Società

di Marie-Christine

Settembre 2019: battaglia sul fine-vita in Italia

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Giovedì 19 settembre prossimo i sostenitori del fine vita ripartono all’attacco, Marco Cappato ha annunciato a Roma una grande manifestazione con concerto gratuito per chiedere al Parlamento la depenalizzazione del suicidio assistito in Italia (e in futuro anche l’eutanasia legale) in un idea di autodeterminazione dell’uomo per quello che riguarda il fine vita. Tuttavia questo 11 settembre 2019 avrà anche luogo a Roma presso la CEI un tavolo di discussione contro il suicidio e l’eutanasia con tra l’altro rappresentanti di numerose associazioni e esponenti per la famiglia e la vita. La battaglia per la vita è aperta… una battaglia per il rifiuto delle ideologie di scarto e di morte purtroppo sempre più presente nella nostra società.Ricordiamo che a febbraio 2017 Marco Cappato, esponente dei Radicali e dell’Associazione Luca Coscioni, è stato imputato a Milano per avere aiutato Fabiano Antoniani (detto Dj Fabo), rimasto tetraplegico dopo un incidente stradale, a morire con il suicidio assistito nella “clinica” svizzera Dignitas. Per questa vicenda, secondo l’articolo 580 del codice penale, Cappato doveva essere incriminato per ”istigazione o aiuto al suicidio”, fattispecie penale che prevede la reclusione da 5 a 12 anni. Tuttavia ad ottobre 2018 la Consulta rinviò la decisione all’udienza del 24 settembre 2019 prossimo lasciando di conseguenza a Cappato più tempo. In questo senso mesi fa il presidente della Consulta durante un intervista aveva interpellato il Parlamento per pronunciarsi sulla depenalizzazione del suicidio assistito, lasciando intendere che in caso contrario avrebbe deciso la Corte.

Ma tali leggi sono necessarie?… direi assolutamente di no. Purtroppo si gioca sulla paura delle persone riguardo alla sofferenza sia fisica che psicologica.

La propaganda di certi esponenti e mass media sventolano la bandiera della libertà, “la dignità” e la morte in breve tempo, insomma una società che vuole apparire civile e benevola ma che al contrario spinge alla soppressione dei pazienti più deboli per il risparmio dei costi sanitari e in continuità con le idee eugenetiche.

Attualmente dal punto di vista deontologico esiste già la terapia del dolore e le cure palliative. Di più il codice di deontologia medica ricorda con l’art. 16 la rinuncia all’accanimento diagnostico- terapeutico in certi casi estremi e afferma con l’art 17 che l’Eutanasia è assolutamente vietata).

Purtroppo è anche entrato in vigore in Italia dal 31 gennaio 2018 la legge sulle DAT (disposizioni anticipate di trattamento) o biotestamento, una legge che comporta diverse zone d’ombra e prevede tra l’altro la sospensione della nutrizione e dell’idratazione (che non fanno parte della terapia ma che fanno parte del diritto vitale di ognuno)

Così i pazienti, come si può già vedere in altri paesi, si ritrovano ben presto prigionieri di protocolli che vanno nel senso di chi chiede il fine vita ma che purtroppo non tutelano chi non lo vuole. Penso a Charlie Gard, a Alfie Evans, a Vincent Lambert e tanti altri. Si è visto come Stati e tribunali tolgano la potestà ai genitore e alle famiglie grazie a leggi mortifere e impongano sempre la morte del paziente (con l’aiuto delle strutture sanitarie) invocando il loro “ best interest” e l’“ostinazione irragionevole” anche se purtroppo non è vero nella maggioranza dei casi.

La maggior parte della popolazione non è ben informata a riguardo e la manipolazione di massa è purtroppo d’attualità.

Ricordiamo che queste leggi mortifere sono presente ad esempio in Francia (legge Clayes Leonetti), Germania e Svizzera (suicidio assistito), l’eutanasia è in vigore ad esempio in Lussemburgo, Olanda, Belgio (il Belgio ha anche esteso l’eutanasia ai minori nel 2016). Per mezzo di protocolli lo Stato non permette l’obiezione di coscienza del medico che risulta così essere il semplice esecutore del fine vita. La relazione paziente- medico è seriamente compromessa come lo è il ruolo stesso del medico riguardo al carattere della qualità delle cure praticate al paziente.

Vorrei anche ricordare che queste leggi in vigore sono il frutto di teorie eugenetiche già esistente nel XIX secolo per la purificazione della specie umana e che il regime nazista portò all’estremo con l’eugenetica nazista. È importante constatare che queste sono ancora di attualità; anche allora si parlava di “ morte pietosa” e di vita non degna di essere vissuta. L’eugenetica prevedeva la sterilizzazione per la prevenzione di malattie ereditarie; a volte anche curare un bambino malformato o malato era visto come “ una perdita di tempo” perché comunque si pensava che sarebbe sopravvissuto solo pochi anni o mesi. Era visto come un peso economico e morale inutile. Poi l’eugenetica nazista anche lei di seguito scartò e eliminò bambini, adulti con problemi fisici, psichici, ammalati gravi per poi continuare nella sua estrema follia con lo sterminio di massa che conosciamo.

Anche oggi tali slogan sono di attualità attraverso l’aborto, il suicidio assistito, l’eutanasia… si parla della qualità della vita e di una morte dignitosa…in queste condizioni chi sarebbe degno o non degno di esistere? Purtroppo la Banalità del Male è ancorata nei cuori e si accetta nel nostro presente con un velo sulla coscienza, quello che era anche allora. Com’è possibile? Una persona che apprezzo molto disse una volta: “Il Male è banale, il bene è semplice”. Allora con semplicità facciamo scorrere il bene nelle nostre vite, nelle nostre relazioni e famiglie. Accompagniamo e soprattutto Amiamo chi è più debole, chi non ha voce… così che siamo ancora degni di essere chiamati “Umanità”.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

09/09/2019
1012/2019
Madonna di Loreto

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Storie

Lambert, e la sentenza dei medici

Si è pronunciato il team di medici indipendenti convocati dal tribunale amministrativo di Chalons-en-Champagne: Vincent Lambert non è migliorato, negli ultimi quattro anni, e anzi è lievemente peggiorato; tuttavia ciò di cui ha bisogno non configura accanimento terapeutico. Un pronunciamento salomonico che rimanda la palla al giudice. L’udienza è aggiornata per il 19 dicembre.

Leggi tutto

Politica

Adesso pure la “locura” dell’eutanasia

Un gruppo di volti televisivi dai nomi altisonanti, sono stati utilizzati dai radicali dell’Associazione Luca Coscioni per un video che chiede l’approvazione della legge di iniziativa popolare che legalizzerebbe l’eutanasia depenalizzando la soppressione di malati che, a sentire Veronesi, avviene sistematicamente e silenziosamente negli ospedali italiani.

Leggi tutto

Politica

Nazisti eccome

Sarà il caso di portare a conoscenza di lorsignori il caso su cui di discute in queste ore in Gran Bretagna. Connie Yates e Chris Gard sono due giovani genitori poco più che trentenni, il 4 agosto 2016 è nato il loro primo figlio, Charlie. Un bambino in buona salute che però dopo otto settimane di vita ha cominciato a perdere peso e si è scoperto affetto da una rara sindrome mitocondriale, che lo condanna alla disabilità. L’ospedale che lo ha in cura si è rivolto alla magistratura britannica per chiedere l’uccisione del bambino, ovviamente i genitori si sono ribellati e hanno avuto la forza di parlare davanti alle telecamere della BBC, di spiegare che Charlie interagisce con loro e apre gli occhi e la bocca e “non sembra affatto soffrire”. Si ribellano alla decisione dell’ospedale e pretendono che i giudici non emettano una condanna a morte per Charlie. La BBC ha esposto la vicenda in modo chiaro ed è stata inondata di messaggi di solidarietà per i genitori, contro le posizioni dei medici che hanno però ribadito l’intenzione di andare davanti ai giudici per chiedere la soppressione di Charlie.

Leggi tutto

Società

Parla Hadjadj: «La società del comfort totale è suicidaria»

Il problema sta nel clima spirituale della nostra epoca, intessuto di un superbo efficientismo.

Leggi tutto

Società

Positivo e contro

Prendere posizione fa la differenza e i processi sociali non sono inarrestabili. Una lezione che ci arriva anche dalla resistenza di molti cattolici al nazismo e arriva fino al raduno del 13 giugno prossimo al Palalottomatica

Leggi tutto

Politica

AGNESE E LO STERMINIO

Al Copenhagen Post non farà piacere sapere però che nella corsa nazista allo sterminio la Danimarca è stata surclassata dall’Islanda, dove l’aborto per i bambini con diagnosi prenatale che fa emergere la Trisomia 21 riguarda il 100% dei casi e “da cinque anni non nascono i Down”. Evviva. Inutile ricordare che la Danimarca è il primo paese europeo ad aver legalizzato le unioni civili gay (1989) e come in Islanda vengono consentite formazioni familiari derivanti da utero in affitto: il bambino, insomma, è per quegli ordinamenti giuridici una “cosa” acquistabile appartenente agli acquirenti. In una visione antropologica e giuridica di questo tipo ovviamente la “cosa” fallata va eliminata.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano