Chiesa

di Raffaele Dicembrino

Giornata in memoria dei missionari martiri

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

24 Marzo. Oggi il mondo celebra una giornata importante. Il

versetto biblico “Per amore del mio popolo non tacerò” (cfr. Is 62,1),
scelto come tema della 27esima Giornata di preghiera e digiuno in
memoria dei missionari martiri che si celebra annualmente il 24 marzo,
si ispira alla testimonianza di Monsignor Oscar Arnulfo Romero,

Arcivescovo di San Salvador.

La data del 24 marzo venne scelta perché in tale data fu assassinato
l’Arcivescovo, avvenuto nel 1980, mentre celebrava la Messa, beatificato
il 23 maggio 2015 e canonizzato da Papa Francesco il 14 ottobre 2018.

“Amare Dio significa amare i propri fratelli, significa difenderne i
diritti, assumerne le paure e le difficoltà – è scritto nel sussidio
preparato da Missio Italia per l’animazione della Giornata -. Per amore
del mio popolo non tacerò significa agire coerentemente alla propria
fede. In quanto cristiani, discepoli missionari, portatori della Buona
Notizia di Gesù, non possiamo tacere di fronte al male. Farlo
significherebbe tradire il mandato che ci è stato affidato”.

STORIA DELL’EVENTO

Nata nel 1993 per iniziativa dell’allora Movimento Giovanile
Missionario delle Pontificie Opere Missionarie italiane, con l’intento
di ricordare tutti i testimoni del Vangelo uccisi in varie parti del
mondo, l’iniziativa si è diffusa in tante nazioni, anche in date e
circostanze diverse: molte diocesi, istituti religiosi, movimenti
ecclesiali dedicano particolari iniziative per ricordare i propri
missionari e tutti coloro che hanno versato il sangue per Gesù Cristo e
il suo Vangelo. Papa Francesco ricorda continuamente che “oggi ci sono
più martiri dei primi secoli”.

TRAGICO BILANCIO

Nel corso dell’anno scorso, il 2018, sono stati uccisi nel mondo 40
missionari, quasi il doppio rispetto ai 23 dell’anno precedente, e si
tratta per la maggior parte di sacerdoti: 35. Dopo otto anni consecutivi
in cui il numero più elevato di missionari uccisi era stato registrato
in America, nel 2018 è l’Africa ad essere al primo posto di questa
tragica classifica.

VIOLENZA SENZA FINE

“La violenza che si è scatenata e continua ad imperversare nelle
periferie geografiche ed esistenziali del nostro tempo non si limita ai
sanguinosi fatti, già di per sé gravissimi, che riguardano spesso i
nostri missionari/e” scrive padre Giulio Albanese, missionario
comboniano e direttore delle riviste Missio, nella riflessione tematica
sulla Giornata. “La loro uccisione, infatti, si fa sempre più dolore per
la diffusione, le motivazioni e le conseguenze dei fenomeni che
generano morte e distruzione, dall’Africa, all’America Latina, dal Medio
all’Estremo Oriente. Basti pensare all’arruolamento forzato dei baby
soldier o baby kamikaze, giovani attirati nelle spire dell’inganno;
tante famiglie gettate nella disperazione; tante attività produttive
soffocate dalle estorsioni; tante vite stroncate; e una diffusa
rassegnazione tra le popolazioni, quasi si trattasse di una calamità
ineluttabile! Come battezzati, avendo ricevuto il mandato di annunciare
il Vangelo liberatore di Cristo, non possiamo tacere di fronte al
dilagare di tanto male, facendo tesoro dell’insegnamento del profeta:
Per amore del mio popolo, non tacerò.”

Il sussidio realizzato da Missio Italia presenta diversi suggerimenti
per l’animazione: una breve riflessione per ogni domenica, dalla
Quaresima a Pentecoste; lo schema per la Via crucis, per una Adorazione
eucaristica, per la Veglia di preghiera in prossimità del 24 marzo, per
una Liturgia penitenziale comunitaria. Vengono anche indicati cinque
film per un cineforum sul tema e offerte alcune proposte per realizzare
una “Animazione di strada”. Il gesto di solidarietà che tradizionalmente
accompagna la celebrazione della Giornata riguarda quest’anno un
progetto a favore dei giovani della parrocchia Sainte Marie di Mwenga,
nella diocesi di Uvira, Repubblica democratica del Congo. In occasione
della Giornata, Missio ha proposto anche una Campagna di
sensibilizzazione attraverso i social network.

Una giornata dunque per chi offre il proprio aiuto gratuitamente agli
altri ed in alcuni casi viene ripagato con disprezzo e violenza tanto
da arrivare a mettere a repentaglio la propria vita.

Le vicende che vi abbiamo raccontato ieri narravano di due vittime
tra i sacerdoti all’opera in un mondo nel quale il male va affrontato e
combattuto senza indietreggiare mai.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

24/03/2019
2107/2019
San Lorenzo da Brindisi

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Una enciclica “francescana” da non leggere su Repubblica

“Laudato si” di Papa Francesco è un testo complesso, davvero superficiale la lettura che ne offre Vito Mancuso sulle pagine del quotidiano fondato da Eugenio Scalfari

Leggi tutto

Politica

La libertè cancellata in Francia

La riforma liberticida, che dovrà ora affrontare l’esame del Senato, parte da un’iniziativa del governo di Hollande. Lo scopo che si prefiggono i socialisti è molto chiaro: spegnere la voce dei siti Internet curati da vari organismi pro-life. Una offensiva che fa il paio con la legge – approvata giusto un anno fa dalla maggioranza – che sopprimeva la settimana obbligatoria di riflessione per le donne intenzionate ad abortire. L’idea che si è voluta imporre è questa: la donna è sola arbitra della propria decisione di abortire, che da facoltà depenalizzata e concessa ad alcune condizioni si trasforma in un diritto individuale. Va dunque eliminata qualsiasi figura intermedia, va tolto di mezzo qualsiasi confronto un’istanza esterna alla propria volontà.

Leggi tutto

Società

Stupri di donne ed uomini lasciati soli

Come Mario Adinolfi ha recentemente sintetizzato spulciando i dati istat, in una classe di 25 ragazzi delle superiori statisticamente si trovano un consumatore abituale di cocaina, 2 consumatori di oppiacei o droghe sintetiche, 5 dediti alla cannabis e 7 soliti alle sbronze nei week end. Questi dati sono allarmanti e gravissimi e fotografano una realtà giovanile allo sfascio: un ragazzo annebbiato da droghe o alcool è facilmente coinvolgibile in risse, che poi finiscono sempre molto male, o può essere soggetto di violenze, se trascinato in gruppo, nonché mette a rischio la propria e altrui incolumità se si mette alla guida. Per non parlare dei danni diretti che fa alla propria salute.

Leggi tutto

Politica

Su Gerusalemme tutti contro Trump e Putin

Gerusalemme, uno strappo inutilmente pericoloso.  Neppure un solo Paese, a parte Israele, sembra appoggiare Trump nella sua mossa unilaterale. Sarà la scelta giusta?

Leggi tutto

Politica

Mai più un soldo pubblico a questi blasfemi (e fuori dalle scuole)

Decine di migliaia di euro in meno di tre mesi quest’anno al circolo gay Cassero di Bologna. Che svolge iniziative volgari e blasfeme. Ora basta

Leggi tutto

Società

Francesco, la Chiesa, il potere e la coscienza

Rinnovate polemiche sulle dichiarazioni di Papa Francesco di ritorno dal Messico. Titoli divisi tra “Non mi immischio” e “Trump non è cristiano”, ma quando il problema non è di buona o cattiva fede è proprio il concetto di “coscienza” a risultare pressoché alieno, malamente rimpiazzato com’è da “privacy”. In un mondo in cui lo smartphone è diventato il “sacramento della coscienza”, i continui rinvii del Pontefice tracciano un Leitmotiv del magistero

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano