Politica

di Mario Adinolfi

Il vero problema non è il covid ma la denatalità

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Mi scrivono: “Ci sono molti modi di favorire la natalità: migliorare il sistema fiscale rendendolo più equo, investire i fondi del recovery in modo tale da creare nuovi posti di lavoro, introdurre il salario minimo ecc.”. Non è così. C’è un solo modo per modificare le curve della natalità ed è finanziare la maternità, riconoscendo il ruolo pienamente lavorativo della donna che si dedica in via esclusiva alla cura della famiglia e alla crescita dei figli. Non c’è altro modo di veder ripartire la curva della natalità che il reddito di maternità, con la proposta di legge depositata in Cassazione dal Popolo della Famiglia nel novembre 2018 e a disposizione delle Camere dal giugno 2019.

L’assegno unico non modificherà in nulla il tasso di natalità né esso sarà modificato da altre mancette, è tutto già dimostrato. Se si considera una tragedia nazionale il fatto che non nascono più figli in Italia (tasso di fecondità medio per donna 1.1, il più basso del mondo, età media della donna al primo parto più alta del mondo) prima o poi si dovrà cedere alla semplice proposta del PdF: mille euro al mese alla madre cittadina italiana che si dedica in via esclusiva alla cura della famiglia e alla crescita dei figli per otto anni, rinnovabili alla nascita di ogni figlio, vitalizi alla nascita del quarto figlio o di un figlio disabile.
Come proposto nel ddl del PdF stanziamo tre miliardi l’anno per tre anni, li prendiamo dall’orrido reddito di cittadinanza che ne costa sette, vediamo come viene immediatamente abbattuto il numero di aborti in Italia e come crescerà di decine di migliaia il numero dei neonati. Lo ripetiamo: se davvero si vuole curare la principale malattia mortale italiana che non è il Covid ma la denatalità, altro farmaco efficace non esiste che non sia il reddito di maternità. Prima o poi saranno costretti ad approvarlo. Noi lo abbiamo scritto e depositato nel 2018, basta copiarlo. Ogni anno che passa perdiamo decine di migliaia di bambini tra non nati e quelli che potrebbero nascere se il reddito di maternità fosse realizzato.

Per veder rifiorire il Paese dalle macerie della Seconda Guerra mondiale, caro presidente Draghi, le donne italiane fecero tra il 1946 e il 1949 sei milioni di bambini, crescendoli e prestando loro cura pressoché esclusiva, si generò ricchezza per dare loro un futuro degno. Con gli attuali 400mila bambini che nascono l’anno (nel 2021 già si dice che saremo sotto quella soglia) per fare sei milioni di bambini ci vorranno quindici anni. E nel 2036 sarà troppo, troppo tardi. Reddito di maternità, subito. E subito dopo riforma fiscale del quoziente familiare perché è ovvio che i trentamila euro guadagnati da un single devono essere tassati di più dei trentamila euro guadagnati da un padre di famiglia che deve sfamare con quel reddito moglie e tre figli. Un criterio basilare di giustizia sociale richiede che finalmente questa riforma fiscale diventi realtà.
Queste due misure insieme ad un pacchetto di sostegno all’impresa familiare, vero nodo del tessuto economico della nazione, anche come forma di autoimpiego giovanile (li vogliamo pure in Italia i garage dove nasce dai ragazzi l’innovazione tecnologica), farebbero da traino ad un immediato risveglio dell’Italia. Vanno incentivate infine le scelte matrimoniali delle giovani coppie, assicurando loro il diritto alla casa, azzerando gli interessi sui mutui per la prima con garanzia statale immediatamente esigibile. Perché, caro presidente Draghi, è bello citare i giovani decine di volte nei discorsi ma poi bisogna anche dire cosa si intende fare per loro concretamente per migliorare le loro vite.

Il Recovery Fund è una grande occasione poi per investire sulla sanità, sull’assistenza a anziani e disabili, sulla scuola, sulla ricerca scientifica, su questa benedetta “transizione ecologica” che però non deve essere mai ideologica e deve tenere sempre al centro la dimensione antropologica, altrimenti si finisce nelle assurdità di chi considera le madri come avvelenatrici del pianeta considerato sovrappopolato.
Senza l’investimento però nel capitale umano e dunque nella famiglia che di questa risorsa è unico e prezioso giacimento, tutto il resto suonerà inutile. Lei, presidente Draghi, ha ottenuto la fiducia su un programma general-generico scritto per mettere d’accordo chi d’accordo non potrà mai andare. Tra un anno lei traslocherà al Quirinale e l’incapace politica italiana si ritroverà a gestire la montagna di miliardi di euro che la sua autorevolezza, signor presidente, avrà assicurato all’Italia. Se non imposterà lei stesso le riforme del reddito di maternità e la riforma fiscale del quoziente familiare, dubito che saranno le forze politiche a farlo. Non resterà al Popolo della Famiglia che chiedere ed ottenere nelle urne un massiccio consenso su queste priorità programmatiche rendendole cardine dell’azione del prossimo governo, speriamo finalmente emerso dal libero voto degli italiani.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

22/02/2021
2605/2022
San Filippo Neri

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

O capiamo o moriamo

Ho scelto una tonalità da romanzo in un saggio, in cui cerco di far comprendere che quanto affermava il cardinale Biffi sull’Europa che se non sarà ricristianizzata sarà definitivamente islamizzata è totalmente vero. L’arma non sarà il terrorismo, ma la demografia che è scienza inesorabile come la matematica: se negli ultimi due anni sono morti seicentomila italiani più di quanti ne siano nati e gli islamici con il 7% della popolazione residente hanno fatto il 25% dei figli, la fine è scritta. Saremo la generazione responsabile della fine di una civiltà (lo scrive Onfray) e la Sharia “addolcita” che sostituirà gli ordinamenti giuridici fondati sulla radice giudaico-cristiana piacerà alle élites, come profetizzato in “Sottomissione” di Houellebecq, con il suo mix di poligamia legalizzata e autoritarismo.

Leggi tutto

Media

DIALOGO FRANCO TRA IL PDF E AVVENIRE

Ci siamo confrontati con molte difficoltà, ma non con quella di determinare il nostro orizzonte programmatico: siamo ispirati dalla dottrina sociale della Chiesa e ad essa facciamo diretto riferimento. Questo non fa del Popolo della Famiglia un movimento confessionale. Chi legge la nostra quotidiana elaborazione di contenuti, anche attraverso il quotidiano La Croce, sa che ad essa collaborano personalità provenienti non solo dal mondo cattolico, ma anche evangelici, persino islamici, così come agnostici e non mancano gli atei. Certo, l’ossatura del gruppo dirigente del Popolo della Famiglia è composta da cattolici, che danno il segno caratteristico a questo movimento politico nato dopo il tradimento delle ragioni del Family Day operato attraverso il voto favorevole alla legge Cirinnà di moltissimi parlamentari sedicenti cattolici che pure al Family Day erano presenti.

Leggi tutto

Politica

Giustizia, giudici e diritti civili da centrodestra a centrosinistra

Confrontiamo i temi giudiziari nell’arco costituzionale in vista delle politiche di marzo 2018

Leggi tutto

Politica

Lo stato non ci pensa e lo farà la Chiesa

La diocesi di Brescia finanzia bandi diocesani per borse di studio in favore di famiglie a basso reddito che optano con i loro figli per le paritarie. Giusto ma, alla lunga, pericoloso… Il Rapporto 2017 sulla
scuola cattolica, infatti, certifica la deresponsabilizzazione dello Stato nei confronti dell’esercizio di un diritto-dovere dei genitori costituzionalmente (e internazionalmente) sancito

Leggi tutto

Politica

Un uomo in cammino riflette

Con tempismo che ben denota l’insipienza politica (proprio quella mattina da Forza Italia si levavano auspici per un futuro esecutivo a conduzione Bonino), Massimo Gandolfini ha diramato
una surreale lettera ai neocatecumenali di Emilia-Romagna per chiedere espressamente di non votare Popolo della Famiglia. Alla clamorosa ingerenza risponde uno dei destinatari della lettera.

Leggi tutto

Società

O sei per l’aborto o sei cristiano

Io credo davvero che invece non ci sia alternativa: o si è contro l’aborto o non si è cristiani. Molto semplice. Non solo perché il Catechismo della Chiesa Cattolica e tutto il Magistero anche recente e recentissimo è contro l’aborto, quindi chi lo considera accettabile e integrabile negli ordinamenti normativi contemporanei è palesemente in contrasto con l’insegnamento della Chiesa. Vorrei dire che anche se non ci fosse una riga scritta contro l’aborto, il cristiano dovrebbe essere istintivamente contro uno strumento di morte e schierato a difesa del soggetto più debole privato persino del diritto di parola, privato di qualsiasi strumento per difendere il proprio diritto a non essere ucciso.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano