Politica

di Mario Adinolfi

Senza manco capir perchè

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Michele Serra attribuì con disprezzo la vittoria di Trump ai “bifolchi (rednecks) dell’Ohio”, Alan Friedman sottolinea che per Boris Johnson hanno votato “i più ignoranti” che fanno i lavori meno qualificati. Lo dicono con un’aria di superiorità senza capire che se le “classi subalterne” neanche ascoltano più i leader di sinistra, che li ammorbano sui “nuovi diritti” e il “matrimonio gay” e il testamento biologico e l’aborto facile e il sostegno alla famiglia solo se è “arcobaleno” e non “patriarcale” (intendono dire naturale), il problema è della sinistra, non del sottoproletariato. Poi scoprono che le unioni gay in 3 anni sono state 11mila (contro 28 milioni di persone regolarmente sposate) gli italiani che hanno firmato le Dat nei 73 comuni sopra i 60mila abitanti sono 37.463 (0,06% della popolazione). La sinistra risponde a bisogni marginali che sostanzialmente non esistono, punta sul generico ambientalismo di Greta, continua a vivere una dimensione ideologica. I rednecks dell’Ohio, gli “ignoranti” britannici, in generale i sottopagati affaticati e oppressi non solo non ottengono ascolto per i loro elementari bisogni, ma da questa sinistra sono anche sostanzialmente disprezzati. Friedman e Serra stanno a loro agio con il vuoto pneumatico delle sardine, con le gretinate, con contesti che non abbiano a che fare con la vita vera delle persone: infatti davanti a una crisi industriale vera come Ilva o Alitalia, non hanno soluzioni da proporre per la vita concreta di decine di migliaia di lavoratori e delle loro famiglie. Il capo delle sardine è un sorridente istruttore di fresbee che lavora nella rivista di ex premier e ex ministri. Lo sento a piazza San Giovanni dire cose generiche e quasi irritarsi se gli vengono chieste proposte specifiche. Questi danno degli “ignoranti” a padri e madri di famiglia che chiedono condizioni di vita migliori per i propri figli? Se scegliete le sardine e non gli “ignoranti”, cara nomenklatura di sinistra, perderai sempre, come stai perdendo in tutto il mondo senza manco capire perché.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

16/12/2019
1204/2021
San Zeno (o Zenone) vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Scegliere le mamme

Quello demografico resta il nodo dello sviluppo integrale del Paese. Occorre un’analisi attenta e molto precisa.

Leggi tutto

Politica

Sette buone ragioni per andare a firmare la proposta del PdF

Il conservatore guarda indietro per andare avanti» (Prezzolini). Ecco perché tornare alla famiglia

Leggi tutto

Politica

Destra e sinistra

Ho imparato da piccolo che chi mi dice “rossi e neri sono tutti uguali” dice una bugia. E ho sviluppato una idiosincrasia alla semplificazione e alla banalizzazione, sia di destra che di sinistra.

Leggi tutto

Società

Scuola e chiesa ora tocchiamo veramente i fondi

Gabriele Toccafondi è un fiorentino del ‘72, laureato in scienze politiche, ha fatto il consigliere all’università di Firenze, è stato membro di un sacco di commissioni e promotore di iniziative culturali e dal ‘99 ha messo i piedi in politica per poi non toglierli più. Ha militato tra le file di una lista civica, poi è passato a Forza Italia, poi è stato deputato PdL e nel 2013 ha indossato la casacca NCD, grazie alla quale ora siede sulla poltrona di Sottosegretario di Stato al Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

Leggi tutto

Politica

I numeri dell’estate

65. Sono i bambini nati in famiglie meridionali che, su 100, quest’estate non andranno in vacanza: le loro mamme e i loro papà non hanno i soldi per portarli al mare o in montagna. Un bambino su tre a livello nazionale non si muoverà dall’abituale luogo di residenza per tutta l’estate. In Italia 1.619.000 famiglie sono in condizione di povertà assoluta. E la Boldrini pensa a farsi blindare il nuovo appartamento. Dal 4 agosto i parlamentari della diciassettesima legislatura repubblicana saranno tutti e 945 in ferie, senza aver risolto nessuna delle drammatiche emergenze che attanagliano il paese: denatalità, povertà, debito pubblico, occupazione, immigrazione selvaggia, dissesto idrogeologico hanno fatto tutti segnare nuovi record anno dopo anno in questa legislatura. Però questi 945 genietti hanno fatto la legge sul divorzio breve e le unioni civili, se si impegnano fanno approvare anche quella sull’eutanasia all’italiana e sulla droga libera. Un ragazzo su cinque (19.9% degli under 24 per essere precisi, rapporto Commissione Europea) non studia, non lavora, non cerca lavoro. Sta abulico sul divano a consumare patrimonio e stipendio di mamma e papà più pensione (bassa) dei nonni. Brava Boldrini. Bravi tutti lì in Parlamento. Buone vacanze, eh…

Leggi tutto

Società

Il primo diritto è quello a NON emigrare

La Commissione Episcopale per le Migrazioni (organo della Cei) ha emanato un documento che prende posizione sui migranti.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano