Società

di Lucia Scozzoli

L’antisemitismo vive in Europa?

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Il 90% degli ebrei in Europa sta assistendo a un crescente antisemitismo, secondo un’indagine della Commissione europea, condotta a dicembre, su 16.300 persone nei 12 paesi in cui vive il 96% degli ebrei europei.

Quasi l’80% ha affermato di non aver segnalato incidenti gravi alla polizia o ad un’altra istituzione, ritenendo la denuncia un atto inutile: non cambierebbe nulla. Un terzo ha preso in considerazione la possibilità di emigrare.

In Francia, il 22% ha assistito a un attacco verbale o fisico nell’ultimo anno, rispetto al 32% in Polonia e al 29% in Germania. Gli ebrei francesi, invece, sono coloro che più temono attacchi fisici (58%), seguiti dai tedeschi (47%), spagnoli (39%) e polacchi (25%).

La Francia, però, sembra voler reagire: 20.000 persone si sono radunate martedì 19 febbraio, a Parigi, per manifestare contro l’antisemitismo: presenti anche molti politici di tutti gli schieramenti.

Delphine Horvilleur, nella piazza immersa in un silenzio irreale, carico di consapevolezza, ha parlato agli astanti: «A volte, la Repubblica dà un appuntamento ai suoi figli in una piazza. La lotta contro l’antisemitismo non è la lotta degli ebrei ma quella di un’intera nazione». Al suo fianco, il rapper Abd al Malik continua: «Sono di fronte a voi come un uomo di colore, alsaziano e musulmano per dirvi che una sfida storica è lanciata al nostro popolo: quello di rompere definitivamente il circolo vizioso dell’odio». Infatti l’antisemitismo è solo l’inizio di una discesa verso l’intolleranza e la violenza che deve interessare ogni cittadino francese.

Tra la folla, Pierre, 75 anni, ha sulla schiena un distintivo bianco e rotondo, indossato da alcuni manifestanti: «L’antisemitismo non mi attraverserà. #Basta». «Come ebreo e figlio di un deportato, sono preoccupato per il 150% - spiega questo parigino-. Va detto che questo è sufficiente, invertire la tendenza, fare paura a coloro che fanno paura». «Chi sono?» «I musulmani, per molti, l’80%», giudica, prima di scomparire. La diffusione dell’estremismo islamico, di pari passo con l’aumento della quota di popolazione di origine straniera, è innegabilmente parte del problema, anche se esistono altre matrici antisemite, sia di destra che di sinistra.

«Sembra che questo argomento sia diventato un po’ secondario tra i giovani», si preoccupa, a pochi passi, Amine, 20 anni, studente di scienze politiche; è venuto qui per protestare contro l’antisemitismo ma anche per “rassicurarsi”. «Quelli che sono lì non sono stati coinvolti nell’identità», dice. «Abbiamo torto – continua –specialmente la mia generazione, a considerare le libertà individuali acquisite». In effetti la generazione più giovane ha dato per scontato per troppo tempo ciò che è invece il frutto di sanguinose lotte combattute dai loro genitori e dai loro nonni. È giunto il momento di riaffermare le ragioni sottese ai diritti di cui possiamo, senza merito, godere.

A pochi metri di distanza, davanti al palco dove una dozzina di studenti universitari hanno recitato poesie, diversi membri del gabinetto e decine di politici da tutti i lati, molti cinti con fascia tricolore, hanno partecipato alla manifestazione .

Un modo, dice Benoît Hamon, fondatore del movimento Generazione, per partecipare a «un momento di unità, di raccolta». «Oggi alcune dighe che erano indistruttibili sono indebolite. Alcuni principi importanti sono in pericolo», insiste.

Una preoccupazione condivisa da MP LR Philippe Gosselin: «È bene ricordare che oltre le parole, è importante ritrovarsi». Il deputato è preoccupato per l’accumulo di atti antisemiti in terra francese in un paio di settimane, citando l’aggressione del filosofo Alain Finkielkraut a margine di una manifestazione dei gilet gialli, sabato 16 febbraio, ma anche la profanazione del cimitero Quatzenheim, in Alsazia, e la scritta sulla vetrina di un negozio di Parigi della parola “Juden”.

Secondo lui, questi atti fungono da rivelatore di un “ritiro” della società. «Dietro l’antisemitismo, c’è l’immagine che alcuni hanno della globalizzazione, degli affari, delle banche», dice. Con l’elezione di Macron, visto come il delfino di certi poteri forti, soprattutto banchieri come i Rotschild, si è aperta la strada alla diffusione di una narrazione complottista che non disdegna di imputare ai sionisti molte colpe, come fece il nazismo in Germania per giustificare i propri obiettivi di sterminio. Gosselin, però, non ritiene che servano nuove leggi, quanto piuttosto la fermezza di fare rispettare quelle già esistenti.

«Quando la popolazione è in crisi, c’è un enorme momento antisemita», analizza il saggista e cofondatore del movimento “Public Place” Raphael Glucksmann, presente al raduno. E deplora l’“indebolimento degli organismi intermedi”, come i partiti politici o i sindacati. «Quando i corpi intermedi scompaiono, rimangono solo gli impulsi», insiste. Non possiamo non pensare al ritratto manzoniano della folla, spaventoso corpo senza testa che insegue ogni grido, dimentica i fondamenti etici di ciascuno e giustifica, nella massa indistinta, le azioni più abbiette. Il filosofo ci teneva a piazza della Repubblica: «Questi incontri non sono la soluzione definitiva, ma servono a marcare collettivamente lo stato. È un momento di ripristino dei tabù». È fondamentale ribadire con ufficialità l’importanza della legalità, del rispetto, della tolleranza, per togliere terreno all’effetto massa senza cervello e porre dei punti fermi da non valicare.

“È importante che ci sia un momento di unità nazionale”, ha affermato il vescovo Olivier Ribadeau-Dumas, segretario generale dell’episcopato e portavoce della Conferenza episcopale francese. «È importante dimostrare che i credenti sono cittadini, e questo è il significato della nostra presenza qui», dice. Prima di continuare: “I simboli contano. Soprattutto in un momento in cui la violenza antisemita e più ampiamente antireligiosa che osserviamo è il segno di un fallimento. E la legge attuale non punisce adeguatamente i perpetratori di questi atti». Non dobbiamo dimenticare che in Francia stanno aumentando vertiginosamente anche gli atti di intolleranza e violenza contro i cristiani e gli atti di profanazione ai luoghi di culto. Nel primo pomeriggio di ieri Emmanuel Macron si è recato personalmente in Alsazia, Vedere lo scempio del cimitero ebraico di Quatzenheim, dove le tombe sono state profanate con svastiche e scritte in tedesco. Il capo dello Stato ha promesso una stretta contro chiunque si macchierà di nuovi atti antisemiti.

Intanto svastiche alla rovescia e la scritta “Shoah blabla…” sono state rinvenute ieri mattina nel “Giardino della memoria” situato nei pressi del cimitero di Champagne au Mont d’Or, vicino a Lione.

Jean-Yves Camus, Direttore dell’Osservatorio delle disuguaglianze, ritiene che negli ultimi 20 anni siano stati vanificati molti sforzi compiuti per arginare l’antisemitismo, ma anche ne dà una lettura più profonda e fatalista: «Ogni governo ha cercato di rispondere. Essi hanno creato piani di controllo, la formazione dei funzionari di polizia, giudici, insegnanti e studenti… Probabilmente, Internet non rende le cose più facili, soprattutto con i giganti web che sono riluttanti ad attuare una politica di contenuti . Senza dubbio, si potrebbe fare di più in termini di sanzioni delle esternazioni antisemite, in particolare nel mondo delle scuole. Tuttavia, credo che la questione dell’antisemitismo non sia solo una logica di polizia, ma anche una dimensione metafisica che rimanda all’identità stessa dell’ebraismo. L’antisemitismo è sempre esistito e sempre esisterà perché è una forma di gelosia di fronte alla specifica missione del popolo ebraico. Da questo punto di vista, è illusorio credere che sconfiggeremo l’antisemitismo, possiamo semplicemente limitarne gli effetti».

La scomparsa del senso religioso nella maggioranza della popolazione, poi, ha fatto eclissare anche il rispetto per il sacro: resta solo il disprezzo per realtà che non si comprendono e che si interpretano con categorie secolari e logiche di profitto e potere, che le sono fondamentalmente estranee, ma che sono le uniche conosciute dal mondo.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

21/02/2019
1811/2019
Dedicazione delle Basiliche dei Ss. Pietro e Paolo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

In risposta alle #obiezioni sul partito politico

In risposta disorientamento dell’italiano cattolico medio dopo il naufragio del centrodestra berlusconiano – trauma che lo lascia se possibile più orfano della stessa Mani pulite – richiede un intervento di rinforzo sostanziale delle ragioni dell’impegno politico. A strapparlo allora dalla tentazione di infilare la testa sotto al Non expedit torna la (quasi intonsa) lezione di Augusto del Noce: i rischi ci sono e non appaiono pochi, ma sembra che la via sia obbligata

Leggi tutto

Politica

Ogni vuoto viene riempito

O capiamo che dobbiamo tornare ad occupare tutti i nostri spazi valoriali, ritornando pienamente alla nostra identità prima di tutto cristiana e ricordando sempre il nostro status di paese ospitante, o moriremo travolti dalla loro inestinguibile volontà di potenza, nonché dai loro denari. Si sono presi con i petrodollari le nostre più iconiche squadre di calcio (Paris Saint Germain e Manchester City, ma anche il Trohir già presidente dell’Inter ringraziò Allah dopo la prima vittoria dei suoi nerazzurri), ora con la Qatar Charity Foundation finanziano le scuole coraniche e le moschee in Sicilia (2.5 milioni di euro) dopo che con un più ingente pacchetto di 25 milioni di euro hanno fatto costruire 43 moschee su tutto il territorio italiano, secondo quanto riferito dall’imam fiorentino Izzedin Elzir. Qualcuno si è posto un problema dopo aver letto che la Qatar Charity Foundation attraverso il suo già presidente Abdullah Mohammed Yussef finanziava Al Qaeda, secondo quanto riportato da un documento ufficiale del Dipartimento di Stato americano? No, nessuno se l’è posto, siamo andati bellamente felici da italiani a tagliare il nastro alle inaugurazioni delle moschee volute dai quatarini amici di Bin Laden in tutto il paese. Il governo kuwaitiano intanto si occupa di sovvenzionare i musulmani albanesi, mentre il Marocco sostiene le moschee indipendenti attraverso i danari della Missione culturale della sua Ambasciata a Roma. I Fratelli Musulmani invece girano soldi direttamente all’Ucoii, mentre ovviamente molto attiva è anche la monarchia wahabita dell’Arabia Saudita. New entry tra i finanziatori dell’islam in Europa occidentale e anche in Italia, il presidente turco Erdogan, quello che ha ordinato ai due milioni e mezzo di cittadini turchi residenti in Europa (ventimila in Italia) di “fare ognuno cinque figli, così il futuro sarà vostro”.

Leggi tutto

Società

I tre diritti violentati in Alfie Evans

Il diritto alla cura, il diritto del disabile innocente, il diritto e la tutela della famiglia: questi i tre grandi beni che il sistema giudiziario
inglese sta calpestando nel suo delirio di onnipotenza. A ben vedere si tratta di beni mutuamente coimplicati: lederne uno li lede tutti.

Leggi tutto

Politica

La Chiesa che si immischia

Nel 1982 il papa diceva ai confratelli convenuti da tutti i paesi europei, parlando del rapporto tra le Chiese locali e l’Europa: Il cristianesimo può scoprire nell’avventura dello spirito europeo le tentazioni, le infedeltà ed i rischi che sono propri dell’uomo nel suo rapporto essenziale con Dio in Cristo. Ancor più profondamente, possiamo affermare che queste prove, queste tentazioni e questo esito del dramma europeo non solo interpellano il Cristianesimo e la Chiesa dal di fuori come una difficoltà o un ostacolo esterno da superare nell’opera di evangelizzazione, ma in un senso vero sono interiori al Cristianesimo e alla Chiesa.

Leggi tutto

Società

Per una vera femminilità

In vista della Festa della Donna dell’8 marzo anticipiamo un documento importante: la Dichiarazione delle Donne del Mondo contro l’ideologia gender e l’utero in affitto: “Vogliamo essere femminili, vogliamo essere e amare il nostro essere madri”

Leggi tutto

Politica

Un anno di PDF: fortificati dal fuoco

Abbiamo proposto un modello organizzativo di cui andiamo orgogliosi, abbiamo steso una rete senza capi e capetti, ma dove i ruoli dirigenziali del movimento si ottengono lavorando sul territorio in armonia con gli altri (fattore decisivo, chi non è in comunione con gli altri e ha atteggiamenti divisivi viene accompagnato alla porta) e costruendo consenso. Così si sono messi in luce già decine di dirigenti del Popolo della Famiglia che saranno in grado di rappresentarne le istanze nelle assemblee elettive ad ogni livello, altri possono aggiungersi perché la caratteristica del Pdf è di essere un movimento totalmente aperto, aperto davvero con porte e finestre spalancate senza inutili burocrazie interne che ne bloccherebbero la crescita. Ognuno può essere protagonista e essere misurato sul livello di consenso che riesce a generare, proprio per questo dall’1% nazionale della nostra prima uscita alle amministrative probabilmente misureremo una percentuale più che raddoppiata a questa tornata, per poi puntare dritti allo sbarramento del 3% che è la porta che consentirebbe per la prima volta nella storia italiana ad un soggetto politico esplicitamente nato a difesa della famiglia e dei principi non negoziabili di sedere nella stanza dei bottoni.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano