Politica

di Mario Adinolfi

Vittorie e proposte

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il rinvio della discussione del ddl Zan è una prima importante vittoria. Questo Paese ha altre emergenze. La prima è il sostegno alla famiglia, che sta tenendo in piedi il tessuto sociale dell’Italia che altrimenti sarebbe andato in mille pezzi. I bisogni di giovani, anziani, disoccupati, innocupati, commercianti, artigiani, disabili, professionisti in crisi trovano come unica vera risposta la rete della solidarietà familiare. La manovra economica fa slittare al 1 luglio 2021 l’assegno per il figlio, senza indicare importi e annunciandolo come collegato all’Isee. Temiamo fortemente che in una famiglia modesta con mamma e papà impiegati questo comporterà un peggioramento delle condizioni, vista la cancellazione di ogni bonus e detrazione. Servire altro. Con i tre miliardi stanziati dalla manovra 2021 per l’assegno per il figlio si può subito varare la storica proposta del Popolo della Famiglia: il reddito di maternità, mille euro al mese per le mamme che si dedicheranno in via esclusiva alla cura dei figli, riconoscendone dunque pienamente il ruolo effettivamente lavorativo ad alta valenza sociale. Con mille euro al mese per i primi otto anni di vita del figlio, rinnovabili per altri otto anni alla nascita di ogni figlio, vitalizi dopo la nascita del quarto figlio o di un figlio disabile l’Italia otterrebbe: un’immediata crescita del tasso di natalità, la nascita di nuove famiglie, l’abbattimento drastico del numero degli aborti. La manovra stanzia per l’assegno unico 9 miliardi tra il 2021 e il 2022, il reddito di maternità costerebbe inizialmente molto meno. Anche gli 8 miliardi stanziati per il 2021 per la riduzione dell’Irpef sapremmo come impiegarli: riforma fiscale del quoziente familiare a partire dalle famiglie monoreddito e da quelle con tre o più figli. 30.000 euro guadagnati da un padre di famiglia con figli a carico non possono essere tassati come i 30.000 euro guadagnati da un single, contano le bocche che vengono sfamate da quei 30. 000 euro. Chiaro e giusto, no? Con il quoziente familiare si otterrebbe l’effetto dell’assegno per figlio, ma con maggiore equità. In conclusione, bene il rinvio del ddl Zan, è una grande vittoria delle forze politiche come il Popolo della Famiglia che si sono opposte in ogni luogo culturale, mediatico, sociale alla legge fascistissima voluta da un Pd che ormai si comporta come il Pnf del 1925 Ma il rinvio di una settimana non basta. Va modificato il calendario parlamentare orientandolo ad un dibattito sui bisogni della famiglia, che ha attraversato questa tempesta senza un briciolo di aiuto e ora non ce la fa più. L’elemosina indefinita dell’assegno per il figlio se la possono tenere. Poiché il Popolo della Famiglia non è protesta mai senza accompagnare la protesta con una proposta concreta, noi chiediamo l’impiego dei fondi stanziati per l’assegno per il figlio (9 miliardi tra 2021 e 2022) e per la riforma fiscale dell’Irpef (8 miliardi per il solo 2021) per implementare immediatamente il reddito di maternità e il quoziente familiare per famiglie monoreddito e famiglie con tre figli o più con l’obiettivo di battere denatalità, aborto, ingiustizia fiscale a danno della famiglia. Si può fare domani, i soldi ci sono e sono già stanziati, occorre solo la volontà politica che il Popolo della Famiglia si prenderà la briga di incanalare attraverso una mobilitazione nazionale sui territori che sfocerà in una manifestazione di piazza a novembre in cui invitiamo fin d’ora tutti i soggetti politici, sindacali, sociali, associativi interessati a veder rimessa la famiglia al centro dell ‘attenzione reale e concreta di chi pro tempore governa. La nostra tenacia pidieffina produce consapevolezza sempre più generalizzata, chi se la sente scenda in battaglia con noi.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

20/10/2020
0312/2021
San Francesco Saverio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Appello a una bella famiglia

Niente foglie di fico per il Sanremo di Conchita Wurst

Leggi tutto

Società

Ma solo la Chiesa e il Papa pensano ai poveri?

Il guru di Slow Food Carlo Petrini se la prende con McDonald’s all’Expo perché fa pagare “solo” un euro il “panino con la carne”. La sinistra dalla terrazza del ristorante gourmet non vede più i poveri

Leggi tutto

Storie

Charles: cent’anni di vita nascosta a Nazaret

Esattamente un secolo fa moriva fratel Carlo di Gesù (al secolo Charles de Foucauld). Figura romanzesca di splendido don Chisciotte cristiano, abbandonò la vita agiata del viscontino d’Alzazia per rifugiarsi nel Sahara e in Palestina e ancora nello Hoggar. “La vita nascosta di Gesù” fu il suo ideale, l’ultimo dèmone fu la frustrazione, morì per mano di uno da lui nutrito

Leggi tutto

Società

La famiglia nel nord Europa

Stando alle statistiche citate, sembra dunque che ciò da cui devono essere in primo luogo protetti i bambini siano i loro genitori. Per meglio distruggere la famiglia bisogna far passare il messaggio che sempre più spesso i genitori sono inadeguati, che i bambini devono innanzi tutto vivere in uno “spazio nel quale sviluppano la loro personalità e vi trovano protezione” e che questo “spazio” corrisponde sempre meno alla famiglia naturale. A tal fine è stato sufficiente introdurre il discorso sull’omosessualità e sul “diritto” degli omosessuali ad avere dei figli. Poiché gli omosessuali non sono in grado di procreare (ci stanno lavorando, ma per ora, né due uomini né due donne sono in grado di dare inizio ad una nuova vita), proteggere questo loro presunto diritto significa necessariamente passare per la negazione dell’importanza di tutto quanto fino ad oggi era parso indiscutibile: l’amore di papà e mamma, ma anche il valore della gestazione, dell’allattamento e di ciò che rappresentano i genitori (di diverso sesso), ugualmente importanti, ma fondamentalmente diversi, proprio perché diverse sono le necessità del bambino. Usando gli omosessuali – il verbo “usare” non è stato scelto a caso - in questa maniera è molto più facile mettere a tacere qualsiasi discorso discostante, perché si accuserà di omofobia chiunque la pensi diversamente. Addirittura molti omosessuali, favorevoli alla famiglia naturale, vengono pesantemente tacciati di omofobia e messi a tacere.

Leggi tutto

Storie

De Mari e l’inchiesta non inchiesta

I roghi di libri li abbiamo già visti, non c’è bisogno di aggiungere altro, ma sappiamo anche che i libri se la cavano sempre, che riescono a superare i tempi bui e a rispuntare come fiori i cui semi hanno tenuto duro, sotto la neve, per tutto l’inverno.

Leggi tutto

Storie

I figli sono figli

Lui si arrabbia quando sente castronerie e luoghi comuni sulle adozioni. Ne ha passate troppe per starsene quieto, e poi e toscano. Lei è toscana quanto lui, e tra figli naturali e adottivi ne ha passate almeno altrettante, ma spesso
lo calma e lo riporta a miti consigli. Insieme offrono una bella testimonianza – informata, formativa e performante – sulla sfida di avere bimbi oggi

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano