{if 0 != 1 AND 0 != 7 AND 0 != 8 AND 'n' == 'n'} NEL NOME DI MINO

Storie

di Mario Adinolfi

NEL NOME DI MINO

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Dicemmo addio a Mino Martinazzoli dieci anni fa, il 4 settembre 2011, due mesi dopo sarebbe diventato ottantenne. Sono stato martinazzoliano, gli devo la nomina a “più giovane padre costituente” del Partito popolare italiano ricostituito nel 1993 e poi a presidente nazionale dei Giovani Popolari fino alla fine del Novecento. Quel che Mino ha significato per me è però nulla rispetto a quello che ha significato per tutti i cristiani impegnati in politica. Perché aveva capito tutto e ci annunciò quel che sarebbe accaduto con decenni di anticipo.

La summa del pensiero martinazzoliano è il discorso del febbraio 1989 a quello che nessuno avrebbe mai immaginato essere l’ultimo congresso della Democrazia Cristiana. Prendetevi mezz’ora di tempo e ascoltatelo tutto: è il discorso di uno sconfitto, parla da capo dell’area Zac (ex morotei) che ha appena perso la segreteria nazionale del partito, ceduta proprio a quel congresso da De Mita a Forlani. Eppure il catino del Palaeur acclama il suo nome, non lo fa cominciare a parlare, lui che è febbricitante e non ha davanti neanche un appunto. Seguiranno trenta minuti di analisi politica affilata come una lama, interamente a braccio e molto complessi, ma di una chiarezza che non ho mai più ascoltato. Sì perché c’ero, da giovanissimo dirigente del Mgdc, al Palaeur quel giorno. E capii la lezione fondamentale. Profetica allora, verissima oggi.

Ascoltatelo scandire queste decisive parole: “La storia politica è la storia di un’idea che si incarna, si confronta, combatte, è sconfitta, riprende: questa era la grande idea sturziana della libertà. Se non offriamo questo terreno allora davvero si perderà il grande giacimento morale, lungo gli schemi di un radicalismo di massa che insegue mode e movimenti quasi in una sindrome di Stoccolma. Si coglie qui la nostra grande questione: fare politica da parte di un cristiano assomiglia a un paradosso. Fare politica per un cristiano è insieme impossibile e doveroso. E’ sul crinale di questo paradosso che si svolge la nostra vita, se volete la nostra inquietudine. Sturzo l’ha insegnato una volta per tutte: la religione è universale, la politica è parziale, non vi è compromissione, chi sta in politica sceglie il dato della laicità. Ma questa è una condizione non è la positività di un contenuto e di una ispirazione. Oggi il nostro problema è capire come facciamo a fondare per noi rispetto a una laicità laicista quella che chiamerei una laicità cattolica. Questo in un tempo, quella della modernità, che non esige da parte nostra maledizioni o ostilità, ma piuttosto una lettura critica”.

Tutto chiaro? In sostanza: o da cristiani accettiamo la sfida laica della politica o vinceranno “gli schemi di un radicalismo di massa che insegue mode”. Esattamente quel che stiamo vivendo oggi. Io ho accettato di “vivere sul crinale del paradosso” per poter dire, con la frase di chiusura del discorso martinazzoliano del 1989, che “alla fine di questo nostro impegno non c’è una soddisfazione personale che valga l’idea di avere servito senza inganni e senza rimorsi, questa grandezza, questa ragionevole speranza, questa splendida intuizione che è una idea democratica e cristiana”.

I quindici minuti di applausi fragorosi e ininterrotti che seguirono il discorso, testimoniati dal video che potete vedere qui sotto, sono giunti fino a noi. Non solo perché nessun politico italiano mai più ha ricevuto un applauso così incredibilmente appassionato e lungo, cui peraltro Martinazzoli reagì infastidito andandosene dal Palaeur che lo acclamava “segretario, segretario”. Sono in realtà anche i nostri applausi. Se Martinazzoli fosse stato eletto segretario della Dc in quel congresso del 1989, la storia sarebbe stata diversa. Li aveva avvertiti nel discorso che il rischio era quello di sparire e, citando il suo amato don Primo Mazzolari, chiedeva ai democristiani incancreniti da decenni di governo di mettersi “un poco all’opposizione, all’opposizione di noi stessi: delle nostre grettezze e delle nostre paure, se vogliamo anche delle nostre ambizioni”. Il congresso elesse Forlani e fu il disastro. Chiamarono in fretta e furia Martinazzoli alla segreteria solo nel 1992, la Dc era ormai colpita a morte e Mino la sciolse facendo rinascere il Ppi di Sturzo e prese il 10% da solo alle elezioni del 1994, stando fuori dalle coalizioni. Oggi quel 10% sarebbe oro puro per contrastare la “laicità laicista” e dare forza decisiva a una “laicità cattolica”. Dedico la vita a dare caccia a quell’oro necessario. Me l’ha insegnato Mino Martinazzoli con la sua vita e in un discorso di oltre trenta anni fa. Aiutaci da lassù, ne abbiamo bisogno perché non ci siamo arresi.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

06/09/2021
0812/2022
Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Stupri di donne ed uomini lasciati soli

Come Mario Adinolfi ha recentemente sintetizzato spulciando i dati istat, in una classe di 25 ragazzi delle superiori statisticamente si trovano un consumatore abituale di cocaina, 2 consumatori di oppiacei o droghe sintetiche, 5 dediti alla cannabis e 7 soliti alle sbronze nei week end. Questi dati sono allarmanti e gravissimi e fotografano una realtà giovanile allo sfascio: un ragazzo annebbiato da droghe o alcool è facilmente coinvolgibile in risse, che poi finiscono sempre molto male, o può essere soggetto di violenze, se trascinato in gruppo, nonché mette a rischio la propria e altrui incolumità se si mette alla guida. Per non parlare dei danni diretti che fa alla propria salute.

Leggi tutto

Politica

Davvero fate firmare ancora gli impegni ai partiti?

Rivolgiamo un appello accorato al voto per il Popolo della Famiglia alle elezioni del 4 marzo 2018. Il tempo dell’ingenuità (speriamo sia solo quella) è finito. Se nel 2018 non si affermerà una forza politicamente con un consenso significativo sul tema della tutela reale dei diritti della famiglia naturale, della cultura della vita, della ripresa economica fondata su una forte ripresa della natalità incentivata dal reddito di maternità e dalla riforma fiscale del quoziente familiare, allora daremo mano libera per cinque anni a quei partiti che governano praticamente insieme dal 2011 avendo prodotto il disastro che è sotto gli occhi di tutti.

Leggi tutto

Politica

I prossimi impegni

Già da domenica prossima però sempre a Roma torneremo a trovarci insieme per festeggiare il secondo compleanno del Popolo della Famiglia, visto che l’11 marzo del 2016 siamo nati, l’organizzazione della serata è in mano al nostro coordinatore nazionale Nicola Di Matteo. Passati i festeggiamenti c’è però davvero da mettersi subito all’opera per i prossimi traguardi. Stasera con Lanfranco Lincetto si riunisce il coordinamento regionale del Friuli Venezia Giulia, visto che per il 29 aprile sono previste lì come nel Molise le elezioni regionali e saremo protagonisti, come già riferiscono i giornali locali odierni. A proposito di giornali locali, sul Corriere della Sera edizione Verona oggi Filippo Grigoliniingaggia una perfetta polemica con Elton John e incassa una paginata di spazio, ottimo viatico per le amministrative di maggio in Veneto: si voterà a Treviso e a Vicenza, ma anche in altri importanti comuni della regione.

Leggi tutto

Politica

L’Italia del Gattopardo

....io non avrei bocciato Savona, li avrei mandati a governare. Ma ci sono ragioni di altri che dicono che il presidente della Repubblica ha fatto bene. Altri ancora gridano all’alto tradimento e sono pronti a mettere in stato di accusa il Capo dello Stato “asservito ai poteri forti stranieri”. Lo hanno detto dai palchi della campagna elettorale per le amministrative Luigi Di Maio, Alessandro Di Battista e sorprendentemente Giorgia Meloni. Matteo Salvini più intelligentemente si è tenuto alla larga da questa inutile benzina lanciata intempestivamente sul fuoco e utilizzerà l’arma del possibile voto favorevole della Lega a una procedura di impeachment per ottenere dal Quirinale una data certa per le elezioni.

Leggi tutto

Politica

A Camaldoli per il bene comune

A Camaldoli per il bene comune e per la festa de La Croce Quotidiano

Leggi tutto

Media

Genesi e mission del nostro quotidiano raccontate dal suo direttore su #PdFTV

Ecco un’interessante intervista al fondatore de La Croce Quotidiano Mario Adinolfi per rubrica “Semi di speranza”, che va in onda il venerdì pomeriggio su Facebook canale PDFTV

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano