Politica

di Mirko De Carli

Perché non siamo soli ma siamo solo noi

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Caro Marco,

con te comincia il mio dialogo diretto con i tanti che mi scrivono tutti i giorni e a cui cerco di rispondere anche a notte fonda. Perché fare politica (e questo l’ho imparato da maestri come Aldo Brandirali) significa servire il bisogno dell’uomo sempre e comunque. Mi spiace sentire nelle tue parole un forte rammarico per il risultato elettorale del PdF: è vero, non abbiamo conseguito il consenso che ci aspettavamo ma siamo ancora vivi nonostante l’onda leghista che ha travolto la politica italiana. Basta dire questo? No, occorre (come dici tu) riflettere sulle ragioni di questo crollo di voti rispetto alle politiche dell’anno scorso e bisogna farlo con forte spirito di autocritica.

Mi hai scritto che, secondo te, è stato un voto sprecato, buttato: non sono d’accordo. È un voto speso a dare un segnale controcorrente nonostante il rischio di irrilevanza: c’è un disperato bisogno di una comunità politica di “senza potere” che rimettano al centro il lavoro, l’impresa e l’aiuto al prossimo come leve per ridare speranza alla famiglia e per dare ragioni valide ai giovani per fare famiglia e fare figli.

Una cosa è certa: ora occorre lavorare in modo diverso e con un’ampia dose di umiltà e pazienza. Occorre incontrare le “opere” presenti nei territori: liste civiche, cooperative sociali, associazioni di volontariato, scuole libere e imprese familiari. È necessario farlo partendo dall’ascolto delle loro esperienze, assorbendo ciò che di buono hanno messo in campo e proponendogli un dialogo fecondo teso a dargli rappresentanza leale nelle istituzioni repubblicane di ogni livello. Il Pdf deve essere sempre di più una cornice capace di unire le tante sfumature presenti nel paese che hanno tradotto l’umanesimo contemporaneo in azioni concrete e capaci di bene per tutti.

Ogni comune, ogni provincia, ogni regione ha una sua storia, delle sue tradizioni e un particolare #fattoinfamiglia: siamo chiamati a conoscerlo, stimarlo e aiutarlo a dare le risposte che le famiglie chiedono. Facciamo politica non etica: si promuove la vita con le leggi, con le opere e con interventi economici seri e mirati.

Caro Marco mi chiedi da che programma partirà questo lavoro: inizierà dai punti che ho stilato per la campagna delle elezioni europee e che vedono al primo posto il #farefamiglia, il #fattoinfamiglia, la #libertàscolastica e la #bellezzadelcreato. Ripartiamo dalla realtà per far sì che il Pdf diventi sempre di più un movimento di riscatto nazionale capace di unire storie diverse che hanno però un comune denominatore: l’amore per la propria terra, da cui trae linfa il desiderio irriducibile di fare famiglia, impresa e opere.

Il modello lo abbiamo praticato a Modena, a Reggio Emilia, a Venezia e nei comuni sotto i 15.000 abitanti a Correggio: abbiamo eletto consiglieri o abbiamo vinto la gara delle preferenze come Pdf dentro a realtà di liste elettorali più ampie e capaci di aggregare attorno ad un programma condiviso e fondato sulle priorità proprie della nostra storia un consenso che va oltre il semplice voto identitario. Lo abbiamo fatto sempre con la gioia di esporre il nostro simbolo ma senza la presunzione di essere “gli unici” o”i migliori”. Occorre ora avere la forza di creare sempre più rete con i tanti “senza potere” presenti nelle nostre città e a cui nessuno ha mai dato un megafono di rappresentanza.

Caro Marco è un lavoro duro, arduo e lungo ma dove tutti possiamo essere davvero protagonisti: la vera sfida, come dico da sempre, è la rappresentanza e non il consenso (quello arriverà di conseguenza). Ci vediamo in #giroxitalia

Per chi vuole scrivermi mandate mail a [email protected]

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

30/05/2019
2406/2024
Natività di San Giovanni Battista

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Governo: misure su rave, giustizia e Covid

Reclusione da 3 a 6 anni, multe da 1.000 a 10.000 euro e si procede d’ufficio “se il fatto è commesso da più di 50 persone allo scopo di organizzare un raduno dal quale possa derivare un pericolo per l’ordine pubblico o la pubblica incolumità o la salute pubblica”.

Leggi tutto

Politica

PDF - Aborto «pratica disumana»

«Nel divulgare i risultati dell’indagine riguardanti la classifica delle regioni con più obiettori di coscienza, l’associazione Luca Coscioni sembra voler attribuire, a questi ultimi la responsabilità di un presunto problema ad accedere alla pratica (disumana) dell’aborto. I dati del Ministero della Sanità smentiscono questa versione fantasiosa»

Leggi tutto

Storie

Il carcere

Battersi contro l’ergastolo ostativo e contro la morte in carcere è un piccolo progetto, una piccola battaglia che porto avanti in autonomia come avvocato. Poi ho portato l’idea all’interno del mio partito che è il Popolo della famiglia. Il partito che è contro tutte le forme di morte e per la tutela e la celebrazione della vita.

Leggi tutto

Società

MALAYSIA - No alla politica nelle moschee

Secondo il Comitato per gli Affari religiosi islamici, le moschee sono diventate luogo di dibattito e alcuni partiti si avvalgono di iniziative religiose per diffondere le proprie posizioni.

Leggi tutto

Società

Spot pro-cannabis davanti alla scuola

La pubblicità della cannabis posizionata proprio davanti a un liceo in provincia di Napoli. Marketing per alcuni, un vero scandalo per altri. Sta suscitando polemiche un manifesto pubblicitario comparso vicino all’istituto Enrico Medi di Cicciano: la réclame a caratteri cubitali promuove infatti un negozio in cui si vendono “semi di cannabis di alta qualità”. Il fatto che quel contenuto commerciale sia stato collocato proprio davanti a un luogo frequentato da giovani ha aperto discussioni sull’opportunità della scelta, con una netta presa di posizione della Lega sull’argomento.

Leggi tutto

Politica

Tutti gli “sponsor” di Elly Schlein

Commentando l’inaspettata vittoria di Elly Schlein alle primarie del Partito Democratico, l’ex Presidente del Consiglio Romano Prodi, intervistato da Repubblica, si è dichiarato sorpreso ma non sbalordito della sconfitta del presidente dell’Emilia-Romagna Stefano Bonaccini, raccontando di aver visto crescere Schlein e di essersi “confrontato spesso con lei”, anche con “qualche ramanzina da vecchio professore quale sono”. Da Occupy Pd alla guida del partito, l’ascesa della neo-segretaria dem nata in Svizzera nel 1985 è stata resa possibile e favorita, oltre che dallo stesso Prodi, come spiega Italia Oggi, dall’agenzia Social Changes, vicina a Barack Obama, che ne ha promosso in passato l’immagine sui media con grande efficacia.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano