Politica

di Mario Adinolfi

IL PDF TRA NUOVI ELETTI E NUOVE GRANDI SFIDE

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Il pidieffino Paolino D’Anna è il più votato a Venezia ed è il primo consigliere comunale del Popolo della Famiglia eletto in un capoluogo di regione. Un exploit di Ercolano del PdF che va in doppia cifra al 12% e elegge due consiglieri comunali. A Mestre speriamo di aver eletto il nostro dirigente regionale veneto Massimiliano Zannini e ci attendiamo nuove belle notizie dai pidieffini candidati in altre municipalità veneziane. UN Roiate in provincia di Roma il PdF sbaraglia le altre liste e sarà con il 9.15% e tre consiglieri comunali l’unica forza di opposizione al sindaco, grazie allo sforzo prodotto da Alessandra Trigila coordinata da Nicola Di Matteo. A Stresa il nostro Giuseppe De Giovannini è il sesto tra i consiglieri comunali eletti, a Moncalieri ci fermiamo allo 0,5% (con Conversano unico risultato fermo allo zerovirgola insieme allo 0.4 delle tre province in cui eravamo presenti ai regionali liguri). A Macerata prendiamo l’1% nella coalizione vincente al primo turno con il 52%, a Faenza l’1,3% nella coalizione perdente (risultati superiori di lista a Imola e Vignola ma con il simbolo in compartecipazione con Forza Italia, ne scriviamo più avanti), a Senigallia siamo al 3.5% decisivi per il ballottaggio e nelle Marche la nostra intesa con i Civici frutta un consigliere regionale eletto. A Saronno con operazione coordinata da Andrea Brenna siamo di poco sotto al 3% in una missione politica che aveva come contraltare quella dell’unificazione di Italia Viva, Calenda e Bonino, anche loro al 3% ma in tre. In sintesi da oggi il Popolo della Famiglia ha i propri dirigenti eletti nelle istituzioni locali in ogni angolo d’Italia, un quadriennio di lavoro si chiude con un risultato non scontato. La nostra sfida per un progetto politico autonomo di ispirazione cristiana che cresce e va al governo delle comunità si sposta da qui a otto mesi alle elezioni nelle grandi città del maggio 2021. Siamo un popolo, non ci faremo trovare impreparati. Dovremo affrontare due settimane dei ballottaggi importanti in cui saremo protagonisti grazie ai risultati ottenuti a Chieti (0,6%) ma soprattutto a Matera (3,5%) e Castrovillari (11,1%). Non solo, tra due settimane il Popolo della Famiglia torna in campo anche per il primo turno delle amministrative siciliane ad Agrigento, a Tremestieri ed a Mislimeri. Chi ha deciso di spendere tempo e energie con la comunità del Popolo della Famiglia sa di essere perennemente sotto pressione, le sfide significative sono sempre dietro l’angolo. Cito anche il già accennato 2,9% raccolto a Imola e il 4,6% raccolto a Vignola con il nostro simbolo associato a quello di Forza Italia. La politica costringe a intese che occupano uno spazio lasciato libero e in questa fase storica di spazi in cui incunearsi ce ne sono davvero a bizzeffe. Questo è un cambio d’epoca, lo scrivevamo già ieri, bisogna produrre il massimo sforzo se si intende far politicamente prevalere dei principi essenziali e per questo non negoziabili come il Popolo della Famiglia si prefigge di fare fin dalla sua fondazione. La sfida, come dicevo, si sposta ora sulle riguarderà Roma, Milano, Napoli, Torino, Bologna, Cagliari non potrà vederci indifferenti. Il Popolo della Famiglia riproporrà lo schema che si è rivelato vincente in questa tornata amministrativa: apertura massima alla costruzione di percorsi capaci di ampliare la raccolta del consenso, ma senza rinunciare mai alla tipicità dell’identità pidieffina, che è una “spezia” che sembra piacere sempre di più all’elettorato di ogni regione italiana. Noi costruiremo dalle grandi città il balzo che ci porterà al governo del Paese, per dare compimento all’obiettivo che ci siamo dati fondando il Popolo della Famiglia, ribadito al congresso nazionale di Pomezia del 12 e 13 settembre scorsi. Chiediamo solo di essere ascoltati, dopo tutto questo lavoro in ogni angolo d’Italia ce lo siamo meritati.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

23/09/2020
2701/2021
Sant'Angela Merici

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Ripensando alla vicenda del senza tetto che non desiderava ospitalità

«Si vergognano di vergognarsi – diceva Agostino – e non si vergognano di non vergognarsi»: il cinismo del vicesindaco leghista di Trieste ha scatenato un’ondata d’indignazione sui social e nei
media tradizionali. Lo stesso politico è tornato a cercare di rabberciare lo strappo (allargandolo): la lezione intramontabile in materia la danno da sempre santi come fratel Ettore Boschini.

Leggi tutto

Società

LA FRANCIA MANIFESTA CONTRO IL DDL BIOETICO

600mila persone sono inopinatamente tornate a manifestare, per le strade d’Oltralpe, malgrado il tiepido sostegno dei Vescovi.

Leggi tutto

Media

Appello a una bella famiglia

Niente foglie di fico per il Sanremo di Conchita Wurst

Leggi tutto

Società

Ma solo la Chiesa e il Papa pensano ai poveri?

Il guru di Slow Food Carlo Petrini se la prende con McDonald’s all’Expo perché fa pagare “solo” un euro il “panino con la carne”. La sinistra dalla terrazza del ristorante gourmet non vede più i poveri

Leggi tutto

Storie

Charles: cent’anni di vita nascosta a Nazaret

Esattamente un secolo fa moriva fratel Carlo di Gesù (al secolo Charles de Foucauld). Figura romanzesca di splendido don Chisciotte cristiano, abbandonò la vita agiata del viscontino d’Alzazia per rifugiarsi nel Sahara e in Palestina e ancora nello Hoggar. “La vita nascosta di Gesù” fu il suo ideale, l’ultimo dèmone fu la frustrazione, morì per mano di uno da lui nutrito

Leggi tutto

Società

La famiglia nel nord Europa

Stando alle statistiche citate, sembra dunque che ciò da cui devono essere in primo luogo protetti i bambini siano i loro genitori. Per meglio distruggere la famiglia bisogna far passare il messaggio che sempre più spesso i genitori sono inadeguati, che i bambini devono innanzi tutto vivere in uno “spazio nel quale sviluppano la loro personalità e vi trovano protezione” e che questo “spazio” corrisponde sempre meno alla famiglia naturale. A tal fine è stato sufficiente introdurre il discorso sull’omosessualità e sul “diritto” degli omosessuali ad avere dei figli. Poiché gli omosessuali non sono in grado di procreare (ci stanno lavorando, ma per ora, né due uomini né due donne sono in grado di dare inizio ad una nuova vita), proteggere questo loro presunto diritto significa necessariamente passare per la negazione dell’importanza di tutto quanto fino ad oggi era parso indiscutibile: l’amore di papà e mamma, ma anche il valore della gestazione, dell’allattamento e di ciò che rappresentano i genitori (di diverso sesso), ugualmente importanti, ma fondamentalmente diversi, proprio perché diverse sono le necessità del bambino. Usando gli omosessuali – il verbo “usare” non è stato scelto a caso - in questa maniera è molto più facile mettere a tacere qualsiasi discorso discostante, perché si accuserà di omofobia chiunque la pensi diversamente. Addirittura molti omosessuali, favorevoli alla famiglia naturale, vengono pesantemente tacciati di omofobia e messi a tacere.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano