Politica

di Redazione La Croce

EUROPEE 2019: scende in campo la formazione del Popolo della Famiglia

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Ieri a Palermo è stata ufficialmente presentata la lista del Popolo della Famiglia - Alternativa Popolare per la circoscrizione dell’Italia insulare che correrà per le Elezioni Europee, che oggi è stata ufficialmente ammessa alla competizione elettorale. Il Coordinatore Nazionale, Vicepresidente del Popolo della famiglia e capolista per la circoscrizione dell’Italia insulare Nicola di Matteo, dichiara: “Questa è la formazione che metteremo in campo se gli elettori ci daranno il mandato per portare le istanze della Sicilia e della Sardegna in Europa, uomini e donne che si mettono in gioco per puro spirito di servizio, perché credono fermamente che sia possibile portare la famiglia in Europa come elemento propulsore di una rinascita economica, sociale e umana del continente europeo.

La lista PDF - AP in seno al PPE è una proposta politica di tipo popolare fortemente alternativa rispetto alla vecchia politica.”
I candidati sono Nicola di Matteo, Elena di Pietra, Salvatore Anello, Eleonora Pagano, Giambattista Montemaggiore, Fabio Nalbone per la Sicilia, Barbara Figus e Maria Daniela Paglietti per la Sardegna.
“La collocazione del Popolo della Famiglia nell’ambito del Partito Popolare Europeo - prosegue Di Matteo - rappresenta per noi l’adempimento delle parole che nel lontano 2006 Benedetto XVI rivolgeva ai congressisti del Partito Popolare Europeo, rivelando il senso della grande attenzione che i pontefici romani hanno avuto nei confronti dell’Europa.
La nostra presenza e il nostro impegno in Europa si collocano sul solco dell’eredità del popolarismo sturziano e sono tesi alla riaffermazione delle radici cristiane nell’Europa secolarizzata e scristianizzata e la difesa dei principi non negoziabili. Questo porteremo in Europa se gli elettori ci daranno fiducia, confermati dall’incoraggiamento che recentemente ci è stato dato in Piazza S.Pietro dal Santo Padre.
La nostra presenza sul territorio con i gazebo e i banchetti per la raccolta firme sia per gli elettori segno tangibile del nostro impegno al servizio del bene comune e la proposta di legge di iniziativa popolare per l’istituzione del Reddito di Maternità, che con il consenso popolare abbiamo portato all’attenzione del Parlamento, è già una primizia della nostra missione politica in Europa”

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

17/04/2019
2405/2019
San Vincenzo di Lerino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Francia: tutti i volti ed i programmi dei candidati presidenti

François Fillon, Jean-Luc Mélenchon, Emmanuel Macron, Marine Le Pen, Benoît Hamon: chi sono e che cosa propongono? Ecco una rassegna ragionata delle loro promesse elettorali su tematiche importanti e divisive quali immigrazione, istruzione, laicità, ecologia, sicurezza, orario di

Leggi tutto

Società

Rassegnati, Vladimiro: contro Asia e Amanda perdi anche tu

Dopo lo scontro nello studio della Berlinguer, il trans costretto a una levata di scudi senza condizioni.

Leggi tutto

Storie

Per Asia Bibi un futuro tutto da scoprire

L’ordine di rilascio dalla prigione di Multan - nel centro del Pakistan, dove era detenuta – viene vincolato dal governo: il portavoce del ministero degli Esteri, Muhammad Faisal, ha dichiarato che Asia Bibi “si trova in un luogo sicuro e che è ancora in Pakistan”, smentendo le notizie di una partenza della donna per l’estero. Come di concluderà questa interminabile vicenda?

Leggi tutto

Politica

Confutando Spadaro e Figueroa

Il gesuita siciliano che si accredita come frontman dei consiglieri di Papa Francesco (e che con questi crediti intasca colonne di editoriale sui giornaloni) si è lasciato andare, insieme col direttore dell’edizione argentina de L’Osservatore Romano, a un’analisi sociopolitica dell’attuale quadro Usa. Stupisce l’approssimazione del testo, evasivo sui dati e apodittico sui teoremi: si può fare meglio

Leggi tutto

Società

Cambiare veramente la storia si può solo rivolgendosi a Dio

Da queste parti ci piacciono le primizie e dunque abbiamo già letto l’ultimo libro di Costanza Miriano (Si salvi chi vuole, Sonzogno) e già visto la prima puntata di Gomorra 3. D’accordo, in ossequio all’unico comandamento condiviso del nostro tempo che è “non spoilerare” (sul “non uccidere” ormai vagano varie scuole di pensiero), non anticiperemo nulla se non qualche riga del perfetto libro di Costanza, che imposta le questioni essenziali.

Leggi tutto

Chiesa

I diritti si fondano su una natura umana oggettiva

La Santa Sede ribadisce la ferma «persuasione che le eventuali controversie tra i popoli non debbono essere risolte con il ricorso alle armi; ma invece attraverso il negoziato». D’altra parte, proprio la continua produzione di armi sempre più avanzate e “perfezionate” e il protrarsi di numerosi focolai di conflitto – di quella che più volte ho chiamato “terza guerra mondiale a pezzi” – non può che farci ripetere con forza le parole del mio santo Predecessore: «Riesce quasi impossibile pensare che nell’era atomica la guerra possa essere utilizzata come strumento di giustizia. È lecito tuttavia sperare che gli uomini, incontrandosi e negoziando, abbiano a scoprire meglio i vincoli che li legano, provenienti dalla loro comune umanità e abbiano pure a scoprire che una fra le più profonde esigenze della loro comune umanità è che tra essi e tra i rispettivi popoli regni non il timore, ma l’amore: il quale tende ad esprimersi nella collaborazione leale, multiforme, apportatrice di molti beni».

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano