Politica

di Mirko De Carli

Berlusconi “eutanasizza” Forza Italia

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Ormai è ufficiale: Forza Italia lascia il passo a “L’Altra Italia” e a guidare le truppe in battaglia sarà ancora una volta lui, Silvio Berlusconi. Non credendo in un rinnovato slancio della sua storica creatura attraverso le primarie aperte richieste dal governatore Toti e registrando continui cali vertiginosi di consenso proponendosi come l’anello debole e moderato della coalizione di centro-destra, il Cavaliere rompe gli indugi e propone un “predellino 2.0”: mettere in campo un nuovo soggetto politico dall’anima federativa (tutti trucchi di comunicazione, la sostanza è e rimane che a comandare sarà sempre lui) per aggregare tutti coloro che non sono di sinistra ma che non si sentono rappresentati dalla politica muscolare e gridata di Matteo Salvini.

Vi ricordate quello che fece Casini con l’Udc nel 2006 quando si presentò autonomamente senza un accordo con il centro-destra perché riteneva la coalizione di allora troppo sbilanciata a destra a causa del ruolo troppo marcatamente centrale di Fini e Bossi? L’ex leader centrista, con una campagna pacata nei modi ma pungente nelle critiche sia a destra che a sinistra, portò Berlusconi alla sconfitta e il suo partito al più alto risultato di sempre, garantendo a lui e ai suoi “soci in affari” altri anni di esistenza politica. Tentativo difficilmente realizzabile se fosse invece rimasto col Cavaliere il quale gli avrebbe fagocitato buona parte dei consensi secondo la logica del voto utile e del “pesce piccolo che viene mangiato dal pesce grosso”.

La scelta di Toti di abbandonare Forza Italia, quella della Carfagna di pensare alle dimissioni dal ruolo attuale di reggenza nazionale precongressuale fanno prospettare due cose: la longa manus di Salvini su ciò che resta di Forza Italia non allineato col padron Silvio e l’ennesima mossa tattica del Carroccio per prepararsi al meglio alle prossime elezioni.

Quali scenari possibili? Difficilmente credo che il governatore ligure decida di dar vita a un suo movimento politico che si posizioni come potenziale gamba moderata della destra capitanata da Salvini e Meloni: credo che contribuirà, insieme ad altri fuoriusciti di Forza Italia, alla nascita di un una versione 2.0 di Fratelli d’Italia destinata a prendere il ruolo e il potenziale elettorale della vecchia creatura berlusconiana (magari con nome e simbolo nuovo). Berlusconi, con i rimasugli cattolici di centro e con i malpancisti moderati del Pd, assorbirà quell’elettorato moderato non assimilabile alla destra e alla sinistra arrestabile oggi attorno all’8/9 per cento. Il resto è cosa nota.

Freniamo dunque facili entusiasmi: queste piccole scosse telluriche del mondo berlusconiano non preludono ad elezioni anticipate e non cambiano i rapporti di forza tra i principali partiti politici presenti oggi in Italia. Si tratta solo di una necessaria ricollocazione del Cavaliere che prova, mai domo, di mantenere un ruolo almeno da attore non protagonista nel palcoscenico della politica nostra. Niente di più.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

01/08/2019
0612/2019
San Nicola vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Istruzioni per le liste del PDF

Il prossimo 11 giugno si voterà in oltre 1.000 comuni italiani per la tradizionale tornata amministrativa di primavera. Il Popolo della Famiglia si presenta con il proprio simbolo e chiede a tutte le donne e agli uomini di buona volontà di organizzare una presenza capillare sul territorio che sarà propedeutica alle politiche che si terranno tra pochi mesi. Azione fondamentale per il radicamento sul territorio è la campagna di tesseramento, così come il reperimento di candidati e sottoscrittori delle liste che vorranno misurarsi con il consenso elettorale sulla base della piattaforma politica PdF

Leggi tutto

Politica

Alcune puntualizzazioni sulla liceità della lettera di sostegno al Popolo della Famiglia

Dati i nervosismi tra non pochi detrattori del movimento politico sorto dalle ceneri dei Family Day, occorre ribadire alcune direttrici fondamentali

Leggi tutto

Società

La famiglia come società naturale

Oggi si richiede all’Italia una classe di governo che non brancoli nel buio nella propria indeterminatezza, che non viva alla giornata cambiando opinione ogni mattina, fiutando l’aria che tira dall’ultimo tweet. Serve una visione politica integrale che metta al centro la famiglia, ma non a chiacchiere o con altisonanti convegni buoni esclusivamente a versare inchiostro sui giornali.

Leggi tutto

Politica

Confutazione e risposta a 10 obiezioni sul risultato elettorale del PdF

I nemici del Popolo della Famiglia si affrettano a dileggiarne gli ancora esigui ritorni elettorali: i fatti, però, non si fermano alle sole cifre

Leggi tutto

Politica

GLI IMPEGNI POLITICI DEL PDF ALLA RIPRESA

A ottobre si comincerà con le elezioni ad Ostia, municipio romano che con i suoi 231.723 abitanti sarebbe la tredicesima città d’Italia per popolazione, subito dopo Verona, territorio della periferia capitolina dominato dal M5S e dalle infiltrazioni mafiose, dove il governo municipale è stata sciolto due anni fa con decreto dell’esecutivo nazionale proprio per tali infiltrazioni. A novembre sarà la volta delle elezioni regionali in Sicilia e con questo si spiega il lavoro agostano del nostro coordinatore nazionale Nicola Di Matteo nell’Isola. Nei prossimi mesi si voterà poi per le regionali in Lombardia, dove il ruolo da protagonista è ovviamente svolto dal nostro segretario nazionale Gianfranco Amato, e probabilmente anche nel Lazio e in Friuli Venezia Giulia dove l’esperienza di governo a Cordenons con Lanfranco Lincetto vicesindaco ci fa ben sperare anche grazie al radicamento con Alessandro Cocco a Trieste e con i risultati ottenuti a Fontanafredda alle ultime amministrative.

Leggi tutto

Politica

Un ultimo sforzo

L’ultimo sforzo che dobbiamo produrre in vista delle elezioni amministrative del 10 giugno serve proprio a questo: dimostrare una ulteriore capacità di raccolta del consenso, che dia un segnale di crescita rispetto allo 0.7% ottenuto alle politiche del 4 marzo. Se tre mesi dopo dovessimo farci trovare in buona salute elettorale, aumentando significativamente la nostra percentuale di voti, sarebbe la conferma che tutto questo colossale lavoro compiuto a mani nude sta pagando e con ulteriore costanza otterremo in futuro risultati ancora migliori, soprattutto quando spunterà la inevitabile disillusione verso l’azione del governo a trazione grillina.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano