Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Laos: misure del governo a protezione dei cristiani vessati e maltrattati nel Paese

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Una buona notizia sembra aprire nuovi orizzonti alla minioranza labioriosa dei cristiani nel Laos.

Il governo centrale del Laos sta lavorando con vari gruppi cristiani, per far sì che i funzionari locali, nelle aree periferiche, intensifichino i loro sforzi per proteggere i cristiani dalle continue vessazioni. Nonostante la recente approvazione di una legge, lo scorso dicembre, che permette ai cristiani di svolgere servizi e predicare la loro fede indisturbati, sempre obbedendo alle norme e ai regolamenti del Paese, molti funzionari in queste zone rurali continuano a trattarli come cittadini di seconda classe . Per decenni la propaganda governativa ha dipinto il Cristianesimo come uno strumento dell’imperialismo occidentale nel Paese, che una volta era una colonia francese ed è stato campo di battaglia durante la guerra del Vietnam. Molti cristiani, inoltre, appartengono alla minoranza etnica Hmong, i cui membri sono schierati con gli Stati Uniti contro i comunisti durante la guerra. Nella capitale Vientiane e in altre grandi città, i cristiani possono praticare liberamente la loro fede, ma non nelle comunità rurali, dove i funzionari agiscono spesso contro di loro impunemente. Qui essi sono considerati “elementi negativi” dagli altri residenti e dalle autorità del villaggio e molti di loro sono maltrattati, rieducati, sfrattati dai loro villaggi, arrestati e incarcerati. In Laos, Nazione comunista con una popolazione di 7 milioni di abitanti, i cristiani, che rappresentano meno del 2%, di cui la metà cattolici, continuano ad affrontare varie forme di discriminazione, soprattutto nelle zone rurali remote. Di conseguenza, sono costretti a praticare la loro fede a porte chiuse per paura di essere evitati da altri abitanti del villaggio o essere costretti ad andarsene. “Ora speriamo - ha segnalato a Radio Free Asia un membro della Chiesa coinvolto nell’iniziativa educativa sponsorizzata dal governo - che questi incontri migliorino la comprensione tra le autorità ei cristiani”, riferendosi ai seminari tenutisi questo mese nelle province di Bokeo, Bolikhamsai e Savannakhet, e ad incontri simili previsti in altre zone del Paese. “Durante l’incontro (nella nostra comunità) - ha detto ad UCA News un sacerdote della provincia di Bolikhamsai, vicino a Vientiane - abbiamo spiegato la legge ai rappresentanti delle autorità locali, e questi rappresentanti trasmetteranno le informazioni ad altri funzionari, comprese le autorità dei villaggi ”. I dirigenti del partito comunista, da parte loro, si sono detti convinti che, quando le zone rurali verranno a conoscenza della nuova legge, le vessazioni nei confronti dei cristiani diminuiranno. “Una volta compreso (il contenuto della legge) - ha detto a Radio Free Asia un funzionario responsabile degli affari religiosi nella provincia di Savannakhet - i cristiani non saranno più maltrattati come prima, perché, come ogni altra legge, dovrà essere rispettata ”.

Il cristianesimo è una religione di minoranza in Laos. Ci sono tre chiese riconosciute in Laos: Chiesa evangelica del Laos, l’avventista della Chiesa e la Chiesa cattolica romana. Ci sono circa 45.000 membri della Chiesa cattolica romana, molti dei quali sono di etnia vietnamita, concentrati nei grandi centri urbani e le zone circostanti lungo il fiume Mekong nelle regioni centrali e meridionali del paese. Il cattolicesimo è una presenza consolidata in cinque delle province centrali e meridionali più popolosi, ei cattolici sono in grado di adorare apertamente. le attività della Chiesa sono più circoscritto al Nord. proprietà della Chiesa a Luang Prabang è stato sequestrato dopo il 1975, e non esiste più una canonica in quella città. Un informale centro di formazione cattolica romana in Thakhek preparato un piccolo numero di sacerdoti per servire la comunità cattolica. Circa 400 protestanti congregazioni conducono servizi in tutto il paese per una comunità che è cresciuta rapidamente negli ultimi dieci anni. I funzionari della chiesa stimano protestanti al numero di ben 100.000. Molti protestanti sono membri di gruppi etnici Mon-Khmer, in particolare il Khmu nel nord e il Brou nelle province centrali. I numeri di protestanti hanno inoltre ampliato rapidamente nelle comunità Hmong e Yao.Nelle aree urbane, il protestantesimo ha attratto molti seguaci Lao pianura. La maggior parte dei protestanti sono concentrati a Vientiane Comune, nelle province di Vientiane, Sayaboury, Luang Prabang, Xieng Khouang, Bolikhamsai, Savannakhet, Champassak, e Attapeu, così come nella ex Zona Speciale Saisomboun, ma più piccole congregazioni si trovano in tutto il paese. Il LFNC riconosce ufficialmente solo due gruppi protestanti - la Chiesa evangelica del Laos e la Chiesa Avventista del Settimo Giorno - e richiede che tutti i gruppi cristiani non cattolici ad operare sotto una di queste organizzazioni. Avventisti del Settimo Giorno numero leggermente più di 1.000, con le congregazioni a Vientiane Comune così come Bokeo, Bolikhamsai, Champassak, Luang Prabang, e province Xieng Khouang a livello paese. confessioni cristiane che hanno qualche seguito nel Paese, ma che non sono riconosciuti dal governo, sono i Metodisti, i Testimoni di Geova, Chiesa di Cristo, Assemblee di Dio, luterani, Chiesa di Gesù Cristo dei anti degli Ultimi Giorni (Mormoni), e Battisti. numeri ufficiali di adesione non sono disponibili.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

30/09/2020
0502/2023
Sant'Agata

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Omosessuale e sentinella, non eroe

Giorgio Ponte è il primo omosessuale, che ha partecipato anche all’esperienza delle Sentinelle in Piedi, a esporsi a sostegno di un’idea chiara: la Chiesa non è contro i gay. Dice: “Non siamo contro le persone, ma per la loro salvezza. E non chiamatemi eroe”

Leggi tutto

Politica

La libertè cancellata in Francia

La riforma liberticida, che dovrà ora affrontare l’esame del Senato, parte da un’iniziativa del governo di Hollande. Lo scopo che si prefiggono i socialisti è molto chiaro: spegnere la voce dei siti Internet curati da vari organismi pro-life. Una offensiva che fa il paio con la legge – approvata giusto un anno fa dalla maggioranza – che sopprimeva la settimana obbligatoria di riflessione per le donne intenzionate ad abortire. L’idea che si è voluta imporre è questa: la donna è sola arbitra della propria decisione di abortire, che da facoltà depenalizzata e concessa ad alcune condizioni si trasforma in un diritto individuale. Va dunque eliminata qualsiasi figura intermedia, va tolto di mezzo qualsiasi confronto un’istanza esterna alla propria volontà.

Leggi tutto

Chiesa

GRILLO E AVVENIRE, ADINOLFI (PDF): M5S È OPPOSTO ALLA CHIESA

Ma cosa hanno in comune la Chiesa ed il Movimento Cinque Stelle. Divergenze di opinioni in corso.

Leggi tutto

Politica

GLI IMPEGNI POLITICI DEL PDF ALLA RIPRESA

A ottobre si comincerà con le elezioni ad Ostia, municipio romano che con i suoi 231.723 abitanti sarebbe la tredicesima città d’Italia per popolazione, subito dopo Verona, territorio della periferia capitolina dominato dal M5S e dalle infiltrazioni mafiose, dove il governo municipale è stata sciolto due anni fa con decreto dell’esecutivo nazionale proprio per tali infiltrazioni. A novembre sarà la volta delle elezioni regionali in Sicilia e con questo si spiega il lavoro agostano del nostro coordinatore nazionale Nicola Di Matteo nell’Isola. Nei prossimi mesi si voterà poi per le regionali in Lombardia, dove il ruolo da protagonista è ovviamente svolto dal nostro segretario nazionale Gianfranco Amato, e probabilmente anche nel Lazio e in Friuli Venezia Giulia dove l’esperienza di governo a Cordenons con Lanfranco Lincetto vicesindaco ci fa ben sperare anche grazie al radicamento con Alessandro Cocco a Trieste e con i risultati ottenuti a Fontanafredda alle ultime amministrative.

Leggi tutto

Società

Perchè aggrediscono il PDF

Noi siamo fatti oggetto di violenza continua, dai profili social imbavagliati agli spettacolini come quelli di Novara, dagli insulti sanguinosi alle quotidiane vere minacce, perché non ci siamo rassegnati ad un generico e sterile borbottio, ma l’abbiamo trasformato in azione sociale e politica. Questo proprio non ce lo perdonano. E poiché a Novara come la sera dopo a Torino come quella precedente a Terni, l’OCOM tour fa segnare solo sale piene e sold out, allora hanno alzato il livello di intimidazion

Leggi tutto

Politica

Il fascismo non ebbe meriti? Parliamone!

Il discorso di Mattarella si volle enfatico per l’occasione, ma la sua assolutezza non può essere presa tout court come giudizio storico.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano