Chiesa

di don Giampaolo Centofanti

Antidoti all’incombere di una cupa dittatura

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Stiamo entrando in un periodo per molti aspetti drammatico nel quale un sistema di pochi veri potenti e molti più o meno prestigiosi fantocci di apparato possono dominare il mondo prima di tutto tranne la manipolazione e lo svuotamento delle persone. Si è scatenata una strana pandemia, con paesi curiosamente quasi immuni, che gioca singolarmente a favore della finanza e dei dominatori di internet. Quelli insomma che paiono avere in mano le sorti di larga parte del mondo.

Bisogna cercare ogni valida strada per impedire che tanta gente venga ridotta a meri individui consumatori persi in una massa anonima. Si potrebbe da parte di potenti forzare la digitalizzazione distruggendo tante piccole imprese, schiacciando le libere professioni, annullando le famiglie, i luoghi di incontro come le parrocchie.

Il potere diventa sempre più protervamente decisore di cosa si può legalmente sostenere o meno, oltre all’ostacolare gravemente la sopravvivenza nei decisivi campi della formazione e dell’informazione a chi la pensa diversamente. Un apparato che ha portato a tale sfacelo rivendica senza possibili repliche competenze che il popolo (del quale tra l’altro sono parte persone preparatissime, molto più di tanti suddetti pupazzi) non avrebbe non potendo dunque permettersi di obiettare alla falsamente oggettiva scienza del primo.

Le famiglie potrebbero venire sempre più coinvolte in tale educazione divenendo anche elementi consistenti di una pure decisiva rete informativa dal basso. Anche con il contributo di tante realtà alternative, fonti di una cultura diversa, come per esempio il Popolo della Famiglia. È necessario riflettere, dialogare, muoversi, con decisione perché la dittatura incombe.

È di questi giorni la notizia che, per esempio, la Conferenza Episcopale Spagnola, ha sottolineato in sostanza che la solidarietà è valida se nasce da una vissuta ricerca identitaria e dallo scambio con le altre identità e non si configura dunque come un pensiero unico omologante e spegnente.

Se vogliamo cercare di fare rinascere una società che pare sempre più vicina al crollo dobbiamo dunque uscire dal razionalismo. La strutturazione intellettualista che ha ingannato non poche persone anche tra le gerarchie ecclesiastiche rende meno decisivo l’insegnamento alla luce della fede cristiana nella scuola. Nelle scuole cattoliche si può trasmettere in fondo la stessa svuotante cultura di quelle statali.

È la ricerca vissuta nella propria fede che fa maturare la persona e rinnova continuamente il suo sguardo su ogni cosa. Allora si fondano le basi anche per una più intensa vita sociale. Su questa scia la scuola per via telematica da casa, l’usufruire di aule parrocchiali, tante vie emergenziali possono in mezzo a tante difficoltà e gravi limitazioni manifestare anche qualche valenza positiva. Le famiglie, la parentela, i fedeli cristiani, possono cercare mille modi per aiutare i giovani a scoprire che si cresce bene, si discerne meglio, solo vivendo una ricerca personale che gradualmente illumini ogni aspetto della propria esistenza.

Può diventare decisivo aiutare le famiglie, le persone, a scoprire queste piste formative. Anche aiutandole a maturare i criteri di un adeguato accompagnamento dei giovani, dunque non moralista, schematico, ma sempre più capace di comprendere gli autentici passaggi della crescita di ciascuno specifico studente. O perlomeno più moderato nel comunicare con loro.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

13/10/2020
2201/2021
San Vincenzo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Media

Saltare giù dal treno incorsa con il libro di THÉRÈSE HARGOT

Potrei dire tante cose sul contenuto del libro, ogni capitolo meriterebbe una riflessione specifica, ma credo sia più importante ed urgente puntare l’attenzione sul modo: la Hargot è una sessuologa francese atea e per questo, per il suo ateismo, sorprende incredibilmente la facile sovrapposizione tra le sue conclusioni e la visione antropologica cristiana. In questo mondo fortemente ideologizzato, è una novità assoluta imbattersi in tanta limpidezza di pensiero, tanta disarmante onestà intellettuale, mentre si passano in rassegna le conseguenze funeste di decenni di educazione sessuale nelle scuole sul modello sessantottino.
Mi domando se sia possibile, oggi, anche in Italia, portare avanti una riflessione su questo tema - l’educazione sessuale ed affettiva dei giovani - che sia scevra da condizionamenti ideologici e proclami superficiali, dall’una e dall’altra parte della barricata culturale. I cattolici spesso si sottraggono al dibattito per mancanza di argomenti, intimamente convinti di non avere una proposta accettabile, ma solo un mucchietto di moralismi anacronistici. Dall’altra parte, invece, assistiamo a proclami liberisti branditi con più nettezza e meno motivazioni di un dogma di fede. La capacità di dialogo latita

Leggi tutto

Società

Certa CEI contro l’ora di religione

Uno degli aspetti più controversi della “Buona Scuola” è che l’immissione di questi mitologici professori non curriculari nell’organico degli istituti porterebbe per la natura stessa delle cose a emandare loro le materie alternative all’ora di Religione Cattolica. Morale della favola, chi si avvale dell’Irc resta di fatto penalizzato e depotenziato rispetto agli altri. I Vescovi vedono e tacciono

Leggi tutto

Storie

La storia di Joan bimbo da tutelare

Era stato brandito come la “mascotte” dell’Umbria Pride, il bambino a cui Chiara e Laura hanno deliberatamente negato la possibilità di avere una vita normale a contatto con l’uomo da cui discende, e in più gli hanno scientemente parcellizzato la figura materna, poiché una ha dato l’utero, l’altra l’ovulo con cui il bambino è stato fabbricato. Ora la trascrizione dell’atto di nascita.

Leggi tutto

Società

Anche Michela è stata uccisa dal porno

Come Tiziana Cantone, peggio di Tiziana Cantone: per la giovane barista di Porto Torres alla vergogna si è aggiunto anche l’esplicito ricatto, e se i suoi aguzzini devono ora vedersela con un’accusa
di tentata estorsione, a lei resta perfino meno. Emerge ancora una volta l’incapacità della società di raffrontarsi a una questione dalle profonde implicazioni etiche e morali: inermi di fronte al vuoto.

Leggi tutto

Società

Conosciamo i nostri figli?

Le statistiche sulle dipendenze (nuove e vecchie) dei giovani e giovanissimi mostrano una morsa di fragilità che si fa sempre più impenetrabile, oltre la cortina di sostanze psicotrope e di una pornografia dilagante. L’anno del Sinodo sui Giovani può essere per la Chiesa e per la società il momento in cui si chiuda una buona volta la stagione della complicità (dis)educativa e si volti pagina

Leggi tutto

Storie

Ripensando alla vicenda del senza tetto che non desiderava ospitalità

«Si vergognano di vergognarsi – diceva Agostino – e non si vergognano di non vergognarsi»: il cinismo del vicesindaco leghista di Trieste ha scatenato un’ondata d’indignazione sui social e nei
media tradizionali. Lo stesso politico è tornato a cercare di rabberciare lo strappo (allargandolo): la lezione intramontabile in materia la danno da sempre santi come fratel Ettore Boschini.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano