Politica

di Piero Chiappano

Alabama “dolce casa” di tutti noi

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

La notizia, come è giusto che sia, ha già fatto il giro del mondo e risuona di epica battaglia che ravviva le speranze di chi mette la difesa della vita in cima ai suoi valori: il Senato dell’Alabama ha approvato a larga maggioranza una risoluzione in base alla quale si vieta la pratica dell’aborto anche in caso di stupro o incesto, garantendola solo in caso di pericolo di vita della madre. Si attende che diventi legge con la firma della Governatrice dell’Alabama, così come si attende la guerra legale che ne seguirà da parte di tribunali oppositori, fino, si spera, a portare la questione alla Corte Suprema degli Stati Uniti per farla diventare questione di respiro federale. Una notizia che arriva a pochi mesi di distanza dalla meschina e criminale decisione dello Stato di New York di autorizzare l’aborto a nascita parziale.

Un tema, quello della vita, che sancisce il discrimine tra due visioni del mondo e dell’umanità: la gratuità dell’amore da una parte, l’economicismo dello scarto dall’altro. Un tema che accende gli animi, che i “rumori di fondo” dei casi limite e delle proiezioni egoistiche, spesso pilotati da lobby potentissime, travolgono nel bailamme ideologico finendo col mettere sistematicamente in secondo piano l’interesse del più debole, e cioè del bambino. E alla fine non vince chi ha ragione (perché non esiste mai nessuna ragione per ammazzare un innocente che non si può difendere), ma chi urla di più e chi tiene duro.

E allora combattiamo con tutte le armi che abbiamo, anche quelle più inaspettate e creative, e il mio invito è quello di farlo ricordando una canzone rock: Sweet Home Alabama.

Nel 1974 una Fender Stratocaster suonata in quarta posizione dentro un amplificatore Marshall realizzò uno dei riff più rappresentativi e iconici di un intero stile musicale: il southern rock, il cosiddetto rock sudista, che a discapito dell’iconografica truce e maschia, strafatta di birra, chopper e lunghi capelli, declama l’orgoglio di una comunità ancorata fisicamente e spiritualmente alle proprie radici. Un rock conservatore e virile, pieno di schitarrate ruvide di una distorsione naturale, originale miscuglio di country e di blues.

La canzone simbolo di questo genere è proprio Sweet Home Alabama del gruppo rock dei Lynyrd Skynyrd, e non solo per quei tre accordi – re, do9, sol – suonati in modo seriale con un timing impeccabile, ma per la storia che si porta dietro. La canzone infatti nacque in risposta ad Alabama di Neil Young, un’altra bella canzone contenuta in quel capolavoro assoluto del country rock che fu Harvest e che attaccava esplicitamente il razzismo che a detta dell’autore agiva strisciante e pericoloso a livello di cultura popolare in questo stato del Sud. I Lynyrd Skynyrd rispondono con un peana in onore della loro terra, un inno popolare che recita:

Alabama dolce casa

Dove i cieli sono così azzurri

Alabama dolce casa

Oh Signore, sto tornando a casa da te

Un ritornello solo apparentemente ordinario, in quanto il tema del ritorno a casa è altamente simbolico nella cultura americana, così permeata dalla metafora del viaggio che incrocia lo spirito dei pionieri col mito della Terra Promessa. Un tema chiave del migliore rock, che in questo modo si smarca dalla sua componente blues. Se infatti nel blues il viaggio è piuttosto vagabondaggio e sradicamento forzato che condanna un’intera cultura alla nostalgia rassegnata e perenne di un paradiso perduto per sempre (la terra africana), quando a metterci le mani e l’immaginazione arrivano i bianchi ecco che la cultura cristiana si affaccia e getta la sua ipoteca sui testi musicali intimando che, se c’è un viaggio, ci deve essere anche una meta. E molto spesso accade che tutta la trasgressione del rock finisce per ritornare da dove aveva mosso i suoi passi. Un caso clamoroso ed esemplificativo è rappresentato dallo spettacolo-confessione che Bruce Springsteen ha tenuto a Broadway l’altr’anno, nel quale riflette più o meno così: “Sono cresciuto in una città insignificante del New Jersey, sono diventato famoso e ricco per aver scritto Born to Run (Nato per correre), e adesso che sono maturo ed appagato devo ammettere che sto vivendo a pochi kilometri da dove sono cresciuto”.

E la casa, quando si tratta di rock, è quasi sempre anche la casa del Padre (due esempi illustri: Come On Up to the House di Tom Waits, God Is in the House di Nick Cave). Quindi la casa non equivale a ricordi e profumi d’infanzia, ma a valori e identità, dove la cultura cristiana è sostanza animata sempre viva, tema di confronto e introspezione. Siamo ben oltre dunque una retriva posizione nazionalista: siamo alla continuità ideale, alla memoria dei Padri e alla certezza che certe cose non sono negoziabili, Tra cui la vita. Da qui la considerazione che da un popolo culturalmente e spiritualmente sano promanino leggi sane come questa contro l’aborto, perché c’è una forza che aggrega la comunità che non è solamente umana, ma viva fonte spirituale.

Ma ecco che per il tramite di Sweet Home Alabama possiamo addirittura sconfinare in un’altra arte, perché questa canzone si trova a cardine di uno dei film più toccanti di Hollywood: Forrest Gump.

Sì, perché il piccolo Forrest nasce proprio in Alabama (per quanto in una contea di fantasia, Greenbow) in una tipica villa di legno sperduta in un paesaggio da Civil War e in quella terra sperimenta l’amore pieno di premure della madre. Una donna costretta ad arrangiarsi come può, ma disposta a tutto pur di dare a suo figlio una speranza di vita normale. E il ricordo della tenacia di questa donna semplice e pratica lo sosterrà per sempre, perché è una donna che non giudica, non maledice, non compiange, tutt’altro: agisce e risolve, come solo una mamma sa fare MAMMA. Una lezione gigantesca, che commuove di più delle strampalate imprese di Forrest, perché questa mamma lo fa sentire amato, lo difende, lotta, si sacrifica, si spende e getta addosso al pubblico il vero volto dell’amore, che è quello della carità di San Paolo, che risponde prima che gli si chieda, che “tutto copre, tutto crede, tutto spera, tutto sopporta”.

E se una cosa si può dire di questo film è che, nel concludersi come comincia e cioè con Forrest che accompagna suo figlio all’autobus come una volta faceva sua madre con lui, è che il senso delle cose sta nella rinnovata circolarità di questo tipo di processi, che ci ancorano attraverso la cura e l’amore per il prossimo al nostro bene più profondo.

Questo è l’humus da cui è scaturita in Alabama una legge che difende la vita.

Sweet home Alabama

Lord, I’m coming home to you.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

16/05/2019
2207/2019
Santa Maria Maddalena

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Bravi Dolce e Gabbana

Dolce e Gabbana, i due noti stilisti omosessuali, dichiarano apertamente la loro contrarietà all’utero in affitto e la loro preferenza per la famiglia “tradizionale”

Leggi tutto

Società

“Donazioni remunerate”, così si pagano i feti

«Tutto ciò che offriamo è roba fresca: tessuto cardiaco, occhi, tessuto neurale… la gente vuole spine dorsali… oh – termina con un sorriso – e le gonadi!». Così ha parlato la dottoressa Carolyn Westhoff, ignara di prestarsi all’obiettivo del Center for Medical Progress: dopo di lei Deborah VanDerhei spiega che «non c’è policy», perché se ci fosse «potrebbe distruggerci tutti»

Leggi tutto

Società

Ospedali, quale destino nell’era postcristiana

La mutazione degli ospedali da luoghi di cura e di sostegno al malato in spazi fisici in cui si uccide la speranza è solo l’ultimo atto di una cultura che ha totalmente dimenticato le proprie radici cristiane. L’impressione è che l’operato dei medici britannici sia, in fondo, considerato legittimo da molti altri loro colleghi nel mondo. Al loro posto, in tanti avrebbero fatto lo stesso. Ci fa piacere che si siano mossi il Bambin Gesù di Roma e il Presbyterian Hospital di New York, ma è davvero triste costatare che non c’è stata una gara tra gli altri ospedali ad accogliere Charlie. Il caso è certo difficile, ma una risposta compatta delle strutture ospedaliere mondiali avrebbe forse fatto traballare ulteriormente i convincimenti dei medici del Gosh. Eppure, gli ospedali sono nati per alleviare le sofferenze. San Camillo de Lellis, di cui oggi facciamo memoria liturgica, fondò un Ordine religioso appositamente per aiutare gli ammalati. Volle che i suoi confratelli – come fece egli stesso – servissero i sofferenti «con quella carità e amorevolezza che sono solite avere le madri verso i propri figli infermi». Il fondatore dei Camilliani ha indicato dunque una precisa figura, la madre, come esempio per aiutare chi soffre: Connie che, senza alzare la voce, “grida” il suo amore e la sua speranza per il figlio, che gli resta accanto osservando ogni piccolo mutamento, è quel modello che chiunque sia avvicina ad un ammalato per curarlo dovrebbe coltivare dentro di sé, sperando di esserne sempre più degno. Ancora, Camillo de Lellis sentiva il cuore spezzarsi ogni volta che non poteva portare il soccorso che avrebbe voluto. È questo il sentire che ci rimandano oggi molte figure di medici? Camillo de Lellis – come l’altro grande sostegno degli ammalati, Giovanni di Dio, che voleva per gli infermi che assisteva condizioni igieniche migliori e cure specifiche – ci ha testimoniato che curare chi è sofferente è un compito altissimo da assolvere senza cercare la via più semplice. Grazie a lui, a Giovanni di Dio e ad altri cristiani, gli ospedali sono diventati nei secoli quei luoghi di speranza e di cura a cui fino all’altro ieri guardavano con fiducia.

Leggi tutto

Storie

Clochard morto in un rogo: fatalità?

Un mese fa i fatti: nella sera di santa Lucia Ahamed Fdil morì arso nell’automobile che gli serviva da unica casa. Nel trigesimo viene formulata l’ipotesi di omicidio a carico di due giovanissimi – un
tredicenne e un diciassettenne – nordafricano l’uno, slavo il secondo. La riflessione sull’ultraviolenza precoce ne invoca una più vasta, perché un barbone è la vittima ideale in quanto persona invisibile

Leggi tutto

Società

O sei per l’aborto o sei cristiano

Io credo davvero che invece non ci sia alternativa: o si è contro l’aborto o non si è cristiani. Molto semplice. Non solo perché il Catechismo della Chiesa Cattolica e tutto il Magistero anche recente e recentissimo è contro l’aborto, quindi chi lo considera accettabile e integrabile negli ordinamenti normativi contemporanei è palesemente in contrasto con l’insegnamento della Chiesa. Vorrei dire che anche se non ci fosse una riga scritta contro l’aborto, il cristiano dovrebbe essere istintivamente contro uno strumento di morte e schierato a difesa del soggetto più debole privato persino del diritto di parola, privato di qualsiasi strumento per difendere il proprio diritto a non essere ucciso.

Leggi tutto

Chiesa

Benedetta Bianchi Porro verso la beatificazione

Ricevendo il cardinal Becciu, quindi, il Papa ha autorizzato per primo il Decreto sulle virtù eroiche e sulla conferma del culto da tempo immemorabile, ottenendo quindi la beatificazione equipollente, di Michał Gjedrojć, noto anche come Mykolas Giedraitis. Nato a Giedrojcie, oggi in Lituania, intorno al 1420, fu di salute gracile fin dall’infanzia. Dato che i genitori quasi lo trascuravano, passava il suo tempo in solitudine. Questo lo condusse a domandare di entrare tra i Canonici Regolari della Penitenza dei Beati Martiri, un ordine ormai estinto ma improntato alla Regola di sant’Agostino. Si trasferì quindi a Cracovia e studiò presso l’Università Jagellonica. La chiesa del monastero del suo ordine divenne quasi la sua seconda casa, tante erano le ore che vi trascorreva in preghiera con le braccia spalancate in forma di croce. Moltissimi venivano da lui a chiedere consigli e a raccomandargli le proprie intenzioni.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano