Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Laos: misure del governo a protezione dei cristiani vessati e maltrattati nel Paese

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Una buona notizia sembra aprire nuovi orizzonti alla minioranza labioriosa dei cristiani nel Laos.

Il governo centrale del Laos sta lavorando con vari gruppi cristiani, per far sì che i funzionari locali, nelle aree periferiche, intensifichino i loro sforzi per proteggere i cristiani dalle continue vessazioni. Nonostante la recente approvazione di una legge, lo scorso dicembre, che permette ai cristiani di svolgere servizi e predicare la loro fede indisturbati, sempre obbedendo alle norme e ai regolamenti del Paese, molti funzionari in queste zone rurali continuano a trattarli come cittadini di seconda classe . Per decenni la propaganda governativa ha dipinto il Cristianesimo come uno strumento dell’imperialismo occidentale nel Paese, che una volta era una colonia francese ed è stato campo di battaglia durante la guerra del Vietnam. Molti cristiani, inoltre, appartengono alla minoranza etnica Hmong, i cui membri sono schierati con gli Stati Uniti contro i comunisti durante la guerra. Nella capitale Vientiane e in altre grandi città, i cristiani possono praticare liberamente la loro fede, ma non nelle comunità rurali, dove i funzionari agiscono spesso contro di loro impunemente. Qui essi sono considerati “elementi negativi” dagli altri residenti e dalle autorità del villaggio e molti di loro sono maltrattati, rieducati, sfrattati dai loro villaggi, arrestati e incarcerati. In Laos, Nazione comunista con una popolazione di 7 milioni di abitanti, i cristiani, che rappresentano meno del 2%, di cui la metà cattolici, continuano ad affrontare varie forme di discriminazione, soprattutto nelle zone rurali remote. Di conseguenza, sono costretti a praticare la loro fede a porte chiuse per paura di essere evitati da altri abitanti del villaggio o essere costretti ad andarsene. “Ora speriamo - ha segnalato a Radio Free Asia un membro della Chiesa coinvolto nell’iniziativa educativa sponsorizzata dal governo - che questi incontri migliorino la comprensione tra le autorità ei cristiani”, riferendosi ai seminari tenutisi questo mese nelle province di Bokeo, Bolikhamsai e Savannakhet, e ad incontri simili previsti in altre zone del Paese. “Durante l’incontro (nella nostra comunità) - ha detto ad UCA News un sacerdote della provincia di Bolikhamsai, vicino a Vientiane - abbiamo spiegato la legge ai rappresentanti delle autorità locali, e questi rappresentanti trasmetteranno le informazioni ad altri funzionari, comprese le autorità dei villaggi ”. I dirigenti del partito comunista, da parte loro, si sono detti convinti che, quando le zone rurali verranno a conoscenza della nuova legge, le vessazioni nei confronti dei cristiani diminuiranno. “Una volta compreso (il contenuto della legge) - ha detto a Radio Free Asia un funzionario responsabile degli affari religiosi nella provincia di Savannakhet - i cristiani non saranno più maltrattati come prima, perché, come ogni altra legge, dovrà essere rispettata ”.

Il cristianesimo è una religione di minoranza in Laos. Ci sono tre chiese riconosciute in Laos: Chiesa evangelica del Laos, l’avventista della Chiesa e la Chiesa cattolica romana. Ci sono circa 45.000 membri della Chiesa cattolica romana, molti dei quali sono di etnia vietnamita, concentrati nei grandi centri urbani e le zone circostanti lungo il fiume Mekong nelle regioni centrali e meridionali del paese. Il cattolicesimo è una presenza consolidata in cinque delle province centrali e meridionali più popolosi, ei cattolici sono in grado di adorare apertamente. le attività della Chiesa sono più circoscritto al Nord. proprietà della Chiesa a Luang Prabang è stato sequestrato dopo il 1975, e non esiste più una canonica in quella città. Un informale centro di formazione cattolica romana in Thakhek preparato un piccolo numero di sacerdoti per servire la comunità cattolica. Circa 400 protestanti congregazioni conducono servizi in tutto il paese per una comunità che è cresciuta rapidamente negli ultimi dieci anni. I funzionari della chiesa stimano protestanti al numero di ben 100.000. Molti protestanti sono membri di gruppi etnici Mon-Khmer, in particolare il Khmu nel nord e il Brou nelle province centrali. I numeri di protestanti hanno inoltre ampliato rapidamente nelle comunità Hmong e Yao.Nelle aree urbane, il protestantesimo ha attratto molti seguaci Lao pianura. La maggior parte dei protestanti sono concentrati a Vientiane Comune, nelle province di Vientiane, Sayaboury, Luang Prabang, Xieng Khouang, Bolikhamsai, Savannakhet, Champassak, e Attapeu, così come nella ex Zona Speciale Saisomboun, ma più piccole congregazioni si trovano in tutto il paese. Il LFNC riconosce ufficialmente solo due gruppi protestanti - la Chiesa evangelica del Laos e la Chiesa Avventista del Settimo Giorno - e richiede che tutti i gruppi cristiani non cattolici ad operare sotto una di queste organizzazioni. Avventisti del Settimo Giorno numero leggermente più di 1.000, con le congregazioni a Vientiane Comune così come Bokeo, Bolikhamsai, Champassak, Luang Prabang, e province Xieng Khouang a livello paese. confessioni cristiane che hanno qualche seguito nel Paese, ma che non sono riconosciuti dal governo, sono i Metodisti, i Testimoni di Geova, Chiesa di Cristo, Assemblee di Dio, luterani, Chiesa di Gesù Cristo dei anti degli Ultimi Giorni (Mormoni), e Battisti. numeri ufficiali di adesione non sono disponibili.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

30/09/2020
2010/2020
S. Maria Bertilla Boscardin

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Quel Martedì Santo di 35 anni fa

Una storia dimenticata di sangue versato da cattolici italiani che cercavano di costruire dialogo, per ricordarci che dobbiamo sempre costruire ponti, anche se costa caro

Leggi tutto

Chiesa

Perdono, genocidio e misericordia

San Giovanni Paolo II, più volte, aveva parlato prima delle tensioni nel paese e, fin dall’Aprile del 1994, non mancò di appellarsi al ritorno della pace: «Le tragiche notizie che giungono dal Ruanda suscitano nell’animo di tutti noi una grande sofferenza. Un nuovo indicibile dramma: l’assassinio dei capi di Stato di Ruanda e Burundi e del seguito; il capo del Governo ruandese e la sua famiglia trucidati; sacerdoti, religiosi e religiose uccisi. Ovunque odio, vendette, sangue fraterno versato. In nome di Cristo, vi supplico, deponete le armi, non rendete vano il prezzo della Redenzione, aprite il cuore all’imperativo di pace del Risorto! Rivolgo il mio appello a tutti i responsabili, anche della comunità internazionale, perché non desistano dal cercare ogni via che possa porre argine a tanta distruzione e morte» (Regina Coeli 10 Aprile 1994). Qualche settimana dopo, la voce del Papa si fa ancora più sofferente e vibrante: «Vi invito accoratamente, ad una preghiera sofferta e fervorosa per il Ruanda. La tragedia di quelle popolazioni sembra non voler arrestarsi: barbarie, vendette, uccisioni, sangue innocente versato, ovunque orrore e morte. Invito quanti detengono responsabilità ad una azione generosa ed efficace perché si arresti questo genocidio. È l’ora della fraternità! È l’ora della riconciliazione!» (Udienza Generale 27 aprile 1994).

Leggi tutto

Politica

Vadecum per il voto amministrativo delle liste PDF

Per il Popolo della Famiglia, che è un movimento politico, la prova del nove è quella con le urne. A chi ci dice che siamo quattro gatti ricordiamo i risultati delle amministrative 2016, in cui già decine di migliaia di persone scelsero di mettere la croce sul nostro simbolo sostenendo i nostri candidati sindaco, con questi risultati nelle principali città:

Leggi tutto

Politica

Volete o non volete cambiare il Paese?

Il Popolo della Famiglia lancia la proposta a tutti gli uomini e le donne “liberi e forti” d’Italia: ora impegnarsi in prima persona

Leggi tutto

Chiesa

C’è un solo modo di riformare davvero la Chiesa

Quando si parla di “disputa felice” bisogna avere il coraggio e la forza di confrontarsi con persone come mons. Agostino Marchetto. Armato “solo” di enorme competenza e di altrettanta umiltà, il famoso storico del “Magno Sinodo” che fu il Vaticano II ha offerto un contributo importante a una miscellanea di grido, sì, ma dalle numerose aporie. L’opera segna la strada per quanto ancora resta da fare in ordine all’assimilazione del Concilio. Ne parliamo con lui.

Leggi tutto

Politica

La Costituzione USA non tutela l’aborto

In West Virginia ed Alabama le votazioni collaterali alle Midterm Elections approvano emendamenti alle costituzioni statali per disconoscere il diritto all’aborto e impedire il finanziamento dalla fiscalità pubblica. Nel Senato cresce la presenza pro-life.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2020 La Croce Quotidiano