Politica

di la Redazione

DOCUMENTO FINALE DELL’ASSEMBLEA NAZIONALE DEL PDF

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

L’assemblea nazionale del Popolo della Famiglia riunita in Pomezia in data 29 settembre 2019 ha aperto la stagione del congresso nazionale per il rinnovo cariche che si terrà nella prima metà di marzo del 2020. Su richiesta di molti intervenuti oltre a presidente, segretario e coordinatore nazionale si voterà per un coordinamento nazionale che affiancherà la presidenza nella gestione del PdF. Il regolamento congressuale verrà ufficializzato dalla presidenza nazionale nelle prossime settimane. La relazione del presidente successiva a questa comunicazione preliminare intitolata “Chi siamo, cosa vogliamo, dove andiamo” è stata approvata dall’assemblea con due astenuti. È stata ribadita l’appartenenza al solco del popolarismo italiano ed europeo, è stata data indicazione di dieci obiettivi precisi come progetto programmatico del PdF, è stato confermato l’orizzonte di forza politica autonoma di governo alternativa a Pd e M5S, con la priorità di crescere per numero di eletti nelle amministrazioni locali anche stringendo intese con altre forze sempre salvaguardando identità e visibilità del simbolo. Valter Boero è stato incaricato dei Rapporti con l’Associazionismo cattolico mentre è stata autorizzata la nascita di un soggetto autonomo giovanile del PdF con proprie autonome cariche e con specifico incarico di revisione della comunicazione social del PdF sotto la supervisione del coordinatore nazionale, Nicola Di Matteo, a cui è affidata anche la strutturazione delle rappresentanze territoriali e tematiche in attesa del completamento del percorso congressuale di marzo 2020. Tra le iniziative nate dai tavoli tematici che troveranno realizzazione, una marcia nazionale del PdF sulla via Francigena e una speciale mobilitazione di sostegno alla disabilità che vedrà protagonisti i livelli locali. Questo l’elenco dei dieci obiettivi programmatici approvati dall’assemblea nazionale del PdF:

1 il reddito di maternità per battere denatalità e aborto;
2. riforma fiscale del quoziente familiare;
3. legge elettorale proporzionale pura con premio di governabilità alla coalizione;
4. abrogazione del reddito di cittadinanza per usare i 7 miliardi annui su RdM e sostegno alla disabilità;
5. libertà scolastica e riforma basata sul costo standard;
6. aumento fondo Servizio sanitario nazionale;
7. guerra alle dipendenze in particolare giovanili (alcol, droga, ludopatia, pornografia);
8. proclamazione del diritto universale a nascere e del sofferente a essere curato, mai ucciso;
9. abrogazione della legge Cirinnà e rafforzamento delle norme contro l’utero in affitto;
10. sostegno ai giovani che intendono sposarsi e aprire imprese familiari.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

29/09/2019
1207/2020
San Fortunato martire, San Giovanni Gualberto

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

A Palazzo Madama ora hanno paura

Al Senato hanno deciso di rinviare tutte le votazioni sugli articoli del ddl Cirinnà a mercoledì 10 febbraio, l’equilibrio tra Pd e M5S è a rischio e la rimonta è possibile

Leggi tutto

Società

Se arrivano a volerci in galera

La violenza di chi l’ha denunciata è sotto gli occhi di tutti, la clamorosa dimensione della discriminazione di cui è fatto oggetto chi non la pensa come il coro dominante sul tema dei “nuovi diritti” dovrebbe far saltare in piedi l’Italia intera a difesa di Silvana De Mari. Invece in piedi insieme a lei ci siamo noi e pochi altri amici. Non un opinionista di un importante quotidiano, non una trasmissione televisiva che gridi allo scandalo, alla lesione importante di un fondamentale diritto alla libertà di opinione, non un collega giornalista che rivendichi persino per noi la libertà di stampa e l’articolo 21 della Costituzione. No, quell’articolo è invocato solo se l’opinione è quella “giusta”, cioè quella dominante.
In un’Italia così sarà motivo d’orgoglio essere radiati dagli Ordini e mandati in carcere. Quando poi il fascismo finì, fu chi subì quei provvedimenti a poter dire: io ho resistito.

Leggi tutto

Politica

Precisando alcuni dati del PDF

La risposta al successo della tornata amministrativa dell’11 giugno è stata un crescendo di interventi polemici evidentemente rabbiosi e addirittura la nascita di un fantomatico gruppo di “delusi dal Popolo della Famiglia”, ovviamente presente in forma anonima con una pagina su Facebook. Questa pagina raccoglie anche alcuni articoli del quotidiano La Croce, firmati da Mirko De Carli, tratti da pagine di agenzie di stampa come Asianews e altre, in alcuni casi riportate integralmente. L’attacco a Mirko De Carli non è casuale, visto il risultato eccezionale ottenuto da questo dirigente del Popolo della Famiglia della prima ora, che ha portato il nostro simbolo a sfiorare il 15% in una terra rossa da settant’anni come Riolo Terme in Romagna. La pagina riporta fatti dell’anno scorso che guarda caso sono finiti su Facebook a due giorni dal voto, con una viltà degna dei vermi peggiori.

Leggi tutto

Storie

MPS-Rossi, caso massonico

La trasmissione Le Iene riapre la vicenda del presunto suicidio di David Rossi, capo della Comunicazione del Monte dei Paschi di Siena, avvenuto nel 2013 e che sembra avere i tratti di un omicidio insabbiato. In
un’intervista esclusiva ricostruiamo il clima della Siena dell’epoca e indichiamo il vero centro di potere che governò MPS fino alla tragedia: la massoneria e le “relazioni finanziarie internazionali consolidate”.

Leggi tutto

Società

Cambiare veramente la storia si può solo rivolgendosi a Dio

Da queste parti ci piacciono le primizie e dunque abbiamo già letto l’ultimo libro di Costanza Miriano (Si salvi chi vuole, Sonzogno) e già visto la prima puntata di Gomorra 3. D’accordo, in ossequio all’unico comandamento condiviso del nostro tempo che è “non spoilerare” (sul “non uccidere” ormai vagano varie scuole di pensiero), non anticiperemo nulla se non qualche riga del perfetto libro di Costanza, che imposta le questioni essenziali.

Leggi tutto

Storie

E’ un diritto di ogni uomo essere anche donna seppur non lo sia

«C’è del metodo in questa follia», disse Polonio di Amleto: e in effetti a ben vedere non c’è troppo da stupirsi dell’assurdità di farsi dichiarare per legge appartenenti a un sesso che non è il proprio, giacché la stessa “riassegnazione sessuale” è poco più di una sofisticata mascherata. Solo che ci crediamo…

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2020 La Croce Quotidiano