Media

di Claudia Cirami

Giorgio Ponte torna con il terzo capitolo della sua trilogia Sotto il cielo della Palestina

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Giorgio Ponte torna con il terzo capitolo della sua trilogia Sotto il cielo della Palestina dedicata ai personaggi minori dei Vangeli. Dopo Levi e Giairo, è la volta di Yocabe, che è, al tempo stesso, la protagonista della narrazione e il titolo del libro, acquistabile anche su Amazon e Ibs. Sulle storie di questi personaggi evangelici, prima dell’incontro con Cristo, si posa il silenzio degli evangelisti. Questo vuoto di informazioni viene colmato dalla fantasia di Ponte che si muove con l’abilità che lo contraddistingue. Con questo ultimo libro, lo scrittore si incammina, ancora una volta, per le strade della Palestina e noi lettori con lui, avvinti dalla bellezza del suo racconto.

La perizia di Ponte nel riuscire a dare carne e anima ai personaggi che descrive è ormai nota. La protagonista del suo ultimo lavoro, Yocabe, è perfettamente tratteggiata nella sua fragilità. È una donna che vive un dolore capace di divorare l’amore che le è stato donato, giorno dopo giorno, morso dopo morso. Con la determinazione di chi pensa di non aver diritto ad essere felice, Yocabe scende i gradini della sofferenza e dell’abiezione: il suo inferno non conosce fiamme, ma scelte rovinose. Ponte è in grado di seguirla nel suo lento scivolare in una vita che lei contempla da alienata, ma che continua a trascinare con sé perché sente di meritare tutta la sofferenza autoinflittasi. Yocabe è una dei tanti vinti della storia: è una creatura il cui sogno di felicità è appassito, permettendo che l’amarezza fluisse come colata lavica, depositandosi sul cuore. In lei ogni sconfitto della vita potrebbe riconoscersi, perché il dialetto del senso di fallimento è universale.

Accanto a Yocabe sono presenti altri personaggi, altrettanto ben costruiti, che sono perfettamente inseriti nella storia. Essi ci consegnano, ognuno in modo differente, un frammento di riflessione sull’umanità che, sottomessa al dolore fin dal primo peccato, attende con ansia la parola di guarigione e salvezza. Un merito particolare ascritto a Ponte è aver dato vita a Yohanna, uno dei personaggi più apprezzabili: la sua docile fermezza di fronte alla sofferenza travolgente della protagonista è una lezione per tutti. Sappiamo che ci sono diversi modi di reagire al male, ma da Yohanna impariamo che uno solo è quello vincente, alla fine della storia, ed è lo stesso che ci richiede il Vangelo: amare il prossimo come noi stessi. Nel racconto di Yocabe ogni personaggio ci offre uno spaccato del mondo palestinese di due mila anni fa: eppure, dietro il vetro di un tempo e di un luogo che non ci appartengono, è possibile scorgere il nostro tempo, che poi è il tempo dell’uomo di ogni epoca, con le sue gioie e i suoi drammi, i suoi pregiudizi e le sue speranze. Yocabe diviene la punta dell’iceberg, visibile sulla superfice del mare, di un dolore oscuro, sordo, nato nel peccato, che, in modi e per vie differenti, non è comune solo agli altri personaggi della storia narrata dallo scrittore, ma a tutti noi.

Solo Lui, solo Gesù di Nazareth – Yeshua nel racconto di Ponte – troverà le parole giuste per spezzare questa catena interiore di dolore. Lui che, nelle pagine di Ponte, compare e sparisce come una meteora, ma lascia una scia di luce che rischiara l’oscurità. Nessuna notte è più tale nell’incontro con il Nazareno, portando già in sé già le promesse di un’alba di risurrezione. L’umanità, qui rappresentata egregiamente da Yocabe, si scopre in attesa della Parola che salva, che libera, anche quando pensava di non aver più nulla da aspettare. Nella vicenda di questa fragile protagonista, Gesù di Nazareth non si discosta dall’immagine che ci lasciano i Vangeli: lo scrittore non si lascia condurre dal desiderio di “vestirlo a suo piacere”. Ponte che, nelle sue storie sui personaggi minori, esercita al massimo grado l’immaginazione, è intensamente rispettoso del dettato evangelico. Il risultato è un Gesù che, prima ancora di appartenere alla penna dello scrittore, appartiene al lettore, perché è lo stesso che è abituato a frequentare nella pagina scritturistica.

L’idea di Ponte di farsi domande e darsi risposte in forma narrativa sui personaggi minori dei Vangeli si caratterizza come un ulteriore approfondimento di quanto ci riferiscono gli evangelisti. Quello che – come credenti – sappiamo fare è riportare ogni parola della Sacra Scrittura alla nostra vita. Così i personaggi minori raramente sono considerati in sé: più spesso, invece, ci “servono” perché, attraverso il loro incontro con Cristo, possiamo illuminare una zona d’ombra della nostra vita spirituale. Eppure questi uomini e donne, di cui il Vangelo ci dice poco o nulla, prima di essere strumenti per noi di meditazione e di preghiera, hanno avuto una vita, hanno provato un dolore, ne sono stati guariti.

È vero: Ponte filtra le loro esistenze attraverso la propria immaginazione, avendo anche lui, come noi, carenza di elementi per ricostruire le loro reali vicende. Eppure, il suo lavoro appare prezioso per restituire, almeno in parte, una storia a chi ne è stato privato, seppure per una causa più grande come quella del Vangelo. Riflettere su queste narrazioni non è, per altro, un ostacolo al nostro cammino di fede. Entrare nelle profondità dell’incontro di questi personaggi minori con il Nazareno ci apre una nuova prospettiva. Attraverso il racconto di Ponte, scopriamo che, in qualsiasi modo sia andata la storia antecedente, la loro pena è stata reale, la loro fatica per arrivare all’incontro che cambia la vita è stata immane, i loro passi sono stati autentici sia nella via impervia del dolore che in quella fiorita della speranza e della gioia interiore. Siamo grati all’autore di Io e Marta – il suo libro-rivelazione, il primo successo di Ponte – di averci portato con sé in una Palestina rivisitata dalla sua immaginazione, ma vicina al nostro cuore, perché estremamente simile ai tanti luoghi di sofferenza che ben conosciamo. Dove è facile smarrirsi, abbruttirsi, incancrenirsi. Soprattutto, però, gli siamo grati di averci indicato ancora una volta che nell’incontro con Lui c’è la possibilità – se la Grazia è accolta – di uscire dai nostri inferni.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

13/12/2018
2909/2020
Ss. Michele, Gabriele e Raffaele arcangeli

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Che spreco terribile è questo popolo che si disperde

Oggi più che mai siamo tutti chiamati ad essere i nuovi intellettuali, ad esercitare cioè la libertà di ragione e di coscienza, contribuendo tutti a ricostruire un pensiero pubblico che sappia e odori di umano. Non siamo chiamati a giocare tra chi pensa di essere il depositario esclusivo della Verità: siamo chiamati a metterci sulle spalle la croce della pazienza, della sapienza e della lungimiranza. Abbandonando le aspirazioni personali, le pretese e tutto ciò che fa parte del fardello dell’uomo fragile.

Leggi tutto

Politica

Il Popolo della Famiglia ed il voto

Il riepilogo dei risultati del 2016 ci ricorda che abbiamo superato lo sbarramento solo a Cordenons. L’obiettivo di queste elezioni del 2017 per il Popolo della Famiglia è intanto quello di superare lo sbarramento in più di un comune, oltre a quello di raddoppiare almeno la media nazionale del nostro consenso. Avere un Pdf che possa contare su altri eletti nelle amministrazioni locali, con una percentuale di voto nazionale oscillante tra il 2% e il 3% sarebbe un ottimo viatico per lo sforzo finale in vista delle politiche. In termini assoluti ai 52.824 voti raccolti dai candidati sindaco del Popolo della Famiglia nel 2016, ne vorremmo aggiungere altrettanti nonostante i votanti di questa tornata siano molti di meno e sia prevista anche un affluenza non altissima. Ma lo sforzo delle nostre candidate sindaco donne come Lucianella Presta e Manuela Ponti, dei nostri candidati sindaco brillanti come Lorenzo Damiano e Luca Grossi, come Maurizio Schininà e Mirko Ghirlanda, come Zecchinato Gallo e Pietro Marcazzan sarà premiato oltre le attese. Altri cinquantamila voti significherebbe avere costruito una forza politica che può contare, sugli appena 35 comuni in cui ha testato la propria presenza, su centomila simpatizzanti. Vi

Leggi tutto

Società

Occupazione oggi: una recensione critica

In concomitanza con la 48esima Settimana Sociale dei cattolici italiani è uscito nelle librerie l’ultimo saggio del gesuita Francesco Occhetta, redattore de La Civiltà Cattolica. Il tema è appunto il lavoro: tra ricostruzioni, statistiche e pronostici il giornalista appare un entusiasta cantore del “lavoro 4.0”, che consisterebbe nel disporre giovani sempre più formati a vite sempre più precarie. Saggio pregevole, manca tuttavia di sguardi oltre il Terziario

Leggi tutto

Storie

Per la bella Addormentata (e per il Principe)

Desta doloroso stupore – per l’inconsistenza della nostra temperie culturale – il consenso virale raggrumatosi attorno al tweet di tale Sarah Hall che invitava a bandire la lettura de La bella addormentata in quanto gravemente diseducativa, con quel bacio non consensuale che dischiude la fiaba al lieto fine. È già molto triste che degli occidentali non sappiano cogliere gli archetipi del genere fiabesco, ma che li si ascolti è anche peggio

Leggi tutto

Politica

Cattolici: quantità e qualità

I due studi più recenti (Ipsos e Eurispes) concordano su un dato: si definiscono “cattolici” oltre il 70% degli italiani, per Ipsos sono il 74.4%, per Eurispes il 71.1%. Stiamo parlando di circa 45 milioni di persone, una enormità. E infatti se andiamo a cercare i dati sulla pratica religiosa, i cattolici praticanti, quelli che vanno alla messa domenicale sono molti di meno: circa un quarto degli italiani. Ipsos fa una interessante distinzione: l’11.2% lo definisce “cattolico impegnato”, cioè va a messa ed è attivo in parrocchia o nell’associazionismo; poi c’è un 15.8% di “assidui scarsamente impegnati” che dunque vanno a messa una o due volte al mese o anche tutte le settimane ma comunque non avvertono un coinvolgimento né nella dimensione ecclesiale né nell’associazionismo. Il rapporto Ipsos è del novembre 2017, dunque i dati sono recentissimi e sembrano fotografare una condizione di realtà. Volendo fare riferimento ai soli cattolici impegnati, stiamo parlando comunque di un popolo di poco inferiore ai sette milioni di italiani.

Leggi tutto

Politica

Un ultimo sforzo

L’ultimo sforzo che dobbiamo produrre in vista delle elezioni amministrative del 10 giugno serve proprio a questo: dimostrare una ulteriore capacità di raccolta del consenso, che dia un segnale di crescita rispetto allo 0.7% ottenuto alle politiche del 4 marzo. Se tre mesi dopo dovessimo farci trovare in buona salute elettorale, aumentando significativamente la nostra percentuale di voti, sarebbe la conferma che tutto questo colossale lavoro compiuto a mani nude sta pagando e con ulteriore costanza otterremo in futuro risultati ancora migliori, soprattutto quando spunterà la inevitabile disillusione verso l’azione del governo a trazione grillina.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2020 La Croce Quotidiano