{if 0 != 1 AND 0 != 7 AND 0 != 8 AND 'n' == 'n'} NEL NOME DI MINO

Storie

di Mario Adinolfi

NEL NOME DI MINO

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Dicemmo addio a Mino Martinazzoli dieci anni fa, il 4 settembre 2011, due mesi dopo sarebbe diventato ottantenne. Sono stato martinazzoliano, gli devo la nomina a “più giovane padre costituente” del Partito popolare italiano ricostituito nel 1993 e poi a presidente nazionale dei Giovani Popolari fino alla fine del Novecento. Quel che Mino ha significato per me è però nulla rispetto a quello che ha significato per tutti i cristiani impegnati in politica. Perché aveva capito tutto e ci annunciò quel che sarebbe accaduto con decenni di anticipo.

La summa del pensiero martinazzoliano è il discorso del febbraio 1989 a quello che nessuno avrebbe mai immaginato essere l’ultimo congresso della Democrazia Cristiana. Prendetevi mezz’ora di tempo e ascoltatelo tutto: è il discorso di uno sconfitto, parla da capo dell’area Zac (ex morotei) che ha appena perso la segreteria nazionale del partito, ceduta proprio a quel congresso da De Mita a Forlani. Eppure il catino del Palaeur acclama il suo nome, non lo fa cominciare a parlare, lui che è febbricitante e non ha davanti neanche un appunto. Seguiranno trenta minuti di analisi politica affilata come una lama, interamente a braccio e molto complessi, ma di una chiarezza che non ho mai più ascoltato. Sì perché c’ero, da giovanissimo dirigente del Mgdc, al Palaeur quel giorno. E capii la lezione fondamentale. Profetica allora, verissima oggi.

Ascoltatelo scandire queste decisive parole: “La storia politica è la storia di un’idea che si incarna, si confronta, combatte, è sconfitta, riprende: questa era la grande idea sturziana della libertà. Se non offriamo questo terreno allora davvero si perderà il grande giacimento morale, lungo gli schemi di un radicalismo di massa che insegue mode e movimenti quasi in una sindrome di Stoccolma. Si coglie qui la nostra grande questione: fare politica da parte di un cristiano assomiglia a un paradosso. Fare politica per un cristiano è insieme impossibile e doveroso. E’ sul crinale di questo paradosso che si svolge la nostra vita, se volete la nostra inquietudine. Sturzo l’ha insegnato una volta per tutte: la religione è universale, la politica è parziale, non vi è compromissione, chi sta in politica sceglie il dato della laicità. Ma questa è una condizione non è la positività di un contenuto e di una ispirazione. Oggi il nostro problema è capire come facciamo a fondare per noi rispetto a una laicità laicista quella che chiamerei una laicità cattolica. Questo in un tempo, quella della modernità, che non esige da parte nostra maledizioni o ostilità, ma piuttosto una lettura critica”.

Tutto chiaro? In sostanza: o da cristiani accettiamo la sfida laica della politica o vinceranno “gli schemi di un radicalismo di massa che insegue mode”. Esattamente quel che stiamo vivendo oggi. Io ho accettato di “vivere sul crinale del paradosso” per poter dire, con la frase di chiusura del discorso martinazzoliano del 1989, che “alla fine di questo nostro impegno non c’è una soddisfazione personale che valga l’idea di avere servito senza inganni e senza rimorsi, questa grandezza, questa ragionevole speranza, questa splendida intuizione che è una idea democratica e cristiana”.

I quindici minuti di applausi fragorosi e ininterrotti che seguirono il discorso, testimoniati dal video che potete vedere qui sotto, sono giunti fino a noi. Non solo perché nessun politico italiano mai più ha ricevuto un applauso così incredibilmente appassionato e lungo, cui peraltro Martinazzoli reagì infastidito andandosene dal Palaeur che lo acclamava “segretario, segretario”. Sono in realtà anche i nostri applausi. Se Martinazzoli fosse stato eletto segretario della Dc in quel congresso del 1989, la storia sarebbe stata diversa. Li aveva avvertiti nel discorso che il rischio era quello di sparire e, citando il suo amato don Primo Mazzolari, chiedeva ai democristiani incancreniti da decenni di governo di mettersi “un poco all’opposizione, all’opposizione di noi stessi: delle nostre grettezze e delle nostre paure, se vogliamo anche delle nostre ambizioni”. Il congresso elesse Forlani e fu il disastro. Chiamarono in fretta e furia Martinazzoli alla segreteria solo nel 1992, la Dc era ormai colpita a morte e Mino la sciolse facendo rinascere il Ppi di Sturzo e prese il 10% da solo alle elezioni del 1994, stando fuori dalle coalizioni. Oggi quel 10% sarebbe oro puro per contrastare la “laicità laicista” e dare forza decisiva a una “laicità cattolica”. Dedico la vita a dare caccia a quell’oro necessario. Me l’ha insegnato Mino Martinazzoli con la sua vita e in un discorso di oltre trenta anni fa. Aiutaci da lassù, ne abbiamo bisogno perché non ci siamo arresi.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

06/09/2021
2806/2022
Sant'Ireneo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Crediamo solo in Dio

La corruzione diffusa nell’intreccio tra politica, burocrazia e impresa; la guerra continua tra magistrature e altre istituzioni; il decadimento etico complessivo diffuso. A chi si può credere in Italia?

Leggi tutto

Società

La Cassazione contro il matrimonio

Non ci sarà più obbligo di mantenere la controparte del contratto nuziale, una volta che sia stata verificata l’abilità di quest’ultima a lavorare. Incredibile silenzio delle femministe, a fronte di una legge che abolisce alcune tutele per le donne impegnate nella cura della casa e dell’educazione primaria. L’effetto sarà l’aumento del numero dei divorzî, dell’impegno sano e generoso dei carismi.

Leggi tutto

Media

Cinque cose che non bisogna fare

ARTICOLO TRATTO DALLA VERSIONE PER ABBONATI, SOSTIENI LA CROCE ABBONANDOTI QUI http://www.lacrocequotidiano.it/abbonarsi-ora

Siamo in una contesa dove la critica fa parte del gioco e che ci sparino addosso è nelle cose. Il fuoco amico fa più male, ma è messo nel conto pure quello. Un solo ultimo avvertimento agli amici come Marco Invernizzi: non strumentalizzate mai l’ora che padre Livio vi concede su Radio Maria per attaccare il Popolo della Famiglia. Quando ho fondato il Pdf, in completo accordo con lui, ho voluto sospendere la trasmissione a cui tenevo molto su questa che è l’emittente che più mi è cara: Radio Maria non fa politica e non può con la politica confondersi. ne trarrebbe solo danno. Tutto il resto, poi, sia oggetto di una confronto franco e onesto. Fatevi dire infine da un giocatore di poker che l’idea secondo cui “le minoranze non si devono far contare” somiglia troppo all’atteggiamento del pokerista scarso che vuole vincere giocando sempre in bluff: pensa di essere tanto furbo e tutti gli altri al tavolo glielo fanno credere, perché prima che lui cominciasse a pensare l’hanno già individuato come il pollo da spennare.

Leggi tutto

Società

La morte vince sulla giustizia?

Il processo a Marco Cappato si sta rivelando per la passerella di radicali che a suo tempo annunciammo. Fummo facili profeti: ieri il PM Tiziana Siciliano ha chiesto l’assoluzione per Marco Cappato, addirittura arrivando a dire che «oggi lo Stato è Marco Cappato», e torcendo nella sua arringa le parole di Primo Levi e di Thomas More. L’alternativa è rivedere direttamente l’art. 580.

Leggi tutto

Chiesa

Ladaria: l’obbedienza è ancora una virtù

Per la prima volta da quando occupa lo scranno del loro ufficio, il successore di Ratzinger, Levada e Müller all’ex Sant’Uffizio si è raccontato: lo ha fatto con un’intervista rilasciata a Vatican News, e finalmente il mondo ha conosciuto il sorriso affabile di Luis Ladaria Ferrer. Al centro del colloquio soprattutto la questione di come si possano conciliare nella fede libertà e obbedienza.

Leggi tutto

Politica

Nessuno dividerà il Popolo della Famiglia

Continuare a vivere nell’ossessione del Pdf (e della mia persona) si configura ormai come problema psichiatrico. Il terremoto ce l’avete nella vostra testa perché sapete di aver spacciato come problema politico quello che era solo un problema personale, cioè una idiosincrasia nei miei confronti. Vi informo: rassegnatevi perché non mollo il colpo. Resto convinto che il Pdf sia lo strumento fondamentale per raggruppare i dispersi che ora non contano nulla e si ritrovano ad aver consegnato dieci ministeri fondamentali e la presidenza del Consiglio a quelli che registrano nei comuni i figli di due mamme, a quelli che vogliono l’utero in affitto, a quelli che smantellano i manifesti dei prolife.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano