Politica

di Mario Adinolfi

Che fare ora che i fatti sono chiari

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

La strada che ho provato a indicare nell’editoriale de La Croce di oggi (ultimo post di ieri sera) è la creazione di un soggetto politico autonomo cristianamente ispirato fuori dalle coalizioni (con cui poi eventualmente e non obbligatoriamente allearsi) che sia sintesi di un impegno comune di popolo e pastori. La potenzialità di un soggetto del genere è dell’8-10% e noi mettiamo a disposizione i nostri 114.535 voti militanti di domenica come primo mattoncino. Non è un progetto velleitario: a Gela il PdF ha sperimentato gli effetti della saldatura tra il nostro soggetto politico, le parrocchie, l’associazionismo, le energie produttive e sociali territoriali. In una città con mille problemi e 75mila abitanti il PdF ha preso il 5.64% alle amministrative e due settimane dopo l’8.75% alle europee domenica scorsa. Questa è la potenzialità del progetto politico a cui noi dedicheremo da oggi le nostre energie.

Si può fare, volendolo fare, perché persino noi da soli ce l’abbiamo fatta. Ora dobbiamo farlo insieme, in tanti, in ogni provincia d’Italia: chiamare a raccolta chi non si ritrova nel neopaganesimo salviniano ammantato di baci al rosario e meno che mai nella saldatura laicista Pd-M5S-Bonino-sinistre che prima o poi si produrrà come reazione al primo. Chi non sta a suo agio in questo probabile prossimo neobipolarismo ha bisogno di una casa costruita sulla roccia dell’ispirazione cristiana popolare, sturziana, autentica. Noi lavoreremo per contribuire a costruirla, con la tenacia che ci contraddistingue, apportando capacità formativa, classe dirigente, militanza, presenza sul territorio e assicurando comunque e sempre un simbolo sulla scheda, a partire dalle prossime regionali d’autunno in Emilia Romagna, regione dove abbiamo appena ottenuto il primo eletto in un comune capoluogo. Partendo dai territori e dal radicamento, proprio sul modello sturziano, questo progetto prenderà forma e noi siamo a disposizione di ogni possibile ampliamento del fronte comune.

Anche per le battaglie immediate che ci aspettano a partire da quella per scongiurare la depenalizzazione del suicidio assistito da parte della Corte Costituzionale nel prossimo autunno. Il Popolo della Famiglia annuncia fin da subito la propria mobilitazione nazionale per una serie di presidi fisici che avranno luogo a partire dal 21 settembre davanti alla Consulta e la propria disponibilità a promuovere eventi comuni unitari con altre sigle del mondo profamily e prolife, per ridurre sempre di più distanze e differenze che in passato hanno fiaccato l’efficacia delle prese di posizione. La questione eutanasia-suicidio assistito è talmente cruciale che serve evidentemente il massimo di unità. Che potrebbe poi essere territorio-fucina per una unità politica a cui noi come PdF abbiamo sempre aspirato e continuiamo ad aspirare. Il Popolo della Famiglia ha la tensione unitiva nel proprio dna. Cercheremo di essere motore aggregatore di un futuro possibile, sapendo che lo spazio politico che ci compete attualmente è vuoto e in politica, come in fisica, gli spazi vuoti si riempiono. Rapidamente. Dunque, agiamo subito. Noi ci siamo in 114.535, pochi forse, ma sufficienti per iniziare.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

30/05/2019
2001/2020
San Fabiano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Ringraziamenti, risposte, preghiere

In molti hanno commentato la nascita del Popolo della Famiglia, soggetto politico in vista delle amministrative: qui alcune osservazioni in replica

Leggi tutto

Chiesa

Viganò diffida dall’esegesi del Papa eretico

Quando Francesco disse – affacciandosi sulla piazza quella prima sera del suo pontificato – di venire dalla fine del mondo, certo non avrebbe immaginato, né lo immaginavano i fedeli, quale difficoltà avrebbe comportato la traduzione quotidiana di questa provenienza da un luogo e da una mentalità differente da quella europea. Ma è accaduto e, pian piano, anche gli addetti alla comunicazione in Vaticano ne stanno prendendo atto. Papa Francesco va compreso in quelle che sono le specificità del proprio modo di comunicare e poi va opportunamente raccontato: questo è il messaggio che arriva da mons. Viganò. C’è dunque un altro passo avanti: nelle parole del Monsignore si riscontra sì la necessità di dire che devono essere evitare “letture eretiche”, ma – al tempo stesso – c’è l’ammissione indiretta che gli equivoci non nascono soltanto dalla malafede, ma da un realistico ostacolo, per la mentalità europea/occidentale, di raccontare il pontificato di Papa Francesco. Perché il Papa non viene da un altro pianeta, ma per il nostro modo di pensare, ragionare, anche catalogare, a volte è stato come se fosse stato così.

Leggi tutto

Politica

Per un recupero radicale della nostra identità

I temi che il libro affronta sono tanti, e tutti rilevanti per chi ha ancora a cuore le sorti del mondo: aborto, eutanasia, ideologia gender, legalizzazione delle droghe leggere (ma anche pesanti), pedofilia, prostituzione e altro ancora. L’ultimo libro del direttore di questo giornale ha sorpreso gli osservatori

Leggi tutto

Chiesa

Perego il vescovo pilota

Don Alessandro Guerinoni ha ricevuto una dura reprimenda dal suo vescovo, burocraticamente mediata dal Vicario generale e dal Cancelliere episcopale e confezionata con tutti i timbri del caso.
Motivo? La sua ospitalità al Popolo della Famiglia nei saloni parrocchiali. Il successore di mons.Negri sembra voler attuare le trame di un’ostilità politica al movimento politico del Family Day.

Leggi tutto

Politica

La grande occasione di crescita

Lo scenario del governo M5S-Lega – l’unico scenario possibile a partire dai risultati del 4 marzo scorso – apre ora una decisa stagione di possibile sviluppo per il Popolo della Famiglia, a patto che si
sappia cogliere quest’occasione di crescita. L’isolamento dei pochi cattolici superstiti in Parlamento dice che è ora di restituire loro una casa comune della politica cristianamente ispirata.

Leggi tutto

Politica

Forza Orban

Orban non è un fascista e uno xenofobo, è un leader del Partito popolare europeo. Le radici del Ppe sono quelle degasperiane e sturziane, il Ppi nacque cento anni fa e fu il primo Partito popolare a essere fondato in Europa. Orban è il premier ungherese da vent’anni: i magiari lo votano perché in questi venti anni ha continuato ad avere successi clamorosi sul fronte economico, le persone in Ungheria vivono meglio grazie a Orban.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2020 La Croce Quotidiano