Politica

di Redazione La Croce

EUROPEE 2019: scende in campo la formazione del Popolo della Famiglia

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Ieri a Palermo è stata ufficialmente presentata la lista del Popolo della Famiglia - Alternativa Popolare per la circoscrizione dell’Italia insulare che correrà per le Elezioni Europee, che oggi è stata ufficialmente ammessa alla competizione elettorale. Il Coordinatore Nazionale, Vicepresidente del Popolo della famiglia e capolista per la circoscrizione dell’Italia insulare Nicola di Matteo, dichiara: “Questa è la formazione che metteremo in campo se gli elettori ci daranno il mandato per portare le istanze della Sicilia e della Sardegna in Europa, uomini e donne che si mettono in gioco per puro spirito di servizio, perché credono fermamente che sia possibile portare la famiglia in Europa come elemento propulsore di una rinascita economica, sociale e umana del continente europeo.

La lista PDF - AP in seno al PPE è una proposta politica di tipo popolare fortemente alternativa rispetto alla vecchia politica.”
I candidati sono Nicola di Matteo, Elena di Pietra, Salvatore Anello, Eleonora Pagano, Giambattista Montemaggiore, Fabio Nalbone per la Sicilia, Barbara Figus e Maria Daniela Paglietti per la Sardegna.
“La collocazione del Popolo della Famiglia nell’ambito del Partito Popolare Europeo - prosegue Di Matteo - rappresenta per noi l’adempimento delle parole che nel lontano 2006 Benedetto XVI rivolgeva ai congressisti del Partito Popolare Europeo, rivelando il senso della grande attenzione che i pontefici romani hanno avuto nei confronti dell’Europa.
La nostra presenza e il nostro impegno in Europa si collocano sul solco dell’eredità del popolarismo sturziano e sono tesi alla riaffermazione delle radici cristiane nell’Europa secolarizzata e scristianizzata e la difesa dei principi non negoziabili. Questo porteremo in Europa se gli elettori ci daranno fiducia, confermati dall’incoraggiamento che recentemente ci è stato dato in Piazza S.Pietro dal Santo Padre.
La nostra presenza sul territorio con i gazebo e i banchetti per la raccolta firme sia per gli elettori segno tangibile del nostro impegno al servizio del bene comune e la proposta di legge di iniziativa popolare per l’istituzione del Reddito di Maternità, che con il consenso popolare abbiamo portato all’attenzione del Parlamento, è già una primizia della nostra missione politica in Europa”

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

17/04/2019
1909/2019
S. Gennaro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Se i cattolici votano Grillo

La vittoria alle amministrative dei grillini è frutto anche del voto di molti cattolici in funzione antirenziana. Ma dalla padella si passerebbe alla brace. Occorre rafforzare il Popolo della Famiglia

Leggi tutto

Società

Se arrivano a volerci in galera

La violenza di chi l’ha denunciata è sotto gli occhi di tutti, la clamorosa dimensione della discriminazione di cui è fatto oggetto chi non la pensa come il coro dominante sul tema dei “nuovi diritti” dovrebbe far saltare in piedi l’Italia intera a difesa di Silvana De Mari. Invece in piedi insieme a lei ci siamo noi e pochi altri amici. Non un opinionista di un importante quotidiano, non una trasmissione televisiva che gridi allo scandalo, alla lesione importante di un fondamentale diritto alla libertà di opinione, non un collega giornalista che rivendichi persino per noi la libertà di stampa e l’articolo 21 della Costituzione. No, quell’articolo è invocato solo se l’opinione è quella “giusta”, cioè quella dominante.
In un’Italia così sarà motivo d’orgoglio essere radiati dagli Ordini e mandati in carcere. Quando poi il fascismo finì, fu chi subì quei provvedimenti a poter dire: io ho resistito.

Leggi tutto

Società

Il triste contabile

Chi ha letto O capiamo o moriamo conosce il lavoro da triste contabile che ho compiuto nell’undicesimo capitolo, intitolato “Il secolo del fondamentalismo islamico”. Si tratta del capitolo più lungo, 23 pagine, perché ho messo in fila uno per uno tutti gli attentati di matrice islamica compiuti con spargimento di sangue dall’11 settembre 2001 a oggi. Dal World Trade Center siamo partiti, al World Trade Center siamo tornati sedici anni dopo. Nel mezzo, una scia interminabile di morte e di dolore e di paura a cui abbiamo reagito nella maniera peggiore possibile: con l’assuefazione.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: stop agli idoli, bisogna pregare Dio

Papa Francesco, nonostante una caldissima giornata romana, ha ripreso l’appuntamento con l’udienza generale del mercoledi. Dopo la sosta programmata a Luglio il Pontefice sarà nuovamente presente, tutti i mercoledi, per l’abbraccio con i fedeli. L’appuntamento odierno ha riguardato i Comandamenti e specificatamente il Vescovo di Roma ha approfondito io tema dell’idolatria “non avrai altri dei difronte a me”.

Leggi tutto

Chiesa

Beatificazione di padre Tiburcio Arnaiz Munoz

Tiburcio Arnaiz Muñoz nacque a Valladolid, in Spagna, l’11 agosto 1865. I suoi genitori, Ezequiel e Romualda, di professione tessitori, lo portarono al fonte battesimale della parrocchia di Sant’Andrea due giorni dopo la nascita, nel giorno in cui si ricorda appunto san Tiburzio. Ad appena cinque anni, rimase orfano di padre. Sua madre, allora, cercò in ogni modo di mantenere sia lui che l’altra figlia, Gregoria, che aveva sette anni in più. Anni dopo, lui raccontò che da piccolo, una notte, ebbe un incubo: sognò di cadere all’inferno. Impaurito, chiamò sua madre, ma lei non lo sentì. Sempre più terrorizzato, invocò la Madonna Addolorata, che gli apparve dicendo: «Non cadi all’inferno né mai vi cadrai» e lo coprì col suo manto.

Leggi tutto

Politica

informarsi-e-formarsi-per-la-politica

La formazione è ciò che ha permesso al Pci di perpetuare nei decenni una classe dirigente che producesse ceto politico e che al contempo detenesse l’egemonia culturale nel Paese (perfino quando il ceto politico era all’opposizione). Essa non può tuttavia illudersi di partire dalla pubblicazione di date e corsi a cui iscriversi: occorre una selezione previa basata sull’attivismo giovanile.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano