Media

di Claudia Cirami

Giorgio Ponte torna con il terzo capitolo della sua trilogia Sotto il cielo della Palestina

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Giorgio Ponte torna con il terzo capitolo della sua trilogia Sotto il cielo della Palestina dedicata ai personaggi minori dei Vangeli. Dopo Levi e Giairo, è la volta di Yocabe, che è, al tempo stesso, la protagonista della narrazione e il titolo del libro, acquistabile anche su Amazon e Ibs. Sulle storie di questi personaggi evangelici, prima dell’incontro con Cristo, si posa il silenzio degli evangelisti. Questo vuoto di informazioni viene colmato dalla fantasia di Ponte che si muove con l’abilità che lo contraddistingue. Con questo ultimo libro, lo scrittore si incammina, ancora una volta, per le strade della Palestina e noi lettori con lui, avvinti dalla bellezza del suo racconto.

La perizia di Ponte nel riuscire a dare carne e anima ai personaggi che descrive è ormai nota. La protagonista del suo ultimo lavoro, Yocabe, è perfettamente tratteggiata nella sua fragilità. È una donna che vive un dolore capace di divorare l’amore che le è stato donato, giorno dopo giorno, morso dopo morso. Con la determinazione di chi pensa di non aver diritto ad essere felice, Yocabe scende i gradini della sofferenza e dell’abiezione: il suo inferno non conosce fiamme, ma scelte rovinose. Ponte è in grado di seguirla nel suo lento scivolare in una vita che lei contempla da alienata, ma che continua a trascinare con sé perché sente di meritare tutta la sofferenza autoinflittasi. Yocabe è una dei tanti vinti della storia: è una creatura il cui sogno di felicità è appassito, permettendo che l’amarezza fluisse come colata lavica, depositandosi sul cuore. In lei ogni sconfitto della vita potrebbe riconoscersi, perché il dialetto del senso di fallimento è universale.

Accanto a Yocabe sono presenti altri personaggi, altrettanto ben costruiti, che sono perfettamente inseriti nella storia. Essi ci consegnano, ognuno in modo differente, un frammento di riflessione sull’umanità che, sottomessa al dolore fin dal primo peccato, attende con ansia la parola di guarigione e salvezza. Un merito particolare ascritto a Ponte è aver dato vita a Yohanna, uno dei personaggi più apprezzabili: la sua docile fermezza di fronte alla sofferenza travolgente della protagonista è una lezione per tutti. Sappiamo che ci sono diversi modi di reagire al male, ma da Yohanna impariamo che uno solo è quello vincente, alla fine della storia, ed è lo stesso che ci richiede il Vangelo: amare il prossimo come noi stessi. Nel racconto di Yocabe ogni personaggio ci offre uno spaccato del mondo palestinese di due mila anni fa: eppure, dietro il vetro di un tempo e di un luogo che non ci appartengono, è possibile scorgere il nostro tempo, che poi è il tempo dell’uomo di ogni epoca, con le sue gioie e i suoi drammi, i suoi pregiudizi e le sue speranze. Yocabe diviene la punta dell’iceberg, visibile sulla superfice del mare, di un dolore oscuro, sordo, nato nel peccato, che, in modi e per vie differenti, non è comune solo agli altri personaggi della storia narrata dallo scrittore, ma a tutti noi.

Solo Lui, solo Gesù di Nazareth – Yeshua nel racconto di Ponte – troverà le parole giuste per spezzare questa catena interiore di dolore. Lui che, nelle pagine di Ponte, compare e sparisce come una meteora, ma lascia una scia di luce che rischiara l’oscurità. Nessuna notte è più tale nell’incontro con il Nazareno, portando già in sé già le promesse di un’alba di risurrezione. L’umanità, qui rappresentata egregiamente da Yocabe, si scopre in attesa della Parola che salva, che libera, anche quando pensava di non aver più nulla da aspettare. Nella vicenda di questa fragile protagonista, Gesù di Nazareth non si discosta dall’immagine che ci lasciano i Vangeli: lo scrittore non si lascia condurre dal desiderio di “vestirlo a suo piacere”. Ponte che, nelle sue storie sui personaggi minori, esercita al massimo grado l’immaginazione, è intensamente rispettoso del dettato evangelico. Il risultato è un Gesù che, prima ancora di appartenere alla penna dello scrittore, appartiene al lettore, perché è lo stesso che è abituato a frequentare nella pagina scritturistica.

L’idea di Ponte di farsi domande e darsi risposte in forma narrativa sui personaggi minori dei Vangeli si caratterizza come un ulteriore approfondimento di quanto ci riferiscono gli evangelisti. Quello che – come credenti – sappiamo fare è riportare ogni parola della Sacra Scrittura alla nostra vita. Così i personaggi minori raramente sono considerati in sé: più spesso, invece, ci “servono” perché, attraverso il loro incontro con Cristo, possiamo illuminare una zona d’ombra della nostra vita spirituale. Eppure questi uomini e donne, di cui il Vangelo ci dice poco o nulla, prima di essere strumenti per noi di meditazione e di preghiera, hanno avuto una vita, hanno provato un dolore, ne sono stati guariti.

È vero: Ponte filtra le loro esistenze attraverso la propria immaginazione, avendo anche lui, come noi, carenza di elementi per ricostruire le loro reali vicende. Eppure, il suo lavoro appare prezioso per restituire, almeno in parte, una storia a chi ne è stato privato, seppure per una causa più grande come quella del Vangelo. Riflettere su queste narrazioni non è, per altro, un ostacolo al nostro cammino di fede. Entrare nelle profondità dell’incontro di questi personaggi minori con il Nazareno ci apre una nuova prospettiva. Attraverso il racconto di Ponte, scopriamo che, in qualsiasi modo sia andata la storia antecedente, la loro pena è stata reale, la loro fatica per arrivare all’incontro che cambia la vita è stata immane, i loro passi sono stati autentici sia nella via impervia del dolore che in quella fiorita della speranza e della gioia interiore. Siamo grati all’autore di Io e Marta – il suo libro-rivelazione, il primo successo di Ponte – di averci portato con sé in una Palestina rivisitata dalla sua immaginazione, ma vicina al nostro cuore, perché estremamente simile ai tanti luoghi di sofferenza che ben conosciamo. Dove è facile smarrirsi, abbruttirsi, incancrenirsi. Soprattutto, però, gli siamo grati di averci indicato ancora una volta che nell’incontro con Lui c’è la possibilità – se la Grazia è accolta – di uscire dai nostri inferni.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

13/12/2018
1112/2019
San Damaso papa

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

I media e le parole

I mezzi di comunicazione di massa tendono a svuotare il senso delle parole e senza senso di diventa pazzi, come quel personaggio di Dylan Dog che senza senso del linguaggio finisce suicida

Leggi tutto

Società

La Cassazione contro il matrimonio

Non ci sarà più obbligo di mantenere la controparte del contratto nuziale, una volta che sia stata verificata l’abilità di quest’ultima a lavorare. Incredibile silenzio delle femministe, a fronte di una legge che abolisce alcune tutele per le donne impegnate nella cura della casa e dell’educazione primaria. L’effetto sarà l’aumento del numero dei divorzî, dell’impegno sano e generoso dei carismi.

Leggi tutto

Società

Se un single adotta una down

La notizia impazza sulle pagine dei giornali come prodromica dell’annunciata e formidabile riforma Boschi sulle adozioni (nella quale, comunque, potranno continuare ad adottare «anche le
famiglie tradizionali» – sic!). La sola crudele certezza, invece, è che abbiamo costruito un sostrato sociale in cui otto coppie possono abbandonare una neonata solo perché affetta da trisomia 21

Leggi tutto

Società

A proposito della dichiarazione di Parigi

Sulle colonne di questo giornale ci pregiammo di pubblicare la “dichiarazione di Parigi”, che il 13 ottobre scorso un gruppo di luminari europei (grandi assenti gli italiani) ha firmato: in essa – il titolo recitava “Un’Europa in cui possiamo credere” – i massimi intellettuali del vecchio continente muovevano acutissime critiche all’establishment tecnocratico. A distanza di un buon mese, vogliamo tornare su quella pagina e rileggerla con occhio attento e critico.

Leggi tutto

Chiesa

I diritti si fondano su una natura umana oggettiva

La Santa Sede ribadisce la ferma «persuasione che le eventuali controversie tra i popoli non debbono essere risolte con il ricorso alle armi; ma invece attraverso il negoziato». D’altra parte, proprio la continua produzione di armi sempre più avanzate e “perfezionate” e il protrarsi di numerosi focolai di conflitto – di quella che più volte ho chiamato “terza guerra mondiale a pezzi” – non può che farci ripetere con forza le parole del mio santo Predecessore: «Riesce quasi impossibile pensare che nell’era atomica la guerra possa essere utilizzata come strumento di giustizia. È lecito tuttavia sperare che gli uomini, incontrandosi e negoziando, abbiano a scoprire meglio i vincoli che li legano, provenienti dalla loro comune umanità e abbiano pure a scoprire che una fra le più profonde esigenze della loro comune umanità è che tra essi e tra i rispettivi popoli regni non il timore, ma l’amore: il quale tende ad esprimersi nella collaborazione leale, multiforme, apportatrice di molti beni».

Leggi tutto

Politica

I 5 STRUMENTI PER LA VOLATA FINALE DEL PDF

Siamo al conto alla rovescia verso quel 4 Marzo nel quale il Popolo della Famiglia attende l’occasione per cambiare il mondo!

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano