Storie

di Mario Adinolfi

Gente che è stata muta

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Se fossi al governo farei di tutto affinché i migranti potessero arrivare non in Italia ma in Europa con il biglietto aereo da 700 euro e non con 4.000 euro dati agli scafisti. Sono per la riapertura di flussi concordati attraverso corridoi umanitari che azzerino totalmente il numero di morti in mare, trattati tra tutti i Paesi europei secondo le esigenze di ciascun Paese e la capacità di integrazione degli stessi. Per far questo sostengo il governo sul caso Sea Watch e trovo odiose le improvvisate dei parlamentari sulla nave olandese così come le manifestazioni “Non siamo pesci”, organizzate da gente che è stata muta quando il governo Gentiloni faceva impiantare i lager in Libia per provare a bloccare i flussi. È molto più “umanitario” oggi non far scendere i quaranta della Sea Watch. Perché è l’unico modo per fermare i flussi e costringere l’Europa a farsi carico davvero del tema immigrazione. E perché è un fatto che la dura politica dei porti chiusi ha fatto crollare gli sbarchi da oltre 300mila unità nel 2017-18 a 20 mila.

Meno sbarchi significa oggettivamente meno morti in mare e meno business sulla pelle dei migranti. L’alternativa attivata da Minniti, quella dei lager in Libia, è infinitamente più disumana. Solo che non vedevamo le sofferenze indicibili di quei migranti in quei luoghi di detenzione attivati dall’intesa tra il governo Gentiloni e i tagliagole libici (c’è uno splendido reportage di Francesca Mannocchi al riguardo). E dunque occhio non vede, cuor non duole. Sui quaranta della Sea Watch tenuti in mare per giorni facciamo i buoni perché li vediamo grazie a Orfini che fa passerella, i quarantamila detenuti nei lager per mesi non li vedevamo. Sapevamo che c’erano ma ce lo facevamo andar bene. Sulla Sea Watch è corretto chiedere la corresponsabilizzazione dell’Olanda. L’Italia si è resa disponibile a far scendere i migranti a patto di creare un immediato corridoio umanitario che li porti in Olanda, che è il Paese la cui bandiera sventola sulla prua della Sea Watch. Lo ritengo un comportamento ragionevole e corretto. Che poi Salvini abbia attivato anche il cinismo da campagna elettorale, seguito a ruota da Di Maio, non ho dubbi, è ovvio che è così.

A questo governo come Popolo della Famiglia non abbiamo mai fatto sconti, ma nel caso specifico il comportamento è quello corretto e chi protesta e fa sceneggiate è attivato dallo stesso cinismo, fa solo campagna elettorale. A noi interessa parlare di bene comune in materia di immigrazione e lo si fa solo tornando a istituire i flussi, trattandoli per quote a livello europeo, facendo arrivare i migranti integrabili per via aerea o con i corridoi umanitari, spazzando via il business dei mercanti di uomini in Africa e anche in Italia. Salvando così davvero migliaia di uomini, donne e bambini da morte certa nel Mediterraneo e ancora di più nel deserto che molti non riusciranno mai ad attraversare. E andando a prelevare dai Paesi africani migranti che siano veramente in stato di bisogno, perché quattromila euro a uno scafista li può dare solo chi appartiene al “ceto medio” africano e per questo il 90% di chi sbarcava sulle nostre coste negli anni passati era composto da maschi adulti. Troppi dei quali capaci poi di delinquere anche in forma organizzata (la mafia nigeriana è solo uno degli esempi, la fitta rete degli spacciatori tunisini, algerini e marocchini ne è un altro) in collaborazione con le forme nostrane di criminalità specie nel Sud Italia ma non solo.

Come Popolo della Famiglia proponiamo, forti della nostra ispirazione popolare e cristiana, una vera cultura umanitaria sull’epocale fenomeno delle migrazioni. Questa cultura, come già abbiamo proposto nel nostro programma per le elezioni del 4 marzo, si chiama “accoglienza sostenibile”, secondo l’insegnamento di Papa Francesco. Politicamente e operativamente accoglienza sostenibile significa fine drastica della politica degli sbarchi e attivazione di flussi migratori ordinati e concordati con corresponsabilizzazione proquota di tutti i Paesi europei. Il caso Sea Watch è un’opportunità in cui la necessaria durezza serve ad attivare questa sensibilità europea. Sbarchino i migranti solo se l’Olanda si rende immediatamente disponibile ad accoglierli sul proprio territorio. Pende un’istanza italiana presso la Cedu in questo senso, l’Europa decida in fretta e i parlamentari del Pd corresponsabili dei lager libici abbiano la decenza oggi di tacere, che le loro manifestazioni oscillano tra il patetico e il vergognoso. La signora Prestigiacomo, poi, non sa di che parla. Non siete pesci ma siete gente che è stata muta. E allora oggi non avete la dignità necessaria a dire parole in difesa di chi soffre.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

29/01/2019
2007/2019
Sant'Elia profeta

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Ecologia integrale, non ambientalismo

La solenne apertura dell’Anno Santo della Misericordia è stata oscurata da una improvvida polemica sullo spettacolo illuminotecnico “Fiat lux”, proiettato sulla facciata della basilica vaticana. Al netto dell’amarezza per l’occasione sfumata nella solita chiacchiera da salotto, alcune considerazioni vanno però fatte

Leggi tutto

Politica

LE COSE DA FARE PER IL POPOLO DELLA FAMIGLIA

La selezione dei nostri candidati alle amministrative nelle città importanti è già partita. Il segretario nazionale Gianfranco Amato ha presentato ufficialmente nella sua trasmissione su Popolo della Famiglia Tv (in onda anche sul digitale terrestre e sul canale 891 di Sky il lunedì alle 20) il grande Filippo Grigolini da cui ci aspettiamo un importante risultato nella sfida più appassionante del Nordest, quella per la carica di sindaco di Verona. A Crema presentiamo Luca Grossi, anche qui carichi di aspettative. Nei prossimi giorni Amato ufficializzerà le ulteriori candidature finché non copriremo tutto il territorio nazionale. Io personalmente mi occuperò di essere fisicamente presente anche nei comuni più piccoli per suscitare e sostenere liste del Popolo della Famiglia, ho già un calendario fitto di piccoli centri da scoprire da Riolo Terme venerdì a Borgomanero la settimana prossima e così via. Ovunque si voglia organizzare un’iniziativa con finalità di radicamento del Popolo della Famiglia io sono a disposizione basta scrivere a [email protected] e cercherò di farmi in quattro per arrivare.
Vorrei fosse chiaro a tutti: siamo alla prova decisiva, ci giocheremo molto del nostro percorso nei prossimi sei mesi e dobbiamo farci trovare assolutamente organizzati e pronti. Ripeto, un’occasione così non tornerà mai più. E dunque volare oooh, cantare oo-oo-oo-oh. Nel blu dipinto di blu del simbolo del Popolo della Famiglia, del manto di Maria che volga sempre il Suo sguardo benevolo su di noi.

Leggi tutto

Politica

Il quadro politico e l’occasione unica

La sconfitta di Matteo Renzi al referendum del 4 dicembre 2016, vorrei dire anche l’iscrizione di Tiziano Renzi nel registro indagati con telefonino messo sotto controllo a partire dal 5 dicembre 2016 (che fa il paio con la decadenza di Silvio Berlusconi dalla carica di senatore che rende compiuto l’assalto della magistratura al leader il 27 novembre 2013), la tenuta del Movimento Cinque Stelle che si dimostra realtà non transitoria ma destinata a divenare una sorta di paradossale “partito rivoluzionario istituzionale” e soprattutto la sentenza della Corte Costituzionale del 25 gennaio 2017 che cancella il ballottaggio tra liste dalla legge elettorale nota come Italicum, disegnano un sistema politico ignoto ai più perché mai messo alla prova secondo i nuovi meccanismi. Sarà bene invece immaginarli e capirli in anticipo, per comprendere quanto fragorosa sia la novità e quanto sia unica (vorrei dire miracolosa) l’occasione concessa al Popolo della Famiglia, probabilmente ultima per una riorganizzazione in soggetto politico autonomo di quella moltitudine di italiani che hanno dimostrato il loro attaccamento ai principi non negoziabili in occasione della partecipazione massiccia ai Family Day del 2015 e del 2016.
Per costoro la legislatura che con ogni probabilità si chiuderà alla fine del 2017 è stata la vera e propria prova generale del disastro incipiente. In quattro anni un sistema politico reso improvvisamente molto fragile dal nuovo tripolarismo all’italiana, che ha trovato come risposta al grillismo quella piuttosto asfittica della collaborazione tra centrodestra e centrosinistra attuata in varie forme (larghe intese con tutti o quasi al governo, patto del Nazareno,

Leggi tutto

Media

Vogliono tornare all’EIAR

Ho lavorato per molti anni in Rai e ne conosco bene il terribile sport che accomuna l’ipertrofica pianta organica dei dipendenti e dirigenti dell’azienda: fiutare il vento e piazzare la vela in conformità. Per chi ama la libertà delle idee è qualcosa che ti fa mancare l’aria, io mi dimisi addirittura da un contratto a termine, comprendo perfettamente la decisione di Milena Gabanelli di autosospendersi davanti all’umiliazione, come quella di Giletti e Floris (altro sgradito, molto sgradito a Renzi) di andarsene a La7.

Leggi tutto

Politica

Quanto ai lobbisti della borsa valori

Mentre Giorgia Meloni giustamente s’intesta le vittorie di Sicilia e
di Ostia, da alcuni improbabili pulpiti si alzano fumose rivendicazioni

Leggi tutto

Società

Ciascuno deve scegliere per se

In realtà l’#alleanza terapeutica esiste già, in Italia, e funziona. Ecco perché il biotestamento non ha altro scopo che quello di alleggerire i parenti e lo Stato.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano