Società

di Carla Stefanini

Se avessi avuto anch’io il Reddito di Maternità

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Non c’è niente da fare: le rimpatriate ridanno la carica e rimettono l’allegria. Sia le rimpatriate coi vecchi compagni di scuola, sia quelle con tutti i cugini e parenti che non vedi da una vita, sia quelle coi compagni di gioco di un tempo. Il fatto di rivedersi dopo tanto tempo e ritrovare quella sintonia, quelle battute, quella serenità del tempo passato, ti rinfranca l’anima, nonché lo spirito. Lo stesso vale per le Assemblee del Popolo della Famiglia. Ritrovarsi a distanza di mesi, con il lavoro per il Movimento svolto più o meno bene o più o meno proficuamente, ma con tutto l’ impegno e l’amore possibile, rivedere persone conosciute l’anno prima, o conoscerne di nuove; condividere con tutti loro gli sforzi, le delusioni, le sconfitte ma anche le soddisfazioni e le vittorie come pure le sofferenze, tutto questo rinforza lo spirito, rinnova l’allegria e rigerera l’impegno.

Ecco, appena terminata la IV assemblea del Popolo della Famiglia, dedicata all’appello ai nuovi ed attuali Liberi e Forti di don Sturzo, ho pensato che ne è valsa la pena essermi alzata alle 5.00 per prendere il treno e lasciare mio marito e i miei figli a casa. Ne è valsa la pena perché in questo periodo denso di tante cose che mi hanno un po’ affaticato, avevo bisogno di una bella rimpatriata. E così accogliendo il suggerimento di Giovanni Marcotullio a non demordere quando uno non si sente capace di fare o di dire, ho ripensato ad uno scritto che di getto ho buttato giù pochi giorni dopo che il Popolo della Famiglia ha presentato il progetto di legge di iniziativa popolare per il Reddito di Maternità. Progetto che io ritengo fenomenale, e che secondo me è talmente scontato da risultare rivoluzionario. Scontato perché il ruolo della donna che accudisce i figli e che in via esclusiva si dedica alla famiglia ed alla loro educazione è fondamentale e degno di una degna retribuzione.

Da piccola, a parte nella prima infanzia quando sognavo di fare la veterinaria, nel momento in cui mi chiedevano cosa volessi fare da grande, rispondevo la mamma e la casalinga.

E avrei voluto sposarmi giovane ed avere tanti figli. Ma siccome i Suoi pensieri non sono i nostri pensieri (e men che meno i miei!) mi sono sposata a 33 anni e sono diventata mamma a 35, 37, 41 e 43 (e sono convinta di esserlo diventata anche a 45 anche se per pochi giorni! - il mio terzo ed il mio quarto bimbo sono già Santi in Paradiso).

Quindi sono donna, moglie, mamma ed impiegata.

Quando ho scoperto di aspettare il mio primo bimbo, mi sono subito precipitata sicura dal mio datore di lavoro, annunciandole la mia intenzione di rimanere a casa in maternità facoltativa per un anno, appunto perché avevo il desiderio di accudire e di godermi il mio bambino.

Poi purtroppo però, parlando col commercialista, ho realizzato che il mio stipendio si sarebbe ridotto al 30% e siccome in quel periodo il mio stipendio era l’unico su cui si poteva contare, a malincuore e con la coda tra le gambe, ho comunicato al mio capo che avrei dovuto rinunciare al mio desiderio e quindi ho ripreso a lavorare quando mio figlio aveva 4 mesi (perché “fortunatamente” ho potuto lavorare fino all’ottavo mese di gravidanza).

Se il Reddito di Maternità fosse stato legge, non ci avrei pensato due volte ad usufruirne!!!

E non mi sarei sentita lesa nella mia dignità di donna emancipata, di donna che lavora… Avrei goduto del mio essere donna mamma.

Sarei stata a casa coi miei bimbi per otto anni.

Senza impazzire per “sistemarli” ogni giorno, senza sentirmi in colpa per dover farmi aiutare dai miei genitori o dai miei suoceri (che comunque sono sempre stati e lo sono tutt’ora un Dono ed una manna dal cielo), senza sentirmi in colpa con le colleghe quando i bimbi stavano male e almeno il primo giorno dovevo (e volevo!) stare con loro.

Senza arrovellarmi per far sì che ci fosse sempre qualcuno con loro in caso di sciopero a scuola o della sua chiusura oppure in caso di loro malattia.

Senza dover chiedere ogni giorno cosa hanno pranzato per inventarmi qualcosa di alternativo per cena.

Senza elemosinare un permesso per poter assistere alle recite scolastiche (e io devo ammettere che ho un datore di lavoro molto comprensiva, forse dato dal fatto che anche lei è mamma).

Io dico che la donna che lavora fa fatica il doppio a fare le cose e a far conciliare tutto: marito, figli, casa, lavoro, scuola, medico, pallone, catechismo, Popolo della Famiglia… (anche se io d’altro canto ho un marito che mi da una mano grandissima in casa, in baffo al gender!)

Io dico, pure, che una mamma casalinga, che si dedica esclusivamente alla famiglia, fa una gran fatica. Tutto il giorno a contatto con i figli e la casa, senza avere quel diversivo che comunque può essere il lavoro.

E quando sento rispondere alla domanda “che lavoro fai?” “Oh niente, sono casalinga”, penso che sia mortificare il proprio ruolo.

Il ruolo di genitore è difficile e lo sappiamo tutti.

Quando davanti alla scuola sento le mamme che parlano dei compiti dei figli e sanno per filo e per segno quali avevano da fare, l’orario scolastico giorno per giorno e le interrogazioni, mi sento inadeguata, perché io i miei bimbi li rivedo a pomeriggio inoltrato e quasi sempre hanno già studiato.

La mamma è un ruolo che va riconosciuto. È un ruolo che una donna deve essere libera di scegliere.

Una donna deve essere messa in grado di poter accudire la famiglia e la casa, se lo desidera, garantendole un sussidio che la possa sostenere nelle difficoltà (vedi la ragazza madre, la donna che magari ha un marito od un compagno che non lavora, la donna che vuole finire di studiare, la donna indigente che pensa di non poter sostenere una nuova vita…)

Il Reddito di Maternità è importante anche per i figli.

Siccome non si fanno più figli, e il motivo economico è una delle principali cause, € 1.000,00 mensili dalla nascita (o dalla adozione) fino all’ottavo anno del bambino, che si rinnova ad ogni nascita (od adozione) e con la venuta del 4° figlio o di un figlio disabile diventa un vitalizio, penso sia un deterrente meraviglioso alla piaga dell’aborto e conseguentemente alla denatalita’.

€ 1.000,00 al mese possono riaccendere l’economia perché la mamma che non ha mai lavorato (e che magari si sente anche in difficoltà a chiedere i soldi al marito o compagno), si ritrova con € 96.000,00 in otto anni da poter spendere per il bambino ma anche per se stessa e per la sua famiglia, andando a mangiare una pizza, andando al cinema, facendo acquisti…

La donna invece che lavora, potrà scegliere liberamente se stare a casa o meno. Ma sa che se lascia il lavoro avrà lo stesso un’entrata e la possibilità, magari, di potersi pagare i contributi ai fini pensionistici.

La donna che invece vuole lavorare (per mille ragioni) sarà libera di farlo e non usufruira’ del Reddito di Maternità; agirà secondo quanto stabilito dal proprio contratto.

La donna può fare qualsiasi cosa, andare sulla luna, vincere premi, avere carriera, condurre Master Chef, veder cambiata la grammatica denominandola “sindaca “ o “ministra”, può avere persino gli “attributi” maschili ed essere chiamata donna, ma è strano che desideri fare la mamma.

Paradossalmente la donna può fare la prostituta (e dovrebbe pure aprire la partita IVA), ma è assurdo che scelga di fare la mamma.

Se questa è la giostra, io voglio scendere.

Anzi no, se questa è la giostra, è bene che si vada a firmare per poter presentare la proposta di legge di iniziativa popolare del Popolo della Famiglia : il Reddito di Maternità.

Non scendiamo, ma investiamo sul futuro.

Investiamo sui nostri figli.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

23/01/2019
1902/2019
San Corrado da Piacenza

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Se il PDF trova la sponda della Chiesa

Questo è semplicemente avere chiara una verità che abbiamo ricevuto e che a nostra volta dobbiamo trasmettere, una verità che non possiamo tacere, una verità che sola basta a salvarci e che ci fa autenticamente liberi.

Leggi tutto

Politica

Vadecum per il voto amministrativo delle liste PDF

Per il Popolo della Famiglia, che è un movimento politico, la prova del nove è quella con le urne. A chi ci dice che siamo quattro gatti ricordiamo i risultati delle amministrative 2016, in cui già decine di migliaia di persone scelsero di mettere la croce sul nostro simbolo sostenendo i nostri candidati sindaco, con questi risultati nelle principali città:

Leggi tutto

Storie

In un attimo l’infinito di Carlotta Nobile

Ricordo che quando ero felice – scrive la giovane riandando all’infanzia – i miei fogli erano prevalentemente gialli. Quando ero triste arancioni. Non c’era così tanta differenza tra la mia gioia e il dolore. Solo un po’ di rosso in meno» (p.27). Il cancro ha messo alla prova queste parole mostrandole che gioia e dolore, nella sequela del Cristo Crocifisso, sono affratellati. Nella luce che promana dalla Croce c’è solo, come direbbe lei, «un po’ di rosso in meno».

Leggi tutto

Chiesa

La Chiesa Ucraina tuona contro il gender

Sono scesi in campo con una dura presa di posizione (mediante enciclica) contro la teoria gender i vescovi greco-cattolici ucraini. Prima c’era il regime sovietico, che imponeva una visione “ateistica” del mondo, presentata come “l’unica scientifica” e che privava gli uomini del diritto di professare liberamente la loro fede religiosa”. Oggi, le sfide sono simili, “modi ideologici di distruggere la fede cattolica” mettendo in discussione in maniera subdola “la fede e la moralità cristiana”, e tra queste sfide ci sono in particolare le teorie del gender.

Leggi tutto

Media

LA CROCE FESTEGGIA I 500 NUMERI

Il Popolo della Famiglia e La Croce sono strettamente uniti, pur in una reciproca sostanziale autonomia, perché fin dal primo numero noi abbiamo indicato una soluzione politica a questa terribile condizione di una pallina che rotola sul piano inclinato della nichilista cultura della morte che anima i nostri legislatori: farsi legislatori. Impegnarsi a dare un pugno al piano inclinato ribaltandolo, cercando consenso dopo aver svolto una capillare opera di informazione sui rischi che normative come quelle approvate contro la vita e contro la famiglia in questa legislatura comportano. Il cristiano non può disinteressarsi a quel che sta accadendo, non può rinunciare a battersi pensando che il male che si sta facendo non è affar suo o non può fermarlo. Non è davvero il tempo di cristiani tiepidi e mosci che alzano le mani e si arrendono senza aver neanche reso testimonianza alla grazia fondamentale derivante dall’incontro con Cristo e cioè la scoperta che non può esserci alcuna libertà fuori dalla verità. La Croce è nata per ribadire questa testimonianza cristiana, per analizzare con spirito di verità quel che “il mondo” ci propone nel tempo in cui ci è dato di vivere, senza ficcare la testa sotto la sabbia e comprendendo che alcuni atti che sono violentissimi perché legislativi necessitano una risposta competente, mediaticamente efficace e anche politicamente organizzata.

Leggi tutto

Società

Spiegare a Vauro ciò che non gli è chiaro

Il guaio grosso è che i genitori sostengono che l’ospedale menta sulle reali condizioni del bambino, quindi dalle cartelle cliniche non c’è da aspettarsi grandi novità: non ci vuole molto a ritoccare la misura della circonferenza cranica, ad esempio, per dimostrare che Charlie non è cresciuto negli ultimi mesi. *Marwa** *Bouchenafa tre mesi fa si è trovata in una situazione del tutto analoga a quella di Charlie: i dottori francesi volevano sospenderle la ventilazione e i genitori invece volevano mantenerla e, per il momento, è ancora viva grazie ad una decisione (sempre in bilico) dei giudici francesi. La sua famiglia, quando ha visto che aria tirava in ospedale, ha cominciato a presidiare la stanza e a filmare ogni giorno la piccola, a misurarla per conto proprio, cioè a radunare evidenze scientifiche sul suo stato di salute indipendenti dall’ospedale. E grazie a questo lavoro meticoloso sono riusciti a strappare ai giudici la sentenza favorevole.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano