Chiesa

di Raffaele Dicembrino

Febbraio 1945: Bosnia Erzegovina: i 30 martiri di Široki Brijeg

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

Široki Brijeg -Medjugorje, piccolo villaggio della Bosnia-Erzegovina, è conosciuto da tanti fedeli cattolici, per le apparizioni mariane che si susseguono dal 1981. Meno conosciuto ma di grande rilievo è una località nelle vicinanze dove si trova il santuario di Siroki Brijeg, dedicato alla Madonna Assunta in Cielo, santuario che costituisce l’autentico vessillo religioso dell’Erzegovina, riconosciuto anche al di fuori dei confini della piccola regione.Quel monastero, vero e proprio scrigno della storia e delle memorie del popolo croato di Erzegovina, fu teatro, il 7 febbraio 1945, di una delle più efferate stragi commesse dai partigiani comunisti locali, eccidio rimasto indelebile nella memoria della gente del luogo nonostante tutti i tentativi, anche violenti, delle autorità comuniste di mettere a tacere quanto avvenuto nel nome dell’odio e delle persecuzioni.

Durante la dominazione turca della Bosnia-Erzegovina, dodici francescani originari dell’Erzegovina e provenienti da Kresevo in Bosnia, decisero di costruire un monastero nella loro terra d’origine, come segno della fede, e scelsero la località di Široki Brijeg. Si sistemarono in questo piccolo villaggio e, dopo aver comprato un caro prezzo un grande appezzamento di terreno, iniziarono a costruire la chiesa dedicandola alla Madonna Assunta in Cielo. Subito iniziarono anche i lavori per edificare il monastero e successivamente un edificio da adibire a seminario.

Nelle vicinanze edificarono un centro scolastico che comprendeva anche una scuola ginnasiale ove i frati insegnavano alle giovani generazioni della Bosnia-Erzegovina. Venne pure costruita una casa per tutti quelli che erano da lontano per frequentare la scuola. Così il luogo divenne un centro culturale cristiano ed il santuario si trasformò in un simbolo per l’Erzegovina.

Purtroppo però il bene è spesso contrastato dal maschio e l’uomo e le sue folli ideologie possono essere causa di malvagità oltre i limiti dell’immaginazione e così esattamente cento anni dopo il monastero veniva distrutto e devastato.

Quel drammatico 7 febbraio 1945, i partigiani comunisti decisero di distruggere dalle fondamenta il simbolo cristiano e sradicare dal cuore del popolo la fede cattolica e la benevolenza e la riconoscenza verso i frati francescani.

La storia di quella giornata è drammatica: sono giunti inattesi alle tre del pomeriggio e hanno trovato nel monastero trenta religiosi; molti di loro erano professori nel ginnasio alle spalle del monastero urlando hanno esclamato la loro faziosità: “Dio è morto, Dio non c’è, non c’è il Papa, non c’è la Chiesa, non c’è bisogno di voi , andate anche voi nel mondo a lavorare “.

Con minacce e bestemmie hanno cercato di persuadere i frati a lasciare l’abito religioso. Essi hanno risposto: “Noi siamo religiosi, consacrati, non possiamo lasciare il nostro abito”. Allora, un soldato arrabbiato ha preso la Croce e ha buttato il Crocifisso sul pavimento. “Ecco, ha detto, adesso potete scegliere la vita o la morte“. Ognuno di loro si è inginocchiato, ha abbracciato e baciato Gesù; stringendo la croce sul petto, ciascuno ha usato le parole di San Francesco: “Tu sei il mio Dio, il mio Tutto”. Hanno abbracciato Gesù, il Maestro!

Pieni di odio e di livore, i persecutori allora hanno preso i frati ad uno ad uno, li hanno portati fuori dal convento e li hanno uccisi; poi hanno cosparso di benzina i loro corpi e li hanno bruciati. I frati sono andati incontro alla morte pregando e cantando le litanie della Madonna.

Nella loro furia oltraggiarono e cancellarono la scritta sulla pietra posta sopra l’ingresso principale del convento su cui era scolpito il nome di Dio e la dedicazione alla Madonna Assunta.

Quella dedica oggi non è più leggibile, ma il sangue dei martiri l’ha scritta ancor più profondamente nei cuori del popolo e brilla luminosa agli occhi del Signore.

Tutto questo non è una leggenda, non si tratta di racconti di parte ma vengono direttamente dalle testimonianze dei militari che facevano parte del plotone d’esecuzione.

Uno di quei soldati rimasti fortemente colpito dal comportamento eroico dei frati ha raccontato: “Fin da bambino, nella mia famiglia, ho sempre sentito dalla mamma che Dio c’è, Dio esiste. Al contrario, Lenin, Stalin, Tito avevano sempre fatto e fatto di tutto per inculcare in ciascuno di noi: Dio non c’è, non esiste! Quando le circostanze della vita mi hanno portato a trovarmi di fronte ai martiri di Široki Brijeg e ho visto come quei frati hanno affrontato la morte, pregando e benedicendo i loro persecutori, chiedendo a Dio di perdonare le colpe dei carnefici, allora mi sono risuonate chiare la parole di mia madre e ho pensato: la mia mamma aveva ragione, Dio c’è, Dio esiste! “(…). Questo soldato, oggi, è convertito ed ha un figlio sacerdote e una figlia suora.

Il santuario è il più grande di tutta la Bosnia Erzegovina: è un simbolo, un segno. I comunisti quel giorno hanno erroneamente pensato che distruggendo il “segno” potrebbe essere messo bene anche alla Fede che sgorgava da quel luogo ma non è stato così! La fede è cresciuta e si è sviluppata sotto il manto e la protezione della Madonna.

Anche i nostri martiri francescani sono cresciuti e vissuti avvolti dal manto della Madonna. I corpi dei trenta testimoni della fede sono rimasti nascosti sotto terra per anni e anni; non si poteva nominarli né fare alcuna commemorazione.

I martiri di Siroki Brijeg

Fra Bruno Adamcik , laureato in filosofia e musica a Bratislava, aveva 37 anni quando è salito alla gloria dei Cieli;

Fra Marko Barbaric , 80 anni. Devoto alla Madonna, godeva fama di santità fra gli alunni ei seminaristi i quali testimoniavano che, passeggiando nel parco, parlava spesso con gli uccellini. Questi, appena lo vedevano, accorrevano a salutarlo e si posavano a frotte sulla mano che egli stendeva per loro. Aveva perso la memoria e non si rendeva conto che ci fosse la guerra. Quel 7 febbraio 1945 giaceva nella sua cameretta ammalato di tifo. Gli ufficiali comunisti ordinarono di portare fuori anche lui, e così fecero trasportandolo su una coperta. Quindi fu ucciso e buttato nel fuoco .

Fra Jozo Bencun , 76 anni. Era stato parroco a Humac ea Široki Brijeg.

Fra Marko Dragicevic , 43 anni. Laureato in storia, greco e latino, non poteva concepire che alcuno dei suoi allievi fosse respinto, quindi trovava modo di esaltarne i lati positivi.

Fra Miljenko Ivankovic, 21 anni. Era molto devoto e umile. Suo fratello e suo nipote oggi sono frati francescani.

Fra Andrija Jelcic , 41 anni. Era padre guardiano a Široki Brijeg. Ha costruito la chiesa di Capljina. Il popolo lo ricorda come un buon pastore e un vero padre.

Fra Rudo Juric , 20 anni. Era chierico con voti semplici.

Fra Fabijan Kordic , 55 anni. Era molto devoto e bravo, confezionava gli abiti per i frati e si è preparato così a ricevere l’abito che non si consuma: quello del martirio.

Fra Viktor Kosir , 21 anni. Quando tutti i più giovani seminaristi, pur non volendo lasciare il monastero, furono obbligati dal Rettore a tornare nei propri villaggi, ben sapendo che sarebbero arrivati ​​i comunisti per ucciderli, Fra Viktor fece più resistenze degli altri, ma per obbedienza tornò a casa . Si fermò però solo poche ore, nonostante le suppliche dei genitori che sentivano il rombo degli aerei che bombardavano. Morì con gli altri, come aveva desiderato. La mamma ebbe un altro bambino e lo chiamò come lui. Però spesso piangeva guardando la foto del figlio morto. Ma il piccolo la tranquillizzava dicendole che avrebbe preso lui il posto del fratello.Oggi infatti è un francescano che svolge il ministero sacerdotale nella chiesa di Medjugorje, specialmente nel confessionale.

Fra Tadija Kozul , 36 anni. Professore di filosofia, greco e latino, era educatore dei chierici che lo amavano molto e preferirono morire insieme a lui piuttosto che lasciarlo.

Fra Krsto Kraljevic , 50 anni. Aveva dato un grande esempio al popolo per come aveva portato la croce di una sua malattia, preparando così l’animo al martirio.

Fra Stanko Kraljevic ; 74 anni. Predicatore, professore, educatore dei chierici a Široki Brijeg.

Fra Zarko Leventic , 26 anni. Confessava i malati e portando l’Eucarestia si ammalò di tifo. Fu preso anche lui dal letto e ucciso. Era Cappellano a Široki Brijeg.

Fra Bonifacije Majic , 62 anni. Professore e catechista, si alzava di notte per rimboccare le coperte ai ragazzi. Era molto amato dalla gente come frate, professore e pedagogo.

Fra Stjepan Majic , 20 anni, aveva da poco terminato il noviziato e pronunciato i voti temporanei.

Fra Arkandeo Nuic , 49 anni. Laureato alla Sorbona (Università di Parigi) insegnava latino, greco, tedesco e francese. Era chiamata “pecorella di Dio” per la sua mitezza.

Fra Borislav Pandzic , 35 anni. Professore di religione, era un frate di vera e semplice vita francescana.

Fra Kresimir Pandzic , 53 anni. Era plurilaureato, era stato per tre anni Provinciale. Professore di lingua classica e direttore della scuola, molto attivo, esigeva il massimo dai suoi alunni. Ebbe grandi incarichi ma rimase semper umile.

Fra Fabijan Paponja , 48 anni. Era responsabile del convitto, molto sensibile verso i suoi studenti ai quali dava sempre dei piccoli regali.

Fra Nenad Venancije Pehar , 35 anni, professore di filosofia. Amato dagli alunni perché non faceva differenze fra di loro.

Fra Melhior Prlic , 53 anni. Era solo frate, non sacerdote, e svolgeva lavori di falegnameria, Era rispettoso della Regola, mai assente alla preghiera comunitaria, era molto amato dagli altri frati.

Fra Ludovik Rados , 20 anni. Aveva appena terminato il noviziato e pronunciato i voti temporanei.

Fra Leonard Rupcic , 38 anni. Professore di francese, dava un tal esempio di umiltà e bontà che gli alunni si vergognavano, più che con gli altri professori, quando non avevano studiato.

Fra Mariofil Sivric , 32 anni. Cappellano ed educatore, nonché vicario del convento. Era un classico esempio di frate umile fedele al voto francescano.

Fra Ivo Sliskovic , 68 anni. Dopo aver lavorato in varie parrocchie era giunto a Široki Brijeg per passare gli ultimi anni della sua vita.

Fra Kornelije Susac , 20 anni. Aveva dato solo i primi voti.

Fra Dobroslav Simovic , 38 anni. Era diventato dottore in teologia a Parigi, poi professore ed educatore dei seminaristi, ha scritto in francese una dissertazione sul Padre nostro.

Fra Radoslav Vuksic , 51 anni. Ha studiato a Vienna, fu professore di matematica e fisica, nonché direttore del ginnasio per sei anni. La ex Jugoslavia imponeva ai docenti di essere esaminati anche dai governanti di Belgrado. Quando Fra Radoslav fu davanti ai suoi esaminatori, questi rimasero stupefatti dalla sapienza e cultura del frate. Un suo alunno, oggi famoso filosofo in America, ha scritto di lui che è stato l’uomo e il professore più intelligente che abbia incontrato.

Fra Roland Zlopasa , 33 anni. Professore di filosofia, insegnava più con la vita che con le parole. Era conosciuto per le sue profonde meditazioni.

Fra Leopold Augustin Zubac , 55 anni. Ottimo sacerdote e professore, era assistente all’idrocentrale che produceva energia elettrica, costruita dai frati per il loro fabbisogno e per quello della zona.

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

10/02/2021
0103/2021
Sant'Albino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Perché non siamo soli ma siamo solo noi

Mirko De Carli risponde ad un lettore su presente e futuro del Popolo della Famiglia dopo il voto emerso dalle urne europee

Leggi tutto

Politica

Il vero problema non è il covid ma la denatalità

Per veder rifiorire il Paese dalle macerie della Seconda Guerra mondiale, caro presidente Draghi, le donne italiane fecero tra il 1946 e il 1949 sei milioni di bambini, crescendoli e prestando loro cura pressoché esclusiva, si generò ricchezza per dare loro un futuro degno. Con gli attuali 400mila bambini che nascono l’anno (nel 2021 già si dice che saremo sotto quella soglia) per fare sei milioni di bambini ci vorranno quindici anni. E nel 2036 sarà troppo, troppo tardi. Reddito di maternità, subito. E subito dopo riforma fiscale del quoziente familiare perché è ovvio che i trentamila euro guadagnati da un single devono essere tassati di più dei trentamila euro guadagnati da un padre di famiglia che deve sfamare con quel reddito moglie e tre figli. Un criterio basilare di giustizia sociale richiede che finalmente questa riforma fiscale diventi realtà.

Leggi tutto

Media

La tentazione di dividerci

Noi de La Croce dichiariamo un disarmo unilaterale: sono tutti liberi di sparare contro di noi, noi non risponderemo. Subiremo anche il fuoco amico senza reagire

Leggi tutto

Politica

L’Argentina e l’aborto

Sembra provvidenziale questa retiterata volontà del Presidente argentino Macri di impedire la legalizzazione dell’aborto nel Paese sudamericano. Infatti, negli stessi giorni in cui il Capo di Gabinetto del Presidente della Repubblica Marcos Peña dichiara ufficialmente che, la depenalizzazione dell’omicidio del concepito nel grembo materno, «non è nei programmi» del Governo (cfr. Marcos Peña: “No está en agenda avanzar” con la legalización del aborto, “La Nación”, 22 de noviembre de 2016), il Nobel per la Letteratura Daniel Mantovani (“El ciudadano ilustre”), descrive un Paese alla ricerca delle proprie «radici europee» e «di una forte e coesiva identità nazionale» (cit. in L’Argentina, un Nobel in ritardo e la ricerca dell’identità nazionale, “Il Corriere della Sera”, 23 novembre 2016, p. 41). E quali possono essere queste “radici europee” se non quelle dell’umanesimo cristiano? Nella vigente Costituzione argentina del resto il Parlamento è chiamato fra l’altro a «dettare un regime di sicurezza sociale speciale» per il bambino anche «durante la gravidanza» (art. 75, co. 23). Per l’ordinamento nazionale appunto l’aborto è ammesso solo in caso di pericolo di vita, stupro o grave pregiudizio per la salute fisica della donna.

Leggi tutto

Politica

Renzi copia il programma del PdF

La parola definitiva sulla televendita del redivivo dittatore democratico, di ritorno dall’Isola d’Elba, l’ha detta Makkox su Gazebo. Vogliamo però soffermarci su un “dettaglio”: mentre mette in sordina Scalfarotto e Concia, Renzi inserisce “mamma” tra le “tre parole” del suo nuovo Pd. Una rincorsa in cui il Popolo della Famiglia riconosce la difficoltà di Renzi che vuole recuperare consenso.

Leggi tutto

Storie

Claudio Chieffo e la sua musica per la vita

Claudio Chieffo è una di quelle “dimenticanze” a cui ci abituati il secolarismo contemporaneo. Perché se sei cristiano – e scegli di professare la tua fede attraverso l’arte o la letteratura in modo diretto – non ti viene dato quel rilievo che meriteresti. Nemmeno se ti onora della tua amicizia uno come Guccini. Nemmeno se riesci a rendere pensoso uno come Gaber, che diceva: «Nelle canzoni di Claudio c’è un’onestà, una pulizia, un amore naìf che fa pensare. Siamo profondamente diversi, non solo per le sicurezze che lui ha e che io non ho, ma soprattutto perché nelle sue canzoni lui non fa mistero delle sue certezze». Stupirsi di questa “dimenticanza” del mondo laico vorrebbe dire non aver compreso nulla del Cristianesimo. Indignarsi meno ancora. Zittire le voci che inquietano è, da sempre, provare a zittire la Voce, l’unica, che rivela l’uomo a se stesso. Si suppone (ma la speranza è sempre in modalità on per chi professa Cristo) che non ci saranno tributi televisivi di un certa rilevanza nazionale per i 10 anni dalla sua morte, il 19 Agosto prossimo. Come se non avesse mai avuto un pubblico. Ma ci sarà una Messa, celebrata da mons. Luigi Negri. E si può essere certi che a lui, dov’è ora, questo “ricordo” piacerà anche più di un tributo.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano