Società

di Marie-Christine

Settembre 2019: battaglia sul fine-vita in Italia

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Giovedì 19 settembre prossimo i sostenitori del fine vita ripartono all’attacco, Marco Cappato ha annunciato a Roma una grande manifestazione con concerto gratuito per chiedere al Parlamento la depenalizzazione del suicidio assistito in Italia (e in futuro anche l’eutanasia legale) in un idea di autodeterminazione dell’uomo per quello che riguarda il fine vita. Tuttavia questo 11 settembre 2019 avrà anche luogo a Roma presso la CEI un tavolo di discussione contro il suicidio e l’eutanasia con tra l’altro rappresentanti di numerose associazioni e esponenti per la famiglia e la vita. La battaglia per la vita è aperta… una battaglia per il rifiuto delle ideologie di scarto e di morte purtroppo sempre più presente nella nostra società.Ricordiamo che a febbraio 2017 Marco Cappato, esponente dei Radicali e dell’Associazione Luca Coscioni, è stato imputato a Milano per avere aiutato Fabiano Antoniani (detto Dj Fabo), rimasto tetraplegico dopo un incidente stradale, a morire con il suicidio assistito nella “clinica” svizzera Dignitas. Per questa vicenda, secondo l’articolo 580 del codice penale, Cappato doveva essere incriminato per ”istigazione o aiuto al suicidio”, fattispecie penale che prevede la reclusione da 5 a 12 anni. Tuttavia ad ottobre 2018 la Consulta rinviò la decisione all’udienza del 24 settembre 2019 prossimo lasciando di conseguenza a Cappato più tempo. In questo senso mesi fa il presidente della Consulta durante un intervista aveva interpellato il Parlamento per pronunciarsi sulla depenalizzazione del suicidio assistito, lasciando intendere che in caso contrario avrebbe deciso la Corte.

Ma tali leggi sono necessarie?… direi assolutamente di no. Purtroppo si gioca sulla paura delle persone riguardo alla sofferenza sia fisica che psicologica.

La propaganda di certi esponenti e mass media sventolano la bandiera della libertà, “la dignità” e la morte in breve tempo, insomma una società che vuole apparire civile e benevola ma che al contrario spinge alla soppressione dei pazienti più deboli per il risparmio dei costi sanitari e in continuità con le idee eugenetiche.

Attualmente dal punto di vista deontologico esiste già la terapia del dolore e le cure palliative. Di più il codice di deontologia medica ricorda con l’art. 16 la rinuncia all’accanimento diagnostico- terapeutico in certi casi estremi e afferma con l’art 17 che l’Eutanasia è assolutamente vietata).

Purtroppo è anche entrato in vigore in Italia dal 31 gennaio 2018 la legge sulle DAT (disposizioni anticipate di trattamento) o biotestamento, una legge che comporta diverse zone d’ombra e prevede tra l’altro la sospensione della nutrizione e dell’idratazione (che non fanno parte della terapia ma che fanno parte del diritto vitale di ognuno)

Così i pazienti, come si può già vedere in altri paesi, si ritrovano ben presto prigionieri di protocolli che vanno nel senso di chi chiede il fine vita ma che purtroppo non tutelano chi non lo vuole. Penso a Charlie Gard, a Alfie Evans, a Vincent Lambert e tanti altri. Si è visto come Stati e tribunali tolgano la potestà ai genitore e alle famiglie grazie a leggi mortifere e impongano sempre la morte del paziente (con l’aiuto delle strutture sanitarie) invocando il loro “ best interest” e l’“ostinazione irragionevole” anche se purtroppo non è vero nella maggioranza dei casi.

La maggior parte della popolazione non è ben informata a riguardo e la manipolazione di massa è purtroppo d’attualità.

Ricordiamo che queste leggi mortifere sono presente ad esempio in Francia (legge Clayes Leonetti), Germania e Svizzera (suicidio assistito), l’eutanasia è in vigore ad esempio in Lussemburgo, Olanda, Belgio (il Belgio ha anche esteso l’eutanasia ai minori nel 2016). Per mezzo di protocolli lo Stato non permette l’obiezione di coscienza del medico che risulta così essere il semplice esecutore del fine vita. La relazione paziente- medico è seriamente compromessa come lo è il ruolo stesso del medico riguardo al carattere della qualità delle cure praticate al paziente.

Vorrei anche ricordare che queste leggi in vigore sono il frutto di teorie eugenetiche già esistente nel XIX secolo per la purificazione della specie umana e che il regime nazista portò all’estremo con l’eugenetica nazista. È importante constatare che queste sono ancora di attualità; anche allora si parlava di “ morte pietosa” e di vita non degna di essere vissuta. L’eugenetica prevedeva la sterilizzazione per la prevenzione di malattie ereditarie; a volte anche curare un bambino malformato o malato era visto come “ una perdita di tempo” perché comunque si pensava che sarebbe sopravvissuto solo pochi anni o mesi. Era visto come un peso economico e morale inutile. Poi l’eugenetica nazista anche lei di seguito scartò e eliminò bambini, adulti con problemi fisici, psichici, ammalati gravi per poi continuare nella sua estrema follia con lo sterminio di massa che conosciamo.

Anche oggi tali slogan sono di attualità attraverso l’aborto, il suicidio assistito, l’eutanasia… si parla della qualità della vita e di una morte dignitosa…in queste condizioni chi sarebbe degno o non degno di esistere? Purtroppo la Banalità del Male è ancorata nei cuori e si accetta nel nostro presente con un velo sulla coscienza, quello che era anche allora. Com’è possibile? Una persona che apprezzo molto disse una volta: “Il Male è banale, il bene è semplice”. Allora con semplicità facciamo scorrere il bene nelle nostre vite, nelle nostre relazioni e famiglie. Accompagniamo e soprattutto Amiamo chi è più debole, chi non ha voce… così che siamo ancora degni di essere chiamati “Umanità”.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

09/09/2019
1408/2020
S.Massimiliano M. Kolbe

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Chiesa

CROSBY E GLI ALTRI CANADESI PARLANO DI EUTANASIA

In molti attendevano la loro presa di posizione che è puntualmente giunta in queste ore.
Eutanasia e suicidio assistito sono totalmente inaccettabili”: è quanto scrive, in una nota, monsignor Douglas Crosby, presidente della Conferenza episcopale del Canada. La dichiarazione del presule arriva dopo che, il 25 febbraio, il “Comitato speciale del governo canadese sull’aiuto medico a morire” ha pubblicato un rapporto intitolato “L’aiuto medico a morire: un approccio incentrato sul paziente” e tutte le polemiche che ne sono seguite.

Leggi tutto

Politica

Senza dignità

Si apre una triste stagione i cui esiti sono pericolosamente immaginabili. Perché in un tempo in cui l’aspettativa di vita cresce e con essa crescono i costi della sanità, dando al sistema la possibilità di scegliere se curare l’incurabile con spese ingenti o sopprimerlo a spese zero, non credo sia difficile capire verso quale orizzonte si orienterà la libera scelta. Solo allora avremo chiaro quale orrore sia stato reso possibile da tutta questa supposta nuova libertà.

Leggi tutto

Chiesa

Il Papa: l’eutanasia mai ammissibile

Papa Francesco manda il proprio saluto al Meeting della World Medical Association sulle questioni del fine-vita, che termina oggi in Vaticano. Il testo è stato divorato e divulgato, dai media, come “il Papa contro l’accanimento terapeutico” (intendendo con ciò “il Papa per l’eutanasia”). In realtà il Santo Padre ha usato parole adamantine per riaffermare la dottrina cattolica tradizionale e negare ogni liceità alla pratica dell’uccisione del malato.

Leggi tutto

Chiesa

Ecce Quaresima

La parola “Quaresima” deriva dal termine anglosassone “Lencten”, che significa primavera. Nella maggior parte delle lingue romanze, slave e celtiche viene tuttavia usato un derivato della parola latina
“quadragesima”, che si riferisce al “40°” giorno prima della Pasqua.

Leggi tutto

Politica

Come Ponzio Pilato

I giudici costituzionali hanno solo pavidamente dato un calcio alla palla facendola rotolare in tribuna. Davvero sembra incredibile che di fronte a una domanda semplice (”è incostituzionale l’articolo 580 del codice penale?”) non si sia proceduto con l’ovvia sentenza di rigetto dell’istanza. Ora il presidio, evidentemente, diventa politico.

Leggi tutto

Politica

ORA OCCORRE SOPRATTUTTO STARE UNITI

Il ddl Zan è esattamente questo, una legge che calpesta la libertà d’espressione. Non è una legge che tutela gli omosessuali dalle violenze, perché gli omosessuali sono persone e tutte le persone sono tutelati dalla legge se subiscono violenze. Se poi si intende aggredire un gay o una lesbica proprio per l’orientamento sessuale compresi le aggravati dall’articolo 61 del codice penale, che aumenta la pena per i “motivi abietti e futili” del gesto violento. Dunque, l’impostazione intenzionale dei proponenti è impedire il dissenso e la proposta alternativa a quella dello stravolgimento dell’istituto matrimoniale, della modifica del concetto stesso di famiglia come costituzionalmente definito all’articolo 29 della Carta repubblicana, dell ’ imposizione della cultura genere e omogeneità della pratica anche attraverso la pratica criminale dell’utero in affitto. Vorrei che chi si oppone a questo programma politico sia impossibilitato a esprimere le sue idee e tacciato come omofobo, se alzato la voce finirà immediatamente catalogato come istigatore all’odio e la pena arrivare arrivare fino ai sei anni di carcere.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2020 La Croce Quotidiano