Società

di Rachele Sagramoso

Se non ti piacciono i Down

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

A Rocco Casalino, il portavoce del presidente Conte, i vecchi e i down fanno schifo. Gli danno fastidio parimenti possa fare un ragno. E per capire meglio perché una persona possa compiere tale affermazione, io ho bisogno di saperne di più da chi sa di cosa si sta parlando. Partiamo, però, con un presupposto: la vita umana è molto di più di quanto la televisione ci faccia credere.

Quando togli all’uomo la dimensione fisica (e tutte le abilità connesse a questa) e mentale (e tutte le capacità connesse a questa), rimane la dimensione che ci differenzia dal resto del Creato, ovverosia l’anima. L’aver rimosso, nel mondo moderno, la dimensione legata all’anima, ha causato la possibilità che l’uomo non provi la speranza nell’amore (ovvero nella cura che gli altri possano avere di noi) e nel fatto che si possa essere amati comunque siano le nostre caratteristiche fisiche e mentali. Rocco Casalino, incarnando parte di questo pensiero – e torniamo a bomba – lo esprime a pieno: la vecchiaia (l’essere al termine di una vita e magari in condizioni considerate indignitose fatte di malattia, pelle vecchia, perdita del controllo fisico e mentale) e la disabilità (non corrispondere all’ideale di essere vivente sano), fanno schifo.

E la mamma di Emanuele, Chiara, lo sa bene cosa vuol dire incrociare quegli sguardi di chi pensa che il suo bambino non sia “normale”, non corrisponda a dei canoni di dignità. «Lui ha espresso bene cosa vive l’uomo di fronte a queste due situazioni: il doversi confrontare con queste, mette in luce la nostra debolezza e le temiamo tantissimo». Sì, perché quando siamo senza Dio e senza quella speranza che nasce dal fatto di sapere – anche se dovessimo mai essere soli (e il pensiero va ad Asia Bibi, ad esempio) – che Lui non ci abbandonerebbe mai, il terrore ci attanaglia perché siamo individui deboli. È la debolezza la spinta che ci pietrifica di fronte a certe situazioni (quelle ci ripugnano parimenti, come dice Casalino, a come ci ripugnano i ragni) e la non accettazione di questo slancio verso la profondità spirituale propria dell’essere umano - che ci fa abbandonare a Dio come si farebbe con la propria mamma - ci fa diventare freddi e animaleschi: il malato si sopprime, il mancamentato si nasconde.

Cosa rispondere allora a Casalino? Come alimentare in lui il dubbio che ciò che ha detto – con leggerezza e mancanza di tatto – possa essere non un punto di arrivo, ma un punto di partenza? «Affrontando la sua paura, la sua debolezza» - aggiunge Chiara - e incontrando chi gli incute questo terrore. La disabilità e la vecchiaia sono, infondo, delle autentiche provocazioni: minacciano realmente le nostre sicurezze, il nostro diritto all’autodeterminazione, il nostro bisogno di autorealizzazione. E la povertà d’animo, figlia di una cultura che non ci vuole dominatori del creato, ci parifica all’animale del quale si ha più pietà che nei confronti di chi è ritenuto disabile. Perdendo la dignità umana e racchiudendola in quelle tre/quattro caratteristiche fisiche e mentali che avviliscono l’animo umano, proviamo terrore se ipoteticamente pensiamo anche solo di esserne privati solo momentaneamente. Rispondiamo allora a Casalino che il suo terrore, il suo ribrezzo affonda in una sola motivazione «Tu sei senza Dio, perché se fosse il contrario, tu si sentiresti amato al di là di ogni caratteristica fisica o mentale: tu ti fideresti di Lui e sapresti di essere in relazione con qualcuno che ti ama e ti amerà per sempre. Come una dolce mamma» aggiunge Chiara. Pensiamo dunque al fatto che Casalino abbia allora una splendida opportunità, ovvero quella di relazionarsi con Dio attraverso chi si è già affidato a Lui, attraverso chi è già del tutto inerme di fronte alla vera dimensione dell’Amore. «Caro Rocco Casalino, non avere paura dell’amore. Non temere: se un giorno una macchina ti lasciasse sulla sedia a rotelle, nessuno ti abbandonerà. Quando sarai vecchio e avrai terrore del buio come un bambino, nessuno lascerà che una luce si spenga accanto a te» conclude Chiara. E da parte nostra un solo invito a Casalino: vai a conoscere le centinaia di persone delle quali hai paura. Vai a conoscere chi di loro si prende cura. E scoprirai l’amore. Quello vero.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

09/11/2018
1902/2019
San Corrado da Piacenza

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Vadecum per il voto amministrativo delle liste PDF

Per il Popolo della Famiglia, che è un movimento politico, la prova del nove è quella con le urne. A chi ci dice che siamo quattro gatti ricordiamo i risultati delle amministrative 2016, in cui già decine di migliaia di persone scelsero di mettere la croce sul nostro simbolo sostenendo i nostri candidati sindaco, con questi risultati nelle principali città:

Leggi tutto

Politica

Alternative für Deutschland: lezioni da imparare

Il “giornalista collettivo” non ha ancora imparato la lezione: in tempo di analfabetismo sociopolitico e di malcontento diffuso attaccare un partito rampante con l’epiteto di “populista” si rivela controproducente. Il partito fondato da Frauke Petry e oggi diretto da Alice Weidel deve invece interpellare a fondo l’anima popolare d’Europa (i punti guadagnati da AfD sono quelli persi da CDU): non mancano le ambiguità e le contraddizioni, ma vanno studiate.

Leggi tutto

Società

A proposito della dichiarazione di Parigi

Sulle colonne di questo giornale ci pregiammo di pubblicare la “dichiarazione di Parigi”, che il 13 ottobre scorso un gruppo di luminari europei (grandi assenti gli italiani) ha firmato: in essa – il titolo recitava “Un’Europa in cui possiamo credere” – i massimi intellettuali del vecchio continente muovevano acutissime critiche all’establishment tecnocratico. A distanza di un buon mese, vogliamo tornare su quella pagina e rileggerla con occhio attento e critico.

Leggi tutto

Chiesa

La Riforma e le Riforme nella Chiesa

Come indicato direttamente dall’autore, il volume entra nel dibattito sull’interpretazione del Concilio Vaticano II, che è uno dei temi ai quali monsignor Marchetto ha dedicato una parte importante della sua vita. Cercare di comprendere meglio il Concilio significa, infatti, disporsi ad accoglierne la grazia e il dono, per la Chiesa e per il mondo.
Il Concilio Vaticano II è stato un grande dono di Dio alla Chiesa e, come tutti i doni, va rettamente compreso per potere essere valorizzato fino in fondo. Per esempio, posso regalare a un amico un computer, ma se lui non lo sa usare… è un regalo, per così dire, dimezzato. In effetti, l’interpretazione del Concilio è una questione disputata di questo nostro tempo, nella costante tensione tra i due fuochi di una medesima ellisse ermeneutica. Da un lato il fuoco della novità, dall’altro quello della tradizione, da un lato quello della riforma dall’altro quello della conservazione.

Leggi tutto

Politica

La nuova #roadmap per il Popolo della Famiglia

La percentuale dello 0.7% ha creato in alcuni – devo dire in realtà pochi – una certa delusione. Ora, è ovvio che sarebbe stato meglio ottenere un risultato maggiore, ma la domanda che dobbiamo porci è un’altra: «Noi abbiamo fatto davvero tutto il possibile?». Io credo di sì. Io credo che nelle circostanze date, abbiamo fatto davvero tutto quello che era nel novero delle nostre possibilità. Ora occorre cambiare le condizioni, cominciando proprio dall’allargamento della percentuale di italiani che conoscono il Popolo della Famiglia

Leggi tutto

Società

L’Irlanda s’incammina sulla scia del resto dell’Europa occidentale verso la “cultura della morte”

Iil 25 maggio 2018 rappresenta un passaggio destinato a segnare un’epoca: l’Irlanda, terra di secolari radici cristiane, s’incammina sulla scia del resto dell’Europa occidentale verso la “cultura della morte”. Crediamo, però, abbia gli anticorpi per scuotersi finalmente e risalire la china.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano