Politica

di Mirko De Carli

Ursula, non sei il mio presidente

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Ieri in serata Ursula Von Der Leyen è stata votata dal Parlamento Europeo con solo 9 voti di scarto alla guida della Commissione Europea dopo la designazione avvenuta nelle settimane precedenti dal Consiglio Europeo. Tranne il Partito Popolare Europeo, di cui il Ministro della Difesa tedesco fa parte, nessun altro gruppo parlamentare ha votato in maniera compatta a suo favore: alcune delegazioni nazionali hanno espresso opinioni differenti rispetto alle dichiarazioni di voto dei propri capogruppo. Questo a significare che il Parlamento era spaccato per due ordini di ragioni: ancora una volta si trovava a votare un nome su cui non aveva avuto alcuna voce in capitolo e l’asse su cui si era da sempre retto l’equilibrio della vita parlamentare (PpE-PsE) non è, ad oggi, più in grado di essere maggioranza autonoma.

La decisione di non rinviare a settembre il voto in aula e di spingere sull’acceleratore per ratificare al più presto l’accordo Macron-Merkel di fatto conferma che non c’è alcuna intenzione di dar vita ad una legislatura costituente che apra un serio e necessario percorso di riforme dei trattati istitutivi dell’Unione Europea. Non a caso i temi centrali del discorso della Von Der Leyen sono stati ben mirati: salario minimo europeo, riforma generica del trattato di Dublino senza alcuna condanna al traffico di esseri umani che vede coinvolte anche le ong, piano verde per l’Europa e qualche spolveratina di sentiment europeista da lacrimuccia facile. Un mix di promesse volte a garantirsi il voto dei liberali, dei grillini, di buona parte dei socialisti e di spaccare il fronte dei verdi. Sul piano numerico missione compiuta, sul piano delle prospettive per il nostro continente un fallimento totale.

Non una parola sulla riforma del Trattato di Maastricht, sull’avvio di un reale processo di riforme che porti a realizzare un vero e proprio “sovranismo europeo”, nemmeno una parola su una prospettiva di difesa unica europea, sulla peste bianca della denatalità e sulla riapertura di una fase costituente capace di riportare nel dibattito europeo il tema delle “radici greco-romano-giudaico-cristiane”. Niente di tutto questo. E dire che erano alcune delle parole chiave della candidatura per il PpE di Manfred Weber alla medesima carica oggi ricoperta dalla Von Der Leyen, completamente scomparse dall’agenda politica della neoeletta Presidente delle Commissione Europea.

I prossimi cinque saranno dunque l’ennesimo strenuo tentativo di alzare le barricate contro il rischio della deriva sovranista facendo sì, con questa assurda strategia, che alle prossime elezioni tutta questa classe dirigente europea venga definitivamente spazzata via come avvenuto in Italia. I problemi si affrontano non si evitano cara Ursula. Per questo dico con forza che non sei il mio Presidente: perché nella tua agenda i problemi della mia gente non ci sono.

Cara Ursula ti faccio una domanda: quando i tuoi figli cresceranno e capiranno che sono nati in una famiglia numerosa ma la loro mamma non ha fatto nulla perché anche la loro generazione potesse godere di un’Europa nata per garantire pace, benessere e prosperità per tutti (come quella pensata e parzialmente realizzata dai padri fondatori) e non per creare una società di poveri sempre più poveri in guerra aperta con ricchi sempre più ricchi, dove la famiglia lentamente scompare sostituita dalla nuova etica di stato arcobaleno cosa penseranno di te e del tuo operato? No Ursula, anche se sono un popolare europeo, non sei il mio Presidente: il tempo per noi giovani è poco, troppo poco per essere sprecato nell’eterna attesa di un rivoluzione che si avverte a parole ma mai nei fatti. Toccherà a noi essere rivoluzionari e fare nostro il sogno dei padri fondatori: dopo questa ennesima “pernacchia” delle istituzioni europee non delegheremo più. Mai più.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

17/07/2019
1610/2019
S. Margherita M. Alacoque. S. Edvige

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Società

Per un’Europa umana, cristiana, riconciliata

Elisa Grimi è una giovane e talentuosa filosofa, oggi ricercatrice a Neuchâtel e direttrice di Philosophical News. Col maestro Rémi Brague ha recentemente pubblicato un saggio sul “perdono dell’Occidente”: «Contro il cristianismo e l’umanismo» (Cantagalli). Vi sono infatti contraffazioni più o meno involontarie del cristianesimo e dell’umanesimo che a dispetto delle loro ottime intenzioni non permettono all’Europa di riconciliarsi con sé stessa

Leggi tutto

Politica

Una candidatura simbolica per rifondare l’ europeismo

Un progetto di ingegneria istituzionale non è sufficiente. Cosa impedisce infatti a un’ideologia di sostituirsi a un’altra? Le ideologie totalitarie disprezzavano il formalismo giuridico e istituzionale, aggirandolo sistematicamente. Oggi in Europa regnano, in nome dell’impoliticità, altre ideologie che si chiamano pensiero politicamente corretto, dittatura del relativismo, umanismo (cioè l’umanesimo senza l’umano). Sempre più il nuovo ordine europeo assomiglia – paurosamente – a quel regime che Tocqueville nella “Democrazia in America” aveva battezzato come «dispotismo democratico»: una tirannide confidenziale, ludica, che lascia che la massa del popolo si trastulli con «piaceri piccoli e volgari, con i quali soddisfare i loro desideri». I cittadini così diventano degli individui isolati, estranei gli uni agli altri, degli apolidi senza patria.

Leggi tutto

Politica

Alcune puntualizzazioni sulla liceità della lettera di sostegno al Popolo della Famiglia

Dati i nervosismi tra non pochi detrattori del movimento politico sorto dalle ceneri dei Family Day, occorre ribadire alcune direttrici fondamentali

Leggi tutto

Politica

Don Minzoni e il tema del metodo

La questione del “concordare in sostanza ma non condividere il metodo” ha infiammato la diatriba infra-cattolica, nei giorni scorsi, a partire dalla presa di distanza del cardinale Parolin rispetto al WCF di Verona. Un vero e proprio “magistero di metodo”, per l’azione politica, si trova nella grande e lunga vicenda popolare italiana, che ha costruito uno stile umile e moderato, ma insieme radicale

Leggi tutto

Politica

In risposta alle #obiezioni sul partito politico

In risposta disorientamento dell’italiano cattolico medio dopo il naufragio del centrodestra berlusconiano – trauma che lo lascia se possibile più orfano della stessa Mani pulite – richiede un intervento di rinforzo sostanziale delle ragioni dell’impegno politico. A strapparlo allora dalla tentazione di infilare la testa sotto al Non expedit torna la (quasi intonsa) lezione di Augusto del Noce: i rischi ci sono e non appaiono pochi, ma sembra che la via sia obbligata

Leggi tutto

Politica

A Torino si lava il cervello alla P.A.

L’unica cosa sulla quale concordo con l’assessore ArciGay Giusta è il fatto che il tema del linguaggio non sia una questione di puntiglio. Per i motivi esattamente opposti ai suoi. Il linguaggio esprime sempre una struttura di valori e costumi che si porta dietro e più in generale potremmo dire davvero che veicola una visione antropologia precisa. Ogni lingua ha una storia, ogni lingua è espressione della cultura di un popolo. Ed è per questo motivo che oggi più che mai è necessario puntigliosamente tornare a ridare alla parole il loro originario e reale significato. Altrimenti si rischia solo di violentare non solo un linguaggio, ma evidentemente l’insieme dei valori e storie che esso (il linguaggio) si porta con sé e veicola. Un linguaggio che forzosamente livella le differenze non solo violenta l’uso delle parole, ma soprattutto appiattisce a ribasso la bellezza variegata della realtà.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano