Storie

di Alessandra Trigila

IL POPOLO DELLA FAMIGLIA PELLEGRINO SULLA VIA FRANCIGENA

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Il Popolo della Famiglia, si è messo in cammino nel marzo del 2016, da quel momento centinaia e poi migliaia di persone si sono alzate in piedi, e si sono mosse, mettendosi sulle spalle il peso di ciò che in questa nostra civiltà stanca e devitalizzata si sta perdendo: l’essenziale. “Fai il meglio che puoi con quello che hai” è un po’ quello che ognuno si è proposto di mettere in pratica, del resto, non c’erano alternative. È stato l’inzio di un viaggio durante il quale si stanno tracciando nuove strade, in verità sul solco di antichi sentieri, che sembravano dimenticati. E allora ho pensato, perchè non metterci un paio di scarpe adatte, perchè non buttarci sulle spalle uno zaino, con dentro, appunto l’essenziale e non ripercorrerli concretamente quei sentieri, e una volta deciso, su quale strada? Direi la via Francigena, l’antica via medioevale percorsa dai pellegrini provenienti da ogni parte Europa e diretti al cuore della Cristianità. Il cammino parte da Canterbury e arriva a Roma. In Italia l’antica via attraversa sette regioni, Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna, Liguria, Toscana, Lazio, e 140 Comuni, per un totale di 45 tappe. Dal Colle del Gran San Bernardo, porta di accesso alle nostre Alpi, e poi dall’Appennino Tosco-Emiliano e attraverso il Passo della Cisa, il percorso scende verso Massa per prendere la direzione della costa fino a Roma.. Roma.. ripetiamolo questo nome: è importante. Incontreremo, camminando, le radici della nostra Italia, e dell’Europa, incontreremo l’eredità e le tracce di chi, con il lavoro e la preghiera, l’ha fondata questa nostra Europa. Ricordiamoci che la bandiera dell’Unione Europea ha 12 stelle!

Perchè proporre un cammino? Certamente per la sua valenza simbolica, perchè la vita di ciascuno di noi è un viaggio, perchè camminare ci ricollega alle categorie dello spazio e del tempo, cadenzate dai nostri passi, un piede davanti all’altro una tappa dopo l’altra. Perchè camminare ci costringe ad essere concentrati, a guardare dove mettiamo i piedi e induce inevitabilmente una trasformazione interiore nel viandante. Il viaggio è metafora della nostra esistenza e durante il percorso è sempre la nostra anima che andiamo cercando.

L’idea è quindi quella di un Popolo della Famiglia che si muove, che si incontra, che cammina insieme, e che, da una tappa all’altra, passa il testimone a chi questo viaggio proseguirà. In questi giorni si parla tanto d’ambiente e tanto a sproposito. L’ambiente non è un concetto astratto, ma il posto che ci è prossimo, che conosciamo perchè lo abitiamo e lo percorriamo. E inoltrandoci in esso possiamo meglio osservare ciò che abbiamo intorno e quindi imparare a portare rispetto e considerazione per il creato. Questa è l’idea di base da cui partire e sulla quale lavorare per l’organizzazione che riterremo più valida e fattibile.

Non dimentichiamo che la via prosegue verso sud fino a Santa Maria di Leuca in un percorso in cui l’Occidente e l’Oriente si uniscono. L’Italia diventa una finestra aperta sul Mediterraneo e verso Gerusalemme per i camminatori di tutto il mondo che da Canterbury in Inghilterra potranno raggiungere le nostre coste pugliesi camminando su un unico itinerario, la Via Francigena, appunto, e imbarcarsi poi verso la Terra Santa, che nel passato fu il leggendario, lontanissimo “outremer” meta agognata di pellegrini, soldati e avventurieri.. e delle donne che divisero con loro un incerto destino!

Venerdì 18 ottobre 2019 è in programma l’Assemblea Generale dell’Associazione Europea delle Vie Francigene. L’importante appuntamento associativo si svolge a Bari in Puglia, terra della Via Francigena del Sud e riunisce i rappresentati dei quattro Paesi attraversati dall’itinerario europeo: Inghilterra, Francia, Svizzera, Italia. All’incontro prenderà parte anche il sindaco di Canterbury, Robert Thomas.

Ci ritroveremo su queste pagine per le notizie e le comunicazioni aggiornate sull’organizzazione del cammino, in programma per la prossima primavera.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

04/10/2019
0912/2019
San Siro vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Alea iacta est

Il Popolo della Famiglia è l’unica risposta possibile da dare nelle urne alle prossime elezioni amministrative, data l’avanzata dei progetti contrari all’istituto matrimoniale e al diritto dei più deboli

Leggi tutto

Società

Spiegare a Vauro ciò che non gli è chiaro

Il guaio grosso è che i genitori sostengono che l’ospedale menta sulle reali condizioni del bambino, quindi dalle cartelle cliniche non c’è da aspettarsi grandi novità: non ci vuole molto a ritoccare la misura della circonferenza cranica, ad esempio, per dimostrare che Charlie non è cresciuto negli ultimi mesi. *Marwa** *Bouchenafa tre mesi fa si è trovata in una situazione del tutto analoga a quella di Charlie: i dottori francesi volevano sospenderle la ventilazione e i genitori invece volevano mantenerla e, per il momento, è ancora viva grazie ad una decisione (sempre in bilico) dei giudici francesi. La sua famiglia, quando ha visto che aria tirava in ospedale, ha cominciato a presidiare la stanza e a filmare ogni giorno la piccola, a misurarla per conto proprio, cioè a radunare evidenze scientifiche sul suo stato di salute indipendenti dall’ospedale. E grazie a questo lavoro meticoloso sono riusciti a strappare ai giudici la sentenza favorevole.

Leggi tutto

Politica

Lo scontro pre-elettorale nell’era del web 2.0

Come era ampiamente preventivato, l’enorme sforzo organizzativo messo in opera dal Popolo della Famiglia lede gli interessi di quanti contavano di millantare (inesistenti) diritti sulla “quota cattolica” dell’elettorato italiano. I sistemi sono sempre i soliti, collaudati a più non posso nei regimi totalitari del XX secolo. Mano a mano che gli anni passano, però, osserviamo l’incidenza delle nuove tecniche di comunicazione – le politiche 2018 non fanno eccezione..

Leggi tutto

Politica

La proposta del PDF, il reddito di maternità

Noi facciamo politica per cambiare concretamente la vita delle persone e per dare un pugno al piano inclinato che vede le normative orientarsi tutte contro i diritti della famiglia naturale. Essere militanti del Popolo della Famiglia, essere sostenitori di questo progetto, significa battersi per dare alle donne la piena libertà di scelta: il reddito di maternità è questo, una fondamentale battaglia per la libertà della donna. Si può concretamente portare a casa questo risultato se il Popolo della Famiglia, fin dalle prossime elezioni amministrative, avrà livelli di consenso tali da far capire che il traguardo dell’ingresso in Parlamento non è una chimera ma un reale obiettivo politico perseguibile che cambierà radicalmente gli equilibri dei rapporti di forza nel Paese, dando voce a quelle ragioni che attualmente voce non hanno. Se c’è un motivo per dedicarsi alla lotta politica, ora questo motivo c’è: salvare la famiglia, proteggere i nostri figli, liberare davvero le donne. Perseguilo insieme a noi, vota Popolo della Famiglia, rendi concreto il progetto del reddito di maternità.

Leggi tutto

Media

Franco Di Mare offende i cattolici polacchi a spese pubbliche

Tra i tanti denigratori degli innumerevoli polacchi che hanno voluto pacificamente circondare la loro nazione con la loro preghiera abbiamo dovuto
annoverare anche il popolare conduttore di UnoMattina, che si è prodotto in lunghissimi minuti di propaganda di regime laicista e radical chic

Leggi tutto

Politica

Un ultimo sforzo

L’ultimo sforzo che dobbiamo produrre in vista delle elezioni amministrative del 10 giugno serve proprio a questo: dimostrare una ulteriore capacità di raccolta del consenso, che dia un segnale di crescita rispetto allo 0.7% ottenuto alle politiche del 4 marzo. Se tre mesi dopo dovessimo farci trovare in buona salute elettorale, aumentando significativamente la nostra percentuale di voti, sarebbe la conferma che tutto questo colossale lavoro compiuto a mani nude sta pagando e con ulteriore costanza otterremo in futuro risultati ancora migliori, soprattutto quando spunterà la inevitabile disillusione verso l’azione del governo a trazione grillina.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano