Politica

di Mario Adinolfi

Il vero problema non è il covid ma la denatalità

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Mi scrivono: “Ci sono molti modi di favorire la natalità: migliorare il sistema fiscale rendendolo più equo, investire i fondi del recovery in modo tale da creare nuovi posti di lavoro, introdurre il salario minimo ecc.”. Non è così. C’è un solo modo per modificare le curve della natalità ed è finanziare la maternità, riconoscendo il ruolo pienamente lavorativo della donna che si dedica in via esclusiva alla cura della famiglia e alla crescita dei figli. Non c’è altro modo di veder ripartire la curva della natalità che il reddito di maternità, con la proposta di legge depositata in Cassazione dal Popolo della Famiglia nel novembre 2018 e a disposizione delle Camere dal giugno 2019.

L’assegno unico non modificherà in nulla il tasso di natalità né esso sarà modificato da altre mancette, è tutto già dimostrato. Se si considera una tragedia nazionale il fatto che non nascono più figli in Italia (tasso di fecondità medio per donna 1.1, il più basso del mondo, età media della donna al primo parto più alta del mondo) prima o poi si dovrà cedere alla semplice proposta del PdF: mille euro al mese alla madre cittadina italiana che si dedica in via esclusiva alla cura della famiglia e alla crescita dei figli per otto anni, rinnovabili alla nascita di ogni figlio, vitalizi alla nascita del quarto figlio o di un figlio disabile.
Come proposto nel ddl del PdF stanziamo tre miliardi l’anno per tre anni, li prendiamo dall’orrido reddito di cittadinanza che ne costa sette, vediamo come viene immediatamente abbattuto il numero di aborti in Italia e come crescerà di decine di migliaia il numero dei neonati. Lo ripetiamo: se davvero si vuole curare la principale malattia mortale italiana che non è il Covid ma la denatalità, altro farmaco efficace non esiste che non sia il reddito di maternità. Prima o poi saranno costretti ad approvarlo. Noi lo abbiamo scritto e depositato nel 2018, basta copiarlo. Ogni anno che passa perdiamo decine di migliaia di bambini tra non nati e quelli che potrebbero nascere se il reddito di maternità fosse realizzato.

Per veder rifiorire il Paese dalle macerie della Seconda Guerra mondiale, caro presidente Draghi, le donne italiane fecero tra il 1946 e il 1949 sei milioni di bambini, crescendoli e prestando loro cura pressoché esclusiva, si generò ricchezza per dare loro un futuro degno. Con gli attuali 400mila bambini che nascono l’anno (nel 2021 già si dice che saremo sotto quella soglia) per fare sei milioni di bambini ci vorranno quindici anni. E nel 2036 sarà troppo, troppo tardi. Reddito di maternità, subito. E subito dopo riforma fiscale del quoziente familiare perché è ovvio che i trentamila euro guadagnati da un single devono essere tassati di più dei trentamila euro guadagnati da un padre di famiglia che deve sfamare con quel reddito moglie e tre figli. Un criterio basilare di giustizia sociale richiede che finalmente questa riforma fiscale diventi realtà.
Queste due misure insieme ad un pacchetto di sostegno all’impresa familiare, vero nodo del tessuto economico della nazione, anche come forma di autoimpiego giovanile (li vogliamo pure in Italia i garage dove nasce dai ragazzi l’innovazione tecnologica), farebbero da traino ad un immediato risveglio dell’Italia. Vanno incentivate infine le scelte matrimoniali delle giovani coppie, assicurando loro il diritto alla casa, azzerando gli interessi sui mutui per la prima con garanzia statale immediatamente esigibile. Perché, caro presidente Draghi, è bello citare i giovani decine di volte nei discorsi ma poi bisogna anche dire cosa si intende fare per loro concretamente per migliorare le loro vite.

Il Recovery Fund è una grande occasione poi per investire sulla sanità, sull’assistenza a anziani e disabili, sulla scuola, sulla ricerca scientifica, su questa benedetta “transizione ecologica” che però non deve essere mai ideologica e deve tenere sempre al centro la dimensione antropologica, altrimenti si finisce nelle assurdità di chi considera le madri come avvelenatrici del pianeta considerato sovrappopolato.
Senza l’investimento però nel capitale umano e dunque nella famiglia che di questa risorsa è unico e prezioso giacimento, tutto il resto suonerà inutile. Lei, presidente Draghi, ha ottenuto la fiducia su un programma general-generico scritto per mettere d’accordo chi d’accordo non potrà mai andare. Tra un anno lei traslocherà al Quirinale e l’incapace politica italiana si ritroverà a gestire la montagna di miliardi di euro che la sua autorevolezza, signor presidente, avrà assicurato all’Italia. Se non imposterà lei stesso le riforme del reddito di maternità e la riforma fiscale del quoziente familiare, dubito che saranno le forze politiche a farlo. Non resterà al Popolo della Famiglia che chiedere ed ottenere nelle urne un massiccio consenso su queste priorità programmatiche rendendole cardine dell’azione del prossimo governo, speriamo finalmente emerso dal libero voto degli italiani.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

22/02/2021
2901/2023
San Valerio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Un trans non può fare la tata

Non si può affidare la crescita di un bambino di pochi mesi a un trans. Dalla email si capisce che la transizione da un sesso all’altro non si è compiuta, l’Inps ha ancora tutti i documenti al maschile, quindi Alessandro è a tutti gli effetti Alessandro anche se “si sente” Alessandra. Siamo davanti dunque ad una persona che non si accetta per come è, che in questo percorso di transizione deve affrontare prove psicologiche e fisiche molto pesanti con l’assunzione continua di farmaci, che dal punto di vista fisico sostiene un iter di trasformazione molto doloroso e che fa tendere all’instabilità emotiva. Un bambino di pochi mesi può essere affidato a chiunque tranne che a persone con queste caratteristiche di instabilità. L’approdo alla diversa sessualità riconosciuta, quello che porterebbe il soggetto in questione ad avere i documenti in regola con il nome Alessandra, passa poi attraverso fasi di demolizione dei genitali maschili e di costruzione di forme genitali all’apparenza femminili che sono mediamente faticosissime da molti punti di vista, sia fisici che psicologici. Il ricorso al consumo di forti quantità di alcool e di droghe per ovviare all’inevitabile disturbo di personalità che accompagna ogni evoluzione dalla disforia di genere accertata all’approdo ad una diversa conformazione dei propri genitali, è comprovato in tutti i testi scientifici, così come la più alta propensione al suicidio dei transessuali rispetto alle altre persone.

Leggi tutto

Politica

Il quadro politico e l’occasione unica

La sconfitta di Matteo Renzi al referendum del 4 dicembre 2016, vorrei dire anche l’iscrizione di Tiziano Renzi nel registro indagati con telefonino messo sotto controllo a partire dal 5 dicembre 2016 (che fa il paio con la decadenza di Silvio Berlusconi dalla carica di senatore che rende compiuto l’assalto della magistratura al leader il 27 novembre 2013), la tenuta del Movimento Cinque Stelle che si dimostra realtà non transitoria ma destinata a divenare una sorta di paradossale “partito rivoluzionario istituzionale” e soprattutto la sentenza della Corte Costituzionale del 25 gennaio 2017 che cancella il ballottaggio tra liste dalla legge elettorale nota come Italicum, disegnano un sistema politico ignoto ai più perché mai messo alla prova secondo i nuovi meccanismi. Sarà bene invece immaginarli e capirli in anticipo, per comprendere quanto fragorosa sia la novità e quanto sia unica (vorrei dire miracolosa) l’occasione concessa al Popolo della Famiglia, probabilmente ultima per una riorganizzazione in soggetto politico autonomo di quella moltitudine di italiani che hanno dimostrato il loro attaccamento ai principi non negoziabili in occasione della partecipazione massiccia ai Family Day del 2015 e del 2016.
Per costoro la legislatura che con ogni probabilità si chiuderà alla fine del 2017 è stata la vera e propria prova generale del disastro incipiente. In quattro anni un sistema politico reso improvvisamente molto fragile dal nuovo tripolarismo all’italiana, che ha trovato come risposta al grillismo quella piuttosto asfittica della collaborazione tra centrodestra e centrosinistra attuata in varie forme (larghe intese con tutti o quasi al governo, patto del Nazareno,

Leggi tutto

Società

Se un pediatra vendoliano un giorno

In un’importante sede istituzionale del capoluogo toscano avrà luogo, sabato 7 ottobre p.v., un convegno a senso unico e senza contraddittorio sulla nuova moda di una sinistra che ha dimenticato
il popolo, i lavoratori e i proletari, e che anzi si è rivolta alla demolizione della prole. Il pediatra vendoliano Paolo Sarti, consigliere in Regione, è l’artefice di questo spot LGBT già gravido di sciagure

Leggi tutto

Politica

In politica pazienti come i contadini: il seme del PDF è germogliato

Il Segretario nazionale del Popolo della Famiglia racconta la propria riflessione mentre si consolidava il positivo risultato elettorale di Ostia: «Mi è capitato tra le mani uno scritto di don Giussani che spiega che il fare non deve avere limiti di tempo preventivati e qualsiasi gesto impegna tutta la persona come tale. Occorre una pazienza di sviluppo lunga come la pazienza del Signore»

Leggi tutto

Politica

Un ultimo sforzo

L’ultimo sforzo che dobbiamo produrre in vista delle elezioni amministrative del 10 giugno serve proprio a questo: dimostrare una ulteriore capacità di raccolta del consenso, che dia un segnale di crescita rispetto allo 0.7% ottenuto alle politiche del 4 marzo. Se tre mesi dopo dovessimo farci trovare in buona salute elettorale, aumentando significativamente la nostra percentuale di voti, sarebbe la conferma che tutto questo colossale lavoro compiuto a mani nude sta pagando e con ulteriore costanza otterremo in futuro risultati ancora migliori, soprattutto quando spunterà la inevitabile disillusione verso l’azione del governo a trazione grillina.

Leggi tutto

Società

LA GRANDE IDEA STURZIANA DELLA LIBERTA’

Voglio riavvolgere il nastro e portarvi a quando tutto doveva ancora accadere, a quel congresso del febbraio 1989, a trent’anni fa. Ero al Palaeur, zeppo all’inverosimile, avevo 17 anni e aspettavo come tanti l’intervento di Mino Martinazzoli, il mio maestro politico che mi chiamò poi a essere il più giovane membro dell’assemblea costituente del nuovo Partito popolare italiano, di cui avrei guidato da presidente nazionale il movimento giovanile (e mi emoziona pensare che il 2 marzo nascerà a Roma prossimo il movimento giovanile del Popolo della Famiglia, grazie a Nicola Di Matteo). Su YouTube è comparso il video di quell’intervento di Martinazzoli e so di chiedere un lavoro impensabile ai tempi di internet, ma ascoltatevi i trenta minuti scarsi di discorso e guardate anche cosa succede nei quindici minuti successivi. Si tratta di un documento storico di impressionante rilevanza.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano