Politica

di Stefano Di Tomassi

È cattolico Andrea Gasparini, l’“assessore-volontario”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Ostia - Proprio qualche ora fa quello che appariva un pericoloso incendio che avrebbe potuto allargarsi nella zona della grande pineta del Litorale Romano (quartiere Ostia Nord-Acque Rosse), proprio come quelli che devastarono il polmone verde della città eterna, è stato domato nel giro di un paio d’ore.

Questo è dovuto ad una forte rete inter istituzionale cresciuta anche all’ombra del grande impegno di un volontario doc che da ormai più di un decennio si è coinvolto e ha coinvolto i cittadini, li ha riuniti in assemblee e infine avvicinati alle istituzioni nell’assise della consulta municipale e addirittura dando impulso alla creazione di un osservatorio permanente.

E’ la storia di Andrea Gasparini, cristiano conservatore, cattolico, come si è definito al momento di accettare di entrare a far parte “per meriti” dell’assessorato alla ‘transizione ecologica’ in un’amministrazione addirittura a guida ‘5 stelle’ che non ha mancato di riconoscergli il carisma popolare.

Il suo testo di riferimento, ci dicono dal suo entourage, è – manco a dirlo - la Lettera Apostolica “Laudato Siì” con la sua sublime indicazione a non separare cura del creato, cura dell’uomo nella società, cura del dialogo con Dio Padre, Figlio e Spirito Santo.

Ed è così che la cura delle persone, riunite amorevolmente da Andrea si è fatta poi impegno sociale e istituzionale. La gente non è stata aggregata per lo ‘scopo utile’, perché ‘servivano a qualcosa in un momento e poi dimenticata’, per essere ‘usata’, ‘oggettivandola ai fini di qualcuno o qualcosa’; nemmeno di è raccolti quei ‘buontemponi’ che per non annoiarsi hanno riempito il loro tempo libero con un unteriore qualcosa di diverso. Invece i cittadini sono stati coinvolti con la passione, con il cuore e hanno trovato nel Servizio verso la comunità civile, via via organizzato e strutturato, qualcosa che gli ha scaldato il cuore e li ha fatti sentire importanti per se stessi e per gli altri. La buona prassi è quella che si mette in atto, si struttura e ha continuità, partendo dall’impegno della comunità cittadina, collegando persone e istituzioni.

L’incendio della pineta acque rosse di qualche ora fa, ci racconta Selene Conti in servizio nel corpo della Protezione Civile accreditato presso la regione Lazio, e membro della squadra di Osservatori Ambientali municipali, ha visto attivarsi il protocollo d’intervento predisposto dalla rete inter istituzionale. Il C.O.I. centro di osservazione incendi, sito nella torre d’ avvistamento di Castelfusano, in filo diretto con i Vigili del Fuoco, interfacciandosi con la Regione, attiva tutte le unità territoriali di prossimità, protezioni civili accreditate presso questa Istituzione competente. Questa prassi operativa permette un intervento tempestivo, un iter preciso e ordinato dal momento dell’avvistamento al successivo mandato operativo e invio di squadre già sul campo. Questo Servizio in futuro potrebbe essere uno strumento di crescita anche per quei giovani che dalle scuole, dallo scoutismo, vogliamo mettersi in gioco nell’alternanza scuola lavoro o nel servizio civile in genere imparando a prendersi cura della casa comune e degli altri con continuità.

La cura dell’ambiente lidense è cresciuto tanto aldilà degli slogan o del tic toc virtuale o dei post sui social; il cristiano Andrea ha saputo essere coinvolgente, perché credibile. La sua credibilità nasce dall’esempio di Gesù, maestro di chiunque ci mette veramente tutto se stesso, sacrificandosi. E così oltre alla consulta ambiente è nato l’Osservatorio che non solo ha riunito alcuni cittadini, ma con l’aiuto delle Istituzioni locali li ha formati, foraggiati, attrezzati, ‘patentati’. Sono diventati via via decine e decine e sono ora le sentinelle ecologiche del Territorio Lidense. Sono infatti cresciute le segnalazioni e si è reso fitto il dialogo con i Carabinieri ambientali e con le forze dell’ordine piuttosto che con i Vigili del Fuoco. Ci sentiamo di dire che la città lidense e il X Municipio di Roma sono davvero più sicuri.

La speranza futura è che le persone, i cittadini si accorgano sempre di più che il vangelo di Gesù non è un’illusione ma che può fare la differenza anche nella vita sociale e politica. Nel frattempo ci appelliamo ai cristiani cattolici come Andrea Gasparini e li ringraziamo perché hanno scelto il difficile compito politico dei partiti, di cercare di dialogare con il ‘potere’ probabilmente provando a far entrare un po’ di luce in ambienti dalle trame spesso oscure. Grazie Andrea e grazie in chiunque, di ogni colore politico ‘anche 5 Stelle’ abbia l’umiltà e il coraggio di riconoscere il giusto e di seguirlo a prescindere dalle strategie e dai calcoli umani.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

29/07/2021
2209/2021
Ss. Maurizio e compagni

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Politica

E’ finito il tempo delle ambiguità

Le smentite le fa il tempo, che talvolta è così galantuomo da non passare neppure tardi: dopo appena un paio di giorni dalle elezioni che hanno sancito il trionfo del centrodestra in Sicilia comincia ad emergere la struttura di potere che aveva cementato i rapporti di forza della Trinacria in modo da condizionare l’esito elettorale. I cattolici ricevono un precoce ma severo monito.

Leggi tutto

Storie

Vive ancora l’artigianato locale?

La domanda è più che lecita in quanto l’economia di piccole e medie imprese sul territorio soffre la concorrenza della grande distribuzione. Ma dove sta la vera “convenienza” per il consumatore?

Leggi tutto

Società

Il Messaggero lascia Ostia: c’è chi è pronto a fare la sua parte tra la gente

Ostia, se le grandi testate chiudono rafforziamo la notizia di prossimità: l’appello della Ciurma alle redazioni cittadine a difesa di chi scrive come ‘missione sociale’, il fondatore:“se i grandi fari dell’informazione si spengono, contro le tenebre avrà valore anche la luce di una piccola candela”

Leggi tutto

Società

Ostia si inginocchia, ma per Simeone Nardacci

Quel Figlio di Ostia ucciso e sotterrato nel bosco simbolo di tutti i “bambini crocifissi”. E dopo oltre 10 anni gli “angeli” dei bambini speciali potranno essere assunti direttamente dal municipio.

Leggi tutto

Politica

MUSICA DEI “BOSS” E VAGINE FELICI, ADINOLFI (PDF): “A OSTIA LA CULTURA AVALORIALE DEL M5S E DEI LORO

Popolo della Famiglia a difesa delle chiese cristiane ortodosse, cattoliche e riformate spaventate dal silenzio generale dei partiti sui temi fondamentali: “di fronte alle famiglie e ai giovani non si tace, si grida dai tetti”.

Leggi tutto

Chiesa

Una parrocchia ad Ostia e cinque nuovi cardinali per Papa Francesco

Fine settimana intenso per il Santo Padre, impegnato in attività comprese tra il governo della Chiesa particolare di Roma e quello della Chiesa universale. Da una parte la benedizione delle famiglie in una parrocchia di Ostia, in compagnia del parroco; dall’altra l’annuncio di un nuovo concistoro

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2021 La Croce Quotidiano