Politica

di Mario Adinolfi

Anche solo il nostro esistere

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Dopo ogni elezione in cui il Popolo della Famiglia raccoglie pochi voti (pochi in termini relativi, è sempre comunque votato da migliaia di persone, centinaia di migliaia a livello nazionale) parte la gara allo sfottò, coi toni irridenti che conosciamo. Non è solo roba da social, abbiamo visto anche testate di colore opposto come Libero e l’Espresso puntualmente parteciparvi. Invece di chiedersi cos’è che motiva tanti pidieffini in ogni angolo del Paese, ben sapendo che nessuno sarà mai eletto almeno in questa fase, a metterci la faccia, il tempo, i soldi, la fatica, anche su autorevoli testate come quelle citate si preferisce il pernacchio condito con l’invito a sparire dal panorama politico.

Ecco, se la proposta è: “Sparite”, la nostra risposta è no, non spariamo. Continueremo ad esserci, per le migliaia di persone che ci hanno votato in Emilia Romagna anche domenica scorsa a cui siamo grati e per quelle che ci voteranno in futuro. E se la vostra coscienza fosse tranquilla o se foste solo dei buontemponi, vi accanireste con la stessa ilarità con tutte le liste da zerovirgola. Anche la candidata presidente di Potere al Popolo ha preso lo 0.3, esattamente come noi. Come mai per lei niente frizzi e lazzi? C’è un motivo ed è semplice da capire. Perché è il nostro puro e semplice essere in campo, anche solo il nostro esistere, ad infastidirvi. Perché se non ci fossimo noi, nessun altro farebbe resistenza su alcuni temi, imponendovi un punto di vista altro che sapete bene non essere campato per aria. Perché se fosse campato in aria lo trattereste con l’indifferenza con cui trattate chi ha preso lo zerovirgola come noi e anche meno di noi, perché chi dice che l’asino vola giustamente suscita indifferenza. Ma noi non diciamo che l’asino vola: noi ficchiamo il dito nella piaga di alcune evidenti contraddizioni e tanti vorrebbero che questo non accadesse più (tanti, pensate, persino tra i cattolici) e allora sperate che una risata possa seppellirci. Ci sperate ogni volta. E non accade mai. Chiedetevi il perché, chiedetevi cos’è che ci motiva e vedrete che scoprirete qualcosa di bello da raccontare, magari con un sorriso finalmente indulgente, asciugandovi quella consueta bava alla bocca. Il PdF continua a fare quello che nessun altro farebbe, se non ci fosse il PdF. Per questo non può farvi contenti, non può sparire.

E allora il Popolo della Famiglia va avanti: 355 cittadini hanno sottoscritto la mia candidatura a deputato del collegio Roma 1, abbiamo avuto la forza organizzativa per fare la raccolta in una settimana, siamo l’unica organizzazione cristianamente ispirata in grado di fare questo nel campo politico. Non ci è piaciuto il governo gialloverde, ancora meno ci è piaciuto il governo giallorosso che candida nel collegio addirittura il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri, quello che ha irriso la famiglia con uno stanziamento di venti volte inferiore a quello necessario e promesso. Se i cattolici hanno un minimo di spina dorsale e coerenza, non possono votare per lui. A chi, come noi, non ha gradito neanche le inesistenti politiche di bilancio a favore della famiglia del governo precedente, noi offriamo un’alternativa.

E insomma anche il 1 marzo si vota e anche il 1 marzo si potrà votare il Popolo della Famiglia, la piccola pietra di inciampo che resiste. E ogni volta che vi viene l’istinto di insultarci o irriderci per questa nostra tenacia, chiedetevi il perché. E vedrete che la risposta sarà sorprendente.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

29/01/2020
2405/2022
San Vincenzo di Lerino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

La povera famiglia italiana

I dati Istat certificano che le famiglie sono sempre più lasciate sole, in Italia e in Europa: una su quattro vive un forte disagio economico

Leggi tutto

Chiesa

Quer pasticciaccio brutto de li castighi divini

Nelle parole del saggio Benedetto c’è calore umano, c’è il mistero del dolore innocente associato, in maniera altrettanto misteriosa, alla Croce di Cristo. Su tutto regna la fiducia nella costitutiva bontà di Dio, un Padre buono che ama i propri figli. Una sola cosa non c’è nella risposta di papa Benedetto: un sistema di risposte a tutto, una FAQ teologica a misura della ragione umana. Ci sono invece appelli alla meditazione, inviti alla preghiera. Pregare, ce lo dice l’etimologia, implica il riconoscimento della propria precarietà: è un’esortazione ad affidarsi, atto antipelagiano per eccellenza.

Leggi tutto

Storie

STORIA DI UN AMORE, SBECCATO MA UTILE A TUTTI

Dopo aver ri-costruito attraverso questo percorso davvero tortuoso una mia condizione familiare, Dio ha voluto che spendessi tutto me stesso per testimoniare la bellezza della famiglia e anche di questo devo dire grazie a Silvia. Voglio La Mamma nasce nel 2013 perché ho visto Clara con Silvia e Silvia con Clara. Da ragazzino quando nacque Livia, la mia carissima primogenita, ero troppo preso da me per avere lo sguardo davvero sull’altro, poi intervennero subito tragedie da togliere il fiato e nessuna bellezza poteva essere anche solo immaginata dal mio sguardo. Vent’anni dopo la oggettiva e prepotente bellezza di Silvia riverberata in Clara sembra essere immagine stessa della bellezza della condizione familiare. Dentro questa parola (“bellezza”) io inserisco anche l’enorme fatica dell’essere famiglia, i vincoli che impone, i limiti dell’altro che devi imparare ad accettare e Silvia ne ha, cavoli se ne ha, ma i miei sono infinitamente maggiori e talvolta davvero insopportabili, quindi ho imparato quell’indulgenza che è anticamera necessaria dell’amore.

Leggi tutto

Chiesa

Il “partito” di Pio XII ha un sostenitore eccellente Papa Francesco

Come è stato più volte ribadito in questi anni, anche la prima recezione dell’operato di Pio XII presso la comunità ebraica del tempo appare positiva. Un ebreo convertito al cattolicesimo, come il rabbino capo di Roma Israel Zolli, assume proprio il nome di Eugenio come atto di riconoscenza per quanto Papa Pacelli aveva fatto per la comunità ebraica romana. Atteggiamento diametralmente opposto rispetto alla nota congiunta firmata nel 2009 dai rappresentati dell’ebraismo italiano di allora, Il rabbino capo di Roma, Riccardo Di Segni, il presidente dell’Unione delle Comunità ebraiche italiane Renzo Gattegna e il presidente della comunità ebraica romana, Riccardo Pacifici, pubblicata in occasione della firma di Papa Ratzinger al decreto che proclamava la venerabilità di Pio XII. Nota che esprimeva la persistenza di una valutazione critica

Leggi tutto

Politica

Alternative für Deutschland: lezioni da imparare

Il “giornalista collettivo” non ha ancora imparato la lezione: in tempo di analfabetismo sociopolitico e di malcontento diffuso attaccare un partito rampante con l’epiteto di “populista” si rivela controproducente. Il partito fondato da Frauke Petry e oggi diretto da Alice Weidel deve invece interpellare a fondo l’anima popolare d’Europa (i punti guadagnati da AfD sono quelli persi da CDU): non mancano le ambiguità e le contraddizioni, ma vanno studiate.

Leggi tutto

Storie

L’esempio del padre della ragazza violentata

Il padre di una delle due quattordicenni romane violentate si è erto a difesa e a sostegno della legge, indicandosi come ulteriore istanza

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano