Politica

di Mario Adinolfi

Verso la stage dei penultimi

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

E insomma rieccoci a Pulcinella: l’ineffabile premier Conte indossi quella mascherina lì quando oggi annuncerà il nuovo Dpcm, dopo aver passato la settimana a oscillare tra “mai un nuovo lockdown” e “serve un nuovo lockdown ma le regioni non me lo fanno fare fare “.

Teatri chiusi, cinema chiusi, ristoranti chiusi ma dopo le 18 (perché, c’è qualcuno che va al ristorante alle 17?), Idem i bar, chiuse le palestre, chiuse le piscine, chiuse le scuole superiori (ma al 75% così non puoi fare il titolo “la scuola chiude”). Insomma, tutto il danno possibile che puoi fare all’economia viene fatto, senza i vantaggi di un vero blocco che almeno stroncherebbe il virus circolare nel vero luogo in cui circola, cioè i trasporti pubblici.

Intanto i pronto soccorso sono assaltati da malati Covid e non smetteremo mai di ringraziare per questo i tanti che hanno passato l’estate a rilanciare le stronzate alla Zangrillo (vi ricordate? Il virus non esiste? Bill Gates? No alla mascherina? A quante puttanate avete voluto credere?) anziché prepararsi all’ovvia seconda ondata della pandemia. Che come tutte le seconde ondate di tutte le pandemie fa più danni della prima. Ma Zangrillo aveva fatto il giro delle televisioni per proclamare: “Il virus clinicamente non esiste più”. Quella dichiarazione ha dato la stura a tutte le follie negazioniste estive, la gente ha pensato che effettivamente il virus non c’era più (“lo dice il luminare, lo dice il medico di Berlusconi”) e ha adottato un comportamento che con un eufemismo definiremo imprudenti bastonando chiunque provasse a dire: per evitare nuovi danni bisogna comportarsi con estrema prudenza. A chi diceva questo e magari chiedeva di usare le mascherine si urlava contro sui social con accuse che oscillavano tra servo di Bill Gates e figlio di Satana. Purtroppo Zangrillo aveva torto. Ma nell’Italia di Pulcinella vale tutto e si continuano a fare le cose mezze e mezze pure a fronte di ventimila contagiati al giorno. Zangrillo viene ancora invitato tutti i giorni a parlare in tv.

Su PdF Radio avevo spiegato un inizio mese come la progressione matematica avrebbe portato inevitabilmente un trentamila contagiati al giorno entro il 31 ottobre. Il che significa un milione di nuovi contagiati a novembre. Gli scemi che pubblicano le tabelle delle differenze tra il numero dei morti di marzo e il numero dei morti di ottobre ancora non hanno capito che il problema del Covid non è la letalità in sé ma l’estrema velocità del contagio (e ti credo che il ministro Speranza ha bloccato il suo libro “Perché guariremo”, pronto con tempismo perfetto quasi come lo spot con Michele Mirabella sul “non è affatto facile il contagio”). Quindi con un milione di contagiati e un tasso di ricovero in terapia intensiva dello 0,5% vuol dire che a novembre avrai cinquemila letti di terapia intensiva occupati.

Sarà la strage dei penultimi di cui ogni tamburellatore delle balle estive su virus sparito e complotti di varia natura è in qualche modo complice anche perché è lui a impedire di fare quel che di severo i numeri imporranno comunque di fare tra qualche settimana, come al solito chiudendo la stalla dopo che i buoi saranno tutti scappati. Spero che non mi chiudano le chiese, solo la preghiera ci resta, per salvare l’Italia di Pulcinella da se stessa e dal proprio istinto cialtrone.

Vedo già fascisti e camorristi organizzare le rivolte di cartone (i coprifuoco a Napoli bloccano un’economia sommersa che tiene in buona parte della città e ci si rivolta a Napoli, non ad Alessandria, non per caso), quando servirebbe una rivoluzione della intelligenza per la quale però sto progressivamente perdendo le speranze. Facciamoci due settimane di finto lockdown aspettando quello vero, che dovevamo imporre due settimane fa. Chi ha coraggio prima (vedi Nuova Zelanda, Israele, Corea del Sud, Taiwan) paga meno danni dopo. Chi passa l’estate a cantare con Zangrillo indossi la maschera di Pulcinella perché è la sua bandiera nazionale.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

27/10/2020
2411/2020
San Colombano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Appello a una bella famiglia

Niente foglie di fico per il Sanremo di Conchita Wurst

Leggi tutto

Società

Ma solo la Chiesa e il Papa pensano ai poveri?

Il guru di Slow Food Carlo Petrini se la prende con McDonald’s all’Expo perché fa pagare “solo” un euro il “panino con la carne”. La sinistra dalla terrazza del ristorante gourmet non vede più i poveri

Leggi tutto

Storie

Le donne africane non hanno bisogno di aborto

Una giovane nigeriana crea un’organizzazione prolife per opporsi alla “Bill & Melinda Gates Foundation” nei suoi intenti “filantropici” (ossia di controllo delle nascite – dei poveri del mondo). Lo scopo di Culture of Life Africa è dissuadere i “filantropi” dai loro propositi. La lettera di Obianuju a Melinda Gates è un testo di magistero della vita e di resistenza al pensiero unico.

Leggi tutto

Media

La censura degli indegni

Censurandoci da persone indegne quali siete, cari noti lobbisti, ci avete fatto prendere gusto allo stare per strada, sul territorio, a incontrare le persone. I giornali e le tv locali raccontano le nostri iniziative, persino Repubblica ha raccontato che è stato il Pdf con Mirko De Carli a prendere le difese del sacerdote bolognese che ha giustamente interrogato l’Italia sulle responsabilità di chi ha ucciso con l’aborto e sul paragone da fare con chi ha ucciso per logica mafiosa. Domani alle 9.45 la nostra campagna di comunicazione per far conoscere il Pdf continua da Canale 5, dove sarò ospite per parlare di temi analoghi. Non ci fermerete, non potete accanirvi su di noi persino nel momento del dolore e pensate che questo popolo non reagisca con tutta la determinazione di cui è capace e cioè mettendo ancora più impegno per vivere i valori in cui sono cresciuti Gianfranco e Massimiliano Amato grazie all’insegnamento del loro papà.

Leggi tutto

Politica

I politici che incedono come l’infida seppia

Uno dei problemi dei cattolici è che per (de)formazione scambiano l’acquiescenza per mitezza evangelica.

Leggi tutto

Politica

PERCHE’ IL PDF RIPARTE DA CAMALDOLI

Tre quarti di secolo fa, in un tempo davvero davvero difficile e se leggete le date seriamente coraggioso, cioè dal 18 al 24 luglio 1943, un gruppo di intellettuali (laici e religiosi) cattolici si riunì, presso il monastero benedettino di Camaldoli, sotto la guida di mons. Adriano Bernareggi, assistente ecclesiastico dei laureati dell’Azione Cattolica, con l’intento di confrontarsi e riflettere sulla dottrina sociale della Chiesa e sui problemi della società, sui rapporti tra individuo e stato, tra bene comune e libertà individuale.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2020 La Croce Quotidiano