Politica

di Elisa Rossini

Il PDF e la revoca dell’adesione alla carta d’intenti Ready

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

CONSIGLIO COMUNALE

GRUPPO CONSIGLIARE FRATELLI D’ITALIA-IL POPOLO DELLA FAMIGLIA
Protocollo n. 211351 del 12/07/2019 (PEC)

Modena, 12 luglio 2019

Al Sindaco del Comune di Modena
Al Presidente del Consiglio Comunale di Modena

*** MOZIONE
OGGETTO: REVOCA DELL’ADESIONE ALLA CARTA D’INTENTI RE.A.DY

PREMESSO CHE

- Con deliberazione di giunta del 9 dicembre 2014 il Comune di Modena ha aderito alla carta di intenti “Ready”, la Rete nazionale delle pubbliche amministrazioni contro le discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere
- con questa adesione il Comune di Modena si è impegnato ad avviare un dialogo con le associazioni locali LGBT (lesbiche, gay, bisessuali, transessuali e transgender) per facilitare l’emersione dei loro bisogni, sviluppando azioni positive sul territorio e promuovendo i diritti delle persone LGBT
- sul sito internet del comune di Modena nell’area pari opportunità, tra le iniziative promosse risulta una mostra fotografica sulle cosiddette “famiglie arcobaleno” descritte, all’interno dello stesso sito, come “coppie o single omosessuali che hanno realizzato il proprio progetto di genitorialità, o che aspirano a farlo”.
- tra i punti programmatici della cosiddetta “piattaforma politica Modena Pride 2019”, risultano menzionate la genitorialità per tutti e il matrimonio egualitario
- all’interno del calendario degli eventi del mese di maggio denominato “mese contro l’omofobia” risultano realizzati, tra gli altri, eventi sui temi di seguito riportati: “L’amore non si conta: poliamore e relazioni non monogamiche”, “Seminario sulla trascrizione degli atti di nascita di figli di coppie same sex”
- la carta d’intenti della rete RE.A.DY prevede, tra l’altro, l’organizzazione, da parte degli aderenti, di campagne di promozione sociale e di giornate tematiche quali quelle sopra menzionate

CONSIDERATO CHE

- l’11 maggio 2016 è stata approvata la legge 76/2016 che disciplina le unioni civili. Nel corso dell’esame parlamentare, il Senato ha stralciato dal provvedimento una disposizione volta a consentire, nell’ambito dell’unione civile, la c.d.”stepchild adoption”, ovvero l’adozione del figlio da parte del partner (unito civilmente o sposato) del genitore naturale
- l’articolo 12 secondo comma della legge 40/2004 stabilisce che chiunque a qualsiasi titolo, in violazione dell’articolo 5, applica tecniche di procreazione medicalmente assistita a coppie i cui componenti non siano entrambi viventi o uno dei cui componenti sia un minorenne ovvero che siano composte da soggetti dello stesso sesso o non coniugati o non conviventi è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da 200.000 a 400.000 euro. La Corte Costituzionale ha recentemente confermato la legittimità costituzionale di tale divieto con riferimento alla procreazione medicalmente assistita tra persone dello stesso sesso
- L’articolo 12 sesto comma della legge 40/2004 stabilisce che chiunque, in qualsiasi forma, realizza, organizza o pubblicizza la commercializzazione di gameti o di embrioni o la surrogazione di
maternità è punito con la reclusione da tre mesi a due anni e con la multa da 600.000 a un milione di euro.
- La Cass. civ. Sez. Unite Sent., 08/05/2019, n. 12193 ha stabilito che Il riconoscimento dell’efficacia di un provvedimento giurisdizionale straniero, con il quale sia stato accertato il rapporto di filiazione tra un minore nato all’estero mediante il ricorso alla maternità surrogata e il genitore d’intenzione munito della cittadinanza italiana, trova ostacolo nel divieto di surrogazione di maternità, previsto dall’art. 12, comma 6, della l. n. 40 del 2004, qualificabile come principio di ordine pubblico, in quanto posto a tutela di valori fondamentali, quali la dignità della gestante e l’istituto dell’adozione con il quale la surrogazione di maternità si pone oggettivamente in conflitto perché soltanto a tale istituto, governato da regole particolari poste a tutela di tutti gli interessati, l’ordinamento affida la realizzazione di progetti di genitorialità priva di legami biologici con il nato. La tutela degli interessati è infatti in tal caso realizzata con le garanzie proprie del procedimento giurisdizionale, piuttosto che con il semplice accordo tra le parti
-
RITENUTO CHE
- l’adesione alla Carta d’Intenti RE.A.DY prevedendo l’organizzazione da parte degli aderenti di campagne di promozione sociale e di giornate tematiche quali quelle menzionate in premessa, implica e comporta il sostegno alle rivendicazioni delle persone LGBT in tema di genitorialità per tutti e matrimonio egualitario, tutte rivendicazioni espressamente escluse dalla legge o addirittura sanzionate penalmente
- per promuovere azioni contro ogni forma di discriminazione non sia necessaria l’adesione alla Carta d’Intenti RE.A.DY
- la lotta alle discriminazioni sulla base dell’orientamento sessuale non abbia alcuna attinenza con il contenuto delle rivendicazioni citate che invece si pongono in contrasto con il superiore interesse dei minori e la dignità della donna
- alla luce di quanto sopra esposto, appaia evidente come il contenuto e le intenzioni della Carta d’Intenti RE.A.DY abbiano una matrice fortemente ideologica
-
IL CONSIGLIO COMUNALE DI MODENA
Invita il sindaco e la Giunta
- a revocare l’adesione alla Carta d’Intenti RE.A.DY

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

21/09/2019
1004/2020
Santa Gemma Galgani

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Sentinelle in piedi e palloncini gonfiati

Successo a Cesena per la veglia delle Sentinelle in Piedi, solita contromanifestazione goffa degli Lgbt con i media che raccontano numeri che non ci sono

Leggi tutto

Media

Manifesti non gender nelle scuole

Contrariamente a quanto si creda, le amministrazioni comunali possono fare molto per arrestare i tentativi – molto spesso subdoli e surrettizi – di introdurre l’ideologia gender nell’insegnamento scolastico. Non dimentichiamo mai che il Comitato Difendiamo i Nostri Figli, di cui mi onoro di essere stato un cofondatore, esordì con la spettacolare e indimenticabile mobilitazione pubblica di Piazza San Giovanni a Roma, il 20 giugno 2015, proprio sul delicato tema della libertà d’educazione dei genitori. Le prossime elezioni amministrative rappresentano un ottimo banco di prova per tornare a rivendicare le ragioni profonde che hanno generato la straordinaria esperienza dei Family Day. E il Popolo della Famiglia è nato proprio per questo scopo. Non dimentichiamocene quando, nel segreto dell’urna, saremo chiamati ad esprimere chi dovrà rappresentare nelle istituzioni tutte quelle famiglie che non hanno avuto paura di sfidare il Potere in una delle più grandi manifestazioni pubbliche che il nostro Paese abbia mai visto dal dopoguerra ad oggi. Sì, mi riferisco proprio al Family Day del Circo Massimo. Quel popolo non può essere tradito un’altra volta.

Leggi tutto

Politica

La bimba down che tolse le parole alla Merkel

Una diciottenne come tante altre, ma che a differenza di tante altre ha un cromosoma “maggiorato”, ha inchiodato la cancelliera tedesca all’ineludibile confronto con la realtà: la legge permette l’aborto dei bambini down anche in stadio avanzato della gestazione, e balzando oltre tutte le ipocrisie e i convenevoli Natalie ha chiesto alla politica: «Perché? Io voglio vivere!»

Leggi tutto

Chiesa

Il Papa: l’eutanasia mai ammissibile

Papa Francesco manda il proprio saluto al Meeting della World Medical Association sulle questioni del fine-vita, che termina oggi in Vaticano. Il testo è stato divorato e divulgato, dai media, come “il Papa contro l’accanimento terapeutico” (intendendo con ciò “il Papa per l’eutanasia”). In realtà il Santo Padre ha usato parole adamantine per riaffermare la dottrina cattolica tradizionale e negare ogni liceità alla pratica dell’uccisione del malato.

Leggi tutto

Politica

Lo scontro pre-elettorale nell’era del web 2.0

Come era ampiamente preventivato, l’enorme sforzo organizzativo messo in opera dal Popolo della Famiglia lede gli interessi di quanti contavano di millantare (inesistenti) diritti sulla “quota cattolica” dell’elettorato italiano. I sistemi sono sempre i soliti, collaudati a più non posso nei regimi totalitari del XX secolo. Mano a mano che gli anni passano, però, osserviamo l’incidenza delle nuove tecniche di comunicazione – le politiche 2018 non fanno eccezione..

Leggi tutto

Chiesa

Monsignor Jean-Claude Hollerich, arcivescovo di Lussemburgo, nuovo presidente della Comece

Monsignor Hollerich è un gesuita. Nel 1981 è entrato nella Compagnia di Gesù e ha seguito la formazione dei gesuiti della Provincia del Belgio meridionale e del Lussemburgo. Dopo il noviziato a Namur e due anni di tirocinio pastorale in Lussemburgo dal 1983 al 1985 come insegnante al liceo francese di Vauban, è partito per il Giappone dove ha fatto gli studi di lingua e cultura giapponese e ha ripreso lo studio della teologia all’Università Sophia di Tokyo dal 1985 al 1989. Ha terminato gli studi teologici a Francoforte sul Meno con la licenza. Il 21 aprile 1990 è stato ordinato presbitero per la Compagnia di Gesù. Ha passato lunghi anni in Giappone dove dal 1994 ha insegnato all’Università Sophia di Tokyo e dal 1999 è stato cappellano degli studenti della medesima Università. Il 18 ottobre 2002 ha emesso i voti perpetui nella chiesa di Sant’Ignazio a Tokyo. Inoltre, dal 2008 è stato rettore della comunità dei Gesuiti all’Università Sophia di Tokyo e vice-rettore del medesimo ateneo per gli affari generali e studenteschi.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2020 La Croce Quotidiano