Politica

di Elisabetta Cipriani

Demetrio Paolin ci regala un Geremia genuinamente pasquale

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Io credo nella risurrezione della carne. Questo mi fa credere in Dio. So che quando affermo il mio credo, la gente sorride e mi prende in giro (...) Eppure la fede è questo scandalo, questo salto non logico che il lettore, credente o meno, deve permettermi di fare, e che deve in qualche modo seguire: credere in Dio non rende la vita meno tragica, non rende l’esistenza meno complessa. Credere in Dio significa assumere in sé tutta la tragedia dell’umano e arrivare al limite del nulla, del nonsenso, arrivare al limite più estremo del nichilismo e affermare che alla fine la fragilità avrà vinto sulla forza. L’essere, che è debole, vincerà sul non-essere, e la carne rivestirà i corpi che amiamo.

Questa non è che una semplice nota di “Anatomia di un profeta”, un assaggio non casuale di una pietanza che è commistione sapiente di molte cose. Paolin doveva essersi messo in testa di scrivere un libro anticonsolatorio. E potete giurare che c’è riuscito. Un libro che ibrida saggio e narrazione, récit autobiografico ed esegesi biblica, la pulsione suicidiaria di una generazione cresciuta col grunge anni ‘90 e la missione profetica di Geremia. In questo libro non troverete una sola riga che vi aiuti a dormire sonni tranquilli. E, fatto ancor più sbalorditivo per un ‘romanzo’ del XXI secolo, non c’è una sola goccia d’ironia. No, il Geremia di Paolin segna il ritorno del tragico, per questo è il libro più adatto a interpretare il nostro tempo sospeso, questo limbo non risparmiato dal dolore. Se fino a ieri sembrava che su tutto si potesse ghignare un algido sarcasmo, la realtà s’è incaricata di riportare sulla scena la morte, squadernando gli happy hour di molte finte vite. Paolin poi irrompe piazzando un carico da undici, con un libro che in fondo parla dei novissimi, ma con la voce rauca e luttuosa di un coltissimo Kurt Cobain delle Langhe. Come ogni autore degno di questo nome, parte da ossessioni sue per palesarci la condizione umana. Un ragazzino misteriosamente si uccise al suo paese, molti anni or sono, un ragazzino che aveva nome Patrick. Così il suicidio diventa la sua ferita non chiusa, la disarmonia irriducibile di tutte le cose. Pavese, Levi, Cobain, Foster Wallace sono pietre miliari dello stesso viatico, conferme di quanto già il piccolo Patrick svelava: se i morti non risorgono, non solo vana è la fede, ma vana è la stessa vita. E Geremia? La seconda ossessione. Geremia è il profeta cui Dio ha parlato, colui che deve annunciare la catastrofe e non essere creduto. Chiaramente è il simbolo di ciò che uno scrittore dovrebbe essere per Paolin: il testimone di verità sgradevoli che nessuno vuole sentire. Ma solo da questa asprezza, da questo sconcerto, sorge una speranza non illusoria. La salvezza passa dalla disperazione e dall’ignominia. Come Geremia prostrato e sconfitto è risollevato da Dio, così anche le ossa del suicida Patrick, le ossa di tutti i suicidi germoglieranno salvezza. Perché, o anche il dolore assoluto del suicida trova riscatto, o non c’è riscatto per nessuno. Ma ecco, le teofanie di Dio sono spiazzanti e abrasive. Egli si manifesta in ciò che più sembra abietto. A tratti Paolin lo dice in un modo fin troppo scopertamente paradossale, eppure proprio in ciò c’è da esser grati a questo libro stravagante. Il cinismo vero è altrove, non sta di casa qui. Il cinismo programmatico dei nichilisti d’accatto contro cui si ergeva Todorov in “La letteratura in pericolo”. “Eppure è troppo facile, è semplice dirsi: fa tutto schifo, è tutto orrendo e senza senso. Io voglio che la vita di Patrick e delle persone che amo e che sono morte abbia un senso e non venga derubricata a questo è il mondo”. Qui è la fede, qui è tutto. La scommessa di Pascal è più abissale del buon senso euclideo di Ivan Karamazov. Troppo facile restituire il biglietto davanti al dolore degli innocenti. Un uomo vero - e un vero scrittore - non scappa, ma va fino in fondo “con una dose infinita di abbandono”.

Non è un libro per pie donne questo: è un libro volutamente disturbante. Vi son fin troppi libri simili in giro - ce ne sono di quelli che giocano a fare i provocatori, provocando solo sbadigli - ma tutti poi si dividono in due categorie: quelli per cui vale e quelli per cui non vale prendersi il disturbo.

“Anatomia di un profeta” appartiene decisamente alla prima. È un libro “esorbitante, che colpisce per la sua fantomatica illeggibilità” - come il Geremia biblico, per l’appunto. È un’alba livida su macerie, quando “l’attesa della ricostruzione è tutto ciò che ci rimane”. C’è forse qualcosa di più scandalosamente pasquale, di più inattuale e perciò adatto a questo tempo?

Demetrio Paolin, “Anatomia di un profeta”, Roma, Voland 2020.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

11/04/2020
1208/2020
Ss Macario e Giuliano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Chiesa

Tutto sembrava perduto. E invece

Nel mistero della Resurrezione di Cristo risiede tutta la nostra fede, la forza che ci fa essere vivi e pieni di speranza anche quando ogni cosa sembra impedita e apparentemente per sempre. La gioia della Pasqua è questa

Leggi tutto

Media

Andrea Torquato “Papà senza controllo.O dell’essere padri e non padreterni”

Ma il libro di Giovanoli è anche occasione per leggere la società odierna, le sue derive, la cultura di morte che vi aleggia. È anche momento di riflessione sul dato evangelico, sulla necessità di predicare ancora i Novissimi, su Maria e il suo amore materno. Non è un libro esclusivamente per padri. È per tutti quelli – uomini e donne – che vogliono sostare un attimo per contemplare, attraverso le maglie della quotidianità, la bellezza del disegno di Dio. È per tutti quelli che non vogliono fermarsi solo al livello di un mondo che appare confuso, inselvatichito perché preda di passioni non più frenate (nonostante l’etichetta di “civile”). Di questo mondo, del contesto in cui viviamo, potrebbe sfuggirci facilmente l’essenziale, travolti come siamo da proposte che vanno in senso contrario al messaggio evangelico.

Leggi tutto

Chiesa

Le parole della teologia sui confini della scienza

L’incompatibilità tra fede e scienza è una questione in cui si barcamenano quanti non possono ancora accedere a Il futuro dell’universo di Francesco Brancato: qui si esplorano piuttosto le questioni lasciate aperte dalla scienza, «che deve impegnarsi ancora molto nella ricerca degli elementi fondamentali per la comprensione dell’universo, della sua origine, della sua evoluzione, del suo destino». Scienza e fede s’incontrano al crocicchio tra poesia e metafisica

Leggi tutto

Storie

KAROL WOJTYLA, I 100 ANNI SPIEGATI AI RAGAZZI

Un piccolo e agile volume che ripercorre il Pontificato del Papa polacco attraverso una raccolta di scritti e frasi celebri che vanno dal giorno della
sua elezione, il 16 ottobre 1978, a quello nel quale è tornato alla casa del Padre, il 2 aprile 2005. È disponibile anche in inglese, in coedizione con l’editrice americana “Paulist Press”, e in polacco, in coedizione con l’editrice “Wydawnictwo Sw. Stanislawa BM”. Una lettura adatta proprio a tutti

Leggi tutto

Storie

Gli Ultimi Jedi: quale redenzione è per sempre?

Un capitolo che è un vero e proprio esame di coscienza della serie e che, in un’epoca in cui gli esami sono fastidiosi, la coscienza un suppellettile dell’emotivo, quando non è un ostacolo, non potrà che provocare furiose ribellioni nei suoi affezionati (e già si sprecano le reazioni rabbiose online). Non possono più essere evitate le ombre del passato, nonostante l’attaccamento al sacro cavalierato del Lato Chiaro: «I Jedi devono scomparire», sentenzia il ritrovato maestro Skywalker, emerito nascosto in una versione nuragica del monastero Mater Ecclesiae (santuario ancestrale dello jedismo) e reticente a prendere come
discepola Rey (Daisy Ridley) «che viene dal nulla». Una ragazza che non ha nulla se non la scoperta di un’intima chiamata al di sopra della sua comprensione, che com’era stato per lui anni prima, si trova ora al centro delle sorti del suo tempo. Ella chiede di un maestro che tutto ha perso, dopo che tutto aveva guadagnato, perfino quel padre che sembrava perso del tutto, perché possa mostrarle donde proviene, la di lei origine «Cerco qualcuno che mi mostri dove si trova il mio posto».

Leggi tutto

Media

Levi. Sotto il Cielo della Palestina di Giorgio Ponte

“Levi. Sotto il Cielo della Palestina: 1” è l’ultima fatica di Giorgio Ponte, scrittore già noto per “Io sto con Marta”. Ci troviamo, però, davanti ad un libro totalmente differente dal primo, che non mancherà – tuttavia – di convincere (e avvincere) il lettore. Ponte ha rilevanti qualità da narratore, dotato com’è di uno sguardo carezzevole e penetrante che sa leggere dentro la complessità dell’animo e poi ricreare – all’interno della pagina scritta – il sentire dei personaggi, con un’attenzione particolare anche per sfumature che al lettore possono apparire non degne di nota (e che, al contrario, regalano ulteriore spessore e credibilità alla trama e ai personaggi).

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2020 La Croce Quotidiano