Politica

di Mario Adinolfi

Che fare ora che i fatti sono chiari

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La strada che ho provato a indicare nell’editoriale de La Croce di oggi (ultimo post di ieri sera) è la creazione di un soggetto politico autonomo cristianamente ispirato fuori dalle coalizioni (con cui poi eventualmente e non obbligatoriamente allearsi) che sia sintesi di un impegno comune di popolo e pastori. La potenzialità di un soggetto del genere è dell’8-10% e noi mettiamo a disposizione i nostri 114.535 voti militanti di domenica come primo mattoncino. Non è un progetto velleitario: a Gela il PdF ha sperimentato gli effetti della saldatura tra il nostro soggetto politico, le parrocchie, l’associazionismo, le energie produttive e sociali territoriali. In una città con mille problemi e 75mila abitanti il PdF ha preso il 5.64% alle amministrative e due settimane dopo l’8.75% alle europee domenica scorsa. Questa è la potenzialità del progetto politico a cui noi dedicheremo da oggi le nostre energie.

Si può fare, volendolo fare, perché persino noi da soli ce l’abbiamo fatta. Ora dobbiamo farlo insieme, in tanti, in ogni provincia d’Italia: chiamare a raccolta chi non si ritrova nel neopaganesimo salviniano ammantato di baci al rosario e meno che mai nella saldatura laicista Pd-M5S-Bonino-sinistre che prima o poi si produrrà come reazione al primo. Chi non sta a suo agio in questo probabile prossimo neobipolarismo ha bisogno di una casa costruita sulla roccia dell’ispirazione cristiana popolare, sturziana, autentica. Noi lavoreremo per contribuire a costruirla, con la tenacia che ci contraddistingue, apportando capacità formativa, classe dirigente, militanza, presenza sul territorio e assicurando comunque e sempre un simbolo sulla scheda, a partire dalle prossime regionali d’autunno in Emilia Romagna, regione dove abbiamo appena ottenuto il primo eletto in un comune capoluogo. Partendo dai territori e dal radicamento, proprio sul modello sturziano, questo progetto prenderà forma e noi siamo a disposizione di ogni possibile ampliamento del fronte comune.

Anche per le battaglie immediate che ci aspettano a partire da quella per scongiurare la depenalizzazione del suicidio assistito da parte della Corte Costituzionale nel prossimo autunno. Il Popolo della Famiglia annuncia fin da subito la propria mobilitazione nazionale per una serie di presidi fisici che avranno luogo a partire dal 21 settembre davanti alla Consulta e la propria disponibilità a promuovere eventi comuni unitari con altre sigle del mondo profamily e prolife, per ridurre sempre di più distanze e differenze che in passato hanno fiaccato l’efficacia delle prese di posizione. La questione eutanasia-suicidio assistito è talmente cruciale che serve evidentemente il massimo di unità. Che potrebbe poi essere territorio-fucina per una unità politica a cui noi come PdF abbiamo sempre aspirato e continuiamo ad aspirare. Il Popolo della Famiglia ha la tensione unitiva nel proprio dna. Cercheremo di essere motore aggregatore di un futuro possibile, sapendo che lo spazio politico che ci compete attualmente è vuoto e in politica, come in fisica, gli spazi vuoti si riempiono. Rapidamente. Dunque, agiamo subito. Noi ci siamo in 114.535, pochi forse, ma sufficienti per iniziare.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

30/05/2019
0310/2022
S. Maria Giuseppa Rossello

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Ladaria: l’obbedienza è ancora una virtù

Per la prima volta da quando occupa lo scranno del loro ufficio, il successore di Ratzinger, Levada e Müller all’ex Sant’Uffizio si è raccontato: lo ha fatto con un’intervista rilasciata a Vatican News, e finalmente il mondo ha conosciuto il sorriso affabile di Luis Ladaria Ferrer. Al centro del colloquio soprattutto la questione di come si possano conciliare nella fede libertà e obbedienza.

Leggi tutto

Politica

Un ultimo sforzo

L’ultimo sforzo che dobbiamo produrre in vista delle elezioni amministrative del 10 giugno serve proprio a questo: dimostrare una ulteriore capacità di raccolta del consenso, che dia un segnale di crescita rispetto allo 0.7% ottenuto alle politiche del 4 marzo. Se tre mesi dopo dovessimo farci trovare in buona salute elettorale, aumentando significativamente la nostra percentuale di voti, sarebbe la conferma che tutto questo colossale lavoro compiuto a mani nude sta pagando e con ulteriore costanza otterremo in futuro risultati ancora migliori, soprattutto quando spunterà la inevitabile disillusione verso l’azione del governo a trazione grillina.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco e l’Angelus dell’Immacolata

8 Dicembre - da Piazza San Pietro l’Angelus di Papa Francesco in occasione di questa festività così importante. Eccomi è la parola-chiave della vita. Segna il passaggio da una vita orizzontale, centrata su di sé e sui propri bisogni, a una vita verticale, slanciata verso Dio. Eccomi è essere disponibili al Signore, è la cura per l’egoismo, è l’antidoto a una vita insoddisfatta, a cui manca sempre qualcosa. Eccomi è il rimedio contro l’invecchiamento del peccato, è la terapia per restare giovani dentro. Eccomi è credere che Dio conta più del mio io. È scegliere di scommettere sul Signore, docili alle sue sorprese. Perciò dirgli eccomi è la lode più grande che possiamo offrirgli. Perché non iniziare così le giornate, con un “eccomi, Signore”? Sarebbe bello dire ogni mattina: “Eccomi, Signore, oggi si compia in me la tua volontà”. Lo diremo nella preghiera dell’Angelus, ma possiamo ripeterlo già ora, insieme: Eccomi, Signore, oggi si compia in me la tua volontà!

Leggi tutto

Società

Così la Francia scivola verso la GPA

«Una GPA realizzata all’estero non può di per sé impedire il riconoscimento di un legame di filiazione in Francia con la madre d’intenzione». Così la Corte di Cassazione francese ha convalidato ieri l’adozione di due gemelli nati nel 2000 da madre surrogata californiana da parte di Sylvie e Dominique Menesson. È stato il concetto di “intenzionalità genitoriale” a decidere la sentenza.

Leggi tutto

Chiesa

Pedofilia “nemico carissimo” del nostro mondo. Intervista a Don Di Noto

Il noto sacerdote siciliano, fondatore e direttore dell’Associazione Meter, fa il punto sul rapporto ambiguo della nostra società con l’abuso infantile.Abbiamo paura dei bambini. E’ una società pedofobica, ha paura dei bambini. Li erotizza, li diseduca nel campo della sessualità. Fa di tutto per dimenticarsi dei bambini. Papa Francesco più volte ha ribadito che una società senza bambini è impossibile. Loro non hanno la doppiezza di noi adulti. Una società senza bambini, diceva ancora Francesco, è triste e grigia Il bambino ha il diritto di crescere secondo i tempi dettati dallo sviluppo naturale del suo copro legato a quello psichico, senza forzature esterne che lo portino a pensare e ad agire in un modo contrario a questo sviluppo. Altrimenti nel nome di un diritto del bambino da rispettare, gli si fa violenza.
Non è solo una convinzione, ma un dato di fatto: usare l’educazione sessuale per dominare un bambino è facilissimo ed è la massima violenza.

Leggi tutto

Società

Nuove vie di rinascita personale e sociale

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano