Politica

di Mirko De Carli

Perché non siamo soli ma siamo solo noi

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Caro Marco,

con te comincia il mio dialogo diretto con i tanti che mi scrivono tutti i giorni e a cui cerco di rispondere anche a notte fonda. Perché fare politica (e questo l’ho imparato da maestri come Aldo Brandirali) significa servire il bisogno dell’uomo sempre e comunque. Mi spiace sentire nelle tue parole un forte rammarico per il risultato elettorale del PdF: è vero, non abbiamo conseguito il consenso che ci aspettavamo ma siamo ancora vivi nonostante l’onda leghista che ha travolto la politica italiana. Basta dire questo? No, occorre (come dici tu) riflettere sulle ragioni di questo crollo di voti rispetto alle politiche dell’anno scorso e bisogna farlo con forte spirito di autocritica.

Mi hai scritto che, secondo te, è stato un voto sprecato, buttato: non sono d’accordo. È un voto speso a dare un segnale controcorrente nonostante il rischio di irrilevanza: c’è un disperato bisogno di una comunità politica di “senza potere” che rimettano al centro il lavoro, l’impresa e l’aiuto al prossimo come leve per ridare speranza alla famiglia e per dare ragioni valide ai giovani per fare famiglia e fare figli.

Una cosa è certa: ora occorre lavorare in modo diverso e con un’ampia dose di umiltà e pazienza. Occorre incontrare le “opere” presenti nei territori: liste civiche, cooperative sociali, associazioni di volontariato, scuole libere e imprese familiari. È necessario farlo partendo dall’ascolto delle loro esperienze, assorbendo ciò che di buono hanno messo in campo e proponendogli un dialogo fecondo teso a dargli rappresentanza leale nelle istituzioni repubblicane di ogni livello. Il Pdf deve essere sempre di più una cornice capace di unire le tante sfumature presenti nel paese che hanno tradotto l’umanesimo contemporaneo in azioni concrete e capaci di bene per tutti.

Ogni comune, ogni provincia, ogni regione ha una sua storia, delle sue tradizioni e un particolare #fattoinfamiglia: siamo chiamati a conoscerlo, stimarlo e aiutarlo a dare le risposte che le famiglie chiedono. Facciamo politica non etica: si promuove la vita con le leggi, con le opere e con interventi economici seri e mirati.

Caro Marco mi chiedi da che programma partirà questo lavoro: inizierà dai punti che ho stilato per la campagna delle elezioni europee e che vedono al primo posto il #farefamiglia, il #fattoinfamiglia, la #libertàscolastica e la #bellezzadelcreato. Ripartiamo dalla realtà per far sì che il Pdf diventi sempre di più un movimento di riscatto nazionale capace di unire storie diverse che hanno però un comune denominatore: l’amore per la propria terra, da cui trae linfa il desiderio irriducibile di fare famiglia, impresa e opere.

Il modello lo abbiamo praticato a Modena, a Reggio Emilia, a Venezia e nei comuni sotto i 15.000 abitanti a Correggio: abbiamo eletto consiglieri o abbiamo vinto la gara delle preferenze come Pdf dentro a realtà di liste elettorali più ampie e capaci di aggregare attorno ad un programma condiviso e fondato sulle priorità proprie della nostra storia un consenso che va oltre il semplice voto identitario. Lo abbiamo fatto sempre con la gioia di esporre il nostro simbolo ma senza la presunzione di essere “gli unici” o”i migliori”. Occorre ora avere la forza di creare sempre più rete con i tanti “senza potere” presenti nelle nostre città e a cui nessuno ha mai dato un megafono di rappresentanza.

Caro Marco è un lavoro duro, arduo e lungo ma dove tutti possiamo essere davvero protagonisti: la vera sfida, come dico da sempre, è la rappresentanza e non il consenso (quello arriverà di conseguenza). Ci vediamo in #giroxitalia

Per chi vuole scrivermi mandate mail a [email protected]

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

30/05/2019
2002/2020
San Zefirino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Preoccupazioni prive di azioni

Le conclusioni dell’assemblea generale della Cei indicano una serie di problemi, osservano l’avanzata di un’offensiva legislativa contro la famiglia, ma non offrono risposte operative

Leggi tutto

Chiesa

Pubblicate le Annotazioni di Kiko

Ha avuto un seguito ideale “Il Kerigma. Nelle baracche coi poveri”, col quale Francisco Argüello, meglio noto come Kiko, si mostrava avviato all’età dei
bilanci complessivi e delle memorie: Cantagalli ha da poco dato alle stampe “Annotazioni”. In questo volume, composto di 506 frammenti «da sorseggiare
con calma», si trova “il giornale dell’anima” del fondatore del Cammino Neocatecumenale. E di tanto in tanto, sullo sfondo, compaiono fatti noti e ignoti
dalla tua santità sopra il mio essere peccatore. – scrive nel 1998 – Il tuo amore appare sopra di me e mi distrugge, mi annienta , mi crocifigge. Signore, abbi pietà di me!»
(n.300). Spesso, come molti mistici, tra i quali mi viene in mente la stessa Madre Teresa di Calcutta, le parole di Kiko mostrano il tormento della “notte oscura”, del sentirsi come abbandonati ed infinitamente lontani dall’Amato, uno spasimo che si trasforma a volte in poesia «C’è un amore che fa dolere il cuore, c’è un dolore che è pieno d’amore…È l’assenza. (…) Siamo nel deserto abbracciati a Te, Signore e in Te a tutti fino all’infinito. Assenza di Dio» (n.353). Rincorre quest’uomo che molto, moltissimo ha realizzato, in un paradosso tutto cristiano, la “santa umiltà di Cristo”. Che non è finta modestia, un atteggiarsi ipocrita, ma è essenzialmente obbedienza alla Volontà di Dio, accettazione delle ingiustizie e delle calunnie perché «Tutto ciò in cui c’è Dio è umile» (n.5) e perché «Sali a Dio scendendo i gradini dell’umiltà» (n.9), fino a contemplare in essa la bellezza di Dio «Perché la bellezza è umile? Che mistero! Perché l’umiltà è bellissima? Ti ho visto Signore. Sì, Tu eri in quella donna abbandonata nel corridoio di un ospedale. Ti vidi nella strada buttato tra cartoni e spazzatura. Oh, santa umiltà di Cristo, chi ti potrà trovare! Ti trovai e mi toccasti il cuore, e non fui più lo stesso (…).» (n.473).
E veramente la vita di questo pittore di succe s s o , destinato alla gloria del mondo, ad una carriera da artista, è stata rivoluzionata in modo sorprendente dall’incontro con Cristo, trasformandosi in zelo per l’evangelizzazione e per l’annuncio dell’amore di Dio all’umanità sofferente «Benedetto sia il tuo nome, Signore. Benedette la tua tenerezza e misericordia. [Il Signore] viene ad incendiare la terra. Il mio spirito arde, brucia in Te, Dio mio. Geme il mio cuore vedendo ovunque il tuo nome vilipeso e l’uomo sfruttato, colpito, ingannato in una società che vuole crocefiggerti di nuovo. Superstizione, magia,
idolatria. Si assassina il pudore nei giovani. Aborto, omosessualità, sesso libero. Tutto ciò che è santo viene insultato e presentato

Leggi tutto

Politica

Renzi perde, il PDF vince

I recenti riscontri elettorali hanno sancito la crisi del renzismo e la crescita del PDF. Ora è necessario andare avanti per conquistare i giusti traguardi ed esautorare chi dimostra di interessarsi soltanto a pochi a danno di molti

Leggi tutto

Chiesa

Lo Spirito e la spiritualità evangelica nella riforma della Chiesa

Presentazione del libro di monsignor Marchetto

Leggi tutto

Politica

E la ripresa valoriale?

Niente per le famiglie numerose, nessuna politica per la natalità, nessun sostegno all’impresa di famiglia, nessuna politica per i giovani che vogliono metter su famiglia, niente sulla libertà scolastica e sulla possibilità di far scegliere ai papà e alle mamme la scuola dove mandare i propri figli: il “contratto di governo” di Lega e Movimento 5 Stelle si annuncia come uno scriteriato prospetto per varare (in deficit) il reddito di cittadinanza e la flat tax.

Leggi tutto

Società

Utero in affitto? No grazie!

Il bambino, che durante la propria gestazione viene cullato dal ventre materno e che impara a riconoscere i rumori che lo circondano (la voce della mamma sicuramente, ma anche la voce del papà e dei fratelli), i sapori che lo nutriranno (e che vengono filtrati grazie al liquido amniotico che ingerisce) e le emozioni che vive chi lo sta ospitando (il ruolo dei neurormoni è ritenuto fondamentale per lo sviluppo fetale), si lega moltissimo alla madre. Grazie agli studi che sono stati compiuti e che oramai danno per scontato tutto un mondo fatto di relazione tra madre e nascituro, è stata messa a punto tutta una serie di accorgimenti clinici che si basano sul “dialogo” e sulle interazioni fisiche che sono vitali per il nascituro.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2020 La Croce Quotidiano