Chiesa

di Raffaele Dicembrino

VIETNAM - Le vocazioni al sacerdozio e alla vita consacrata crescono nonostante le tante difficoltà

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La conferma che spesso la Fede si fortifica e cresce nelle difficoltà giunge dl martoriato Vietnam. Infatti sono stati ordinati 78 nuovi sacerdoti, e circa 250 tra religiosi e religiose hanno emesso i loro voti perpetui durante dall’inizio di questa estate 2021. Tali importanti vocazioni sono una buona notizia e un segno di speranza per la Chiesa del Vietnam, nel bel mezzo di un tempo difficile per la nazione, segnato dalla quarta ondata di Covid-19. Nei territori diocesani colpiti dal virus, classificati come “zone verdi”, le comunità locali hanno potuto celebrare messe solenni, in semplicità e spesso all’aperto; nel Vietnam del Sud, dove è più diffusa l’infezione da Coronavirus con la variante Delta (le cosiddette “zone rosse”), le liturgie di ordinazione sacerdotale e di professione religiosa sono state per ora rinviate. Quelle celebrate nelle zone consentite, si sono svolte seguendo rigidi protocolli precauzionali anti Covid, all’interno dei seminari o dei conventi con solo i candidati presenti, e senza grande affluenza di fedeli.

In una lettera inviata ai sacerdoti in procinto di essere ordinati, Monsignor Joseph Nguyen Nang, Arcivescovo di Ho Chi Minh, che è anche Amministratore della diocesi di Phat Diem, nel Vietnam del Nord, sottolinea: “La messa di ordinazione presbiterale si è celebrata con un numero limitato di partecipanti, anche senza la presenza di parenti dei candidati. I nuovi sacerdoti o i religiosi che hanno professato i voti, in questo clima di raccoglimento hanno potuto concentrarsi assolutamente sull’essenziale, totalmente rivolti a Dio, sperimentando intensamente il dono della sua grazia nel Sacramento”.
Confida Vu Hien, una suora dell’Ordine delle Domenicane che ha appena emesso i voti nella diocesi di Bac Ninh, nel nord del Vietnam: “Ero ben preparata alla più grande esultanza nella mia vita religiosa, la celebrazione di quest’anno è stata speciale: con la grazia di Dio, abbandono tutta la mia vita nelle mani amorevoli di Dio e continuo a pregare in silenzio, qualunque siano le circostanze”.
Una suora della Congregazione delle Figlie di Gesù nella diocesi di Quy Nhon, che copre tre province del Vietnam centrale, riferisce: “Rendiamo grazie a Dio: tra la precarietà e l’instabilità causate dalla pandemia, Dio ci ama e ci tiene al sicuro. Dio ci abbraccia, si fa presente nel clima di silenzio e di preghiera, che ci permettono di radunarci per pregare”.
Anche nel Vietnam centrale, all’inizio della cerimonia dei voti perpetui professati dai religiosi della Congregazione del Sacratissimo Cuore (CSC) a Hue, Mons. Nguyen Chi Linh, Arcivescovo di Hue, ha detto: “Il religioso che professa i voti per tutta la sua vita è colui che dona a Dio il suo amore ed è disposto a superare difficoltà come il cammino della Croce; è colui che si ispira al Crocifisso per poter entrare in una vita più luminosa”. Monsignor Linh ha inoltre invitato tutti, in particolare i religiosi, a testimoniare la fede nella vita consacrata, esercitando coscienziosamente i ministeri dell’amore e della carità, specialmente nel contesto di questa grave crisi, causata dalla pandemia di Covid-19. Questo amore che diventa servizio al prossimo, ha detto, “dovrebbe radicarsi profondamente in ogni individuo, svilupparsi ampiamente nella comunità sociale: esso è svolto intimamente in comunione con la Trinità, e si rivolge a tutti, senza distinzione di religione, cultura, etnia, politica o classi sociali, ma vivendo in relazioni di compassione verso gli esseri umani”.
L’Arcivescovo ha aggiunto: “In un mondo pieno di turbolenze, i titoli accademici non sono più indispensabili per i religiosi, mentre è più importante condurre una vita retta, una vita esemplare di fede, con passione per l’opera missionaria e apostolica e la pratica dell’opera caritativa”. Mentre, data l’emergenza pandemica, milioni di famiglie rimangono indigenti, o soffrono la fame a causa della disoccupazione e della malattia, ha concluso l’Arcivescovo Nguyen Chi Linh, “auspichiamo che l’entusiasmo dei nuovi sacerdoti e religiosi ci aiuti ad andare incontro ai bisognosi nelle zone gravemente infette per fornire ai poveri assistenza materiale e spirituale, per confortare e consolidare la fede di quanti sono stati scossi da questa crisi, testimoniando al mondo la Buona Novella”. Tante storie di vita,situazioni diverse tra difficoltà immani ma con un finale che offre buone prospettive al futuro del Vietnam.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

03/09/2021
1108/2022
Santa Chiara

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Wojtyla, il Papa della famiglia

Antologia del magistero di San Giovanni Paolo II sui temi della famiglia, a dieci anni dalla morte

Leggi tutto

Società

Scuola e chiesa ora tocchiamo veramente i fondi

Gabriele Toccafondi è un fiorentino del ‘72, laureato in scienze politiche, ha fatto il consigliere all’università di Firenze, è stato membro di un sacco di commissioni e promotore di iniziative culturali e dal ‘99 ha messo i piedi in politica per poi non toglierli più. Ha militato tra le file di una lista civica, poi è passato a Forza Italia, poi è stato deputato PdL e nel 2013 ha indossato la casacca NCD, grazie alla quale ora siede sulla poltrona di Sottosegretario di Stato al Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

Leggi tutto

Politica

Le nuove parole d’ordine della Francia

Onestà, rettitudine e coraggio sembrano essere le nuove direttrici della Repubblica francese. Questo almeno stando al discorso di inizio legislatura tenuto dal presidente del consiglio Édouard Philippe: un Paese fondato sulla classicità romana, molto più che sul giacobinismo. Copertine che non cambiano la sostanza, a ben vedere: o la fondazione di una res publica si regge sullo scavo di un’etica condivisa oppure chi è più forte vince. E basta

Leggi tutto

Politica

Lo stato non ci pensa e lo farà la Chiesa

La diocesi di Brescia finanzia bandi diocesani per borse di studio in favore di famiglie a basso reddito che optano con i loro figli per le paritarie. Giusto ma, alla lunga, pericoloso… Il Rapporto 2017 sulla
scuola cattolica, infatti, certifica la deresponsabilizzazione dello Stato nei confronti dell’esercizio di un diritto-dovere dei genitori costituzionalmente (e internazionalmente) sancito

Leggi tutto

Politica

Anche solo il nostro esistere

Il Popolo della Famiglia va avanti: 355 cittadini hanno sottoscritto la mia candidatura a deputato del collegio Roma 1, abbiamo avuto la forza organizzativa per fare la raccolta in una settimana, siamo l’unica organizzazione cristianamente ispirata in grado di fare questo nel campo politico. Non ci è piaciuto il governo gialloverde, ancora meno ci è piaciuto il governo giallorosso che candida nel collegio addirittura il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri, quello che ha irriso la famiglia con uno stanziamento di venti volte inferiore a quello necessario e promesso. Se i cattolici hanno un minimo di spina dorsale e coerenza, non possono votare per lui. A chi, come noi, non ha gradito neanche le inesistenti politiche di bilancio a favore della famiglia del governo precedente, noi offriamo un’alternativa.

Leggi tutto

Storie

ODE A DIEGO ARMANDO MARADONA

Ho letto che da qualche giorno, il 23 ottobre, Pelè ha compiuto ottant’anni e che tra qualche giorno, il 30 ottobre, Diego Armando Maradona ne compirà sessanta. Non so se avremo un’altra occasione con la cifra tonda per celebrarli entrambi in vita e non so neanche dire se sia più facile che Pelè non arrivi ai novanta che piuttosto Maradona non arrivi ai settanta. So per certo però che ora possiamo congratularci e sorridere con lor

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano