Storie

di don Giampaolo Centofanti

Il senso autentico della “conversione” nel Nuovo Testamento

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Dopo che Giovanni fu arrestato, Gesù si recò nella Galilea predicando il vangelo di Dio e diceva: “Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; convertitevi e credete al vangelo” (Mc 1, 14-15). La parola del testo originale, μετανοειτε, non indica, per certi versi moralisticamente, una conversione ma un percepire oltre. Il regno dei cieli è vicino, lasciatevi portare oltre gli schemi, le paure, le ferite, attraverso le quali leggete la realtà.

Persino la Parola di Dio la possiamo rinchiudere nella nostra comprensione. Invece essa va accolta come un seme che ci porterà oltre. Basarci su quello che vediamo, ascoltiamo, comprendiamo, è una tendenza così naturale che solo la grazia, accolta, ci può condurre oltre. Mostrandoci che ciò che abbiamo visto, udito, compreso, erano i nostri schemi, i nostri timori, le nostra ferite, che ce lo avevano fatto interpretare in quel modo ma vi si poteva vedere, udire, comprendere e così vivere, altro.

Un rinnovamento continuo di tutta la nostra umanità, del nostro cuore profondo, delle nostre più radicate impostazioni culturali. Quando Gesù comincia a manifestarsi più pienamente nella nostra esistenza si aprono orizzonti infiniti di vita nuova. Per noi e per gli altri: il regno di Dio. Dunque Cristo viene al tempo opportuno ad aprire con discrezione e delicatezza, a misura, il nostro cuore alla fiducia, alla speranza, nel suo amore onnipotente. Fiducia, speranza, in un oltre. Non restare chiusi nella situazione come la vediamo noi, talora senza sbocchi. Prega, abbi fiducia, spera, in un oltre che con uno sguardo ripiegato non ti aspettavi.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

03/02/2021
1705/2021
San Pasquale Baylon

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Storie

Storie di conversioni

«L’opposto del peccato di superbia è l’obbedienza» dice a ragione Ziberna « il diavolo lavorava proprio contro l’obbedienza totale, indefessa di Santa Veronica, che ne rivela la grande e preziosa umiltà. Gesù è stato per primo lui stesso obbediente e umile nell’accettare il volere di Dio».

Leggi tutto

Chiesa

La Quaresima e le Chiese Stazionali

Nel nostro secolo intendiamo con stazione un luogo di sosta lungo un percorso. Nel mondo romano la terminologia relativa alla viabilità era specializzata con termini specifici come mansio, mutatio e, appunto, statio che è perdurato fino a noi. Per statio si intendeva per lo più un posto di guardia militare, dislocato lungo le vie e i confini dell’Impero, ma nelle fonti il suo uso si riscontra flessibile e riguarda anche funzioni amministrative o di semplice sosta e ristoro.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano