Storie

di Mario Adinolfi

La questione Rocco Siffredi

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Il pornoattore e produttore pornografico residente a Budapest Rocco Siffredi mi ha rivolto tramite una trasmissione radiofonica una frase violentemente ingiuriosa. Per non lasciarvi nella inutile curiosità faceva riferimento ad un secondo lui “evidente” desiderio che io avrei di essere posseduto carnalmente da lui, desiderio che lui si dice pronto a soddisfare perché le mie critiche alla sua attività lavorativa deriverebbero appunto da questa mia ambizione non realizzata, a cui pare che lui volentieri si dedicherebbe, credo dopo contrattato un adeguato compenso. Ho dovuto impiegare dieci righe per parafrasare un concetto che certamente nella sua estrema volgarità era anche più chiaro e persino comunicativamente efficace.

Mi è capitato due o tre volte di parlare di Siffredi, così come si utilizza la figura retorica della sineddoche: la parte per il tutto. Dico Siffredi per rendere in un volto noto il mondo della pornografia, del business più redditizio dei tempi del web. Ho letto alcuni titoli secondo cui avrei definito Siffredi “il male”. Per carità. Rocco Siffredi è un uomo di una spiccata intelligenza, di grande operosità, credo sinceramente dedito alla moglie Rosza e ai figli. Rocco Siffredi non è “il male”. Il business a cui da oltre trent’anni si dedica ha senza dubbio dei contorni demoniaci e fu lui stesso a affermarlo davanti a milioni di italiani anni fa, quando dichiarò di voler abbandonare il mondo del porno perché voleva “liberarsi dai suoi demoni” e perché altrimenti avrebbe rischiato di perdere la moglie. Siffredi stava partecipando allora all’Isola dei Famosi e dopo una settimana di riflessione in una condizione di pressoché totale isolamento sorprese la tv italiana con quella confessione che appariva molto sincera.

Poi, tornato in Italia dopo l’esperienza del reality, si rimangiò l’impegno e il resto è cosa nota. Il mondo del porno è stato definito più volte da Siffredi stesso “una schifezza”, con scene meccaniche, maschi robotici e femmine tutte uguali secondo canoni estetici prefissati, zero passione e zero gioia. Io non ho fatto altro che citarlo. Anche secondo me la pornografia è “una schifezza”, per niente eccitante, solo molto deprimente. Ma è certamente un pazzesco business. The Economist ha fissato nel 2015 il valore dell’industria del porno a livello mondiale in 50 miliardi di dollari, secondo gli studi più recenti il valore avrebbe sfondato nel 2018 il tetto dei 100 miliardi di dollari grazie ai portali gratuiti che sono di gran lunga i siti più visitati sul web. L’accesso è libero e dunque l’immaginario sessuale dei preadolescenti si forma ormai fin dagli 11 anni su YouPorn e su Xhamster, con conseguenze devastanti sulla crescita e maturazione sessuale successiva.

Siffredi è uno degli attori e produttori più forti del settore e il suo patrimonio è calcolato in decine di milioni di euro, da alcune fonti addirittura in centinaia. In più è italiano e l’Italia ha avuto sempre nei confronti della pornografia una sorta di licenziosa simpatia, forse per emanciparsi dall’immagine di paese bacchettone per via della presenza della Chiesa. Così siamo l’unica nazione al mondo ad aver eletto in Parlamento una pornostar nel pieno della sua attività così come siamo l’unico sistema culturale al mondo ad aver idealizzato una serie di pornoattori facendone una sorta di icone e persino di intellettuali, come appunto capita a Siffredi, ormai protagonista di interviste su settimanali patinati in cui l’intervistatore è addirittura un prete intimidito, oltre che di programmi radiofonici e televisivi di varia natura.

Io considero la pornografia un business che genera il male per i nostri figli e la loro corretta maturazione sessuale, oltre che un mercato di prostituzione d’alto bordo in cui l’immagine della donna è brutalmente mercificata e umiliata. La donna è a disposizione del maschio, che spesso nei video porno simula pure la violenza, addirittura con “categorie” apposite per l’incesto, lo stupro, il sesso con donne anziane o con particolari caratteristiche fisiche. Questo mercato di filmettini senza ovviamente alcun valore narrativo o artistico si nutre solo dell’infinita riproposizione dell’atto sessuale nudo e crudo, con un continuo close up sui genitali. Quanto di più terrificante e deflagrante si possa immaginare per la costruzione di una maturazione sessuale di un preadolescente, la cui educazione su queste materie è ormai appaltata ai siti porno.

Questo è un bene? No, è evidentemente un male. Questa è la verità e la verità ha questo di bello, non c’è bisogno di dimostrarla. Basta mostrarla. Io non ho mai definito Siffredi “il male”, non ho mai detto che non deve più tornare in Italia. Dico, per usare le sue parole, che la pornografia “è una schifezza”, che il mondo dell’hard è meccanico e cupo, che è un business multimiliardario in dollari che va fermato perché lede per il profitto di pochi i diritti dei minorenni a una maturazione sessuale libera e consapevole, perché mercifica e umilia la figura della donna, perché offre una immagina totalmente distorta e spesso violenta delle relazioni tra i sessi. Ho proposto da tempo come Popolo della Famiglia la black list dei siti porno, sul modello del gioco d’azzardo: ci si accede solamente inviando i propri documenti per dimostrare di essere maggiorenni e ottenere una password personale. Sono certo che se applicassimo questa semplice idea del PdF, il traffico sui siti porno crollerebbe del novanta per cento, insieme al valore del relativo business.

Per questo Siffredi mi attacca sul piano personale con tanta violenza e volgarità. Perché sono il primo in Italia ad aver avanzato una proposta concreta per limitare il suo giro d’affari, per intaccare l’unico motore che muove quel mondo: i soldi. In realtà cerco di dargli la possibilità di dimostrare che vale qualcosa al di là dei centimetri per cui è noto che lo spingevano, lo dichiarò alla stessa trasmissione dalla quale mi ha attaccato, a “andare a duecento all’ora in macchina sperando di schiantarmi”. Siffredi sa bene che quel che fa è male. Ma non vuole sentirselo dire. Tutto lo prendono dalla parte del pelo, lo coccolano, ammiccano, magari lo invidiano pure. Io lo prendo contropelo ma non gli dico nulla che lui già non sappia, su cui lui non abbia già dichiarato. Rimangiandosi sempre gli impegni assunti pubblicamente, a cui io però lo richiamo: abbandoni il mondo del porno e sostenga la proposta di black list dei siti hard del Popolo della Famiglia, sarebbe il perfetto testimonial. Si liberi davvero dai suoi demoni. Sarà più felice lui e renderà felice la moglie, mostrandosi come un esempio per i suoi figli. Ci può essere qualcosa di più bello? Dai, Rocco, sai bene che te la prendi con me perché in fondo vorresti dire sì alla mia proposta. Quanto alla tua, grazie, come se avessi accettato.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

16/11/2018
1112/2018
San Damaso papa

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Vogliono il mondo di Frankenstein e usano i bambini

Il “gioco del rispetto” in 45 scuole dell’infanzia a Trieste altro non è che il tentativo di contrapporre l’indifferenziato all’identità, anche sessuale, persino dei più piccoli

Leggi tutto

Chiesa

Perchè la Chiesa tace ?

Serve che si capisca la straordinarietà di questo tempo, la rapidità dei tempi con cui tutto questo sta accadendo. Serve chi sappia organizzare una risposta netta e su ampia scala. Serve erigere una diga altrimenti saremo travolti senza neanche accorgercene e i deboli resteranno senza difesa alcuna e noi che sappiamo senza giustificazione alcuna. Ora serve fare, rispondere, combattere, spiegare. Serve non temere di poter essere irritanti. Ora l’essere accomodanti proprio non basta più.
Ora serve essere, e fino in fondo, cristiani.

Leggi tutto

Società

Noemi la ragazza assassinata due volte

La propaganda sui femminicidi ha raggiunto livelli di ipocrisia mai visti: a parole le istituzioni sono pronte a dare un braccio per la difesa delle donne, ma poi si limitano ad azioni di facciata tanto ridicole quanto ininfluenti (tipo le iniziative parolaie della Boldrini, le sue rimozioni di busti maschili dalle sale del parlamento, le sue dichiarazioni di indignazione a singhiozzo). Quel che serve per proteggere una donna sotto la minaccia della violenza maschile è un intervento netto e deciso, fisico, materiale: un foglio di carta di diffida non protegge, un ammonimento verbale non fa desistere, un’indagine in corso che dura mesi non previene. Se è vero che anche i colpevoli hanno diritto ad un percorso di recupero, che esso sia vero ed efficace: ci sono stalker che si fanno qualche mese di galera e poi, quando tornano in libertà, si rimettono a perseguitare la propria vittima tale e quale a prima.

Leggi tutto

Società

Il triste contabile

Chi ha letto O capiamo o moriamo conosce il lavoro da triste contabile che ho compiuto nell’undicesimo capitolo, intitolato “Il secolo del fondamentalismo islamico”. Si tratta del capitolo più lungo, 23 pagine, perché ho messo in fila uno per uno tutti gli attentati di matrice islamica compiuti con spargimento di sangue dall’11 settembre 2001 a oggi. Dal World Trade Center siamo partiti, al World Trade Center siamo tornati sedici anni dopo. Nel mezzo, una scia interminabile di morte e di dolore e di paura a cui abbiamo reagito nella maniera peggiore possibile: con l’assuefazione.

Leggi tutto

Storie

101 VERBI - COSE FATTE E SUGGERIMENTI

Ringraziare è anche condividere e allora vai con i 101 diversi verbi che pensavo di far diventare un nuovo libro e che invece voglio regalare a voi che mi seguite sui social, alla fine per farvi i fatti miei e allora che siano raccontate le cose fatte, in una vita che è stata anche devastata e devastante, ma ha corso al ritmo serrato di una opera rock. Nessuno si è annoiato.

Leggi tutto

Società

10 figli e molte famiglie guardano a Raffaella

È un’appassionata sostenitrice del ruolo del Consulente Familiare, è stata per sei anni presidente dell’Associazione Nazionale Famiglie Numerose e sa di cosa parla, avendo messo al mondo dieci figli. «Tutte le famiglie numerose vivono una sorta di riprovazione sociale – dice – e mancano sia riforme fiscali che incentivino la prolificità sia un giusto riconoscimento della maternità»

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2018 La Croce Quotidiano