Politica

di Mario Adinolfi

Una manovra che insulta la famiglia

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

L’11 maggio 2019 Luigi Di Maio (capo politico del M5S allora ministro dello Sviluppo economico), Paola De Micheli (vicesegretario nazionale del Pd oggi ministro delle Infrastrutture), Fabio Rampelli (vicepresidente della Camera in quota Fratelli d’Italia) e Mara Carfagna (vicepresidente della Camera in quota Forza Italia, almeno per ora) si abbracciavano in foto al presidente del Forum delle associazioni familiari promettendo sostegno a un piano di politiche pro family del valore di 16 miliardi di euro. Eravamo a 15 giorni dalle elezioni europee. Il 12 maggio Giorgia Meloni organizzava un flashmob davanti a Montecitorio con passeggini vuoti e un enorme striscione con la scritta “reddito di maternità”. Il 20 maggio Di Maio portava in Consiglio dei ministri il “decreto famiglia” con misure di immediato sostegno compreso un assegno fisso per ogni figlio e la detrazione fiscale del 19% delle spese sostenute come pannolini e latte in polvere. Sui giornali del 21 maggio il ministro della Famiglia leghista, Lorenzo Fontana, che aveva spuntato solo pochi spiccioli per il suo settore della finanziaria monstre che aveva varato reddito di cittadinanza e Quota 100, infuriato per l’invasione di campo annunciava un “piano per la famiglia” da 10 miliardi di euro. Con il cambio di governo alla prima stesura della finanziaria Italia Viva di Matteo Renzi annunciò un “Family Act” e il Pd rilanciò assicurando l’introduzione di un assegno da 240 euro per ogni figlio, molto simile al modello richiesto dal presidente del Forum delle associazioni familiari nell’incontro dell’11 maggio.

Sapete già la fine della storia. I rappresentanti di M5S, Fratelli d’Italia, Pd e Forza Italia non hanno dato alcun seguito concreto agli impegni assunti con la foto dell’11 maggio. Né Giorgia Meloni né alcun parlamentare di Fratelli d’Italia ha presentato anche solo un disegno di legge per istituire in Italia il reddito di maternità, eppure bastava copiare il progetto di legge di iniziativa popolare depositato dal Popolo della Famiglia in Corte di Cassazione e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 10 novembre 2018. Il “decreto famiglia” portato in Consiglio dei ministri da Luigi Di Maio il 20 maggio è stato affondato da Matteo Salvini che non poteva consentire che a cinque giorni dalle elezioni quel risultato fosse intestato al M5S, detenendo con il leghista Fontana il dicastero della Famiglia che a casa di risultati non ne aveva portato nessuno. Nella manovra economica dell’attuale governo Di Maio e il M5S non hanno in alcun modo proposto sostegni alla famiglia, di Family Act non ce n’è neanche l’ombra e Italia Viva ha fatto sparire il tema dalla sua agenda comunicativa, il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri del Pd ha quantificato in 2.8 miliardi di euro in tre anni le risorse destinate alla famiglia, meno di un miliardo l’anno.

Destinare a 17 milioni di famiglie italiane meno di un miliardo di euro l’anno significa destinare meno di cinque euro al mese a ciascuna di esse. Poiché l’impegno è stato tutto concentrato sugli asili nido, in realtà per la stragrande maggioranza delle famiglie il sostegno assicurato da questa manovra economica varata da Pd, M5S, Italia Viva e LeU è: niente. Questa manovra è un insulto alla famiglia.

Circa 500mila famiglie italiane, il 2% del totale, avranno un aiuto sull’asilo nido. Sono famiglie che, se ricorrono all’asilo nido, sono presumibilmente con entrambi i genitori che lavorano almeno nella prevalenza dei casi. Per le famiglie numerose ridotte quasi in povertà per le quali tutti i partiti politici si erano impegnati a varare il “fattore famiglia” (quello che noi del PdF preferiamo chiamare più chiaramente “quoziente familiare”) prima delle elezioni del 4 marzo 2018, sempre nel consueto rito della foto di gruppo con il presidente del Forum con tanto di firma sul consueto documento di impegni che ormai andrebbe scritto su carta da culo, nulla è arrivato. Niente di niente, altro che riforma fiscale. Per combattere la denatalità e incentivare le giovani coppie a mettere su famiglia e fare figli, niente di niente. Eppure a chiacchiere sono tutti d’accordo nell’affermare che la peste bianca d’Italia è la tragedia chiamata culle vuote, fanno pure i flashmob con lo striscione “reddito di maternità”. Ma a chiacchiere. Quando dalle chiacchiere si deve passare alla produzione tutto si arena.

Tutto si arena e tutti sono ugualmente complici perché al governo in questi anni ci sono stati tutti, gialli e verdi, rossi e viola, bianchi e azzurri, ex comunisti e ex fascisti, populisti e popolari, tecnocrati e uno-vale-uno, li abbiamo veramente testati tutti negli ultimi dieci anni, con l’imbarazzante cronaca degli ultimi sei mesi che ho delineato nel primo paragrafo di questo articolo.

Serve un cambio di passo e di paradigma, chi crede che le politiche per la vita e per la famiglia siano la priorità necessaria per disincagliare questo Paese dalla palude in cui è affondato, deve lavorare al rafforzarsi di chi di queste politiche ha fatto il senso stesso della propria azione. Affidarle a questi partiti, tutti questi partiti, equivale ad affidare a Dracula la banca del sangue: se ne ciberà per darsi sostentamento, restituendo nulla.

Per favore, alle chiacchiere di questi politici non credete mai più. Il loro ennesimo insulto alla famiglia sia almeno di definitivo insegnamento e provochi in noi il necessario disincanto così come la spinta a sperimentare strade nuove fino ad ora considerate non degne di “voto utile”. Ma se il voto utile l’avete dato a chi è inutile rispetto alle battaglie che dite di avere a cuore, non credete d’averlo clamorosamente sprecato?

Non ripetete ancora questo tragico errore.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

13/11/2019
1212/2019
Santa Giovanna Francesca di Chantal

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

A Sanremo il gotha dei locatori di uteri

Propagandare in Italia la pratica dell’utero in affitto, anche solo pubblicizzarla, è reato passibile di due anni di carcere e un milione di euro di multa. Caro Carlo, tienilo come promemoria.

Leggi tutto

Media

LA CROCE FESTEGGIA I 500 NUMERI

Il Popolo della Famiglia e La Croce sono strettamente uniti, pur in una reciproca sostanziale autonomia, perché fin dal primo numero noi abbiamo indicato una soluzione politica a questa terribile condizione di una pallina che rotola sul piano inclinato della nichilista cultura della morte che anima i nostri legislatori: farsi legislatori. Impegnarsi a dare un pugno al piano inclinato ribaltandolo, cercando consenso dopo aver svolto una capillare opera di informazione sui rischi che normative come quelle approvate contro la vita e contro la famiglia in questa legislatura comportano. Il cristiano non può disinteressarsi a quel che sta accadendo, non può rinunciare a battersi pensando che il male che si sta facendo non è affar suo o non può fermarlo. Non è davvero il tempo di cristiani tiepidi e mosci che alzano le mani e si arrendono senza aver neanche reso testimonianza alla grazia fondamentale derivante dall’incontro con Cristo e cioè la scoperta che non può esserci alcuna libertà fuori dalla verità. La Croce è nata per ribadire questa testimonianza cristiana, per analizzare con spirito di verità quel che “il mondo” ci propone nel tempo in cui ci è dato di vivere, senza ficcare la testa sotto la sabbia e comprendendo che alcuni atti che sono violentissimi perché legislativi necessitano una risposta competente, mediaticamente efficace e anche politicamente organizzata.

Leggi tutto

Politica

A Torino si lava il cervello alla P.A.

L’unica cosa sulla quale concordo con l’assessore ArciGay Giusta è il fatto che il tema del linguaggio non sia una questione di puntiglio. Per i motivi esattamente opposti ai suoi. Il linguaggio esprime sempre una struttura di valori e costumi che si porta dietro e più in generale potremmo dire davvero che veicola una visione antropologia precisa. Ogni lingua ha una storia, ogni lingua è espressione della cultura di un popolo. Ed è per questo motivo che oggi più che mai è necessario puntigliosamente tornare a ridare alla parole il loro originario e reale significato. Altrimenti si rischia solo di violentare non solo un linguaggio, ma evidentemente l’insieme dei valori e storie che esso (il linguaggio) si porta con sé e veicola. Un linguaggio che forzosamente livella le differenze non solo violenta l’uso delle parole, ma soprattutto appiattisce a ribasso la bellezza variegata della realtà.

Leggi tutto

Società

Australia, l’attore-giocatore che forza la linea sul gay marriage

Si chiama Ian Roberts, ora fa l’attore ma in passato era stato un famoso rugbista australiano. Il suo outing personale risale al 1995, ma ora sta raccogliendo consenso attorno all’agenda LGBT.

Leggi tutto

Politica

Lo scontro pre-elettorale nell’era del web 2.0

Come era ampiamente preventivato, l’enorme sforzo organizzativo messo in opera dal Popolo della Famiglia lede gli interessi di quanti contavano di millantare (inesistenti) diritti sulla “quota cattolica” dell’elettorato italiano. I sistemi sono sempre i soliti, collaudati a più non posso nei regimi totalitari del XX secolo. Mano a mano che gli anni passano, però, osserviamo l’incidenza delle nuove tecniche di comunicazione – le politiche 2018 non fanno eccezione..

Leggi tutto

Politica

Cambiamento

Il popolo della famiglia vuole dare una possibilità agli italiani che vogliono cambiare le cose, in quanto molti uomini di principio sono stati coinvolti. Non possiamo più permettere che a “vincere” siano sempre: l’incomprensione, la corruzione, l’odio e l’indifferenza. Oggi, è possibile guardare al bene comune con il cuore aperto senza se e senza ma.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano