Politica

di Mario Adinolfi

Verso la stage dei penultimi

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

E insomma rieccoci a Pulcinella: l’ineffabile premier Conte indossi quella mascherina lì quando oggi annuncerà il nuovo Dpcm, dopo aver passato la settimana a oscillare tra “mai un nuovo lockdown” e “serve un nuovo lockdown ma le regioni non me lo fanno fare fare “.

Teatri chiusi, cinema chiusi, ristoranti chiusi ma dopo le 18 (perché, c’è qualcuno che va al ristorante alle 17?), Idem i bar, chiuse le palestre, chiuse le piscine, chiuse le scuole superiori (ma al 75% così non puoi fare il titolo “la scuola chiude”). Insomma, tutto il danno possibile che puoi fare all’economia viene fatto, senza i vantaggi di un vero blocco che almeno stroncherebbe il virus circolare nel vero luogo in cui circola, cioè i trasporti pubblici.

Intanto i pronto soccorso sono assaltati da malati Covid e non smetteremo mai di ringraziare per questo i tanti che hanno passato l’estate a rilanciare le stronzate alla Zangrillo (vi ricordate? Il virus non esiste? Bill Gates? No alla mascherina? A quante puttanate avete voluto credere?) anziché prepararsi all’ovvia seconda ondata della pandemia. Che come tutte le seconde ondate di tutte le pandemie fa più danni della prima. Ma Zangrillo aveva fatto il giro delle televisioni per proclamare: “Il virus clinicamente non esiste più”. Quella dichiarazione ha dato la stura a tutte le follie negazioniste estive, la gente ha pensato che effettivamente il virus non c’era più (“lo dice il luminare, lo dice il medico di Berlusconi”) e ha adottato un comportamento che con un eufemismo definiremo imprudenti bastonando chiunque provasse a dire: per evitare nuovi danni bisogna comportarsi con estrema prudenza. A chi diceva questo e magari chiedeva di usare le mascherine si urlava contro sui social con accuse che oscillavano tra servo di Bill Gates e figlio di Satana. Purtroppo Zangrillo aveva torto. Ma nell’Italia di Pulcinella vale tutto e si continuano a fare le cose mezze e mezze pure a fronte di ventimila contagiati al giorno. Zangrillo viene ancora invitato tutti i giorni a parlare in tv.

Su PdF Radio avevo spiegato un inizio mese come la progressione matematica avrebbe portato inevitabilmente un trentamila contagiati al giorno entro il 31 ottobre. Il che significa un milione di nuovi contagiati a novembre. Gli scemi che pubblicano le tabelle delle differenze tra il numero dei morti di marzo e il numero dei morti di ottobre ancora non hanno capito che il problema del Covid non è la letalità in sé ma l’estrema velocità del contagio (e ti credo che il ministro Speranza ha bloccato il suo libro “Perché guariremo”, pronto con tempismo perfetto quasi come lo spot con Michele Mirabella sul “non è affatto facile il contagio”). Quindi con un milione di contagiati e un tasso di ricovero in terapia intensiva dello 0,5% vuol dire che a novembre avrai cinquemila letti di terapia intensiva occupati.

Sarà la strage dei penultimi di cui ogni tamburellatore delle balle estive su virus sparito e complotti di varia natura è in qualche modo complice anche perché è lui a impedire di fare quel che di severo i numeri imporranno comunque di fare tra qualche settimana, come al solito chiudendo la stalla dopo che i buoi saranno tutti scappati. Spero che non mi chiudano le chiese, solo la preghiera ci resta, per salvare l’Italia di Pulcinella da se stessa e dal proprio istinto cialtrone.

Vedo già fascisti e camorristi organizzare le rivolte di cartone (i coprifuoco a Napoli bloccano un’economia sommersa che tiene in buona parte della città e ci si rivolta a Napoli, non ad Alessandria, non per caso), quando servirebbe una rivoluzione della intelligenza per la quale però sto progressivamente perdendo le speranze. Facciamoci due settimane di finto lockdown aspettando quello vero, che dovevamo imporre due settimane fa. Chi ha coraggio prima (vedi Nuova Zelanda, Israele, Corea del Sud, Taiwan) paga meno danni dopo. Chi passa l’estate a cantare con Zangrillo indossi la maschera di Pulcinella perché è la sua bandiera nazionale.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

27/10/2020
0312/2021
San Francesco Saverio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

I figli non si pagano, gli uteri non si affittano

Raccogliamo firme “fisiche” per una moratoria Onu sull’utero in affitto che blocchi a livello mondiale questa pratica barbara

Leggi tutto

Chiesa

Perdono, genocidio e misericordia

San Giovanni Paolo II, più volte, aveva parlato prima delle tensioni nel paese e, fin dall’Aprile del 1994, non mancò di appellarsi al ritorno della pace: «Le tragiche notizie che giungono dal Ruanda suscitano nell’animo di tutti noi una grande sofferenza. Un nuovo indicibile dramma: l’assassinio dei capi di Stato di Ruanda e Burundi e del seguito; il capo del Governo ruandese e la sua famiglia trucidati; sacerdoti, religiosi e religiose uccisi. Ovunque odio, vendette, sangue fraterno versato. In nome di Cristo, vi supplico, deponete le armi, non rendete vano il prezzo della Redenzione, aprite il cuore all’imperativo di pace del Risorto! Rivolgo il mio appello a tutti i responsabili, anche della comunità internazionale, perché non desistano dal cercare ogni via che possa porre argine a tanta distruzione e morte» (Regina Coeli 10 Aprile 1994). Qualche settimana dopo, la voce del Papa si fa ancora più sofferente e vibrante: «Vi invito accoratamente, ad una preghiera sofferta e fervorosa per il Ruanda. La tragedia di quelle popolazioni sembra non voler arrestarsi: barbarie, vendette, uccisioni, sangue innocente versato, ovunque orrore e morte. Invito quanti detengono responsabilità ad una azione generosa ed efficace perché si arresti questo genocidio. È l’ora della fraternità! È l’ora della riconciliazione!» (Udienza Generale 27 aprile 1994).

Leggi tutto

Politica

Perché la politica italiana sembra dover insultare i suoi giovani

Il ministro del Lavoro ci ricasca: un’altra frase infelice lascia trapelare disprezzo per i disoccupati

Leggi tutto

Politica

Lo scontro pre-elettorale nell’era del web 2.0

Come era ampiamente preventivato, l’enorme sforzo organizzativo messo in opera dal Popolo della Famiglia lede gli interessi di quanti contavano di millantare (inesistenti) diritti sulla “quota cattolica” dell’elettorato italiano. I sistemi sono sempre i soliti, collaudati a più non posso nei regimi totalitari del XX secolo. Mano a mano che gli anni passano, però, osserviamo l’incidenza delle nuove tecniche di comunicazione – le politiche 2018 non fanno eccezione..

Leggi tutto

Politica

Perchè il PDF serve ancora di più

Il centrodestra ha convenuto che sarà il M5S a esprimere il presidente della Camera (Roberto Fico), mentre toccherà a Forza Italia la seconda carica dello Stato (candidata probabile Anna maria Bernini). Giorgia Meloni è ridotta al ruolo di comparsa dopo aver accarezzato il sogno di diventare presidente della Camera nel solco di Fini. Si apre una stagione in cui per i cattolici ci sarà spazio solo nel segno di un’autonomia politica valoriale.

Leggi tutto

Società

Eutanasia made in UK: i morti di Jane Barton

Vengono alla luce molti processi (alcuni alle azioni della dottoressa e altre agli insabbiamenti dei suddetti) per “morti sospette”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano