Politica

di Redazione La Croce

EUROPEE 2019: scende in campo la formazione del Popolo della Famiglia

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Ieri a Palermo è stata ufficialmente presentata la lista del Popolo della Famiglia - Alternativa Popolare per la circoscrizione dell’Italia insulare che correrà per le Elezioni Europee, che oggi è stata ufficialmente ammessa alla competizione elettorale. Il Coordinatore Nazionale, Vicepresidente del Popolo della famiglia e capolista per la circoscrizione dell’Italia insulare Nicola di Matteo, dichiara: “Questa è la formazione che metteremo in campo se gli elettori ci daranno il mandato per portare le istanze della Sicilia e della Sardegna in Europa, uomini e donne che si mettono in gioco per puro spirito di servizio, perché credono fermamente che sia possibile portare la famiglia in Europa come elemento propulsore di una rinascita economica, sociale e umana del continente europeo.

La lista PDF - AP in seno al PPE è una proposta politica di tipo popolare fortemente alternativa rispetto alla vecchia politica.”
I candidati sono Nicola di Matteo, Elena di Pietra, Salvatore Anello, Eleonora Pagano, Giambattista Montemaggiore, Fabio Nalbone per la Sicilia, Barbara Figus e Maria Daniela Paglietti per la Sardegna.
“La collocazione del Popolo della Famiglia nell’ambito del Partito Popolare Europeo - prosegue Di Matteo - rappresenta per noi l’adempimento delle parole che nel lontano 2006 Benedetto XVI rivolgeva ai congressisti del Partito Popolare Europeo, rivelando il senso della grande attenzione che i pontefici romani hanno avuto nei confronti dell’Europa.
La nostra presenza e il nostro impegno in Europa si collocano sul solco dell’eredità del popolarismo sturziano e sono tesi alla riaffermazione delle radici cristiane nell’Europa secolarizzata e scristianizzata e la difesa dei principi non negoziabili. Questo porteremo in Europa se gli elettori ci daranno fiducia, confermati dall’incoraggiamento che recentemente ci è stato dato in Piazza S.Pietro dal Santo Padre.
La nostra presenza sul territorio con i gazebo e i banchetti per la raccolta firme sia per gli elettori segno tangibile del nostro impegno al servizio del bene comune e la proposta di legge di iniziativa popolare per l’istituzione del Reddito di Maternità, che con il consenso popolare abbiamo portato all’attenzione del Parlamento, è già una primizia della nostra missione politica in Europa”

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

17/04/2019
1412/2019
San Giovanni della Croce

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

L’Italia ha bisogno dei cattolici

Nasce il Popolo della Famiglia, soggetto politico che si presenterà alle elezioni amministrative di primavera per rappresentare le istanze emerse dal Family Day e tradite dai parlamentari cattolici

Leggi tutto

Politica

Preparatevi si vota a Giugno

Il voto a Giugno sembra essere sempre più vicino

Leggi tutto

Politica

Il quadro politico e l’occasione unica

La sconfitta di Matteo Renzi al referendum del 4 dicembre 2016, vorrei dire anche l’iscrizione di Tiziano Renzi nel registro indagati con telefonino messo sotto controllo a partire dal 5 dicembre 2016 (che fa il paio con la decadenza di Silvio Berlusconi dalla carica di senatore che rende compiuto l’assalto della magistratura al leader il 27 novembre 2013), la tenuta del Movimento Cinque Stelle che si dimostra realtà non transitoria ma destinata a divenare una sorta di paradossale “partito rivoluzionario istituzionale” e soprattutto la sentenza della Corte Costituzionale del 25 gennaio 2017 che cancella il ballottaggio tra liste dalla legge elettorale nota come Italicum, disegnano un sistema politico ignoto ai più perché mai messo alla prova secondo i nuovi meccanismi. Sarà bene invece immaginarli e capirli in anticipo, per comprendere quanto fragorosa sia la novità e quanto sia unica (vorrei dire miracolosa) l’occasione concessa al Popolo della Famiglia, probabilmente ultima per una riorganizzazione in soggetto politico autonomo di quella moltitudine di italiani che hanno dimostrato il loro attaccamento ai principi non negoziabili in occasione della partecipazione massiccia ai Family Day del 2015 e del 2016.
Per costoro la legislatura che con ogni probabilità si chiuderà alla fine del 2017 è stata la vera e propria prova generale del disastro incipiente. In quattro anni un sistema politico reso improvvisamente molto fragile dal nuovo tripolarismo all’italiana, che ha trovato come risposta al grillismo quella piuttosto asfittica della collaborazione tra centrodestra e centrosinistra attuata in varie forme (larghe intese con tutti o quasi al governo, patto del Nazareno,

Leggi tutto

Politica

Verdini butta la maschera: «Sono io il regista di tutto»

L’ex braccio destro di Berlusconi rivendica come proprio merito anche le unioni civili

Leggi tutto

Storie

Una riflessione spirituale sul caso Alfie

Alfie Evans e il desiderio di vivere di un bimbo che voleva “soltanto” Amore. “Al nostro bimbo sono spuntate le ali intorno alle 2.30. I nostri cuori sono spezzati. Grazie a tutti per il sostegno”, scriveva mamma Kate nel dare il triste annuncio della morte del piccolo. “Il mio gladiatore ha posato lo scudo e si è guadagnato le ali. Abbiamo il cuore spezzato. Ti voglio bene ragazzo mio”, sono state le parole commoventi del padre Tom.

Leggi tutto

Chiesa

PERCHÉ TUTTO IL MONDO VA DIETRO A CHIARA CORBELLA

La diocesi di Roma ha pubblicato l’Editto in cui si annuncia l’apertura della causa della giovane morta nel 2012 dopo aver rimandato le cure di un tumore per portare avanti una gravidanza.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano