Società

di Stefano Di Tomassi

«Nessuno oscuri Gesù e la Madonna»: gli abitanti di Fiumicino contro sindaco e Cirinnà

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Gesù non si tocca. Questo è il messaggio che viene lanciato con forza non da alcuni cattolici particolarmente integralisti, ma dai cristiani in genere, anche protestanti, anche ortodossi e non soltanto; segue l’alzata di scudi anche dei mussulmani – “Si parte dal principio – ci esprime Yousef Al Moghazi referente autorevole dell’islam sul litorale romano – che abbiamo una Sutra intera nel Corano su Gesù Cristo e la sua famiglia. E inoltre – conclude – siamo consapevoli di essere in Paese, l’Italia, con radici cristiane e quindi non comprendiamo l’importanza.” Insomma l’infelice uscita dell’amministratore di Fiumicino e il suo progetto scolastico ‘Natale da Star’ , per tutti i credenti, andrebbe a censurare quell’immagine di Amore tra una mamma un papà intorno al loro bambino che davvero è sacro per tutti e su cui si fonda società e realtà, nelle radici esistenziali internazionali, nell’identità nazionale e locale.

Sua Eccellenza GIno Vescovo Reali della Curia di Fiumicino Porto Rufina, ascoltato ai nostri microfoni, esprime la ‘sorpresa’ e non nasconde una certa emozione per il calore che la cittadinanza sta esprimendo di fronte a questo Natale che si vuole sottolineare non ‘anonimo’ ma di Gesù. Gli fa eco l’apostolo Pastore Mario Basile, grande e centrale figura cristiana di riferimento della chiesa evangelica (e non solo) in Isola Sacra (e per altro unito al sindaco Montino da un rapporto sincero di stima e amicizia) che scrive lapalissiano: “I figli sono la continuazione della Grazia”. “Questo sindaco è persona capace – ci racconta Padre Cristian degli Ortodossi in Fiumicino – e credo che questa scelta è pericolosa perché noi siamo cristiani. Quasi non posso credere abbia scelto di non promuovere canti tradizionali. Lo avranno consigliato male.”

Se i commenti dei religiosi portano come sempre ad un dialogo pacifico e responsabile non si può dire la stessa cosa da alcuni cittadini scottati dalla questione - “Non si comprende questo Natale da ‘Star’ di quale stella stia parlando; ci viene il dubbio sia quella ‘pentacolata’ a sentir parlare del messaggio che vorrebbe veicolare” - sbrotta qualche sfottò questo davvero dagli ambienti più integrali. E ancora: “un invito all’ateismo mascherato nel laicismo balbettando di laicità” - commenta l’intellettuale.

Diciamocelo chiaramente e senza indugi: sono diventati davvero tanti coloro che pensano che infondo togliere i riferimenti religiosi sia bieco ateismo mascherato da pensiero laicista. Laicità, semmai, sarebbe promuovere, incentivare, dare impulso all’espressione di tutti i credi religiosi e alle spiritualità cercando incontro, ascolto, dialogo. Esprimere, non censurare.

E che dietro a questo adombrare Gesù e la sua Famiglia, ora vera più del vero in quel ‘primordiale lockdown’, insomma che nel “chiudere grotta e mangiatoia” ci sia lo zampino di una mentalità che vuole aprire ad un concetto di familiarità “fluida” innaturale (cit.: ‘non secundum naturam’), tanti altri iniziano davvero a pensarlo.

Che Fiumicino rischi di diventare la trincea di prima linea dello scontro epocale è una seria possibilità.

Roma, Ostia stessa (sbandierando il vessillo della ‘Città di Dio’ Agostiniana , suo Santo Patrono) sembra ammassare al fronte le sue forze e anche il Presepe sul Waterfront voluto da un’Amministrazione lidense tutt’altro che conservatrice, non sembra, in questo senso, un segnale isolato.

Appare sempre più importante sottolineare come le religioni, il credo, la fede sia un elemento arricchente la società civile e che debbano essere messi in campo strumenti di incontro, ascolto e dialogo quali ad esempio un “ufficio pubblico del dialogo tra religioni” come già sperimentato in Ostia Lido con delibera 10975 del 2015 che lo ha creato anche se non è mai stato convocato. Si attenderà una sensibilità politica più operativa ma intanto si invitano i Comuni, ad attivarsi in questo senso in modo da garantire ai cittadini quella dimensione così ‘alta’ da influire positivamente sulle cose concrete di tutti i giorni.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

23/12/2020
2201/2021
San Vincenzo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

    Nessun tag disponibile.

Articoli correlati

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano