Politica

di Mario Adinolfi

Le leggi formano il costume

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Ho trascorso anni a spiegare una ovvietà: attenti alle nuove leggi, forgiano la morale corrente e certamente formano i costumi delle generazioni a venire. Quando si propone una norma va valutata anche dal punto di vista etico anche se questo aggettivo sembra non piacere più a nessuno, ma chi ritiene di far premio su una visione cristiana della vita la scorciatoia dell’amoralità non può permettersela.

Guardavo in televisione il governatore della Lombardia che si chiama Fontana come il ministro della Famiglia ed è anche leghista come lui. Finalmente è riuscito ad arrivare a Porta a Porta per parlare di una norma fondamentale: in regione Lombardia ci si potrà far seppellire con il proprio animale domestico. Mah. Vabbè. Speravo in un esordio diverso. Ma visto che in regione Lombardia hanno anche deciso la distribuzione gratuita dei contraccettivi ai giovani e la liberalizzazione della pillola abortiva RU486, poteva andare peggio. Leghista è anche il senatore Giancarlo Rufa che il 7 febbraio, giusto la settimana prima di San Valentino, ha depositato a nome del partito la proposta di legge per la liberalizzazione della prostituzione e la riapertura delle case chiuse. Rufa però non si prende tutti i meriti: “La ripresentiamo per l’ennesima volta”. Vero, nella scorsa legislatura era stato il leghista Bitonci a presentarla e c’è una proposta di legge analoga che attende di essere calendarizzata alla Camera. Già calendarizzata invece la proposta di legge sull’eutanasia, relatore il leghista Roberto Turri, l’iter è partito dalle commissioni Giustizia e Affari Sociali della Camera.

Ora, volendo anche aggiungere la legge-manifesto che la Lega punta a far approvare in questo 2019 che è la legge sulla legittima difesa che è figlia di un patto pre-elettorale con i produttori di armi, che punta ad aumentare il numero di armi da fuoco circolanti tra i privati cittadini, con detenzione in casa con finalità di utilizzo contro i malintenzionati, si disegna un orizzonte ideale, programmatico, politico ed etico davvero incompatibile con la pur continuamente sbandierata professione di fede cristiana.

I cattolici, ebbe a dire Gianfranco Amato, che hanno partecipato ai Family Day compiono un atto immorale se votano Lega, perché la Lega è un partito avaloriale. Io non riesco a dirla in maniera così forte, ma penso davvero anche io dopo aver visto la Lega agire sul piano delle norme proposte che l’interesse manifestato su alcuni temi sia pura propaganda e che nel profondo il disinteresse sostanziale verso i principi essenziali e quindi non negoziabili sia la nota prevalente del suo agire politico. Con tutte le leve del potere in mano non è arrivato un solo provvedimento per la vita o per la famiglia in discontinuità con le politiche del centrosinistra. Anzi, siamo ora a vedere avanzare una legge sull’eutanasia pericolosissima con Salvini che auspica “una soluzione condivisa” (noi del Popolo della Famiglia auspichiamo che siano riconfermati invece l’ordinamento vigente, la punibilità dell’aiuto al suicidio, l’indisponibilità della vita umana), mentre con l’aggravarsi della tragedia della denatalità non un solo provvedimento è stato assunto da Fontana affinché l’anno prossimo nascano più figli e ci siano meno aborti (noi proponiamo il reddito di maternità). Non un solo provvedimento. Però l’altro Fontana assicura garrulo in tv che si potrà essere seppelliti con il cagnolino. Che culo.

Sulla fissazione per inserire la prostituzione tra le professioni per le quali si possa aprire la Partita Iva, c’è poco da commentare. Basta aver studiato un minimo il problema per sapere che, se si considera la prostituzione un male per la donna (e noi come tale lo consideriamo, visto che viene degradata nell’intimità a oggetto mercificabile), l’unico contrasto possibile a questo male è agire sulla clientela perseguitandola con provvedimenti efficaci e visibili. Altro che Partita Iva da prostituta professionista. Le donne non si vendono, la loro bellezza non è un bene che si può acquistare e gettare via, la dignità della persona umana viene prima di tutto. Sembrano ovvietà, ma vanno ribadite.

La visione del mondo che emerge da queste norme proposte dai leghisti appare tutto tranne che cristiana. Voglio scriverlo oggi, nei giorni in cui la Lega è al massimo storico del potere e del consenso, anche tra i cattolici. Oggi, nei giorni in cui è difficile scriverlo. Il 26 maggio se credete che le leggi debbano rispondere ad un corretto impianto etico di ispirazione cristiana, perché è la migliore garanzia per il bene comune, non votate Lega. Ovviamente propongo l’alternativa più logica, che è il voto al Popolo della Famiglia. Perché le leggi fanno costume e da noi lo sentite dire da tanto tempo. Ora mandateci al governo del Paese alle elezioni politiche anticipate di novembre per farci fare leggi eticamente sostenibili, dopo averne per tanto tempo parlato.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

14/02/2019
2307/2019
Santa Brigida

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Hadjadj: non scegliete il male minore

L’Italia è chiamata al referendum su una riforma costituzionale molto pervasiva; la Francia
vede prepararsi le elezioni con i cattolici che propendono (come avviene anche nel Belpaese) per il
centrodestra, diviso oggi tra liberalconservatori e nazionalisti duri e puri. Il filosofo Fabrice Hadjadj,
intervistato da Famille Chrétienne, invita a «tracciare un sentiero nel mezzo di Mordor»

Leggi tutto

Politica

Quale governo dopo il voto? L’Italia attende!

Matteo Salvini cerca voti a sinistra e torna a cercarli; Di Maio si frega le mani sperando di restare all’opposizione; il Pd non vuole risolvere guai alla Lega. Quattro le possibilità che si prospettano.

Leggi tutto

Società

Il primo diritto è quello a NON emigrare

La Commissione Episcopale per le Migrazioni (organo della Cei) ha emanato un documento che prende posizione sui migranti.

Leggi tutto

Politica

Il Popolo della Famiglia: presente e futuro

La prospettiva indicata dal Popolo della Famiglia al di là delle contingenze è quella di un soggetto unitario dei cattolici. Il tempo dei “cattolici nei partiti” si è concluso perché dimostratosi fallimentare e ha condannato in pochi anni i cattolici all’irrilevanza, con il paradosso che le peggiori leggi contro la vita e contro la famiglia sono state varate con cattolici, eletti nel centrodestra e nel centrosinistra, che detenevano tutte le leve del potere. Ovviamente servirà tempo, la Chiesa dovrà rendersi conto di questa necessità e fidarsi della responsabilità dei laici cristiani impegnati nel progetto, senza pretendere di tornare alla stagione dei vescovi-pilota, a cui peraltro si sottrassero sia Sturzo che De Gasperi (finendo il primo in esilio, il secondo in un clima di ostilità con Pio XII per tutta la fase finale della sua vita). Ma il futuro del cattolicesimo politico è in un soggetto il più possibile unitario dei cattolici, autonomo e libero da vincoli coalizionali, accettabili solo se della coalizione si detiene la piena condizionabilità o l’egemonia. Ad alcuni questo traguardo pare inarrivabile, il Popolo della Famiglia si è attrezzato per la traversata del deserto dando appuntamento a molti al compimento della stessa, quando la visione chi indichiamo sarà a tutti più nitida.

Leggi tutto

Società

Droga: al via i congressi pisani

La cittadina toscana si prepara ad aprire i battenti, nel prossimo fine settimana, di una rassegna che con un poco di ironia si potrebbe dire “ricreativa”: il paradiso artificiale passato fugacemente dai pusher sarà intronizzato in bella mostra per tre giorni. Dolci, gelati, vini, birre e caffè alla “cannabis light”. E pazienza se il Consiglio Superiore di Sanità ha detto che non esistono droghe leggere…

Leggi tutto

Storie

Giù le mani dai bambini

Signor Guadagno io glielo dico da madre, non menta ai bambini. Lei non ha il diritto di farlo. Né chi glielo consente ha il diritto di farglielo fare. I bambini sono detentori di tutti i diritti e hanno il diritto di vedere la felicità che c’è nella forza di chi ha preso la propria sofferenza e ne ha fatto un miracolo di bellezza. Io non La critico, signor Guadagno, perché nessuno può permettersi di farlo senza conoscere una persona in modo confidenziale, per ciò Le chiedo solo un favore: lasci stare i bambini. Loro devono giocare e devono poter sognare tutta la bellezza della loro vita. Non devono essere tediati da chi racconta sofferenze a meno che non si tratti di qualcuno che ha trovato, nella propria condizione ingiusta, un modo per fare del bene e per tendere al bene.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano