Storie

di Rachele Sagramoso

“Noi”: storia di una chiesa domestica

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Chi mi conosce lo sa bene: da figlia di genitori separati, la mia piccola croce è quella del matrimonio. Sono terrorizzata dal fatto di non riuscire a portare avanti il mio modestissimo obiettivo di rimanere a fianco di mio marito, per tutti gli anni che Iddio vorrà farmi sostare su questa terra. Per questo motivo, ogni qualvolta mi dedico alla lettura di libri sull’argomento “matrimonio” ovvero “famiglia”, leggo con attenzione e tento di carpire segreti, note che possano essere utili, spunti di riflessione e messaggi chiari o seminascosti (soprattutto quando si tratta di testi autobiografici). Cristina Righi oramai la conosco bene, con lei è difficile che non si crei sintonia: è una persona che sa ascoltare, che racconta con serenità le sue vicende di vita, che non nega errori compiuti ma che, anzi, li ammette con serenità come facenti parte della vita che ognuno vive, sapendo che si può cadere, ma che Nostro Signore è con noi perché non ci perdiamo. Giorgio Epicoco è un uomo serio, sintetico e presente, che ha accettato di raccontare con sua moglie, la storia della loro coppia.

Quando si condivide qualcosa di sé, lo si fa spesso per mandare un messaggio che a qualcuno potrebbe essere utile, ma singolarmente. Quando lo si fa in due, partendo da una serie di errori che hanno mutato completamente la vita della coppia, aprendola alla vista di quello che Dio vuole per la coppia stessa, è un messaggio molto più coinvolgente, molto più concreto. Significa che la coppia si è messa a parlare, si è unita e si è amalgamata, e vuol dire che due persone si sono guardate negli occhi per poi, insieme, guardare nella medesima direzione. Al di là di quello che può apparire, non è semplice aprire il cuore e la casa agli altri, per far sì che chiunque possa conoscere le difficoltà e gli obiettivi raggiunti in una coppia: ci vuole umiltà, senso del servizio al prossimo, trasparenza e carattere.

Il libro di Cristina e Giorgio, il primo di una coppia, s’intitola “Noi. Storia di una Chiesa domestica”, e inizia con due persone che si sposano in rito civile, continua con una conversione, prosegue con la risposta alla Chiamata e termina – per me, che sto leggendola - con l’inizio della seconda pubblicazione. Cristina e Giorgio prima aprono il loro cuore, poi si lasciano amare e continuano poi con il donarsi agli altri: alle mogli e ai mariti che ne hanno bisogno, a chi vive una vita matrimoniale in subbuglio, a chi lotta con il coniuge per portare avanti il progetto di vita insieme. Infondo, questo libro è scritto per ognuno di noi, per aiutare le coppie a procreare il loro primo figlio: il Noi.

È un libro che fa assaporare l’amore di coppia, che fa bene all’anima, che dà speranza per chi è già sposato, ma anche per chi vuole farlo con saggezza e serenità.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

10/06/2021
2109/2021
S. Matteo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

A Milano per parlare di famiglia

Miriano, Adinolfi, padre Botta e Scicchitano rispondono alle polemiche sul convegno in Regione Lombardia

Leggi tutto

Chiesa

La Chiesa ortodossa rumena è profamily

«La Chiesa ortodossa romena considera con preoccupazione le misure relative alla possibile formalizzazione, ventilata in queste ore, concernente il “partenariato civile”». Sono parole di una nota rilasciata dall’ufficio stampa del Patriarcato rumeno.
«I tentativi di ridefinire la famiglia naturale e tradizionale sembrano parte di un programma ideologico», prosegue.

Leggi tutto

Società

Per far crescere l’homunculus occidentalis

Avanza e si impone, a ogni livello della società, la tipica pretesa del fanciullo viziato: ereditare senza impegno gli agi, le sicurezze e i vantaggi della civiltà, considerati come diritti acquisiti una volta per tutte e senza sforzo. Vellicare un tale impulso è una spinta ad incoraggiare i comportamenti antisociali, equivale ad assecondare le tendenze incivili che ogni sana educazione si propone, all’opposto, di arginare e di disciplinare.

Leggi tutto

Storie

Ripensando alla vicenda del senza tetto che non desiderava ospitalità

«Si vergognano di vergognarsi – diceva Agostino – e non si vergognano di non vergognarsi»: il cinismo del vicesindaco leghista di Trieste ha scatenato un’ondata d’indignazione sui social e nei
media tradizionali. Lo stesso politico è tornato a cercare di rabberciare lo strappo (allargandolo): la lezione intramontabile in materia la danno da sempre santi come fratel Ettore Boschini.

Leggi tutto

Politica

I temi etici non sono politici?

Cosa ha provato a spiegare il Popolo della Famiglia? Che spendere decine di milioni di euro delle casse pubbliche per avviare una pratica generalizzata di selezione eugenetica finalizzata alla soppressione dei nascituri down era una scelta di stampo nazista. Il Nipt senza ombra di dubbio ha quella finalità: è stato reso gratuito in Islanda e in Danimarca a seguito del programma governativo “Down Syndrome free” ottenendo nell’ultimo quinquennio la soppressione del 100% in Islanda e del 98% in Danimarca dei nascituri down individuati dal test. Non sto a dire che per un cattolico tale comportamento e anche tale scelte politica di impiego delle risorse pubbliche dovrebbe implicare una immediata presa di distanza. Ma anche per chiunque abbia un minimo a cuore la sorte dei bambini down, al di là di qualsiasi orientamento religioso, un governatore che avvia questo tipo di “sperimentazioni” dovrebbe risultare immediatamente invotabile.

Leggi tutto

Chiesa

Il miracolo di ogni vocazione

A volte si sente dire che il matrimonio ha una base naturale sulla quale si innesta la fede cristiana. Si può trattare talora di visioni variamente distorte e anche poco specificate. L’unione di coppia terrena può essere più facilmente soggetta alla precarietà dei rapporti umani. Certo si spera che nessuna legge sia mai a danno, per esempio, dei bambini.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano