Storie

di Roberto Knobloch

L’uomo vitruviano non andrà in Francia?

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Il disegno leonardesco dell’uomo vitruviano è sicuramente una delle icone più note dell’immaginario contemporaneo, ripreso e riprodotto nelle forme più svariate, dall’effigie che compare sul dritto delle monete italiane da 1 euro alla pop art. Non fa dunque meraviglia vederlo esposto alla mostra per il cinquecentenario della morte di Leonardo da Vinci che si inaugurerà al Louvre il prossimo 24 ottobre. Può invece sorprendere la canea che è sorta sul prestito temporaneo di quest’opera,di proprietà dello Stato italiano e conservata alle Gallerie dell’Accademia di Venezia, al più celebre museo di Francia. Il prestito, già annunciato la primavera scorsa, aveva suscitato alcune rimostranze tra gli “addetti ai lavori” (in particolare l’associazione Italia Nostra) per i possibili problemi di conservazione; l’opera è infatti un disegno a china su carta, particolarmente fragile e sensibile all’esposizione alla luce e per tale motivo esposto al pubblico solo raramente. Tuttavia la querelle, che poteva mantenersi all’interno della ristretta cerchia dei cultori d’arte, è presto tracimata nel dibattito politico. A maggio il ministro della cultura francese Franck Riester dichiarava che l’Italia avrebbe prestato al Louvre il disegno dell’uomo vitruviano assieme al famoso autoritratto di Leonardo conservato nella collezione della Biblioteca Reale di Torino, dichiarazione subito smentita da Alberto Bonisoli, allora ministro dei beni culturali nel governo gialloverde. A fine settembre il nuovo ministro dei beni culturali Dario Franceschini, succeduto a Bonisoli, firmava, assieme al suo omologo francese, un memorandum di intesa per prestiti incrociati di opere d’arte: l’Uomo Vitruviano in cambio di cinque tele di Raffaello da esporre in una mostra monografica alle scuderie del Quirinale, prevista per il 2020. La firma del memorandum è stata la prima uscita estera per il neo-ministro Franceschini (che, lo ricordiamo, aveva già ricoperto tale incarico nel corso della precedente legislatura, con i governi Renzi e Gentiloni); un atto che non ha mancato di suscitare reazioni: a seguito di una sua audizione in commissione cultura alla Camera, una settimana fa, Franceschini ha ricevuto le lodi Vittorio Sgarbi, deputato di Forza Italia, per la sua favorevole operazione di “diplomazia culturale”, e le critiche di Federico Mollicone, deputato di Fratelli d’Italia, che riteneva inadeguati i termini dello scambio di opere tra lo Stato francese e quello italiano. Italia Nostra ha invece fatto ricorso al TAR del Veneto, giudicando illegittimo il prestito del celebre disegno di Leonardo, in base all’articolo 66 del Codice dei Beni Culturali che vieta l’esportazione temporanea di opere d’arte facenti parte del nucleo principale di una determinata collezione; l’Uomo Vitruviano sarebbe dunque troppo importante per uscire, seppur temporaneamente, dal territorio nazionale, ma ciò manderebbe in fumo l’accordo con il governo francese per il reciproco scambio di opere. Martedì il TAR si è pronunciato, ravvisando invece un vizio nella procedura di approvazione del prestito, illegittimo perché violerebbe “il principio dell’ordinamento giuridico per cui gli uffici pubblici si distinguono in organi di indirizzo e di controllo da un alto e di attuazione dall’altro”; ossia, il prestito sarebbe stato deciso dall’autorità politica del Ministero, scavalcando gli uffici competenti per tale autorizzazione. L’ufficio legislativo del MiBACT ha replicato che la procedura è stata trasparente e il ministro ha soltanto riconosciuto atti e decisioni presi dai competenti uffici tecnici. Nel frattempo il prestito rimane sospeso dal provvedimento del TAR, che ha fissato al 16 ottobre l’udienza di discussione; giusto una settimana prima dell’inaugurazione della mostra al Louvre. Non è quindi ancora escluso che l’Uomo Vitruviano compaia, alla fine, tra i capolavori dell’esposizione di Parigi.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

09/10/2019
0204/2020
San Francesco da Paola

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Senza bambini non si cresce

Il vescovo Negri dice che sei milioni di aborti hanno contribuito alla crisi del Paese e ha ragione

Leggi tutto

Società

La famiglia come società naturale

Oggi si richiede all’Italia una classe di governo che non brancoli nel buio nella propria indeterminatezza, che non viva alla giornata cambiando opinione ogni mattina, fiutando l’aria che tira dall’ultimo tweet. Serve una visione politica integrale che metta al centro la famiglia, ma non a chiacchiere o con altisonanti convegni buoni esclusivamente a versare inchiostro sui giornali.

Leggi tutto

Politica

La libertè cancellata in Francia

La riforma liberticida, che dovrà ora affrontare l’esame del Senato, parte da un’iniziativa del governo di Hollande. Lo scopo che si prefiggono i socialisti è molto chiaro: spegnere la voce dei siti Internet curati da vari organismi pro-life. Una offensiva che fa il paio con la legge – approvata giusto un anno fa dalla maggioranza – che sopprimeva la settimana obbligatoria di riflessione per le donne intenzionate ad abortire. L’idea che si è voluta imporre è questa: la donna è sola arbitra della propria decisione di abortire, che da facoltà depenalizzata e concessa ad alcune condizioni si trasforma in un diritto individuale. Va dunque eliminata qualsiasi figura intermedia, va tolto di mezzo qualsiasi confronto un’istanza esterna alla propria volontà.

Leggi tutto

Politica

Un uomo in cammino riflette

Con tempismo che ben denota l’insipienza politica (proprio quella mattina da Forza Italia si levavano auspici per un futuro esecutivo a conduzione Bonino), Massimo Gandolfini ha diramato
una surreale lettera ai neocatecumenali di Emilia-Romagna per chiedere espressamente di non votare Popolo della Famiglia. Alla clamorosa ingerenza risponde uno dei destinatari della lettera.

Leggi tutto

Società

Italia che strano Paese

Che strano Paese che siamo. L’Italia meravigliosa e gloriosa di una storia che affonda le sue radici in migliaia di anni fa, che inventato il diritto e le forme più belle dell’arte, che racchiude come in uno scrigno tesori anche naturali senza pari, oggi proprio da un virus scatenatosi in natura viene deturpata. Paghiamo anche l’incompetenza degli uomini che ci governano, i loro ritardi, le loro vanità, i loro pasticci. Non siamo per niente un modello, siamo il Paese con più morti al mondo a causa loro, sarebbe davvero il tempo che Conte la smettesse di rendersi ridicolo autoelogiandosi in ogni conferenza stampa.

Leggi tutto

Politica

Francia: tutti i volti ed i programmi dei candidati presidenti

François Fillon, Jean-Luc Mélenchon, Emmanuel Macron, Marine Le Pen, Benoît Hamon: chi sono e che cosa propongono? Ecco una rassegna ragionata delle loro promesse elettorali su tematiche importanti e divisive quali immigrazione, istruzione, laicità, ecologia, sicurezza, orario di

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2020 La Croce Quotidiano