Società

di Rachele Sagramoso

Se non ti piacciono i Down

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

A Rocco Casalino, il portavoce del presidente Conte, i vecchi e i down fanno schifo. Gli danno fastidio parimenti possa fare un ragno. E per capire meglio perché una persona possa compiere tale affermazione, io ho bisogno di saperne di più da chi sa di cosa si sta parlando. Partiamo, però, con un presupposto: la vita umana è molto di più di quanto la televisione ci faccia credere.

Quando togli all’uomo la dimensione fisica (e tutte le abilità connesse a questa) e mentale (e tutte le capacità connesse a questa), rimane la dimensione che ci differenzia dal resto del Creato, ovverosia l’anima. L’aver rimosso, nel mondo moderno, la dimensione legata all’anima, ha causato la possibilità che l’uomo non provi la speranza nell’amore (ovvero nella cura che gli altri possano avere di noi) e nel fatto che si possa essere amati comunque siano le nostre caratteristiche fisiche e mentali. Rocco Casalino, incarnando parte di questo pensiero – e torniamo a bomba – lo esprime a pieno: la vecchiaia (l’essere al termine di una vita e magari in condizioni considerate indignitose fatte di malattia, pelle vecchia, perdita del controllo fisico e mentale) e la disabilità (non corrispondere all’ideale di essere vivente sano), fanno schifo.

E la mamma di Emanuele, Chiara, lo sa bene cosa vuol dire incrociare quegli sguardi di chi pensa che il suo bambino non sia “normale”, non corrisponda a dei canoni di dignità. «Lui ha espresso bene cosa vive l’uomo di fronte a queste due situazioni: il doversi confrontare con queste, mette in luce la nostra debolezza e le temiamo tantissimo». Sì, perché quando siamo senza Dio e senza quella speranza che nasce dal fatto di sapere – anche se dovessimo mai essere soli (e il pensiero va ad Asia Bibi, ad esempio) – che Lui non ci abbandonerebbe mai, il terrore ci attanaglia perché siamo individui deboli. È la debolezza la spinta che ci pietrifica di fronte a certe situazioni (quelle ci ripugnano parimenti, come dice Casalino, a come ci ripugnano i ragni) e la non accettazione di questo slancio verso la profondità spirituale propria dell’essere umano - che ci fa abbandonare a Dio come si farebbe con la propria mamma - ci fa diventare freddi e animaleschi: il malato si sopprime, il mancamentato si nasconde.

Cosa rispondere allora a Casalino? Come alimentare in lui il dubbio che ciò che ha detto – con leggerezza e mancanza di tatto – possa essere non un punto di arrivo, ma un punto di partenza? «Affrontando la sua paura, la sua debolezza» - aggiunge Chiara - e incontrando chi gli incute questo terrore. La disabilità e la vecchiaia sono, infondo, delle autentiche provocazioni: minacciano realmente le nostre sicurezze, il nostro diritto all’autodeterminazione, il nostro bisogno di autorealizzazione. E la povertà d’animo, figlia di una cultura che non ci vuole dominatori del creato, ci parifica all’animale del quale si ha più pietà che nei confronti di chi è ritenuto disabile. Perdendo la dignità umana e racchiudendola in quelle tre/quattro caratteristiche fisiche e mentali che avviliscono l’animo umano, proviamo terrore se ipoteticamente pensiamo anche solo di esserne privati solo momentaneamente. Rispondiamo allora a Casalino che il suo terrore, il suo ribrezzo affonda in una sola motivazione «Tu sei senza Dio, perché se fosse il contrario, tu si sentiresti amato al di là di ogni caratteristica fisica o mentale: tu ti fideresti di Lui e sapresti di essere in relazione con qualcuno che ti ama e ti amerà per sempre. Come una dolce mamma» aggiunge Chiara. Pensiamo dunque al fatto che Casalino abbia allora una splendida opportunità, ovvero quella di relazionarsi con Dio attraverso chi si è già affidato a Lui, attraverso chi è già del tutto inerme di fronte alla vera dimensione dell’Amore. «Caro Rocco Casalino, non avere paura dell’amore. Non temere: se un giorno una macchina ti lasciasse sulla sedia a rotelle, nessuno ti abbandonerà. Quando sarai vecchio e avrai terrore del buio come un bambino, nessuno lascerà che una luce si spenga accanto a te» conclude Chiara. E da parte nostra un solo invito a Casalino: vai a conoscere le centinaia di persone delle quali hai paura. Vai a conoscere chi di loro si prende cura. E scoprirai l’amore. Quello vero.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

09/11/2018
1112/2018
San Damaso papa

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

L’Italia ha bisogno dei cattolici

Nasce il Popolo della Famiglia, soggetto politico che si presenterà alle elezioni amministrative di primavera per rappresentare le istanze emerse dal Family Day e tradite dai parlamentari cattolici

Leggi tutto

Storie

La lezione di un piccolo borgo

Il modello politico del Popolo della Famiglia si consolida e, dopo le arrembanti esperienze delle amministrative 2016, si è confermato maturato a quelle del 2017. Mirko De Carli ha sfiorato la soglia del 15% a Riolo Terme: questo e altri risultati elettorali dimostrano che là dove il PdF non sia irretito da inadeguatezza di mezzi comunicativi, ovvero dove lo si riesca a vedere, il popolo lo premia.

Leggi tutto

Politica

Il Popolo si è ricordato

Renzi e Alfano, avete visto che il popolo si è ricordato?

Leggi tutto

Politica

Cosa fare per non perdere ancora

Siamo destinati a continuare a perdere se continueremo a ripetere lo stesso errore, cioè quello di affidare la rappresentanza politica dei cattolici che credono nei principi non negoziabili all’ambiguità di una coalizione che semplicemente non coltiva i nostri stessi valori e li baratta come fossero merce sull’altare della politica politicante. Nel 2013 i cattolici di questa fatta hanno in massima parte votato per Berlusconi, per Alfano e per la Lega. Ora o si prende atto che Berlusconi in Pascale, per sua stessa ammissione, crede che i valori omosessualisti siano “una battaglia per i diritti di tutti” e infatti manda Renata Polverini a sfilare ai Gay Pride; che la nuova versione degli alfanoidi alleati di Berlusconi, cioè Maurizio Lupi e l’ineffabile ex ministro della Famiglia Enrico Costa a cui si aggregheranno quelli di Idea e lo straordinario Capezzone più Stefano Parisi nella mitologica costruenda “quarta gamba” del centrodestra, nasce già con l’obiettivo di dare i voti necessari al permanere degli attuali equilibri di governo; che la Lega in Veneto con Zaia (sostenitore della legge sul “fine vita”) stanzia i fondi per la “rettifica del sesso” cioè per i trans, con Maroni annuncia il baratto tra legge sull’omofobia e legge sull’autonomia, con Salvini annuncia come “primo provvedimento in consiglio dei ministri” la legalizzazione della prostituzione, come richiesto da un grande sostenitore del leader del Carroccio, il trans turco Efe Bal; che quest’ultima proposta è sostenuta con grande forza da Fratelli d’Italia e da Giorgia Meloni, che si candida a completare un ventennio da parlamentare, ma nei precedenti quindici anni in cui è stata per cinque anni eletta voluta dal suo padre politico Gianfranco Fini, per cinque anni vicepresidente della Camera, per cinque anni addirittura ministro, non si ricorda una sola proposta che fosse una sul diritto alla vita o sulla famiglia; o si prende atto che fare nel 2018 le stesse scelte politiche del 2013 equivale ad esporsi agli stessi rischi, perché sostenere un centrodestra strutturalmente ambiguo sui principi significa far entrare in Parlamento centinaia di deputati e senatori disposti al compromesso sulle leggi di principio, o davvero non si capisce nulla di politica. E sorge allora il sospetto che a qualcuno piacciano i vecchi equilibri in cui si perde sempre, pur di salvaguardare alcune stantie rendite di posizione.

Leggi tutto

Politica

Verso il 4 Marzo: frenare la deriva

Appello di sacerdoti e religiosi a sostenere il Popolo della Famiglia

Leggi tutto

Società

Così muore un bimbo italiano

La vicenda di Alfie spiega ancora una volta che la cultura della vita può organizzarsi e persino vincere, per ora solo qualche battaglia. Quando l’Italia ha concesso la cittadinanza ad Alfie è stato davvero un bel momento. Orgogliosamente ne rivendichiamo la nazionalità: la sua è stata resistenza per la vita.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2018 La Croce Quotidiano