Media

di Mario Adinolfi

Un’estate di necessaria riflessione

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Con la costituzione delle giunte comunali si chiude la lunga primavera elettorale apertasi con il grande successo del Popolo della Famiglia in Sicilia alle amministrative di Gela, passata attraverso la delusione del risultato delle europee, arrivata ora ad un bilancio che è comunque il migliore della nostra breve storia: abbiamo due vicesindaci (Andrea Brenna a Grandate e Antonio Panero a Centallo), il primo consigliere eletto in un comune capoluogo (Elisa Rossini a Modena), presenze strutturate in tutte le regioni. Ora serve una profonda analisi, una umile capacità di autocritica, ma anche una grande consapevolezza nel Popolo della Famiglia per essere all’altezza dei 114.531 italiani che ci considerano la migliore offerta politica esistente in Italia. Si riuniranno in estate le nostre aggregazioni territoriali, completeremo il percorso di analisi del voto nella prima metà di settembre con l’assemblea nazionale, guarderemo all’evolversi del quadro politico, lotteremo su questioni decisive come RdM e eutanasia. Ieri ho partecipato personalmente alla riflessione del coordinamento del Lazio. Oggi ci si vede a Terni. Il PdF non si ferma.

Si apre però un’estate di necessaria riflessione anche per noi de La Croce. Ripenseremo completamente la modalità della nostra comunicazione e abbiamo già in pentola idee importanti per la ripartenza settembrina. Ci prenderemo qualche settimana in più di pausa (Giovanni Marcotullio a giorni diventa padre per la seconda volta ed è chiamato in famiglia ad un ruolo di supporto, io stesso ho bisogno di ricaricare le batterie visto che dal marzo 2014 quando è uscito Voglio la Mamma sono stato praticamente per più di cinque anni ininterrottamente in tour, lavorando in più quotidianamente alla costruzione del numero de La Croce) e invece della solita pausa agostana aggiungeremo anche il residuo del mese di giugno più il mese di luglio per poter ristrutturare con calma tutto ciò che va ristrutturato nella proposta informativa del quotidiano. Dopo quattro anni e mezzo in cui abbiamo corso a tutta birra, facciamo un tagliando al prodotto studiando soluzioni che possano far arrivare il nostro lavoro a più persone, visto che è sempre più necessario che il messaggio che vogliamo portare avanti non risulti solo un messaggio di nicchia, destinato a incrociare l’interesse solo di chi è già d’accordo con noi. Abbiamo bisogno di un quotidiano di opinione, abbiamo bisogno di tornare in qualche modo cartacei e c’è già un progetto in campo su questo, abbiamo bisogno di interessare una porzione di pubblico più vasta. Abbiamo delle idee da mettere in pratica e questi settantacinque giorni che ci separano da settembre serviranno come test dei motori. Agli abbonati a cui mancherà per qualche tempo la propria edizione quotidiana, assicuriamo un prolungamento trimestrale della validità dell’abbonamento in coda allo stesso come giusta mercede per questi due mesi e mezzo che concederanno ai nostri “esperimenti di ripartenza”.

Più in generale auguro a tutti una estate di riflessione che mi pare quanto mai necessaria. Bisogna pensare, costruire un granaio di idee che apporti alle battaglie che ci attendono in autunno il decisivo sostentamento. Il quadro politico generale non evolve verso una serena legislatura quinquennale, quindi occorre essere molto vigili e cogliere i segnali su quel che accadrà dopo le ferie estive. Non credo, sinceramente, che questo governo giallo-verde possa avere più di otto-nove mesi di vita davanti a sé.

Se questo è vero significa che nuove elezioni politiche sono praticamente dietro l’angolo, non si arriverà alla prossima primavera senza averle celebrate. Il Popolo della Famiglia e in generale tutta l’area dei profamily e dei prolife italiani deve arrivare con consapevolezza e forza organizzativa rinnovata a questo appuntamento. Il Reddito di maternità è il fondamentale biglietto da visita da portare al centro del dibattito politico per debellare denatalità e aborto, c’è poi da condurre la battaglia contro la depenalizzazione dell’aiuto al suicidio che la Corte Costituzionale potrebbe propinarci a fine settembre. Ci faremo trovare pronti senza dubbio, sapendo che ci sono anche appuntamenti elettorali fondamentali già nel 2019 come le elezioni regionali in Emilia Romagna, Umbria e Calabria. Riposare, pensare, analizzare, proporre e comunque far crescere consapevolezza in noi stessi e in chi ci circonda deve essere il compito a cui dedicheremo la fase estiva.

Ci si ritrova in allegria a settembre, da Mario Adinolfi e da tutta la squadra de La Croce vi arrivi l’augurio di una buona estate.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

17/06/2019
1507/2020
San Bonaventura cardinale

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

STORIA DI UN AMORE, SBECCATO MA UTILE A TUTTI

Dopo aver ri-costruito attraverso questo percorso davvero tortuoso una mia condizione familiare, Dio ha voluto che spendessi tutto me stesso per testimoniare la bellezza della famiglia e anche di questo devo dire grazie a Silvia. Voglio La Mamma nasce nel 2013 perché ho visto Clara con Silvia e Silvia con Clara. Da ragazzino quando nacque Livia, la mia carissima primogenita, ero troppo preso da me per avere lo sguardo davvero sull’altro, poi intervennero subito tragedie da togliere il fiato e nessuna bellezza poteva essere anche solo immaginata dal mio sguardo. Vent’anni dopo la oggettiva e prepotente bellezza di Silvia riverberata in Clara sembra essere immagine stessa della bellezza della condizione familiare. Dentro questa parola (“bellezza”) io inserisco anche l’enorme fatica dell’essere famiglia, i vincoli che impone, i limiti dell’altro che devi imparare ad accettare e Silvia ne ha, cavoli se ne ha, ma i miei sono infinitamente maggiori e talvolta davvero insopportabili, quindi ho imparato quell’indulgenza che è anticamera necessaria dell’amore.

Leggi tutto

Politica

Strage di Bologna: Mambro, Fioravanti e l’Italia che non sa

Non sono un giustizialista, non proverei libidine nel vederli ai ceppi. Ma un po’ il mondo l’ho girato e mi rendo conto che una storia come questa possiamo raccontarla solo noi in Italia. Mettono una bomba nella sala d’aspetto di una stazione, uccidono nella maniera più vigliacca possibile una valanga di bambini, donne, anziani. Non in un grado di giudizio, non un solo giudice, ma una marea di giudici fino alla Cassazione indicano in Francesca Mambro e Giusva Fioravanti gli esecutori materiali della strage. Il 23 novembre 1995 la Repubblica italiana certifica con il terzo grado di giudizio la sentenza definitiva di colpevolezza, nel 1998 la Mambro è già in semilibertà, Fioravanti poverino deve aspettare il 1999. Lo sapevate? Ve l’hanno mai detto? Ve lo immaginate che possa accadere negli Stati Uniti d’America o in qualsiasi paese civile che i condannati per la strage più grave della storia di quel paese, a tre anni dalla sentenza definitiva possano camminare liberi per il centro della capitale? Il tutto, attenzione, senza mai aver collaborato con la giustizia, avendo mantenuto sempre orgogliosamente le bocche cucite e forse il premio è arrivato proprio per questo.

Leggi tutto

Politica

Giustizia, giudici e diritti civili da centrodestra a centrosinistra

Confrontiamo i temi giudiziari nell’arco costituzionale in vista delle politiche di marzo 2018

Leggi tutto

Media

Associazione Stampa Romana - Intelligonews chiude: a casa e senza tutele tutti i lavoratori

Librandi alla fine di ottobre ha comunicato alla redazione la fine dei giochi. Gli accessi si sarebbero ridotti, ma non al punto tale da giustificare una repentina chiusura. Nonostante l’editore negli anni avesse sfruttato il lavoro dei colleghi, avendo fatto poco e nulla per regolarizzare le posizioni contrattuali e previdenziali.
La lettura dei bilanci ci racconta invece tuttora una storia di assoluta sostenibilità dell’impresa editoriale. Forse ha inciso di più la collocazione di Librandi all’interno del partito democratico.

Leggi tutto

Politica

Considerazioni sul voto del 4 Marzo

Chi è cosciente della responsabilità sa, come scrive il vescovo Suetta e i duecento sacerdoti firmatari dell’appello, che ora con il suo voto deve indicare “novità e discontinuità” con le politiche del passato. Questa novità, questa discontinuità, si chiama Popolo della Famiglia. Fai una croce sul nostro simbolo il prossimo 4 marzo, vota con gioia e con coscienza, avrai messo il tuo mattone per la costruzione di una casa comune valoriale di cui l’Italia ha bisogno.

Leggi tutto

Chiesa

Il Rosario che ha avvolto le isole britanniche

Sembrava essere un’iniziativa tutta polacca ispirata al fiero nazionalismo di quella nazione – erede di molte vessazioni subite e di un superbo pontificato espresso tra due millenni – e invece il “rosario sulla costa” è approdato anche in Gran Bretagna, dove è giunto proprio nei giorni successivi all’epilogo del triste caso di Alfie Evans. Papa Francesco ha benedetto l’iniziativa.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2020 La Croce Quotidiano