Società

di Stefano Di Tomassi

Il Messaggero lascia Ostia: c’è chi è pronto a fare la sua parte tra la gente

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

È stata una doccia gelata la notizia che il Messaggero abbia ripiegato dal fronte del litorale romano proprio dove si combatte la più aspra battaglia contro le mafie, dove è la linea della trincea dell’emarginazione, proprio a fianco di alcuni deliranti sogni di gloria di chi immagina una perla del Tirreno, fatta di location per fiction e di grandi investimenti e imprese, senza prima risolvere i problemi veri di chi abita questi territori nel quotidiano della realtà. Certo, ci consola che grandi professionisti del giornalismo, i veterani dai campi di battaglia della cronaca, in forza ancora al quotidiano centrale o passati alle altre importanti redazioni romane e nazionali, rimangano comunque legate a questa splendida cittadina ostiense che proietta Roma sul mare dell’universalità. Difficilmente deporranno le loro armi di fronte a tanta bellezza.

Tuttavia in tempi in cui si parla di centralità delle periferie fisiche ed esistenziali l’abbandono di un “quarto potere” così determinante per accendere un faro sul vissuto cittadino è veramente un colpo duro soprattutto se consideriamo che non è il primo baluardo che perdiamo: solo pochi anni fa perdemmo La Gazzetta del Litorale, più in là nel tempo a cadere fu lo storico quotidiano Il Giornale di Ostia e si schiantò appena al decollo il Decimo News. Queste sono solo alcune delle sconfitte sul campo di battaglia dell’informazione cittadina, perché la lista è più lunga.

A consolazione della gente c’è però la stampa del quotidiano e della prossimità che resiste. Certo, redazioni online per il momento o pochi documenti cartacei di chi ancora non molla, e l’informazione non abbandona completamente, Ed è bello che sia anzitutto la stampa “cristiana” a mantenere la posizione, a raccogliere la croce da terra e continuare la Via. La via della croce non è certo un cammino facile, lineare e continuativo, da tecnici diremmo oggi; si procede barcollando, cadendo, soffrendo, sanguinando, ma si va avanti per arrivare al vero traguardo. In fondo c’è la Luce.

E allora, se le tenebre aumentano perché una redazione così importante spegne i fari sulla realtà locale, vogliamo comunque vedere che c’è una Luce. E di fatto c’è veramente: abbiamo notato con piacere che il taglio dell’informazione si sta affinando verso una maggiore prossimità e quotidianità delle esigenze dei cittadini che qui vi abitano, che c’è uno sguardo più attento ai vissuti, agli emarginati. Forse qualcosa sta cambiando e se il vecchio cede ecco che le cose nuove si fanno.

C’è da sperare. In fondo, ci dichiara la Ciurma, la fu redazione “Diario di Bordo” che ora si è spostata in diverse alleanze con altre redazioni locali (MisericordiAMOstia, rubrica ‘Diario di Bordo, rubrica ‘Ut Unum Sint’, Ciurma Chronicles Report…) se i grandi fari dell’informazione si spengono, contro le tenebre avrà valore anche la luce di una piccola candela”.

E allora Diario di Bordo vi invita sempre a inviare le vostre notizie dal territorio alla sua email [email protected]

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI

11/02/2021
2802/2021
San Romano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Società

Marco Tarquinio parliamone….

Caro Marco, ci conosciamo da un quarto di secolo e i miei primi anni di vita professionale li ho condotti apprezzando le tue doti di collega accorto e ligio, aiutando credo in maniera decisiva la tua scalata alla direzione di Avvenire. Mi permetterò dunque la franchezza per una volta spoglia dalle ipocrisie del cattolichese, a cui il tuo giornale quotidianamente ci abitua. Il riferimento è alla lettera di Valeria Fedeli e alla tua risposta pubblicate il 20 dicembre 2016 sotto il titolo “Fedeli: il mio impegno per educare alla parità tra uomo e donna”. Il Popolo della Famiglia, movimento che presiedo, non chiama la signora ministro o ministra o che dir si voglia, è indegnamente seduta a viale Trastevere avendo mentito sui suoi titoli di studio, millantato una laurea mai posseduta, addirittura non ha mai sostenuto neanche l’esame di maturità. Abbiamo dimostrato questi fatti con evidenza, colei che noi chiamiamo “pinocchia” li ha candidamente ammessi, con arroganza non ha presentato le dimissioni che sarebbero state considerate naturali e ovvie in qualsiasi paese del mondo. Anzi, cerca legittimazione venendo a scrivere una lettera densa di bugie proprio al direttore di Avvenire, che non ritiene di menzionare l’incidente del titolo di studio inventato (per non dover menzionare il Popolo della Famiglia), mentre nello scritto della signora riscontra “lineare chiarezza

Leggi tutto

Politica

Lo scrittore, la politica ed i quattrini

Questo progetto si chiama “Rapsodia – scrittori nelle scuole” e per il 2016/2017 prevede l’incontro con Giacomo Mazzariol, giovanissimo autore di Castelfranco Veneto, che ha scritto un libro commovente sul fratello down. Il progetto, come accordo tra la scuola e le case editrici, prevede che gli autori vengano a titolo gratuito, ma in cambio almeno l’80% degli studenti presenti deve aver acquistato il libro.

Leggi tutto

Chiesa

Una parrocchia ad Ostia e cinque nuovi cardinali per Papa Francesco

Fine settimana intenso per il Santo Padre, impegnato in attività comprese tra il governo della Chiesa particolare di Roma e quello della Chiesa universale. Da una parte la benedizione delle famiglie in una parrocchia di Ostia, in compagnia del parroco; dall’altra l’annuncio di un nuovo concistoro

Leggi tutto

Politica

Alternative für Deutschland: lezioni da imparare

Il “giornalista collettivo” non ha ancora imparato la lezione: in tempo di analfabetismo sociopolitico e di malcontento diffuso attaccare un partito rampante con l’epiteto di “populista” si rivela controproducente. Il partito fondato da Frauke Petry e oggi diretto da Alice Weidel deve invece interpellare a fondo l’anima popolare d’Europa (i punti guadagnati da AfD sono quelli persi da CDU): non mancano le ambiguità e le contraddizioni, ma vanno studiate.

Leggi tutto

Politica

La 5 ragioni per votate PDF a Roma X (e non solo)

Ci sono cinque ragioni fondamentali per votare domenica per il Popolo della Famiglia, facendo una croce sul nostro bellissimo simbolo e vado ad elencarle. Mutatis mutandis, sono ragioni valide non solo al municipio Roma X, ma credo valide per motivare il voto al Pdf in ogni contrada d’Italia anche alle prossime politiche.

Leggi tutto

Politica

In politica pazienti come i contadini: il seme del PDF è germogliato

Il Segretario nazionale del Popolo della Famiglia racconta la propria riflessione mentre si consolidava il positivo risultato elettorale di Ostia: «Mi è capitato tra le mani uno scritto di don Giussani che spiega che il fare non deve avere limiti di tempo preventivati e qualsiasi gesto impegna tutta la persona come tale. Occorre una pazienza di sviluppo lunga come la pazienza del Signore»

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano