Politica

di Mario Adinolfi

Senza manco capir perchè

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Michele Serra attribuì con disprezzo la vittoria di Trump ai “bifolchi (rednecks) dell’Ohio”, Alan Friedman sottolinea che per Boris Johnson hanno votato “i più ignoranti” che fanno i lavori meno qualificati. Lo dicono con un’aria di superiorità senza capire che se le “classi subalterne” neanche ascoltano più i leader di sinistra, che li ammorbano sui “nuovi diritti” e il “matrimonio gay” e il testamento biologico e l’aborto facile e il sostegno alla famiglia solo se è “arcobaleno” e non “patriarcale” (intendono dire naturale), il problema è della sinistra, non del sottoproletariato. Poi scoprono che le unioni gay in 3 anni sono state 11mila (contro 28 milioni di persone regolarmente sposate) gli italiani che hanno firmato le Dat nei 73 comuni sopra i 60mila abitanti sono 37.463 (0,06% della popolazione). La sinistra risponde a bisogni marginali che sostanzialmente non esistono, punta sul generico ambientalismo di Greta, continua a vivere una dimensione ideologica. I rednecks dell’Ohio, gli “ignoranti” britannici, in generale i sottopagati affaticati e oppressi non solo non ottengono ascolto per i loro elementari bisogni, ma da questa sinistra sono anche sostanzialmente disprezzati. Friedman e Serra stanno a loro agio con il vuoto pneumatico delle sardine, con le gretinate, con contesti che non abbiano a che fare con la vita vera delle persone: infatti davanti a una crisi industriale vera come Ilva o Alitalia, non hanno soluzioni da proporre per la vita concreta di decine di migliaia di lavoratori e delle loro famiglie. Il capo delle sardine è un sorridente istruttore di fresbee che lavora nella rivista di ex premier e ex ministri. Lo sento a piazza San Giovanni dire cose generiche e quasi irritarsi se gli vengono chieste proposte specifiche. Questi danno degli “ignoranti” a padri e madri di famiglia che chiedono condizioni di vita migliori per i propri figli? Se scegliete le sardine e non gli “ignoranti”, cara nomenklatura di sinistra, perderai sempre, come stai perdendo in tutto il mondo senza manco capire perché.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

16/12/2019
2802/2020
San Romano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Il vento cambia anche in Romania

L’“Unione per la salvezza della Romania”, guidata dal 46enne Nicosur Dan, debutta alle urne raccogliendo una sonante percentuale di voti del 9,3%. Il messaggio del nuovo movimento, fondato solo 6 mesi fa, è “onestà e competenza”. Quindi cambiamento sì, ma anti-politica no. Un insegnamento anche per le prossime politiche italiane

Leggi tutto

Chiesa

Oltre le imprecisioni teologiche: una risposta a p. Spadaro

Il direttore de La Civiltà Cattolica parla di “manicheismo” senza che sia presente un dualismo metafisico archeologico, propone presupposti ermeneutici di marca marcionita, sorvola sulle critiche alle teorie storiche di Max Weber, sembra fare tutt’un fascio delle teologie politiche di Eusebio, Agostino e Orosio: l’attacco a tesi contro Trump, a questo punto, è perfino marginale.

Leggi tutto

Società

I tre diritti violentati in Alfie Evans

Il diritto alla cura, il diritto del disabile innocente, il diritto e la tutela della famiglia: questi i tre grandi beni che il sistema giudiziario
inglese sta calpestando nel suo delirio di onnipotenza. A ben vedere si tratta di beni mutuamente coimplicati: lederne uno li lede tutti.

Leggi tutto

Società

Al Campus bio-medico di Roma non si insegna l’#aborto, e l’AMICA insorge

Chiedono la sospensione dell’istituto come “ente formativo” i membri dell’Associazione degli abortisti: la colpa sarebbe la fedeltà al giuramento di Ippocrate. Il sistema bio-politico che appiattisce le differenze (ovvero l’uniformità che diviene controllo), sono un modo per dettare legge sul pensiero delle masse: per il gender riguarda le differenze fisiche che non devono essere valorizzate, nel caso dell’economia si tratta dell’eliminazione del merito… non è però l’uguaglianza, quella della quale la cultura ha bisogno, perché il rispetto non nasce dall’equiparare le differenze. Si tratta solo di una forma di controllo: eliminare la libertà educativa, che in questo caso riguarda il presupposto col quale effettuare interventi chirurgici ginecologici ma in altri può significare molto di più (si pensi ai corsi scolastici su bullismo o erotismo) è una forma di controllo.

Leggi tutto

Politica

Cosa c’è dopo Welby, Eluana e Fabo

Tra pochi giorni il Parlamento discuterà il ddl sulle Dichiarazioni anticipate di trattamento,
ovvero sul cosiddetto “biotestamento”. Il quale non sarà che un piede di porco per introdurre subito
dopo una vera e propria legge sull’eutanasia, grazie alla quale il diritto italico regredirà di quasi
venti secoli. Dalla Chiesa ci si aspetterebbe una militanza più incisiva, ma non è detta l’ultima parola

Leggi tutto

Politica

Caso Riso, Cirinnà in modalità Goebbels

Un regista omosessuale picchiato, dicono “da omofobi”. La manganellata gli è arrivata però dall’autrice delle unioni civili.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2020 La Croce Quotidiano