Società

di Danilo Bassan

Non legalizzate il suicidio, già seconda causa di morte tra i giovani

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

La Giornata Mondiale per la Prevenzione del Suicidio, promossa dall’Organizzazione Mondiale della Sanità per lo scorso 10 settembre, ci permette di mettere a fuoco la schizofrenia attuale che pervade i legislatori italiani. Infatti, il prossimo 24 settembre la Corte Costituzionale deciderà se depenalizzare l’art.580 del c.p. che sanziona pesantemente l’aiuto al suicidio. È trascorso inutilmente l’anno di tempo messo a disposizione del parlamento per legiferare su questo argomento.

Anno di tempo che i parlamentari hanno dedicato ad inviare reciproci insulti ed offese sui social ai vari avversari di turno, tralasciano di presentare una semplice mozione che sarebbe bastata a confermare che l’aiuto al suicidio rimane un reato perseguito come descritto nell’art.580 del codice penale:

Chiunque determina altri al suicidio o rafforza l’altrui proposito di suicidio, ovvero ne agevola in qualsiasi modo l’esecuzione è punito, se il suicidio avviene, con la reclusione da cinque a dodici anni.

Ce lo ricordano le statistiche OMS: il suicidio, nel mondo, è la seconda causa di morte tra giovani e giovanissimi. Ogni anno nel mondo sono oltre 800 mila le vittime, in media una ogni 40 secondi. La seconda causa di morte anche per i giovani italiani dai 15 ai 24 anni, perché l’ISTAT certifica che dei 4.000 suicidi l’anno registrati nel nostro paese, oltre il 5% è compiuto da ragazzi sotto i 24 anni. Il suicidio e, più in generale l’autolesionismo, è un fenomeno in rapida crescita tra gli adolescenti e i bambini. Si tratta di una emergenza vera e propria che riguarda i giovani italiani. Questo fenomeno deve essere conosciuto e compreso, e non possiamo che essere preoccupati dalla possibilità che l’art.580 venga depenalizzato.

Lo spirito che anima la nostra civiltà è certamente quello di trattenere ed aiutare che vuole “buttarsi giù dal ponte”, non certo quello di aiutarlo dandogli una spinta. Se si hanno pensieri legati al suicidio parlare e, soprattutto, sentirsi ascoltati è fondamentale: ma parlare con chi vuole aiutare, non certo con chi ti aiuta a realizzare il suicidio, molto spesso dietro lauto compenso. Non esiste un suicidio “buono” propagandato dal principio di “autodeterminazione”, “sofferenza insopportabile” e “autonomia”, e un suicidio “cattivo” da evitare a tutti i costi, perché l’esistenza non può essere considerata un bene disponibile ed è da sottrarre a qualsiasi manipolazione.

La Giornata Mondiale per la Prevenzione del Suicidio ci dà l’occasione per una maggiore consapevolezza del problema del comportamento suicidiario, evitando di trovare facili scappatoie nella depenalizzazione del 580 c.p.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

11/09/2019
2010/2019
S. Maria Bertilla Boscardin

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Storie

Il futuro di Vincent

Nel silenzio e nell’apparente disinteresse dei media ieri appena una dozzina di persone ha partecipato all’udienza.

Leggi tutto

Politica

Come funziona la propaganda all’eutanasia

Tutte le tecniche dei teorici della “dolce morte”, tra manipolazione dei dati e ricorso sistematico al cavallo di troia del caso limite

Leggi tutto

Società

Suicidio assistito ed eutanasia: ecco l’unico comandamento che conta

Leggi tutto

Società

Ospedali, quale destino nell’era postcristiana

La mutazione degli ospedali da luoghi di cura e di sostegno al malato in spazi fisici in cui si uccide la speranza è solo l’ultimo atto di una cultura che ha totalmente dimenticato le proprie radici cristiane. L’impressione è che l’operato dei medici britannici sia, in fondo, considerato legittimo da molti altri loro colleghi nel mondo. Al loro posto, in tanti avrebbero fatto lo stesso. Ci fa piacere che si siano mossi il Bambin Gesù di Roma e il Presbyterian Hospital di New York, ma è davvero triste costatare che non c’è stata una gara tra gli altri ospedali ad accogliere Charlie. Il caso è certo difficile, ma una risposta compatta delle strutture ospedaliere mondiali avrebbe forse fatto traballare ulteriormente i convincimenti dei medici del Gosh. Eppure, gli ospedali sono nati per alleviare le sofferenze. San Camillo de Lellis, di cui oggi facciamo memoria liturgica, fondò un Ordine religioso appositamente per aiutare gli ammalati. Volle che i suoi confratelli – come fece egli stesso – servissero i sofferenti «con quella carità e amorevolezza che sono solite avere le madri verso i propri figli infermi». Il fondatore dei Camilliani ha indicato dunque una precisa figura, la madre, come esempio per aiutare chi soffre: Connie che, senza alzare la voce, “grida” il suo amore e la sua speranza per il figlio, che gli resta accanto osservando ogni piccolo mutamento, è quel modello che chiunque sia avvicina ad un ammalato per curarlo dovrebbe coltivare dentro di sé, sperando di esserne sempre più degno. Ancora, Camillo de Lellis sentiva il cuore spezzarsi ogni volta che non poteva portare il soccorso che avrebbe voluto. È questo il sentire che ci rimandano oggi molte figure di medici? Camillo de Lellis – come l’altro grande sostegno degli ammalati, Giovanni di Dio, che voleva per gli infermi che assisteva condizioni igieniche migliori e cure specifiche – ci ha testimoniato che curare chi è sofferente è un compito altissimo da assolvere senza cercare la via più semplice. Grazie a lui, a Giovanni di Dio e ad altri cristiani, gli ospedali sono diventati nei secoli quei luoghi di speranza e di cura a cui fino all’altro ieri guardavano con fiducia.

Leggi tutto

Media

Notte di veglia con Alfie Evans, all’Alder Hey e in Italia

Non è ancora terminata la vicenda terrena, umana e giudiziaria del ragazzino disabile la cui vita era stata definita “futile” dal giudice che l’ha condannato a morte e che invece muove diplomazie e cuori al punto che anche noi siamo venuti nel Regno Unito per offrirvi un’informazione pulita. Ecco il racconto di quest’estenuante e gloriosa nottata.

Leggi tutto

Società

Eutanasia, il cristiano sta con Ippocrate

Il giuramento dei medici è di oltre 2500 anni fa: «Non somministrerò ad alcuno, neppure se richiesto, un farmaco mortale, né suggerirò un tale consiglio».

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano