Chiesa

di Raffaele Dicembrino

La Quaresima e le Chiese Stazionali

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Con la Quaresima si torna a parlare e scrivere di Chiese stazionali.

La Costituzione conciliare sulla liturgia Sacrosanctum Concilium afferma che durante la Quaresima ci si prepara alla Pasqua con una disposizione di «attesa in cammino» che invita alla conversione attraverso una vigilanza esercitata con opere di penitenza, carità e digiuno, in modo «da giungere con cuore elevato e liberato alla gioia della domenica di risurrezione» (Sacrosanctum Concilium).

La liturgia quaresimale annovera anche la messa stazionale, una celebrazione eucaristica che appartiene a una tradizione antica ma tutt’oggi viva e che grande impulso riceve dalla Pontificia Accademia cultorum Martyrum, che ha lo scopo, recita lo statuto, di «promuovere il culto dei Santi Martiri e di incrementare ed approfondire l’esatta storia dei Testimoni della Fede e dei monumenti ad essi collegati, fin dai primi secoli del cristianesimo».

Nel nostro secolo intendiamo con stazione un luogo di sosta lungo un percorso. Nel mondo romano la terminologia relativa alla viabilità era specializzata con termini specifici come mansio, mutatio e, appunto, statio che è perdurato fino a noi. Per statio si intendeva per lo più un posto di guardia militare, dislocato lungo le vie e i confini dell’Impero, ma nelle fonti il suo uso si riscontra flessibile e riguarda anche funzioni amministrative o di semplice sosta e ristoro.

Va segnalato come nelle fonti tardo antiche la statio riguardi non solo una funzionalità logistica ma anche una disposizione dell’animo. Tertulliano nella Ad uxorem (II, IV, 1) e nel De oratione (XIX, 5) fornisce l’etimologia: Statio de militari exemplo nomen accipit, nam et militia Dei sumus, «La stazione deriva il suo nome dal mondo militare, poiché siamo esercito di Dio». Come la sentinella è a guardia dell’accampamento, così il credente deve essere sempre vigile, soprattutto durante la Quaresima.

Già nella metà del II secolo, nella quinta visione del Pastore di Erma (LIV 1, 1) si identifica nella stazione un luogo, in questo caso un monte, dove esercitare pratiche penitenziali.
L’importante cronografo del 354, la Depositio martyrum, lista dei martiri romani, riferendosi al 336, registra stazione un luogo dove la comunità si riunisce per pregare il martire lì sepolto, del quale si commemora il suo dies natalis, il giorno della morte che per i cristiani diventa la rinascita alla vera vita.

Invece nel Liber Pontificalis, che raccoglie le biografie dei Pontefici, sono nominate per la prima volta in forma ufficiale alcune stationes, in occasione del dono fatto loro da Papa Ilaro (461-468) di alcuni vasi utili alla celebrazione.
Le stationes si legano a determinati tempi liturgici e ad alcune celebrazioni solenni dedicate a santi e martiri e non si trovavano esclusivamente a Roma ma si diffondono anche altrove, specie nel nord Africa e in Europa, quale segno di fedeltà all’Urbe e della sua imitazione. San Gregorio Magno, papa dal 590 al 604, riorganizza il sistema delle stazioni e ne stabilisce la liturgia, inaugurandone la tradizione.

I santi martiri rappresentano un legame di comunicazione tra i credenti e Dio, con l’esempio del loro donarsi completamente, fino all’estremo sacrificio, pur di dichiarare e difendere la fede. La liturgia delle stazioni quaresimali dimostra proprio questo rapporto: accompagnano il tempo fino alla Settimana Santa, dando corpo alle parole di Tertulliano, Christus in martyre est (De pudicitia 22), «Cristo è nel martire». Attraverso il martirio dei santi vengono riproposta la Passione di Cristo. I martiri ci introducono al Mistero e ci aiutano nella nostra personale salita al Calvario, ci consentono di elevarci spiritualmente, di convertirci.

Le celebrazioni iniziano il Mercoledì delle Ceneri e terminano nella domenica dell’Ottava di Pasqua. A presiedere le celebrazioni era il vescovo e quindi a Roma il Papa, che si riuniva in una chiesa vicina con il numeroso seguito di vescovi, presbiteri, diaconi, suddiaconi, accoliti e fedeli con i quali recitava la “colletta” per poi muovere in processione verso la sede stazionale intonando litanie.
Le vicende storiche imprimono o tolgono impulso a questa tradizione. Ad esempio fu sospesa durante la Cattività avignonese (1309-1377) e sparì dopo la breccia di Porta Pia (1870), quando furono vietate le processioni per ragioni di ordine pubblico. Fu reintrodotta dopo i Patti Lateranensi, grazie all’impegno dell’allora magister della Pontificia Accademia «Cultorum Martyrum», monsignor Carlo Respighi.

La lista delle chiese stazionali in Roma si è formata e accresciuta nel tempo e comprende innanzi tutto le grandi basiliche di San Pietro, San Giovanni in Laterano, Santa Maria Maggiore e San Paolo fuori le Mura. A queste si uniscono le altre basiliche e chiese che non sono rimaste immutabili nel tempo ma che sono state anche modificate per rispondere a esigenze contingenti.
Le fonti non ci aiutano a capire i motivi della lista, né l’ordine di successione, a cominciare dalla prima, la basilica di Santa Sabina. Restano soltanto ipotesi. Ad esempio per quest’ultima si pensa che la ragione sia nella sua ubicazione, sul colle Aventino, a guardare il corso del Tevere e la città sottostante e che pertanto in origine poteva essere raggiunta percorrendo la lunga salita dalla basilica di Santa Anastasia vicino al Circo Massimo, così che bene poteva rappresentare simbolicamente la fatica dell’ascesa spirituale.

Il rito inizia dalla colletta, cioè l’adunanza dei fedeli intorno al Pontefice o al vescovo, nel segno dell’unione, della partecipazione collettiva. La liturgia delle chiese stazionali è un riunirsi, un camminare insieme per raggiungere le pieghe più lontane della città, per incontrare le diverse comunità locali, riflettendo quanto riportato dalla Sacrosanctum Concilium: «La penitenza quaresimale non sia soltanto interna e individuale, ma anche esterna e sociale».

Per chi volesse approfondire il discorso ecco l’aiuto di un libro. Infatti Hanna Suchocka, già primo ministro della Repubblica polacca e quindi ambasciatrice presso la Santa Sede, è l’autrice del volume, edito dalla Libreria Editrice Vaticana, Le chiese stazionali. Un itinerario quaresimale. Si tratta di un’opera concepita in forma di diario, arricchita di fotografie a colori. Ogni capitolo è dedicato a un giorno di Quaresima, con le indicazioni necessarie per partecipare alle celebrazioni stazionali, comprese quelle itinerarie, e le letture del giorno.
Non si tratta soltanto di una guida alla storia e alle bellezze custodite nelle chiese, né quello è lo scopo principale del libro, se pur assai ricco di notazioni. È un diario che registra sentimenti, incontri e riflessioni, simile a quelli dei viaggiatori del Grand Tour tra Settecento e Ottocento, ma profondamente spirituale. La Roma moderna, rumorosa e caotica, disvela i suoi scrigni di bellezza silenziosa che invitano al raccoglimento, alla preghiera, alla partecipazione eucaristica. Queste pagine costituiscono una guida, nei giorni di Quaresima, a un cammino di verità interiore fatto di ricerca e suggestione, di preghiera partecipe e di spiritualità.

L’autrice del libro, Hanna Suchocka è specialista di diritto costituzionale. È stata membro del Sejm della Repubblica Popolare Polacca durante gli anni ottanta, ed è divenuta Primo Ministro nel 1992.
Le sue tendenze di centro-sinistra, accompagnate dalla sua forte posizione anti-abortista, la resero il candidato perfetto per soddisfare gli interessi della coalizione di maggioranza formata dalla sua Unione Democratica, dall’Unione Cristiano-Nazionale e dal Congresso Liberal-Democratico.
Hanna Suchocka è membro del Consiglio Mondiale delle Donne Leader, una rete internazionale di attuali ed ex donne presidente e primo ministro, la cui missione è di mobilitare le donne leader a più alto livello per l’azione collettiva su argomenti di importanza critica per le donne e per lo sviluppo sostenibile.
Dal dicembre 2001, Hanna Suchocka è Ambasciatore della Polonia presso la Santa Sede ed è anche membro della Pontificia Accademia delle Scienze Sociali in Vaticano (nominata da Papa Giovanni Paolo II il 19 gennaio 1994).
Dal 22 marzo 2014 è membro della Pontificia commissione per la tutela.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

22/02/2021
0612/2021
San Nicola vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Parigi-Bruxelles: solo i cristiani possono far superare lo scontro di inciviltà

Gli attentati di Bruxelles, in stretta connessione con quelli di Parigi, mettono a nudo l’impotenza dell’Europa davanti ai nemici della sua cultura. Si potrebbe tuttavia aggiungere, che essi comprovano pure come l’Occidente stesso sia il primo dei suoi stessi nemici. In questo scenario solo i cristiani possono, se lo vogliono, accompagnare il processo di una vera integrazione

Leggi tutto

Chiesa

No alla comunione dei divorziorisposati

Parlando ai vescovi cileni in visita ad limina il pontefice ha risposto ad alcune loro domande su sinodo e aborto. Chiarando più punti.

Leggi tutto

Società

Australia, l’attore-giocatore che forza la linea sul gay marriage

Si chiama Ian Roberts, ora fa l’attore ma in passato era stato un famoso rugbista australiano. Il suo outing personale risale al 1995, ma ora sta raccogliendo consenso attorno all’agenda LGBT.

Leggi tutto

Chiesa

Sette volti di una santità nuova e antica

L’invito alla speranza che Gesù offre ai discepoli, «perché tutto è possibile a Dio», corrisponde a tutte le storie dei sette santi canonizzati domenica in Piazza San Pietro. Che un gracile prete bresciano venga chiamato a compiti sempre più gravosi fino al ministero delle Somme Chiavi, che un vescovo reazionario si converta inciampando nella miseria di un popolo. E molto altro….

Leggi tutto

Politica

I temi etici non sono politici?

Cosa ha provato a spiegare il Popolo della Famiglia? Che spendere decine di milioni di euro delle casse pubbliche per avviare una pratica generalizzata di selezione eugenetica finalizzata alla soppressione dei nascituri down era una scelta di stampo nazista. Il Nipt senza ombra di dubbio ha quella finalità: è stato reso gratuito in Islanda e in Danimarca a seguito del programma governativo “Down Syndrome free” ottenendo nell’ultimo quinquennio la soppressione del 100% in Islanda e del 98% in Danimarca dei nascituri down individuati dal test. Non sto a dire che per un cattolico tale comportamento e anche tale scelte politica di impiego delle risorse pubbliche dovrebbe implicare una immediata presa di distanza. Ma anche per chiunque abbia un minimo a cuore la sorte dei bambini down, al di là di qualsiasi orientamento religioso, un governatore che avvia questo tipo di “sperimentazioni” dovrebbe risultare immediatamente invotabile.

Leggi tutto

Storie

Il senso autentico della “conversione” nel Nuovo Testamento

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano