Politica

di Mario Adinolfi

Che fare ora che i fatti sono chiari

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

La strada che ho provato a indicare nell’editoriale de La Croce di oggi (ultimo post di ieri sera) è la creazione di un soggetto politico autonomo cristianamente ispirato fuori dalle coalizioni (con cui poi eventualmente e non obbligatoriamente allearsi) che sia sintesi di un impegno comune di popolo e pastori. La potenzialità di un soggetto del genere è dell’8-10% e noi mettiamo a disposizione i nostri 114.535 voti militanti di domenica come primo mattoncino. Non è un progetto velleitario: a Gela il PdF ha sperimentato gli effetti della saldatura tra il nostro soggetto politico, le parrocchie, l’associazionismo, le energie produttive e sociali territoriali. In una città con mille problemi e 75mila abitanti il PdF ha preso il 5.64% alle amministrative e due settimane dopo l’8.75% alle europee domenica scorsa. Questa è la potenzialità del progetto politico a cui noi dedicheremo da oggi le nostre energie.

Si può fare, volendolo fare, perché persino noi da soli ce l’abbiamo fatta. Ora dobbiamo farlo insieme, in tanti, in ogni provincia d’Italia: chiamare a raccolta chi non si ritrova nel neopaganesimo salviniano ammantato di baci al rosario e meno che mai nella saldatura laicista Pd-M5S-Bonino-sinistre che prima o poi si produrrà come reazione al primo. Chi non sta a suo agio in questo probabile prossimo neobipolarismo ha bisogno di una casa costruita sulla roccia dell’ispirazione cristiana popolare, sturziana, autentica. Noi lavoreremo per contribuire a costruirla, con la tenacia che ci contraddistingue, apportando capacità formativa, classe dirigente, militanza, presenza sul territorio e assicurando comunque e sempre un simbolo sulla scheda, a partire dalle prossime regionali d’autunno in Emilia Romagna, regione dove abbiamo appena ottenuto il primo eletto in un comune capoluogo. Partendo dai territori e dal radicamento, proprio sul modello sturziano, questo progetto prenderà forma e noi siamo a disposizione di ogni possibile ampliamento del fronte comune.

Anche per le battaglie immediate che ci aspettano a partire da quella per scongiurare la depenalizzazione del suicidio assistito da parte della Corte Costituzionale nel prossimo autunno. Il Popolo della Famiglia annuncia fin da subito la propria mobilitazione nazionale per una serie di presidi fisici che avranno luogo a partire dal 21 settembre davanti alla Consulta e la propria disponibilità a promuovere eventi comuni unitari con altre sigle del mondo profamily e prolife, per ridurre sempre di più distanze e differenze che in passato hanno fiaccato l’efficacia delle prese di posizione. La questione eutanasia-suicidio assistito è talmente cruciale che serve evidentemente il massimo di unità. Che potrebbe poi essere territorio-fucina per una unità politica a cui noi come PdF abbiamo sempre aspirato e continuiamo ad aspirare. Il Popolo della Famiglia ha la tensione unitiva nel proprio dna. Cercheremo di essere motore aggregatore di un futuro possibile, sapendo che lo spazio politico che ci compete attualmente è vuoto e in politica, come in fisica, gli spazi vuoti si riempiono. Rapidamente. Dunque, agiamo subito. Noi ci siamo in 114.535, pochi forse, ma sufficienti per iniziare.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

30/05/2019
2208/2019
Beata Vergine Maria Regina

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Omosessuale e sentinella, non eroe

Giorgio Ponte è il primo omosessuale, che ha partecipato anche all’esperienza delle Sentinelle in Piedi, a esporsi a sostegno di un’idea chiara: la Chiesa non è contro i gay. Dice: “Non siamo contro le persone, ma per la loro salvezza. E non chiamatemi eroe”

Leggi tutto

Società

Scuola e chiesa ora tocchiamo veramente i fondi

Gabriele Toccafondi è un fiorentino del ‘72, laureato in scienze politiche, ha fatto il consigliere all’università di Firenze, è stato membro di un sacco di commissioni e promotore di iniziative culturali e dal ‘99 ha messo i piedi in politica per poi non toglierli più. Ha militato tra le file di una lista civica, poi è passato a Forza Italia, poi è stato deputato PdL e nel 2013 ha indossato la casacca NCD, grazie alla quale ora siede sulla poltrona di Sottosegretario di Stato al Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

Leggi tutto

Politica

Vadecum per il voto amministrativo delle liste PDF

Per il Popolo della Famiglia, che è un movimento politico, la prova del nove è quella con le urne. A chi ci dice che siamo quattro gatti ricordiamo i risultati delle amministrative 2016, in cui già decine di migliaia di persone scelsero di mettere la croce sul nostro simbolo sostenendo i nostri candidati sindaco, con questi risultati nelle principali città:

Leggi tutto

Politica

Precisando alcuni dati del PDF

La risposta al successo della tornata amministrativa dell’11 giugno è stata un crescendo di interventi polemici evidentemente rabbiosi e addirittura la nascita di un fantomatico gruppo di “delusi dal Popolo della Famiglia”, ovviamente presente in forma anonima con una pagina su Facebook. Questa pagina raccoglie anche alcuni articoli del quotidiano La Croce, firmati da Mirko De Carli, tratti da pagine di agenzie di stampa come Asianews e altre, in alcuni casi riportate integralmente. L’attacco a Mirko De Carli non è casuale, visto il risultato eccezionale ottenuto da questo dirigente del Popolo della Famiglia della prima ora, che ha portato il nostro simbolo a sfiorare il 15% in una terra rossa da settant’anni come Riolo Terme in Romagna. La pagina riporta fatti dell’anno scorso che guarda caso sono finiti su Facebook a due giorni dal voto, con una viltà degna dei vermi peggiori.

Leggi tutto

Storie

L’esempio del padre della ragazza violentata

Il padre di una delle due quattordicenni romane violentate si è erto a difesa e a sostegno della legge, indicandosi come ulteriore istanza

Leggi tutto

Politica

Viene dalla ‘scuola’ di Ingroia il nuovo assessore regionale alla famiglia

Appare vanificata la speranza del Comitato difendiamo i nostri figli, che aveva spinto la candidatura del neo presidente alla Regione Sicilia

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano