Politica

di Mario Adinolfi

IL COLLASSO ETICO E POLITICO DEL M5S

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Era appena il 2013, sei anni fa, entravano trionfalmente in Parlamento schifando tutti, guidati da Grillo e Casaleggio, irridendo Bersani in una celebre diretta streaming. Ora con Bersani sono al governo, hanno fatto maggioranza con tutti spergiurando in campagna elettorale che non si sarebbero alleati con nessuno, Casaleggio è morto e Grillo è quasi sparito. Di Battista, quello che disse “se si fa un governo con la Lega io lascio il Movimento”, fa il leader di riserva e non ha lasciato il Movimento. Di Maio, quello che disse “mai un governo con il Pd che è il partito di Bibbiano”, fa il leader in carica ma tutti vorrebbero farlo fuori. Alle politiche di un anno e mezzo fa il M5S prese più voti del Pd in Emilia Romagna e addirittura il 44,5% in Calabria, ora pare che per non dare fastidio al Pd non si candiderà né in Emilia Romagna né in Calabria, dove a Lamezia Terme due domeniche fa ha preso il 4%.

Gli ex ministri vagano come iene affamate, da Tonelli a Giulia Grillo, mentre la Trenta lascia la casa di 180 metri quadri con terrazzo e posto auto da 540 euro al mese pensando che sia un’ingiustizia, non un privilegio. Sempre meglio dei De Vivo arrestati, dei Nogarin che scappano dal ruolo di sindaco cercando un posto da eurodeputato e poi trombati si piazzano al ministero di D’Incà, di Raggi che a Roma non potrà neanche pensare a presentarsi per un secondo mandato, sommersa dal ridicolo della sua incapacità e non c’era manco da gestire l’Ilva, quella l’hanno lasciata all’insipienza di Lezzi e Patuanelli. Cosa resta del M5S? Il collasso etico e politico ben individuato dal reddito di cittadinanza percepito da terroristi, mafiosi e lavoratori in nero per i quali sono stati scassati i conti dello Stato senza creare un solo posto di lavoro in più (salutateci i navigator) e senza vedere quella valanga di miliardi di euro trasformati in crescita economica: siamo sempre ultimi in Europa.

Messi alla prova dei fatti, del governo nazionale e locale, gli esponenti del M5S si sono dimostrati per quel che sono: pericolosamente incompetenti, eticamente fragili, interessati al potere per il potere. Come gli altri, insomma. Questa è la ragione per cui gli undici milioni di voti del 4 marzo 2018 si sono sciolti come neve al sole e il mito pentastellato potrà reggersi in piedi solamente fino alle prossime elezioni politiche, che il quartier generale di Rocco Casalino e Vincenzo Spadafora deve ritardare il più possibile, magari inventandosi qualcosa di nuovo legato alla figura di Giuseppe Conte, il Giano bifronte presidente orgogliosamente populista con Salvini vicepremier e ora rigorosamente europeista nella versione in salsa rossa, ma sempre cortigiano e privo di forza propria, chiamato a Palazzo Chigi perché la sera del 4 marzo 2018 era in quarta fila nella saletta in cui Di Maio e Di Battista si abbracciavano dopo i primi exit poll diramati dal loro amato Chicco Mentana.

Oggi ci sono 323 parlamentari pentastellati, un centinaio già al secondo mandato (e vedrete come dovranno modificare la norma che li rende incandidabili per un terzo), che temono come la morte le elezioni perché otto su dieci non avevano un lavoro vero prima di entrare alla Camera al Senato, neanche presentavano la dichiarazione dei redditi perché erano sotto i minimi. Credo che tra il 2020 e il 2021 l’esperienza grillina comunque tramonterà definitivamente. Il 2020 inizierà con le elezioni regionali in cui il M5S deve scegliere tra non presentare le liste o presentarle e prendere pochissimi voti, proseguirà con possibili elezioni politiche, nel 2021 si voterà per i comuni e Virginia Raggi sarà travolta dalla disistima dei cittadini che la circonda. Sarà la fine. Cosa resterà di tutto questo? La lezione evidente che un moralismo privo di etica non può esistere, genera solo disastri. E una classe dirigente di incapaci non può governare un Paese alle prese con problemi enormi, è come affidare un’operazione a cuore aperto a uno studente di quarto anno di ragioneria perché il luminare ha il vizio di andare con le infermiere. Non so sinceramente come l’Italia possa ulteriormente sopravvivere a un Fioramonti ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca Scientifica che ripete che se non gli danno tre miliardi di euro lui si dimette, poi non glieli danno e non si dimette, ma intanto la tassa sulle bibite zuccherate fotte tutte le famiglie, idea sua. La voleva pure sulle merendine, pericolo scampato.

Il boomerang ha fatto il giro intero cari grillini: ora il “tutti a casa” è per voi. Tra diciotto mesi non esisterete più.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

19/11/2019
1212/2019
Santa Giovanna Francesca di Chantal

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Istruzioni per le liste del PDF

Il prossimo 11 giugno si voterà in oltre 1.000 comuni italiani per la tradizionale tornata amministrativa di primavera. Il Popolo della Famiglia si presenta con il proprio simbolo e chiede a tutte le donne e agli uomini di buona volontà di organizzare una presenza capillare sul territorio che sarà propedeutica alle politiche che si terranno tra pochi mesi. Azione fondamentale per il radicamento sul territorio è la campagna di tesseramento, così come il reperimento di candidati e sottoscrittori delle liste che vorranno misurarsi con il consenso elettorale sulla base della piattaforma politica PdF

Leggi tutto

Media

Vogliono tornare all’EIAR

Ho lavorato per molti anni in Rai e ne conosco bene il terribile sport che accomuna l’ipertrofica pianta organica dei dipendenti e dirigenti dell’azienda: fiutare il vento e piazzare la vela in conformità. Per chi ama la libertà delle idee è qualcosa che ti fa mancare l’aria, io mi dimisi addirittura da un contratto a termine, comprendo perfettamente la decisione di Milena Gabanelli di autosospendersi davanti all’umiliazione, come quella di Giletti e Floris (altro sgradito, molto sgradito a Renzi) di andarsene a La7.

Leggi tutto

Politica

Eppure Péguy aveva seppellito per sempre il moderatismo….

Il “moderatista” avversa quella grandezza d’animo che è il solo distintivo della vera nobiltà.

Leggi tutto

Società

La morte vince sulla giustizia?

Il processo a Marco Cappato si sta rivelando per la passerella di radicali che a suo tempo annunciammo. Fummo facili profeti: ieri il PM Tiziana Siciliano ha chiesto l’assoluzione per Marco Cappato, addirittura arrivando a dire che «oggi lo Stato è Marco Cappato», e torcendo nella sua arringa le parole di Primo Levi e di Thomas More. L’alternativa è rivedere direttamente l’art. 580.

Leggi tutto

Politica

Cattolici: quantità e qualità

I due studi più recenti (Ipsos e Eurispes) concordano su un dato: si definiscono “cattolici” oltre il 70% degli italiani, per Ipsos sono il 74.4%, per Eurispes il 71.1%. Stiamo parlando di circa 45 milioni di persone, una enormità. E infatti se andiamo a cercare i dati sulla pratica religiosa, i cattolici praticanti, quelli che vanno alla messa domenicale sono molti di meno: circa un quarto degli italiani. Ipsos fa una interessante distinzione: l’11.2% lo definisce “cattolico impegnato”, cioè va a messa ed è attivo in parrocchia o nell’associazionismo; poi c’è un 15.8% di “assidui scarsamente impegnati” che dunque vanno a messa una o due volte al mese o anche tutte le settimane ma comunque non avvertono un coinvolgimento né nella dimensione ecclesiale né nell’associazionismo. Il rapporto Ipsos è del novembre 2017, dunque i dati sono recentissimi e sembrano fotografare una condizione di realtà. Volendo fare riferimento ai soli cattolici impegnati, stiamo parlando comunque di un popolo di poco inferiore ai sette milioni di italiani.

Leggi tutto

Società

Eutanasia made in UK: i morti di Jane Barton

Vengono alla luce molti processi (alcuni alle azioni della dottoressa e altre agli insabbiamenti dei suddetti) per “morti sospette”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2019 La Croce Quotidiano