Politica

di don Giampaolo Centofanti

LA #RIVELAZIONE “VIRTUALMENTE PIENA” DI GESÙ

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Gesù cresceva insieme agli altri: si può forse ritenere (qui pongo solo domande) che Egli abbia tracciato un cammino sufficientemente chiaro nelle verità essenziali e nella traiettoria di fondo: la personalissima, serena, maturazione di ciascuno verso la pienezza. La maturazione anche dell’umanità nella storia sulla base della Sua virtualmente piena rivelazione.Gesù afferma che avrebbe avuto ancora molte cose da dire ma i discepoli per il momento non potevano portarne il peso. Tante cose implicite di Lui le possiamo intuire noi dopo duemila anni di cammino sempre vissutamente tornando al vangelo, come Egli ci ha indicato. Oggi per esempio ci possiamo avvedere più chiaramente che alle singole persone si rivolgeva, anche ben al di là degli schemi, in modo adeguato al loro graduale percorso e non con risposte prefabbricate.

Non astratte leggi ma Amore.I suoi discepoli possono talora aver faticato a cogliere nella loro portata anche gesti espliciti di Gesù. Ma per esempio Giovanni con tanta sincerità almeno alcuni li riporta,
non facendo prevalere la difficoltà di recezione sua e dei compagni. Pensiamo a Gesù che nell’ultima cena offre il boccone intinto a Giuda. Cosa può avergli porto nell’ora dell’istituzione dell’Eucaristia? Un taralluccio al vino? L’episodio della lavanda dei piedi può suscitare anche in tal senso domande.Come mai solo Giovanni riporta un episodio così in tutto significativo? Sembra che Gesù voglia ben fare intendere il rovesciamento di prospettive, lo scandalo, che il suo amore può comportare. E l’evangelista in questione sembra desideroso di raccontare fedelmente il senso profondo di ciò. Tra l’altro la lavanda sembra ricordare anche il sacramento della riconciliazione. Il quale in tale contesto e proprio nell’operato di Gesù verso Giuda potrebbe manifestare il proprio significato di aiuto a ricevere Cristo col cuore spalancato mentre forse tende a smontare l’interpretazione che lo vede come una dogana nei confronti dell’eucaristia.
Rivolgiamo la nostra attenzione pure a Gesù che si definisce Pane della vita che non respingerà chi va a Lui. Riflettiamo sul passo di Luca dove si narra che ai discepoli di Emmaus in fuga gli occhi si aprono dopo aver preso il pane spezzato. Non hanno per esempio chiesto prima una assoluzione.
Pensiamo alla affermazione di Cristo di essere stato mandato alle pecore perdute della Casa d’Israele. Quando comunica ciò alla cananea mi chiedo se il motivo è che Lui era ebreo, inviato per Israele. Voleva magari far intendere alla donna che per i pagani sarebbe stata necessaria la traduzione viva nella loro cultura. La Madonna di Guadalupe, acheropita (non fatta da mano d’uomo), non è ebrea ma meticcia (mescolanza indigena e europea). Dunque forse oggi si può cogliere che Gesù parla con delicatezza alla donna. Il motivo è l’amore, la vicinanza: voleva farle arrivare un amore piu grande del suo essere
ebreo, che Dio è carne della carne di ciascuno proprio nel Cristo resuscitato. Non ci sono per Dio figli di serie b. Ma la grande fede-fiducia della donna la porta a credere questo va oltre le apparenze.
Vi è certo anche il bisogno di maturazione di Gesù. Forse alcune Parole, alcuni atteggiamenti, propri, pur senza incidere sulla pienezza virtuale della Rivelazione, li vedeva migliorabili e tanto più poi dal cielo? Non
pare facile discernere se certe espressioni fossero soggette a possibile perfezionamento o se invece avessero una loro funzione nel complesso del Suo manifestarsi. Talora potrebbero variamente coesistere aspetti
complementari. Gesù come detto cresceva nella vita vissuta, con gli altri. Quel che è certo è che, come Lui ci ha detto, lo Spirito ci condurrà, nella Chiesa, alla verità tutta intera sempre facendoci tornare alla Sua rivelazione virtualmente piena, a Cristo stesso e ai vangeli. E la verità tutta intera non è una fredda dottrina ma il mistero del suo Amore meraviglioso che gradualmente riempie il cuore e lo libera da ferite, paure, strutturazioni fasulle, moralismi, rigidità, sensi di colpa, inutili lassismi, svuotanti pragmatismi…

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

30/09/2020
2010/2020
S. Maria Bertilla Boscardin

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Libero Stato in libera Chiesa

Pare che il tema sia questo: i giorni che ci separano dal 30 e dalla manifestazione di uno smisurato orgoglio popolare, forte e tenero come mamma e papà per i loro bambini, saranno minati da una capillare campagna di delegittimazione (di chi di quel popolo si è ritrovato ad essere voce e parola) e da un parallelo tentativo di addomesticare il cuore indomito di quella piazza. Soltanto tra una settimana si potrà sapere chi avrà vinto, o se avranno perso tutti.

Leggi tutto

Chiesa

No alla comunione dei divorziorisposati

Parlando ai vescovi cileni in visita ad limina il pontefice ha risposto ad alcune loro domande su sinodo e aborto. Chiarando più punti.

Leggi tutto

Chiesa

Le più belle conversazioni del Papa con i gesuiti

Viene presentato questa sera a Villa Malta da Ferruccio De Bortoli e Piero Badaloni: Antonio Spadaro è il curatore e l’ideatore di due delle interviste che compongono l’ultimo “libro del Papa”. Caratteristica dominante della raccolta è che tutte le conversazioni si svolgono tra religiosi, in massima parte maschi, e che per la quasi totalità dei casi si tratta di gesuiti: si mette così in rilievo il carisma proprio della Compagnia di Gesù per la Chiesa di oggi

Leggi tutto

Media

IMMORTALE ODIUM, IL LATO OSCURO DEL RISORGIMENTO

Nuova edizione del romanzo storico di Rino Cammilleri dedicato all’impresa nefasta dei massoni ottocenteschi di buttare nel Tevere la salma di Pio IX. Il libro torna in questi giorni nelle librerie con una nuova edizione e con un sottotitolo che è tutto un programma: “Una catena di delitti una setta misteriosa un complotto infernale”

Leggi tutto

Politica

RAGIONARE SU UNA QUESTIONE DI METODO

Intervento del Direttore del nostro giornale in merito alla polemica sorta a seguito della pubblicazione di un articolo che ha scatenato polemiche a non finire..

Leggi tutto

Chiesa

Perdono, genocidio e misericordia

San Giovanni Paolo II, più volte, aveva parlato prima delle tensioni nel paese e, fin dall’Aprile del 1994, non mancò di appellarsi al ritorno della pace: «Le tragiche notizie che giungono dal Ruanda suscitano nell’animo di tutti noi una grande sofferenza. Un nuovo indicibile dramma: l’assassinio dei capi di Stato di Ruanda e Burundi e del seguito; il capo del Governo ruandese e la sua famiglia trucidati; sacerdoti, religiosi e religiose uccisi. Ovunque odio, vendette, sangue fraterno versato. In nome di Cristo, vi supplico, deponete le armi, non rendete vano il prezzo della Redenzione, aprite il cuore all’imperativo di pace del Risorto! Rivolgo il mio appello a tutti i responsabili, anche della comunità internazionale, perché non desistano dal cercare ogni via che possa porre argine a tanta distruzione e morte» (Regina Coeli 10 Aprile 1994). Qualche settimana dopo, la voce del Papa si fa ancora più sofferente e vibrante: «Vi invito accoratamente, ad una preghiera sofferta e fervorosa per il Ruanda. La tragedia di quelle popolazioni sembra non voler arrestarsi: barbarie, vendette, uccisioni, sangue innocente versato, ovunque orrore e morte. Invito quanti detengono responsabilità ad una azione generosa ed efficace perché si arresti questo genocidio. È l’ora della fraternità! È l’ora della riconciliazione!» (Udienza Generale 27 aprile 1994).

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2020 La Croce Quotidiano