Chiesa

di don Giampaolo Centofanti

Antidoti all’incombere di una cupa dittatura

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Stiamo entrando in un periodo per molti aspetti drammatico nel quale un sistema di pochi veri potenti e molti più o meno prestigiosi fantocci di apparato possono dominare il mondo prima di tutto tranne la manipolazione e lo svuotamento delle persone. Si è scatenata una strana pandemia, con paesi curiosamente quasi immuni, che gioca singolarmente a favore della finanza e dei dominatori di internet. Quelli insomma che paiono avere in mano le sorti di larga parte del mondo.

Bisogna cercare ogni valida strada per impedire che tanta gente venga ridotta a meri individui consumatori persi in una massa anonima. Si potrebbe da parte di potenti forzare la digitalizzazione distruggendo tante piccole imprese, schiacciando le libere professioni, annullando le famiglie, i luoghi di incontro come le parrocchie.

Il potere diventa sempre più protervamente decisore di cosa si può legalmente sostenere o meno, oltre all’ostacolare gravemente la sopravvivenza nei decisivi campi della formazione e dell’informazione a chi la pensa diversamente. Un apparato che ha portato a tale sfacelo rivendica senza possibili repliche competenze che il popolo (del quale tra l’altro sono parte persone preparatissime, molto più di tanti suddetti pupazzi) non avrebbe non potendo dunque permettersi di obiettare alla falsamente oggettiva scienza del primo.

Le famiglie potrebbero venire sempre più coinvolte in tale educazione divenendo anche elementi consistenti di una pure decisiva rete informativa dal basso. Anche con il contributo di tante realtà alternative, fonti di una cultura diversa, come per esempio il Popolo della Famiglia. È necessario riflettere, dialogare, muoversi, con decisione perché la dittatura incombe.

È di questi giorni la notizia che, per esempio, la Conferenza Episcopale Spagnola, ha sottolineato in sostanza che la solidarietà è valida se nasce da una vissuta ricerca identitaria e dallo scambio con le altre identità e non si configura dunque come un pensiero unico omologante e spegnente.

Se vogliamo cercare di fare rinascere una società che pare sempre più vicina al crollo dobbiamo dunque uscire dal razionalismo. La strutturazione intellettualista che ha ingannato non poche persone anche tra le gerarchie ecclesiastiche rende meno decisivo l’insegnamento alla luce della fede cristiana nella scuola. Nelle scuole cattoliche si può trasmettere in fondo la stessa svuotante cultura di quelle statali.

È la ricerca vissuta nella propria fede che fa maturare la persona e rinnova continuamente il suo sguardo su ogni cosa. Allora si fondano le basi anche per una più intensa vita sociale. Su questa scia la scuola per via telematica da casa, l’usufruire di aule parrocchiali, tante vie emergenziali possono in mezzo a tante difficoltà e gravi limitazioni manifestare anche qualche valenza positiva. Le famiglie, la parentela, i fedeli cristiani, possono cercare mille modi per aiutare i giovani a scoprire che si cresce bene, si discerne meglio, solo vivendo una ricerca personale che gradualmente illumini ogni aspetto della propria esistenza.

Può diventare decisivo aiutare le famiglie, le persone, a scoprire queste piste formative. Anche aiutandole a maturare i criteri di un adeguato accompagnamento dei giovani, dunque non moralista, schematico, ma sempre più capace di comprendere gli autentici passaggi della crescita di ciascuno specifico studente. O perlomeno più moderato nel comunicare con loro.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

13/10/2020
2010/2020
S. Maria Bertilla Boscardin

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Storie

Ripensando alla vicenda del senza tetto che non desiderava ospitalità

«Si vergognano di vergognarsi – diceva Agostino – e non si vergognano di non vergognarsi»: il cinismo del vicesindaco leghista di Trieste ha scatenato un’ondata d’indignazione sui social e nei
media tradizionali. Lo stesso politico è tornato a cercare di rabberciare lo strappo (allargandolo): la lezione intramontabile in materia la danno da sempre santi come fratel Ettore Boschini.

Leggi tutto

Società

Vladimir Luxuria a Viareggio per un pomeriggio di ordinaria ideologia

Il noto uomo di spettacolo è intervenuto, lo scorso 20 novembre, a commentare davanti a dei liceali la pellicola “Boys don’t cry”, appena proiettata.

Leggi tutto

Storie

Intervista alla mia maestra

Intervista alla mastra Angelamaria Vaccaro che ha esercitato la sua professione per 40 anni alle scuole elementari

Leggi tutto

Società

Pornodipendenza: uscirne si può. Ecco come

Pornotossina è un libro estremamente asettico e oggettivo, ma nasce da un coinvolgimento personalissimo. Nella prefazione si trova la confessione di Morra: «Il mio passato mi ha portato a combattere, da credente e non credente, contro la pornografia ai limiti della dipendenza

Leggi tutto

Società

Tornare ad essere educatori

Leggi tutto

Società

Il nodo gordiano: la scuola

Non c’è apprendimento senza orientamento e l’orientamento è educazione. Il fanciullo lasciato a se stesso intorno agli orientamenti di fondo, ai comportamenti e agli atteggiamenti, semplicemente si fa educare dal contesto che percepisce, ma ancor più dal fondamentale abbandono che sperimenta da parte di chi gli è vicino. Come sgusciare allora dal vuoto di valori ideologicamente perseguito, o riempito di indegni surrogati, e riappropriarsi del naturale buon senso che accompagna la vita reale non ridefinita dal totalitarismo gestionale del potere costituito?

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2020 La Croce Quotidiano