Società

di Lucia Scozzoli

Gay e suicidio: numeri più alti dove minore è lo stigma sociale

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Un comunicato stampa del 12 novembre su “Le Scienze” ci informa che è stato pubblicato un nuovo studio dell’Università di Milano-Bicocca, dal titolo “Estimating the risk of attempted suicide among sexual minority youths” (Stima del rischio di tentato suicidio tra giovani minorenni per motivi sessuali), sulla rivista JAMA Pediatrics (doi:10.1001/jamapediatrics.2018.2731).

Neanche 24 ore e subito i risultati dello studio vengono riportati dalla testata giornalistica che non ti aspetti, la prima, l’unica a farlo, finora: Avvenire.

Il comunicato stampa recita: «Il suicidio è la seconda causa di morte tra gli adolescenti, a livello mondiale. Nonostante fosse già nota questa tendenza da parte delle minoranze sessuali, per la prima volta è stata compiuta una più precisa valutazione dell’entità del fenomeno negli adolescenti LGBT.

Lo studio di Ester di Giacomo, psichiatra e dottoranda in Neuroscienze del gruppo di ricerca guidato da Massimo Clerici, docente di Psichiatria e direttore della scuola di specializzazione in Psichiatria dell’Università di Milano-Bicocca, ha preso in esame 35 studi accademici sul tema e un campione di quasi due milioni e mezzo di adolescenti tra i 12 e 20 anni, di dieci nazionalità diverse.

Dall’analisi è risultato che gli adolescenti appartenenti al gruppo complessivo delle minoranze sessuali mostrano un tasso di rischio di suicidio (OR=3.50) superiore alle tre volte e mezzo rispetto ai loro coetanei eterosessuali.

La valutazione del rischio di tentato suicidio è stata analizzata anche all’interno di ogni gruppo di minoranza sessuale. I dati dimostrano che gli adolescenti transgender sembrano i più afflitti dal fenomeno (OR=5.77), seguiti dai bisessuali (OR=4.87) e dagli omosessuali (OR=3.71). I fattori di rischio più noti per suicidio sono: tentativi di suicidio precedenti, una storia di malattia psichiatrica, specialmente depressione, psicosi ed alcuni disturbi di personalità, e ancora, essere vittime di bullismo, e abuso e trauma infantile».

La situazione presentata è drammatica già nel suo incipit: che il suicidio sia la seconda causa di morte tra adolescenti dovrebbe gettare nella disperazione la società intera, interrogandoci con urgenza sulle motivazioni ultime che tolgono la speranza a tanti ragazzi, al punto da indurli a gesti estremi e senza ritorno.

L’analisi della situazione particolare degli adolescenti LGBT, però, accende una parziale luce sul fenomeno, perché, come ha spiegato Ester di Giacomo, la questione cruciale sta tutta nella definizione dell’io: l’identità di genere, infatti, «fa parte dell’“io” e contribuisce al pieno sviluppo di un essere umano adulto. Anche se le sue radici affondano nell’infanzia, l’orientamento di genere si esprime pienamente durante l’adolescenza, soprattutto a causa dell’inizio del desiderio sessuale».

È quindi nell’adolescenza che l’identità dell’individuo prende una forma più definita, direi quasi definitiva, ma non nel senso di immutabile, bensì di chiaramente caratterizzante la persona stessa. L’adolescente sente il bisogno di rispondere alla domanda pressante “chi sono io?” e, per fare ciò, riflette se stesso in tutte le persone che gli ruotano intorno, non solo nella famiglia d’origine. Gli atti di bullismo, l’esposizione alla violenza, l’isolamento infliggono ferite profonde, destabilizzano dall’interno, impediscono la definizione serena della propria personalità.

Questi tristi fenomeni riguardano tutti gli adolescenti, quindi a maggior ragione quelli LGBT che hanno una fragilità in più rispetto ai coetanei.

Le conclusioni dello studio, dunque, sintetizzano così i risultati: «una maggiore consapevolezza ad opera dell’opinione pubblica e un adeguato sostegno centrato su sforzi di inclusione e de-stigmatizzazione dovrebbero essere obiettivi dei Piani progettuali nelle aree della Pubblica istruzione e della Sanità»

Avvenire aggiunge ai risultati della pubblicazione anche l’intervista a padre Pino Piva, gesuita responsabile per la pastorale di frontiera, il quale redarguisce pure la Chiesa e auspica un nuovo lessico: «Espressioni come ‘sessualmente disordinato’ possono convincere i ragazzi di essere irrimediabilmente fuori posto con conseguenze spesso molto pesanti. Ma anche il messaggio che lasciamo filtrare talvolta appare senza speranza. Le vocazioni più immediate sono precluse a un ragazzo omosessuale: non può formarsi una famiglia, non può entrare in seminario, non può pensare a una vita di coppia. Cosa gli resta?».

Il gesuita conclude confidando nel documento finale del Sinodo dei giovani, da cui spera che esca qualche riflessione concreta, tipo incoraggiare i gruppi di accoglienza specifici già presenti in alcune diocesi.

Ora urge una riflessione approfondita: prima di tutto lo studio non riporta dati italiani (perché non ci sono rilevazioni a tal proposito, o non si sono verificati casi, non si sa) e le percentuali più drammatiche di rischio suicidio si riscontrano nel Nord Europa, proprio in quegli stati liberali e libertini in cui l’inclusione a favore degli LGBT è una realtà sancita da leggi severe. In Inghilterra in qualche college hanno adottato divise unisex per non discriminare i trans, sono comparsi i servizi LGBT, ogni atto di presa di distanza dalla lode unanime al meraviglioso mondo omosessuale viene interpretato come omofobia e penalmente perseguito (famosa la causa contro i pasticceri che non volevano fare una torta per un matrimonio gay, ma a cui la corte suprema britannica ha infine dato ragione).

In questi paesi l’omosessualismo ha raggiunto tali livelli fuori da ogni logica che pure uno stupratore seriale è stato messo in una prigione femminile perché ha dichiarato di sentirsi donna, salvo poi dovergli cambiare istituto quando si è avventato sulle compagne di detenzione.

A maggio a Windsor un uomo che si ritiene donna ha citato in giudizio una spa perché una dipendente femmina (musulmana, tra l’altro) si è rifiutata di fargli una ceretta brasiliana (cioè all’inguine e genitali), perché si è sentito discriminato, affermando che i suoi genitali erano irrilevanti per il suo genere e che questa lavoratrice avrebbe dovuto sentirsi perfettamente a suo agio, dato che si trattava di un pene femminile, perché in realtà era una donna.

In realtà.

Quale realtà?

Alle terme nella Columbia Britannica un transgender ha depositato 16 denunce come questa, una per ogni rifiuto incassato da donne alla richiesta di ceretta sui genitali. Qualcuna, per chiudere la causa in fretta, ha pagato $2500 per convincere il tizio a ritirare la denuncia.

Vogliamo davvero parlare di discriminazione verso i trans e gli omosessuali?

Davvero ancora crediamo alla storiella che siano i pregiudizi della società a far triplicare il rischio suicidio nei giovani LGBT?

Si stenta a credere che la sorte di questi ragazzi interessi a qualcuno seriamente: lo studio ha rilevato come fattori di rischio associati ai disturbi della sfera sessuale anche malattie psichiatriche, storie di tentativi di suicidio precedenti, depressione, psicosi. Possibile che questo mare di problemi psichici sia interpretabile sempre e solo come una conseguenza della discriminazione e mai come una causa della disforia?

Come nella contraddittoria relazione del comitato di bioetica con cui si è autorizzata la prescrizione della triptorelina per bloccare la pubertà ai bambini che manifestano desidero di effettuare una transizione di sesso, anche qui si descrive il quadro con precisione e poi si traggono conclusioni illogiche: assieme alla disforia di genere, spessissimo si rilevano patologie psichiche gravi, tra cui anche la tendenza al suicidio. Depressioni, ansie, psicosi, associate alla difficoltà di focalizzare se stessi e la propria identità, devastano queste persone che vivono sofferenze profonde e la statistica ne rileva i drammi. Non possiamo rispondere ad un problema tanto grave con una soluzione superficiale come i corsi contro le discriminazioni di genere, fingendo che un bullismo qualunque possa essere l’unica causa di queste altissime percentuali di tentato suicidio.

Anche la Chiesa, tanto attenta alle sofferenze dell’umanità, non può accontentarsi di dare risposte da baci Perugina, derubricando angoscianti mali di vivere a banali sensi di esclusione.

La società si sta sgretolando insieme all’aumento costante di divorzi, alla diminuzione delle relazioni stabili, alla moltiplicazione di situazioni di figli sballottati da una mezza famiglia ad un’altra, con un genitore perso di vista o magari odiato perché se n’è andato a rifarsi una vita altrove. I ragazzi hanno sempre meno riferimenti familiari sicuri, non sanno chi sono né chi vorrebbero diventare. E la risposta sarebbero i corsi anti bullismo a scuola?

Negare pervicacemente che l’omosessualità e la disforia di genere abbiano una connessione con le vicissitudini familiari subite e catalogarle banalmente in semplici varianti della sessualità impedisce l’analisi del problema e la ricerca di soluzioni vere, trattando i dolori di esistenze sperdute come malattie immaginarie. Come si fa a far sentire accolto qualcuno veramente se non si accoglie con onestà prima di tutto la sua storia?

In effetti servirebbe «una maggiore consapevolezza ad opera dell’opinione pubblica e un adeguato sostegno», ma per dare risposte che siano vere e non baggianate da gessetti colorati o peggio, come il pene femminile del trans di Windsor.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

15/11/2018
2105/2019
Santa Caterina da Genova

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Le ragioni del voto di Domenica

PERCHE’ UN “RENZIANO DELLA PRIMA ORA” DEVE VOTARE NO

Leggi tutto

Politica

I traguardi e gli obiettivi

Conclusa questa fase e la necessaria pausa estiva, a settembre una nuova assemblea nazionale di tutti gli iscritti al Popolo della Famiglia determinerà le decisioni che riguarderanno il traguardo elettorale del marzo 2018, quando superando lo sbarramento del 3% grazie al fatto che si potrà votare Pdf non in 35 comuni ma in tutti gli oltre ottomila comuni d’Italia, i “quattro gatti” (come sprezzantemente alcuni ci definivano) già trasformatisi in centomila gatti nei citati 35 comuni, diventeranno almeno un milione di gatti in tutta Italia. Chi ha paura del fatto che il Popolo della Famiglia raggiunga il suo obiettivo e possa con decine di parlamentari bloccare davvero ogni ulteriore legge contro la vita e contro la famiglia naturale, proponendo invece la straordinaria rivoluzione del reddito di maternità, del quoziente familiare, del diritto universale a nascere e ad essere curati, contrapposto al terribile nichilismo mortifero dei falsi diritti all’aborto e all’eutanasia? Perché considerare un male il Pdf, battersi con tutte le forze contro di esso, se si dice di condividerne le stesse ragioni ideali? Mistero misterioso. O forse neanche tanto, le miserie umane di chi si era promesso a questo o a quel partito con addosso la maglietta del Family Day appartengono all’inevitabile. Rafforzano la nostra determinazione, sappiamo di dover combattere censure e danni procurati di ogni tipo, così chi si mette in battaglia al nostro fianco arriva preparato e ben presto si corazza. E rivolge ai cecchini del fuoco amico la domanda fatidica: ci sparate addosso per conto di chi, l’alternativa al Popolo della Famiglia qual è, una legislatura come quella appena passata? La proposta unitaria rimane per noi sul tavolo: ritroviamoci tutti nel Popolo della Famiglia, che ha porte aperte e finestre spalancate, ha memoria utilmente corta se serve e non serba rancore. Uniti potremmo davvero strappare l’Italia alla cultura di morte che la ghermisce. Tutti iscritti al Pdf, facciamo la storia, come è scritto sulla nostra tessera 2017. Facciamola insieme, si può sul serio.
Noi comunque proseguiamo per la nostra strada, pregando e agendo. Che lo sguardo benevolo di Maria Vergine protegga tutti noi, che Dio benedica l’Italia, che Dio benedica il Popolo della Famiglia.

Leggi tutto

Politica

Da oggi si marcia verso le politiche

Il risultato conseguito dal Popolo della Famiglia a Ostia testimonia di una crescita costante e lenta, ma decisa: il risultato di Giovanni Fiori e della sua squadra permette di lasciarsi alle spalle la “sindrome dello zerovirgola”, ma il mandato che questi fatti offrono ai militanti è una serie di accorgimenti per essere ancora più incisivi nel radicare fattivamente la proposta del PdF

Leggi tutto

Chiesa

L’esempio del Papa: i poveri invitati a pranzo

Anche dell’iniziativa di Francesco, che ha voluto pranzare con 500 persone in stato di bisogno, si è parlato ieri sera su Radio Mater

Leggi tutto

Politica

Alcune puntualizzazioni sulla liceità della lettera di sostegno al Popolo della Famiglia

Dati i nervosismi tra non pochi detrattori del movimento politico sorto dalle ceneri dei Family Day, occorre ribadire alcune direttrici fondamentali

Leggi tutto

Società

Alfie: se questo (non) è un bimbo

«Alfie non era più e forse non era mai stato un bambino»: tra le tante perle d’insulto mortale sciorinate sui media nelle ultime settimane questa di Laura Zambelli Del Rocino raggiunge una qualche posizione apicale. L’articolista parla della vicenda sanitaria del proprio padre senza vedere che proprio in quella sta la chiave – l’unica – per una sanità che non sia disumana.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano