Storie

di Ambra Corsi

Immobili a Roma: ecco la speculazione sui privati

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Nel 2011 il Governo Berlusconi, per far fronte alla crisi del nostro paese, con lo spread a livelli altissimi, ha dovuto introdurre la legge 106, per aumentare le entrate nelle casse degli enti locali.

Tale legge stabiliva anche che per gli immobili in edilizia convenzionata/agevolata era necessario pagare un importo (AFFRANCAZIONE) per effettuarne la vendita a libero mercato.

La legge a Roma è rimasta lettera morta finché, nel 2015, non è intervenuta la sentenza di Cassazione 18135, secondo la quale se per liberare gli immobili da un prezzo vincolato è necessaria l’affrancazione, vuol dire che tutte le vendite, anche precedenti, avrebbero dovuto essere fatte ad un prezzo massimo di cessione.

Da lì, mentre il Comune cominciava a rendere possibili le affrancazioni, partivano le cause verso chi aveva venduto questi immobili in totale trasparenza e nel rispetto del diritto vivente, seguendo le indicazioni dei notai e con istituti di credito che erogavano mutui sulla base del valore di mercato di questi immobili.

Al venditore viene richiesto di restituire la differenza tra il prezzo di mercato e il prezzo massimo di cessione, importi che possono superare i 300.000 euro.

Quindi tutto il SISTEMA per anni ha interpretato in un’unica direzione la legge, e oggi, per un presunto errore di sistema, solo le famiglie in buona fede devono pagare.

Dove trova una famiglia, che ha venduto per ricomprare una prima casa, importi di questo tipo? Cosa raccontiamo ai nostri figli spaventati perché vedono la mamma piangere? Come possiamo accettare che ci siano anziani che subiscono questo stress, che non riescono neppure ad ottenere un mutuo per tentare di chiudere con una transazione stra-giudiziale? Transazioni che sono vere e proprie ESTORSIONI.

Ci sono persone che hanno acquistato a libero mercato da privati e ora si vedono chiamati a restituire l’indebito, e non possono rivalersi sul loro venditore perché prescritto. Quindi lasciamo il cerino in mano all’ultimo venditore?

È una follia, è una violazione evidente di giustizia, evidente anche a un bambino.

In tutto questo l’attuale proprietario dell’immobile, ricevuta la differenza di prezzo, può (se vuole) affrancare con poche migliaia di euro e rimuovere il vincolo del prezzo vincolato. Non è forse questa una speculazione? Una famiglia senza più un tetto sulla testa, l’altra con un ingiustificato arricchimento.

Bisogna fermare questa guerra assurda, questo dramma che colpisce i deboli e che fa salve le caste.

Perché i giudici non condannano i notai? Perché i giudici non condannano il Comune che dopo il 2011 rilasciava i nulla osta alle vendite a libero mercato, sostenendo che non esistevano vincoli di prezzo? Addirittura nel 2013 il comune scrive al Notariato dicendo di non mandare più richieste di approfondimento, perché queste case sono vendibili al mercato dopo il limite di 5 anni dalle assegnazioni, per cui la legge 106 non è applicabile.

Questa guerra sta arricchendo soltanto avvocati senza scrupoli che convincono i propri assistiti a fare causa ad altre famiglie con metodi poco regolari, per esempio con volantinaggi che promettono guadagni lauti senza anticipi di spese.

Noi venditori non abbiamo potuto scegliere, se avessimo saputo probabilmente non avremmo venduto, ci saremmo stretti in casa anche se la famiglia cresceva, io ero incinta del mio terzo figlio all’epoca (Samuele appunto); ma almeno una casa l’avremmo avuta, ora rischiamo di restare senza.

Serve un intervento legislativo urgente che consenta al venditore di regolarizzare quelle vendite che non sapeva fossero irregolari.

Alcuni venditori si sono riuniti nel Comitato venditori 18135, un comitato nato appunto dalle tante famiglie che si stanno ritrovando senza sonno e potenzialmente senza futuro a causa di questa applicazione retroattiva della Legge (ad oggi circa 200 famiglie cui complessivamente vengono richiesti indietro circa 30 mln di euro, e cresciamo ogni giorno!).

Venerdì scorso una nuova sentenza di condanna…una Famiglia con 5 figli che finita l’udienza si è sentita dire :”pagate subito tutte le spese legali (circa 25.000 euro) o vi pignoriamo casa”!(devono passare 90 giorni prima che questa Famiglia possa fare appello…intanto casa può essere ignorata.)

Oggi più di 200 famiglie si sono riunite in piazza Montecitorio per lanciare il loro (e nostro) grido di aiuto.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

09/11/2018
1112/2018
San Damaso papa

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Dati, non chiacchiere, sui pornoquartieri

Tutti gli studi concordano: zoning e strade a luci rosse non risolvono il problema prostituzione, anzi lo rendono più grave e pesante per le donne-schiave

Leggi tutto

Politica

La 5 ragioni per votate PDF a Roma X (e non solo)

Ci sono cinque ragioni fondamentali per votare domenica per il Popolo della Famiglia, facendo una croce sul nostro bellissimo simbolo e vado ad elencarle. Mutatis mutandis, sono ragioni valide non solo al municipio Roma X, ma credo valide per motivare il voto al Pdf in ogni contrada d’Italia anche alle prossime politiche.

Leggi tutto

Chiesa

Le ragioni della missione della Chiesa

È stato sollevato, una volta di più nei recentissimi giorni appena trascorsi, l’annoso dibattito sull’attualità della missione. Non di questa o quella, ma della Missione in sé, con la maiuscola: è un tema che appassiona soprattutto dal postconcilio in qua, e qualcuno vuole che il Santo Padre intenda rompere con la missiologia cattolica “quale la si è finora intesa”. Sembra difficile immaginarsi una simile deriva, in un membro di un ordine pieno di missionari. E infatti…

Leggi tutto

Politica

BASTA FAKE NEWS SUL PDF

Alla fake news più surreali (tipo “non siete contro l’aborto”) neanche si risponde perché a chi ti dice che c’è l’asino che vola si rivolge solo uno sguardo di compatimento. La proposta la chiamerò “moratoria delle fake news” anche se vorrei chiamarla “moratoria delle cazzate”. Ognuno faccia la sua campagna elettorale senza affaticarsi a denigrare l’altro. Avremmo potuto citare i sondaggi della Ghisleri che dicono che il mondo Lgbt tifa Giorgia Meloni, ma io lo ripeto: i sondaggi sono oroscopi. Si lavori a far crescere il campo che si preferisce senza dire che chi coltiva l’altro è meritevole di biasimo. Poi alla fine le urne emetteranno una sentenza, tra appena cinque settimane, quindi tutte le chiacchiere se le porterà via il vento insieme alla dignità di qualcuno che alle fake news resterà legato come immagine a lungo.

Leggi tutto

Società

Il nome di Tobagi sopravvive alle BR

Quando venne assassinato il 28 maggio 1980 il giornalista cattolico Walter Tobagi aveva appenarivisto le bozze di quello che sarà il suo ultimo libro, pubblicato poi postumo. La citazione tratta da questa sua opera, con la quale apriamo l’articolo, ci pare davvero “profetica” per quegli anni dipiombo nei quali le Brigate rosse erano definite sui media che (dicono gli stessi) contano.

Leggi tutto

Politica

Famiglia vuol dire lavoro

Con la paghetta di papà e una mancetta dalla pensione di nonna, il giovane italiano si forma in un contesto deresponsabilizzante in cui la politica sta dando il colpo di grazia: puoi fare il premier a caso raccolto per strada in una riffa, il vicepremier senza uno straccio di laurea che ti chiedono ormai pure per fare l’impiegato di quinto livello, spiegare agli studenti come affrontare l’esame di maturità senza aver mai fatto manco l’esame di maturità. In campagna elettorale ti prometto ottocento euro al mese per il tuo non fare niente e io gioco è fatto, l’area territoriale del Paese dove c’è il 47% di disoccupazione giovanile ti darà il 47% dei voti.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2018 La Croce Quotidiano