sui gradini del Campidoglio abbiamo visto l’inaugurazione del 45mo presidente degli Stati Uniti. Posso testimoniare di persona che il nostro presidente è un uomo dalle spalle larghe e dal cuore grande. La sua idea per il futuro, la sua energia, il suo ottimismo sono senza confini e io so che lui renderà l’America di nuovo grande. Sin dal suo primo giorno da presidente, sta mantenendo le promesse fatte al popolo americano. Mi piace dire che laggiù al 1600 di Pennsylvania Avenue, il nostro business è mantenere le promesse. Ed è per questo che lunedì il presidente Trump ha riportato in vigore la policy di Mexico City, per impedire che i fondi destinati a paesi stranieri vadano ad organizzazioni che promuovono o eseguono aborti nel mondo. È per questo che questa amministrazione lavorerà con il Congresso per porre fine al finanziamento dell’aborto e delle cliniche abortiste con i soldi dei contribuenti e destineremo queste risorse ai centri di salute per le donne in tutta l’America. Ed è per questo che la prossima settimana il presidente Donald Trump annuncerà la nomina di un giudice alla Corte Suprema che sosterrà quelle libertà donate da Dio e custodite nella nostra Costituzione, nel solco dell’eredità del grande giudice Antonin Scalia. Sapete, la vita sta vincendo in America. E questo giorno è una celebrazione del progresso che abbiamo fatto in questa causa. Sapete, da molto tempo ritengo che una società possa essere giudicata da come si prende cura dei suoi membri più vulnerabili, degli anziani, degli infermi, dei disabili e dei nascituri. Siamo giunti a un momento storico nella causa per la vita. E dobbiamo andare incontro a questo momento con rispetto e compassione per ogni americano. La vita sta vincendo per molte ragioni. La vita sta vincendo attraverso il costante progresso della scienza, che fa luce sul momento in cui inizia la vita, ogni giorno di più. La vita sta vincendo attraverso la generosità di milioni di famiglie adottive, che aprono i propri cuori e le proprie case a bambini in difficoltà.

Leggi tutto

Politica

Le vacanze romane di Donald

Incontri con Papa Francesco, Sergio Mattarella e Paolo Gentiloni; e tra questi il Bambino Gesù, il Pantheon e moltissima attività social

Leggi tutto

Media

Cinque cose che non bisogna fare

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Siamo in una contesa dove la critica fa parte del gioco e che ci sparino addosso è nelle cose. Il fuoco amico fa più male, ma è messo nel conto pure quello. Un solo ultimo avvertimento agli amici come Marco Invernizzi: non strumentalizzate mai l’ora che padre Livio vi concede su Radio Maria per attaccare il Popolo della Famiglia. Quando ho fondato il Pdf, in completo accordo con lui, ho voluto sospendere la trasmissione a cui tenevo molto su questa che è l’emittente che più mi è cara: Radio Maria non fa politica e non può con la politica confondersi. ne trarrebbe solo danno. Tutto il resto, poi, sia oggetto di una confronto franco e onesto. Fatevi dire infine da un giocatore di poker che l’idea secondo cui “le minoranze non si devono far contare” somiglia troppo all’atteggiamento del pokerista scarso che vuole vincere giocando sempre in bluff: pensa di essere tanto furbo e tutti gli altri al tavolo glielo fanno credere, perché prima che lui cominciasse a pensare l’hanno già individuato come il pollo da spennare.

Leggi tutto

Chiesa

L’altra faccia del convegno vaticano sull’eutanasia

E’ balzata alla ribalta dell’attenzione nazionale la notizia del WMA European Region Meeting on End-of-Life Questions che coinvolgerà una trentina di specialisti della materia in una due-giorni ospitata in Vaticano. L’evento non sembra studiato per far discutere, ma semmai per pura accademia

Leggi tutto

Società

Aumentano le conversioni a Gesù dall’islamismo

A margine delle immani ondate migratorie della nostra epoca si registra una sensibile crescita delle conversioni al cristianesimo. Quasi sempre si tratta di islamici e molto spesso a viverle sono quanti hanno da poco affrontato il grande viaggio dei migranti africani verso l’Europa. Frattanto l’Occidente secolarizzato cerca di mandare in soffitta le sue radici cristiane.

Leggi tutto

Politica

Cattolici: quantità e qualità

I due studi più recenti (Ipsos e Eurispes) concordano su un dato: si definiscono “cattolici” oltre il 70% degli italiani, per Ipsos sono il 74.4%, per Eurispes il 71.1%. Stiamo parlando di circa 45 milioni di persone, una enormità. E infatti se andiamo a cercare i dati sulla pratica religiosa, i cattolici praticanti, quelli che vanno alla messa domenicale sono molti di meno: circa un quarto degli italiani. Ipsos fa una interessante distinzione: l’11.2% lo definisce “cattolico impegnato”, cioè va a messa ed è attivo in parrocchia o nell’associazionismo; poi c’è un 15.8% di “assidui scarsamente impegnati” che dunque vanno a messa una o due volte al mese o anche tutte le settimane ma comunque non avvertono un coinvolgimento né nella dimensione ecclesiale né nell’associazionismo. Il rapporto Ipsos è del novembre 2017, dunque i dati sono recentissimi e sembrano fotografare una condizione di realtà. Volendo fare riferimento ai soli cattolici impegnati, stiamo parlando comunque di un popolo di poco inferiore ai sette milioni di italiani.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano